minimizza
Testi di Pisa
Tutti i testi | Testi della sezione | sezioni:

Gradi di S. Girolamo


Indice

1. Questi sono li capituli…

Questi sono li capituli dei XXX gradi de la celestiale schala che s [an] c [t] o Geronimo fece dei ii signori (et) ii regni. i De diricta fede et credenssa ii De speranssa iii De caritade iiii De patientia V De verace humilitade VI De buona simplicitade VII De lo p [er] dono che Dio disse i [n] del Va [n] g [e] lio VIII De compuctione VIIII De orassione X De confessione XI De penetensia XII De astinensia XIII Del tinore di Dio XIIII De verginità et castitade XV De verace humilitade XVI De misericordia XVII De dare la limosina XVIII De albergare li poveri XVIIII De padre (et) madre onorare XX De atenperare silensio XXI De bono [con] silo XXII De diricto iudicam [en] to XXIII De bono exemplo XXIIII De visitare li infermi XXV De andare a la Ecclesia XXVI De diricta offerta XXVII De la diecima XXVIII De sapientia XXVIIII De bona volontade XXX De perseverare in bene XXXI Dei due lati de la s [an] c [t] a scala XXXII De orasione de la fine de s [ancta] scala

2. Qui s'inchumi(n)ciano li XXX gradi…


[p. 1ra]
Qui s'inchumi [n] ciano li XXX gradi de la celestiale isschala Quie s'incominciano li trenta gradi de la celestiale scala che san Ieronimo fece de li due signori. Et de li due regni et de le due vie vi voglio dire un pogo. Uno signore lo quale e [st] signore di tucto et di tucti coloro che buona vita menano et che vita durabile promecteno et drala a noi se volemo credere et fare li suoi comandam [en] ti et di quello signore e [st] lo regno di cielo. Malave [n] turata e [st] quell'ani [m] a che di questo dolce regno è partito p [er] lo suo peccato et p [er] lo corto dilecto di questo seculo ché ad questo signore et a questo regno vàe homo p [er] una bella via et in quella via è posta una bella scala la quale è dirissata da terra fine al cielo. Et in quella scala si ave tre [n] tra gradi p [er] li quali homo vi sallia.

3. I DE DIRICTA FEDE (ET) CREDENSA

DE DIRICTA FEDE (ET) CREDENSA Lo p [ri] mo grado di questa scala si est diricta fede et fede si è credensa che noi dovemo avere (et) credere in del padre et in del filio et in del Spirito S [an] c [t] o ciò e [st] uno Dio. Et dovemoci guardare di ciò che Dio vieta et dovemo fare tucto et ciò che Dio coma [n] da. Ché lo n [ost] ro Sig [no] re Dio disse in del Va [n] gelio: "Se voi
[p. 2rb]
non mi crederete voi morrete in de li vostri peccati". Et S [an] c [t] o Agustino disse: "In due maniere crede l'omo in Dio cioè p [er] credensa et p [er] opra. Et in due manire lo rinega l'omo p [er] opra et p [er] credensa". Così come quelli che 'l rinegano che si parteno da Dio p [er] mala opra se tucto most [r] a ch'elli abia buona credensa sensa l'op [r] a né l'opra sensa la credensa. Ché ciò disse Dio in del Va [n] gelio: "Chi crederà et serà bategiato, sì serà salvo. Et quelli che no [n] crederà serà dannato". Et san Gregorio disse: "Ben tosto serà chi dirà io credo et sono bategiato, dunqua sono io salvo". Ben est vero, se la buona credensa s'aempie p [er] buona op [r] a. Et san Paulo disse: "Molti sono de li falsi cristiani che diceno che credeno in Dio p [er] paraulle et p [er] opra lo rinegano". Et san Iova [n] ni eva [n] gelista disse: "Chi dice che ama Dio (et) falsa li suoi coma [n] dam [en] ti mensoniere e [st] ". Et s [an] c [t] o Iacopo disse: "Credensa sensa l'opra mortale cosa e [st] ". Frati no [n] contate voi unqua che ciò sia vera credensa intra lo riccho e 'l povero fare difere [n] tia. Se due homini ve [n] nisseno et l'uno fusse riccho et l'altro povero, et lo riccho fusse ricchame [n] te vestito di ricche vestim [en] ta et avesse anello d'oro in del suo dito, et l'alt [r] o fusse povero (et) poveram [en] te fusse
[p. 2va]
vestito, voi direste a lo richo: "Viene qua a ssedere a. lato mio" et al povero direste: "Va' . sedere culà da piè mio". Non iudicate voi dunqua voi medesmo et no [n] siete dunqua vo' inver Dio? Non alesse Dio dunqua lo povero al suo povero, ché quelli ch'era riccho in fede sì lo fece herede del regno ch'elli promecte a li suoi amici? Et voi diçonorate lo povero et lo riccho honorate che tuctora intendeno in de li vostri mali. Et ladisceno Dio et voi frati voi dovete adimpiere la lege et amare lo v [ost] ro proximo [et] no [n] più lo riccho che 'l povero? Et così non faite voi peccato né trafallate la lege. Tale fole serà che dirà io abbo fede. Et se li vale neie [n] te puolo salvare chutale fede u credensa? No [n] che vedrà lo suo frate u la sua suore poveri et bisogniosi et chieranoli che faccia lor bene et elli dirà loro: "Andate sani" et no [n] drà loro di quello che farà loro misteri. Cotale fede e [st] morta in sei medesmo. O tu homo vano che cotale fede ài, mostrami la tua fede et io ti mostrerò la mia. Credi tu che uno Dio sia? Altresì fa lo diaule et sì lo teme fortem [en] te che li fa che magiore pena averà lo diaulle dal die de iudice in làe [che non àe]
[p. 2vb]
che non à aguale. Io trovo che molti ho [min] i sono salvi p [er] l'opre di fé sì chome Abraha [m] che volse lo suo filiuolo sacrificare p [er] l'amistà di Dio et quelli [ebbe] fede et opre et sì Rahal meret [r] ice che albergò lo messo di Dio et fu poi santificata [per] le suoie buone op [r] e. Che, sì come lo corpo è morto sensa lo spirito, così è morta la credensa sensa l'opra, ché Dio disse in del Va [n] gelo a s [an] c [t] o Tome: "Tu ad mei ài veduto et creduto et benave [n] turati sono quelli che mei no [n] vedrano et a mei credrano". Et san Gregorio disse: "Quella buona ve [n] tura viene p [ro] piam [en] te ad noi che unqua no [n] vedemmo et credemolo. Noi siano in questa buona ve [n] tura, se noi la buona crede [n] sa adempiamo p [er] buona op [r] a". Et san Sidro disse: "Li cristiani che no [n] fanno l'op [r] e che ap [er] tie [n] no a la fede, de la sua crede [n] sa no [n] viveno". Et s [an] c [t] o Sisto disse: "Chi ave la credensa di Dio sì si guardi di peccare". Et ciò disse Dio in del Vangelio: "Chi mi crederà secondo la scritura io li farò 'scire fiume d'acqua viva di ve [n] tre.

4. II DE SPERANSA

DE SPERANSA Lo seco [n] do grado si è spera [n] sa che noi dovemo sperare ciò ch'est hora et ciò ch'est ad venire, che tucto adverrà ciò che Dio disse. Sperare dovemo che di tucti li beni
[p. 3ra]
che noi diremo (et) faremo no re [n] drà Dio guilliardone se noi siamo veracem [en] te [con] fessi. Et ciò disse Dio i [n] del Vangelio: "Inanti fallerà lo cielo et la t [er] ra che unqua falli una lectera di ciò ch'è scricto in de la lege". Et David p [ro] feta disse: "Ponete m [en] te et vedete come e [st] soave lo n [ost] ro Signore, che beneve [n] turato è quelli che in lui crede et spera, che milliore sperare e [st] in del n [ost] ro Signore, che non è in de li p [r] i [n] cipi". Et s [an] c [t] o Agustino disse che le n [ost] re cupidesse carnali dovemo lassare et le n [ost] re possessione terrene dovemo aba [n] donare et dare a li poveri p [er] l'amistà di Dio, et poi dovemo sp [er] are p [er] ragione in del regno di cielo. Ché lo n [ost] ro Signore disse per boccha di Çechiel p [ro] feta che, qua [n] do lo diricto homo pecca, tucta la sua dirictura è deme [n] ticata dina [n] ti a Dio, et qua [n] do lo peccatore si conv [er] te p [er] verace [con] fessione et p [er] verace penete [n] sia, tucti li suoi peccati sono dime [n] ticati dina [n] si a Dio. Et s [an] c [t] o Agustino disse che di tali sono che qua [n] do elli odeno questa scriptura, sì vi credeno tanto forte et ta [n] to grande spera [n] sa v'ànno che alqua [n] te fiate vi muorno et no [n] sono levati de li loro peccati et muorno in quella folle spera [n] sa (et) sono così da [n] nati p [er] quella folle spera [n] sa come pe [r] disp [er] assione. Et san Gregorio disse:
[p. 3rb]
"Li felloni che no [n] temeno lo distrugim [en] to de la dirictura del n [ost] ro Signore invano sperano ad volere misericordia in Dio".

5. III DE CARITADE

DE CARITADE Lo terso grado di questa s [an] c [t] a scala e [st] charità, se [n] sa la quale homo no [n] puote essere salvo, che di ciò disse Dio in del Vangelio: "Magior carità no [n] può h [om] o fare che dare la sua anina p [er] l'amico suo". Et s [an] c [t] o Iova [n] ni va [n] gelista disse: "Chi e [st] a la susta [n] sia del mo [n] do et vede lo suo frate cristiano bisognoso e chiude li occhi del suo chuore et no [n] lo socorre, carità di Dio come p [er] mane i. llui?" Et san Iova [n] ni Batista disse: "Chi ave due gonnelle sì dia l'una a colui che no [n] d'àe et chi àe de la vidanda sì faccia lo simile". Et quelli che de le due gonelle no [n] vuole dare l'una fin a che 'nd'àe agio, come darebbe lo suo corpo p [er] lo suo amico quando elli e [st] in p [er] secussione? Signori tal carità dovemo avere che de le n [ost] re cose dovemo dare ai poveri p [er] l'amor di Dio et apresso p [er] noi medesmi, che lo n [ost] ro Signore Dio disse in del Vangelio che uno savio h [om] o de la lege si ve [n] ne al n [ost] ro Signore e sì lo dima [n] dò et disseli: "Messere qual est lo magiore coma [n] dame [n] to de la lege?" Et lo n [ost] ro Signore li rispuose et disse: "Tu amerai lo tuo Signore Dio di tucto lo tuo chuore
[p. 3va]
et di tucto lo tuo pensieri (et) di tucta l'anima et di tucta la tua vertude et questo e [st] lo magiore e 'l p [r] imo comandam [en] to. Lo seco [n] do coma [n] dame [n] to appresso sì è che tu amerai lo proximo tuo come te medesmo". Et s [an] Agustino disse: "Amare Dio sì est che h [om] o si guardi di ciò che Dio vieta et che h [om] o faccia tucto et ciò che Dio coma [n] da seco [n] do lo suo potere. Et amare lo proximo suo si e [st] che homo faccia al p [ro] ximo suo lo bene ch'elli vorrebe che altri facesse a llui et ch'elli no [n] li facesse quel male che no [n] vorebbe che alt [r] i facesse a llui". E san Gregorio disse: "Quelli non ama unqua lo suo proximo come sei medesmo, che de le cose ch'elli ave no [n] li dà parte qua [n] do lo vede bisognoso". Che Dio disse in del Va [n] gelio: "A colui che none averà serà tolto, et a colui che averà serà dato". Et san Gregorio disse: "A colui che averà sì verrano li secte doni de lo Spirito Santo in lui". Verace carità e [st] che à d'amare h [om] o lo suo amico in Dio et lo suo nimico p [er] l'amore di Dio. Et chi cotale carità non à, tucto lo bene ch'elli fa si p [er] de. Et san Piero disse: "Carità e [st] sodisfacim [en] to de le moltitudine de li peccati, però che neuna magior vertude est di carità". Sì come disse san Iova [n] ni evangelista: "Dio è carità et chi mane in carità sì mane in Dio et Di' in lui et in
[p. 3vb]
ciò apparve la carità di Dio in noi, qua [n] do elli diede l'anima sua p [er] noi. Et p [er] cotale assemplo dovemo dare noi lo n [ost] ro corpo p [er] lo n [ost] ri frati. Verace cosa è che carità no [n] ave timore, et chi teme no [n] e [st] p [er] fecto in carità, ché p [er] fecta carità gitta fuore temore. Carità è veramente in colui che li comandam [en] ti di Dio guarda. Non volliate amare lo mondo né le chose che sono al mondo, che quelli che ama lo mondo et le chose del mondo, la carità non è in lui, che tucto (et) ciò che est al mondo è chupidisia d'ochi et orgollio di vita, p [er] ò che non è di Dio anti est del mondo che lo mondo trapassa et tucta la sua cupidisia. Carità si est che homo guardi li comandame [n] ti di Dio et che li suoi coma [n] damenti no [n] sieno ancho gravi. Et chi guarda li comandam [en] ti di Dio si mane in Dio, quelli che no [n] ama lo suo p [ro] ximo si mane in morte. Et san Paullo disse: "Se io parlasse ad lingua d'angelo che ave lingua d'omo et no [n] avesse carità, sì serei come la campana che si bacte. Et se io avesse tucta la sciensa et tucta la sapiensa de li homini et tucte le profesie et avesse tanto grande fede che tucto uno monte facesse giungre con l'altro et no [n] avesse carità, nulla si no [n] mi varrebbe. Et se
[p. 4ra]
io desse tucte le mie possesione in [con] ducto ai poveri, et ancho desse lo corpo mio ad ard [er] e et no [n] avesse carità, nulla mi varrebbe". Che la carità p [er] fecta e [st] buona et non è invidia, et non è propio [et non è] et non è cupidosa, no [n] chiere ciò ch'est suo et neuno homo no [n] schernisce, no [n] pensa male, non à unqua letisia di fellonia, mai à le letisie di verità, et tucte cose sofferra, tucte cose crede, tucte cose spera et tucte cose tiene. Carità no [n] cadrà unq [u] a. Tre cose sono: fede, speransa et carità, ma carità è la magiore che sia, in de l'amore del p [ro] ximo e [st] adimpieta la lege. Et s [an] c [t] o Agustino disse: "Piangere, veghiar chastità, da [r] e limosina, martidio ricevere; no [n] può essere salvo se carità non à h [om] o in sei". Che chi ave carità si dà buono [con] sillio ad salute dell'anima et tu che ami Dio p [re] dica et instende carità p [er] lo mondo, p [er] ò che grande guadagno e [st] a dire la paraulla di Dio et p [er] duto e [st] chi la tace. Et in un altro luogo dice che al mo [n] do non à sì riccho h [om] o che, s'elli non à charità, ch'elli no [n] sia povero; et s'elli ave carità che no [n] sia riccho. Che sichome lo corpo e [st] morto chusì e [st] l'omo che no [n] àe carità in sé. Et in un alt [r] o luogo disse: "Là u' è carità nulla li falla et là u' non è carità no [n] v'à nulla, p [er] ò che in qualu [n] qua luogo è carità tucte l'alt [r] e v [ir] tude tragge ad sei". Et s [an] c [t] o Agustino disse: "Quelli che verace carità vuole avere, travallisi d'amare tucti li
[p. 4rb]
omini comunam [en] te come sei medesmo p [er] ò ch'elli sono menbri di [Christ] o lo quale e [st] lor capo". Et in un altro luogo disse s [an] Agustino: "Charità adgiu [n] ge noi che siamo in terra ad Dio che e [st] in cielo, che [Christ] o è n [ost] ro capo et noi siamo suoi menbra se noi facciamo li suoi coma [n] dam [en] ti". Et in un altro luogo disse san Ieronimo che la lu [n] ga terra no [n] diparte et no [n] disciovera coloro che sono agiunti p [er] l'amor di Dio ché tucti li homini sono frati seco [n] do lo p [ri] mo padre et tucti li cristiani sono frati in [Christ] o p [er] baptismo (et) quelli che si parte da carità da Dio si parte et dal suo regno et quelli che cessa carità di sopra sei cessa Dio. Et s [an] c [t] o Ambrosio disse: "Quelli ama lo suo p [ro] ximo come sei medesmo che no [n] l'ama p [er] nessuno bene che elli unqua li abbia facto né che n'aspecti d'avere. Ma tanto solam [en] te lo fa p [er] ò che e [st] h [om] o d'una natura com'elli". Et san Gregorio disse che una maniera puote homo bene sprovare carità, se parim [en] te ama h [om] o colui che suo nim [i] co e [st] . Sì come molti rami essceno de la radice dell'albore, in cotale maniera sono gennerate l'altre vertude di carità. La radice di buona opra no [n] può unqua bene verdicare se non è posta in de la radice di carità. Quelli àe verace carità che lo suo amico ama in Dio et lo suo nimico p [er] l'amor di Dio. Faite bene alli omini quello che voi voreste ch'elli facesseno a voi, et non faite lo male che voi no [n]
[p. 4va]
vorreste ch'elli facesseno a voi et così arete adinpieta la lege de li p [ro] feta. Et in un altro luogo disse s [an] c [t] o Gregorio: "Li comandam [en] ti del n [ost] ro Signore sono in molte maniere. Et che dunqua può essere che dina [n] ti a tucti li altri comandam [en] ti qua [n] do elli disse: "Questo e [st] lo mio coma [n] dam [en] to che io vo do, che voi v'amiate intra voi sì chome io v'abo amati". Acciò potete vedere che tucti li comandam [en] ti di Dio sono solam [en] te in amistà et tucti li altri comandam [en] ti sono uno comandam [en] to et tucto ciò che la s [an] c [t] a scrittura dice (et) coma [n] da è solam [en] te (et) in carità et in amistà. Et ciò no' mostrò lo n [ost] ro Signore p [er] molte scripture qua [n] do elli disse che homo amasse lo suo amico in Dio et lo suo nimico p [er] l'amore di Dio. Ché fin a che noi amiamo le terrene chose sì p [er] diamo la verace amistà. Tucti li homini che le n [ost] re cose no tolleno, n [ost] ri nimici sono et se p [er] ciò volemo lo male sì p [er] diamo la verace carità, ché lo diaule no [n] può homo vi [n] cere p [er] altro che p [er] amare h [om] o lo suo nimico. Et ciò disse s [a] n Gregorio in un altro luogo: "Quelli che di tucto lo suo coraggio disidra Dio, sensa fallo àe in sei ciò che disidera. Che Dio no [n] può homo amare s'elli non à in sei lo sprovam [en] to de l'amistà di Dio, cioè la p [er] fessio [n] e de la buona opra". Sì come disse
[p. 4vb]
san Iova [n] ni eva [n] gelista: "chi ama Dio et no [n] tiene li suoi coma [n] dam [en] ti me [n] sioniere e [st] , ma quelli ama veracemente Dio che fa li suoi coma [n] dam [en] ti et quelli che male desiderio ave in sei, Dio no [n] ama", ché lo n [ost] ro Signore Dio disse in del Va [n] gelio: "Quelli che mei ama si guarda la mia paraula, et lo mio padre lui ama et io, et lo mio padre (et) io verremo in lui et faremovi dimora [n] sa". E san Gregorio disse: "Quelli che ave orgollio u avarisia u luxuria sì chiude l'uscio del suo chuore et no [n] vi lassa Dio intrare, ma quelli che ama Dio veracem [en] te et fa li suoi comandam [en] ti, Dio viene in lui et favi dimoransa et in cotal maniera lo allumina l'amo [r] e del S [an] c [t] o Spirito, che neuna te [n] porale te [n] tassione no [n] li può mal fare, né tornare arrieto, ch'elli puote stare intra sensa offensione se Dio et lo p [ro] ximo ama veracem [en] te; che Dio no [n] può h [om] o amare veracem [en] te se [n] sa l'amore né 'l p [ro] ximo sensa l'amore di Dio. Ma quelli che ama le chose tenporali ch'elli vede no [n] puote amare le chose spiritali che no [n] vede. Et Iehu filiuo di Sirac disse: "Quelli che ama Dio sì lo prega p [er] li suoi peccati [et] di peccare s'atiene et dunqua e [st] Dio apparecchiato a udire li suoi preghi. E san Basilio disse "L'anima di ciaschuno intanto come
[p. 5ra]
interam [en] te ave amare lo p [ro] ximo suo si arà più altam [en] te conuoscere la vertude di Dio, ché lo corpo suo è posto in gra [n] de patie [n] sia chi ama lo suo frate di buona fede. Ma quelli che vuole male al suo frate, si è posto in gra [n] de te [m] pestade. Et p [er] ò ama Dio di tucto lo tuo pensieri, acciò che tu li piacci in tucte le tuoi opre et in tucti li tuoi facti, che Dio no [n] vuole che tue l'ami tanto solam [en] te p [er] paraulle, mai vuole essere amato puram [en] te et p [er] vive opre. Et p [er] ò dovemo amare Dio sopra tucte le cose, p [er] ò ch'elli fece noi e li n [ost] ri padri, e dovemo credere che tucte li beni che noi facemo ciasscuno die da lui no' viene et da li suoi buoni facti sono. Più dovemo noi amare Dio che lo padre u che la madre, p [er] ò ch'elli no [n] ci puono dare ciò che Dio ci dà. Lo tuo p [ro] ximo dei amare [et] tenere caro chome uno de li tuoi menbri. Vera cosa [est] che gra [n] de bene no' fa Dio che nulla vuole avere da' suoi che tanto solam [en] te noi l'amiamo et vuole che noi guardiamo lo n [ost] ro corpo come sua magione p [er] ch'elli aiuti noi (et) noi p [er] maniamo co. llui. Che di ciò disse san Sidro: "L'amore del n [ost] ro Signore puote h [om] o similliare a la morte seco [n] do lo dicto di Selamone che disse: "L'amore di Dio è come morte" ché in tale maniera, come la morte diparte l'anima dal corpo,
[p. 5rb]
così diparte l'amore di Dio lo h [om] o da le terrene cose. Che quelli no [n] ama unqua Dio che li suoi [com] ma [n] dam [en] ti disp [re] gia. Ché infin che noi desideriamo alchuna cosa te [n] porale sì no' cessiamo da la verace amistà. Et in tanto come noi amiamo lo n [ost] ro p [ro] ximo sì pensiamo in de li n [ost] ri beni". Et san Cipriano disse: "Dio e [st] amistà (et) chi mane in amistà in Dio mane et Dio co. llui". Et quelli che d'uno coraggio no [n] vuole essere in Dio no [n] può essere né manere. Et san Chime [n] to disse: "Grande follia è di nulla cosa amare più che Dio che in del pensieri là u' no [n] è la memoria di Dio si è luogo di diaulle". Et s [an] c [t] o Eufoem disse: "Lo coragio di colui non è unqua in terra chi Dio ama. Ma tuctavia desidera et ama le celestiali cose che di quella e [st] radolcato lo suo coraggio da cielo e [st] alluminato. Da cielo è sifacto che di quella dolce fontana li viene tucte le suoie letisie. Et ciò disse Albuino che molto e [st] be [n] ave [n] turato chi sei medesmo salva a la via di Dio ma molto è più benave [n] turato quelli che li altri desidera che si salvino con secho. E di tucte v [i] rtude ti vollio p [re] gare che tu debbi avere, ma sopra tucte l'altre ti p [re] go che tu volli avere carità. Et ciò disse s [an] Agustino, che Dio noi ama p [er] ché noi regniamo in cielo
[p. 5va]
con lui et p [er] cotale guisa dovemo noi amare lui, ch'elli regni in cielo con noi. Et du [n] qua è partito lo n [ost] ro amore da l'amor del seculo. Quelli che sei amano secondo lo seculo no [n] s'amano unqua, ma quelli che sei amano veracemente in ta [n] to come più s'amano in Dio, et più tienno li suoi coma [n] dam [en] ti, et in ta [n] to come meno s'amano (et) meno la tienno.

6. IIII DE PATIENTIA

DE PATIENTIA Lo quarto grado di q [ue] sta s [an] c [t] a scala si è patiensia, che di ciò disse Dio in del Va [n] g [e] lio, che b [e] nave [n] turati sono quelli che sono pacifichi ch'elli sono chiamati filliuoli di Dio. Et san Ieronimo disse: "Di quella pace intendete" di ch'elli no disse in un altro luogo: "La mia pace vo lasso et la mia pace vo do". Et quella pace àno quelli che li peccati de le loro carni àno abandonati et no [n] puono essere torbati p [er] male che h [om] o faccia loro, mai si travalliano tuctora di menare li altri al n [ost] ro Signore ta [n] to qua [n] to puonno ad salute de le loro anime, sì come disse David: "Sere, gra [n] de pace àno quelli che amano la tua lege ché quelli che quella pace àno sì sono filliuoli di Dio". Queste v [ir] tude fanno quelli ho [min] i b [e] nave [n] turati, che lo n [ost] ro Signore Dio disse in del Va [n] g [e] lio che benave [n] turati sono quelli che sofferra [n] no p [er] secusione p [er] dirictura, p [er] ò che di coloro e [st] lo regno di cielo. Et in un altro
[p. 5vb]
luogo no disse lo n [ost] ro Signore in del Va [n] g [e] lio: "In v [ost] ra patie [n] sia portate le v [ost] re a [n] i [m] e". Et s [an] Paulo disse: "Signori, mistier ci fa d'avere patiensia, ché quelli che patiensia ave in sé si fa la volo [n] tà di Dio, et quelli che in patiensia sofferà lo bactime [n] to e le p [er] secutione dai mali homini (et) renderande grande gratia a Dio humilme [n] te, Dio li p [er] dorrà li suoi peccati". Et s [an] Iacopo disse: "Beneave [n] turato e [st] l'omo che sofferà le tentassione, ché q [ua] ndo elli serà p [ro] vato riceverrà la corona di cielo la quale Dio p [ro] mette a li suoi amici". Et s [an] Piero disse: " [Christ] o sofferse passione p [er] noi et mostròno p [er] exemplo che noi seguitiamo le suoi vie". Elli no [n] fé unqua peccato, bugiardo no [n] fu et bugia no [n] fu unqua trovata in lui, né di sua boccha no [n] 'scitte. Chi lo biastimò, elli unq [u] a no [n] biastimò lui, chi lo bactea elli no [n] lo minacciò unqua, mai s'abandonava a coloro che lo giudicavano ad morte. Et David disse che lo povero no [n] e [st] deme [n] ticato a la fine, né la patiensia del povero non arà perire a la fine. Et Salamo [n] disse che magior forsa face chi vince lo suo coraggo che quelli che prende le forte citadi. Ad patie [n] sia è cognosciuta la sapientia dell'omo, ché la forte podestà vince h [om] o ad sapientia. Et san Paullo disse che li martidi di questo seculo no [n] sono degni a la gl [ori] a che li amici di Dio ara [n] no in cielo. Et s [an] c [t] o Agustino disse: "Quale
[p. 6ra]
e [st] la gloria ch'elli aranno, cioè sera [n] no pari a li angeli et vedranno Dio". Or si fornischa dunqua lo mo [n] do, et no [n] dica tucto lo male ch'elli potrà (con) lingua. Noi dovemo abandonare tucto ciò che est ad dilecto in questo seculo p [er] l'amore di Dio, che cigula chosa e [st] ad abandonare li n [ost] ri dilecti di questo seculo verso che grande cosa e [st] ad abandonare ciò che noi spaventa. Lo n [ost] ro Signore no coma [n] da che noi amiamo li n [ost] ri nimici, et "faite bene a coloro che voi aiutano". Et s [an] c [t] o Agustino disse: "Acciò no mostra lo n [ost] ro Signore, che qua [n] do pegio no fanno li nostri nimici, et noi più li dovemo amare, ché p [er] chotale amore potemo avere vita durabile. Che se lo malo homo ti vuole mal fare, anti ch'elli t'abbia facto lo male sei medesmo ave inaverato de [n] tro dal suo corpo. Se lo malo h [om] o ti tolle lo tuo avere, chi fa magior p [er] dita, u tu che p [er] di lo tuo avere, u quelli che perde l'anima sua? Quelli che vedeno choli suoi occhi del chuore cognosceno b [e] n [e] quale e [st] lo da [n] nam [en] to dell'anima. Di tali sono che àno li occhi a co [n] noscere l'oro et l'arie [n] to, ma elli non àno unqua li occhi da conoscere le da [n] nam [en] to dell'anima. Prende assenplo del male che Dio patitte p [er] te, ché già tanto del male no [n] sofferai p [er] l'amor di Dio, che Dio più no [n] de sofferisse p [er] tei. Sappia b [e] n [e] lo diricto homo che tucto lo male ch'elli sofferrà
[p. 6rb]
p [er] l'amor di Dio. Et non cointare tu unqua che lo tuo nimico abbia podere di tei malfare mai che tanto qua [n] to Dio lo sofferà. Non si orgolli unqua lo malo h [om] o in de le sue malitie che di lui ave facto Dio v [er] ga p [er] li suoi filiuoli bactere. Che ciò disse Dio in del Va [n] gelio: "Lo mo [n] do vo si airerà". Et s [an] Agustino disse: "No [n] lo disse pur solam [en] te p [er] li suoi apostoli, mai lo disse p [er] tucti li suoi corpi (et) p [er] tucte le suoi menbra che sono a venire di qui a la fine del mondo". Non tenete pur solame [n] te p [er] vostri nimici chi vo vuole male ap [er] tam [en] te, ma se voi volete essere menbro del corpo di [Christ] o tucti quelli che amano lo mo [n] do abbiate p [er] nimici, che p [er] ò sono elli riei, ch'elli amano lo mo [n] do. Et quelli che ti riprende de le tuoi buone opre no [n] ti discresce unqua lo tuo guilliardone, mai ti lo cresce (et) factilo più ampio, et tu p [er] lui et p [re] ga che lo tuo guilliardone no [n] muoia. Come pensi tu tenere li comandam [en] ti di Dio se tu no [n] ami lo tuo nimico? Ché Dio disse in del Va [n] gelio et comandòe: "Ama te li vostri nimici", et acciò potete sapere ch'è grande mistieri li riei int [r] a li buoni, ché tucti siemo in una fornace che lo male isprova lo bene, sì come si sprova l'oro in de la fornace. Lo buno homo e [st] l'oro, et lo mal omo si è la pallia. Et se tu diventi pallia col malo h [om] o amburo arderete al fuocho (et) farete
[p. 6va]
fu [m] mo, ché ciò disse Dio il del Va [n] gelio: "Se voi fuste del mo [n] do, lo mo [n] do v'amerebbe chome le suoi cose e p [er] ciò che voi no [n] siete del mo [n] do, lo mondo v'airerà". Et s [an] c [t] o Agustino disse: "Quelli no [n] vuole essere me [n] bro di [Christ] o, che no [n] vuole sofferire ciò che [Christ] o soffericte p [er] noi. Et chi no [n] vuole l'airam [en] to del mo [n] do, sì chome Dio soffericte, no [n] serà là u' Dio e [st] ". Et san Ieronimo disse: "Verace patiensia e [st] che homo debbia sofferire in del suo lo male che altri li fàe, et che homo no [n] voglia male a cholui che male li fae". Chi ti fa male no [n] ti corruciare unqua, ma dei avere dolore no [n] unqua p [er] tei che sofferi lo male, ma p [er] colui che ti lo fae, p [er] ò che Dio s'aira inver lui. Et quelli che lo male sofferà intra li [Christ] iani p [er] l'amore di Dio non è unqua cattivo, ma quelli est chattivo che ti lo fae. Et s [an] c [t] o Anbrosio disse che tre sapie [n] tie sono: la p [ri] ma si è che in patientia de' homo sofferire lo bactim [en] to che Dio sofferì d'avere in questo seculo. La seconda e [st] che homo de' avere patie [n] tia in dei mali che no fanno li n [ost] ri p [ro] ximi. La tersa si e [st] de le tentassione del diaule. Et s [an] Gregorio disse: "Sensa ferro (et) sensa fuocho puote essere martidio se noi veracem [en] te guardiamo patiensia in del n [ost] ro coragio". Et san Basilio disse:
[p. 6vb]
"L'omo ch'è passibile arà co [n] pagnia de li ang [e] li, et quelli ch'est invidioso si è parsona vile in del diaule et chi in patie [n] sia sofferrà li mali di q [ue] sto seculo, si serà coronato in del regno di Dio ché pace chaccia disscordia, et invidia la nodrisce. Et homo ch'è passibile sì ave coragio securo et sensa tucto timore, ma lo invidioso tuctora e [st] in t [r] ibulassione. Effecto vuoli avere in patie [n] sia? Sì ti travallia di siguire li choma [n] dam [en] ti di Dio. Et s [an] c [t] o Sidro disse che bene de' h [om] o sofferire la pena di questa vita che e [st] molto corta. La fellonia del mal omo no [n] ucide unqua mai t'insegna come tue dei servire a Dio in patie [n] tia da che ti difendi. Et tuctavia se' più apparecchiato al male sofferire che mal fare. Tanto e [st] forte la patie [n] sia di Dio, che vi [n] ce tucti li orgoliosi et tucte le malitie de li malvagi homini traitori. Chi ti dirà male, para lo scudo de la sapie [n] sia. Grande v [ir] tude e [st] se tu no [n] fai male a colui che ti fa male. Grande gl [ori] a e [st] se tu no [n] nuoci a colui cui tu puoi nocere. Et san Cip [ri] ano disse che Dio coma [n] da che li passibili (et) quelli che àno acordia avitino in de la sua pace. Sicome tucti avemo uno spirito, così dovemo avere uno coragio et uno senno in Dio, ché lo filiuolo di pace si de' dima [n] dare pace, ché de la passione et del dolore che noi
[p. 7ra]
sofferiamo in questo seculo no [n] aremo noi unqua corona se noi no [n] la riceviamo in patiensia. Patientia guardar lo bene et cessa' lo male, et quelli che e [st] dolce et soave si seguita Dio n [ost] ro padre. Et Iesus disse: "L'omo che ave verace patiensia in sei no [n] teme li p [re] sentali mali". Et san Sidero disse che lo buono homo sì si de' allegrare in de la sua pena et in de li suoi travagli, ché p [er] la pena (et) p [er] lo travallio ch'elli sofferà in questo seculo arà vita durabile. Et lo malo h [om] o de' piangere in de li suoi dilecti, ché p [er] lo dilecto (et) p [er] lo bene che elli ave in questo seculo arà elli pena durabile. Et san Benedecto disse che a lo comi [n] ciam [en] to del dilecto e [st] posta la morte. Et san Gregorio disse: "Seco [n] do la voce di Dio vo' dicho che quelli che in patie [n] sia sofferà le p [er] cussione in questo seculo p [er] l'amistà di Dio elli serà messo in durabile riposo. Così è dell'uva che chom'ella è più p [re] muta [et] più rende vino, et chusì de l'uliva che com'ella e [st] più premuta, dall'uva parte va la morca et dall'altro rimane l'olio chiaro. Et cusì è del grano, che chome elli est più bactuto e messo al vento, da l'una parte va la pallia et dall'altra parte va lo grano, et qua [n] do lo grano e [st] mo [n] dato [et] purgato e elli è messo in del granaio.
[p. 7rb]
Et quelli che primiraname [n] te vuole vincere li visii de la sua ca [r] ne apparecchi di ricevere in patie [n] tia le p [er] cussione de li mali homini p [er] ò ch'elli ve [n] gna più spurgato al iudicame [n] to. Et san Piero disse: " Quelli che in patie [n] sia sofferà le p [er] cussio [n] e di q [ue] sto seculo si arà [con] quistare la gratia di Dio"

7. V DE LA VERACE HUMILITADE

DE LA VERACE HUMILITADE Lo q [ui] nto grado di q [ue] sta s [an] c [t] a scala si è verace humiltà, ché ciò disse Dio in del Va [n] gelio: " Appre [n] dete da mei come io sono humile et soave et troverete riposo durabile a le vostre a [n] i [m] e. Lo mio giovo e [st] soave, et lo mio fascio è lieve (et) leggiere". Et in un altro luogo disse Dio in del Vangelio: "Chi sei exalta si serà humiliato, et chi se humilia si serà exaltato, che quelli che vorrà essere magiore si serà minore [et] servente delli altri". Et san Piero disse che lo servo di Dio no [n] de' te [n] cionare con li altri, anti de' essere buono [et] humile (et) soffere [n] te a tucti. Et Isaia p [ro] feta disse: " Cui riguarderò io mai che lo povero disperato et lo passibile e ll'umile, che colui tiene li miei paraulle?" Et Salamon disse che la ragione di colui ch'è in humilità trapassa lo cielo (et) Dio la riceve. Et in del Magnificat
[p. 7va]
Anima Mea D [omi] n [u] m dice che li pote [n] ti serano disposti de la loro sedie e lli umili serano exaltati. Et Salamon disse che quine 've e [st] orgollio sì v'è bigia e quine u' è humilità sì v'è sapientia. Et Iesu filiuolo di Sirac disse: "In tanto chome tu serai piùe grande, in tanto t'ahumilia in tucti li tuoi facti, et dunqua troverai tu inver Dio gratia, che Dio e [st] honoratore delli umili". Et Orrigine disse: "Se l'umile no [n] e [st] passibile, la gr [ati] a del S [an] c [t] o Spirito no [n] si puote riposare in lui". Et s [an] c [t] o Agustino disse che Dio humiliò sei, et p [er] ò de' avere vergogna l'omo che sei orgolia. L'omo orgollioso si fa la sua voluntà, et l'omo humile si fa la volontà di Dio, ma quelli fa grande orgollio che si rive [n] dicha di colui che male li fae. Ché quelli che male riceve si vuole rive [n] dicare come se l'altrui male li facesse bene, ch'elli pensa trovare medicina ed elli co [n] quista pena (et) travallio al suo uuopo. Che in tucte mainiere fu Dio humile et mostrò assemplo che noi lo seguitassemo p [er] humiltà. Et san Ieronimo disse che a l'altessa di vertute no [n] viene homo p [er] pote [n] sia, mai p [er] humiltà. Et san Gregorio disse che lo corpo che chiere la gloria di questo seculo si rifiuta humiltà. Et quelli che vertude amassa sensa humiltà si fa come colui che po [r] ta
[p. 7vb]
la polvere inna [n] ti ai suoi occhi inco [n] tra lo ve [n] to. In ta [n] to come l'omo no loda p [er] più alto, in tanto no tiene Dio p [er] più basso. Et in ta [n] to come noi no teniamo più vili, ta [n] to no innora più Dio. Siate fondati in humiltà che se tu t'ahumilii, tu serai exaltato. No [n] ti mectere dena [n] ti ad alchun omo, che inta [n] to chome tu più humile serai, tanto seguiterai magior gloria. Discende p [er] ché tue possi mo [n] tare, ché quelli che sé medesmo tiene a vile si è gra [n] de dena [n] si a Dio. Et quelli che a ssei medesmo no [n] piace, si piace tucto al n [ost] ro Signore. Et p [er] ò abbi vergongna qua [n] do ti ricorderai de li tuo' peccati, che in terra se' (et) in terra dei tornare. In ta [n] to come tu serai posto in magior dignità, in tanto abbi più in te humiltà. Et san Cesario disse che unqua no [n] può essere che verace hubide [n] sa, né verace humiltà possa essere sensa carità, né unqua no [n] fu né no [n] è. Che sì chome lo fuocho no [n] puot'essere sensa lo calore u sensa splendore, così no [n] puote essere verace hubide [n] sa sensa humilità. Et san Blasio disse: "L'omo humile p [er] ch'elli sia vilme [n] te vestito si e [st] molto glorioso in vertude, et l'omo ch'è orgollioso si è bello dentro et fuore, et e [st] vile in tucte suoi opere". Et in Vita Patruu [m] dice: " Qua [n] to l'omo si travallia in questo seculo
[p. 8ra]
vanità e [st] se umilità non ave in sei, che l'omo humile no [n] s'aira, né altrui no [n] fa airare. Verace humilità e [st] che homo p [er] doni al suo frate lo male che ha facto.

8. VI DE BUONA SINPLICITADE

DE BUONA SINPLICITADE Lo sexto grado di questa s [an] c [t] a scala si è buona simplicità, che ciò disse Dio in del Va [n] gelio, che lo buon omo del suo buono tesauro mecte fuore lo bene, et lo malo h [om] o del suo mal tesauro mecte fuore lo male. Che di tucte le paraulle otiose che dirano li omini re [n] dera [n] no ragio [n] e al die iudicio u' p [er] tua paraulla serai da [n] nato. Et in un altro luogo disse Dio in del Va [n] gelio: " Siate simplici come colonba ", ché la colonba si ave nove vertude, ch'ella si murmura et sciolge lo più bel grano et vola al fiume et fa lo suo nido in su la pietra et fa due colonbi et nodrisceli ad altrui et si si baciano et non à fele et fiere col beccho. Ciò ch'ella si murmura si significa penete [n] sia. Ciò ch'ella pre [n] de lo piùe bello grano si significa che noi dovemo le paraulle del Vangelio ritenere in del n [ost] ro coragio (et) mectere in opra. Ciò ch'ella vola al fiume si è che homo dica a le ge [n] ti la paraula di Dio, sì chome Dio disse in del Va [n] gelio: " Andate ad insegniare ciò ch'io vo dico". Ciò che la colonba fa lo nido i [n] su la pietra significa ciò che Dio disse in del Va [n] gelio: "Quelli che ode li miei
[p. 8rb]
coma [n] dame [n] ti (et) faceli si simillia all'omo savio che edifica la sua casa sopra la ferma pietra, che no [n] teme le piove, né l'acque, né 'l vento". Ciò ch'ell'àe due colonbi significa l'amore di Dio et l'amore del p [ro] ximo che ciascuno de' avere. Ciò ch'ella nodrisce li filiuoli ed altrui si significa chome de' altri insegnare la paraulla di Dio, ché quelli sono altrui che sono partiti da Dio p [er] li loro peccati, sì come Dio disse in del Va [n] gelio: "chi non è mecho contra me est". Ciò che la colunba si bacia si significa pace che homo de' fare et mectere in pace coloro che sono in discordia. Ciò che non à fele si significa che omo non de' avere ira né malavoglie [n] ça, ché Dio disse in del Vangelio: "Chi s'aira col suo frate incolpato e [st] al die iudice". Ciò ch'ella fiere col beccho si significa ciò che disse san Ieronimo del p [re] dicatore che de' casticare lo suo frate p [er] amore come elli si lame [n] tasse a llui, et dunqua e [st] come la colonba che fiere del beccho. Quelli che queste nove vertude ave in sei (et) p [er] severa si serà [con] pagno de li nove ordine de li angeli che sono in cielo, sicome Dio disse in del Va [n] gelio a li suoi amici: " Voi serete filiuoli di Dio et pari de li angeli".

9. VII DE LO PERDONO CHE DIO DISSE IN EVA(N)G(E)L(I)O

DE LO PERDONO CHE DIO DISSE IN EVA [N] G [E] L [I] O Lo septimo grado di q [ue] sta s [an] c [t] a scala si e [st] perdono, di che Dio disse in del va [n] gelio che se voi p [er] donate a li
[p. 8va]
homini lo cigulo peccato che àno di voi, lo n [ost] ro padre che in cielo e [st] vo p [er] donerà lo vostro gra [n] de. Et se voi no [n] p [er] donate a li omini lo cingulo peccato ch'elli àno di voi, lo vostro padre che in cielo e [st] no [n] vo p [er] donerà lo v [ost] ro. Sì come dice in del Pat [er] N [oste] r perdona a noi sì come noi p [er] doniamo a li n [ost] ri debitori. Et san Paulo disse che se l'un omo si corruccia co [n] l'altro sì li p [er] doni, et chi vo farà male no [n] li faite voi unqua male, ma siate apparecchiati di p [er] donare. Et san Piero disse: "No [n] re [n] dere male p [er] male, né mal dire p [er] mal dire, mai chi vo dirà male, [et] voi li dite bene". Et Salamo [n] disse: "Se li vost [r] i p [ro] ximi vo fanno male p [er] donate loro et Dio du [n] qua vo diliberà de li vostri peccati". Et s [an] Agustino disse: "Di buono cuore p [er] donate a tucti coloro che vo fanno male, ché cotale p [er] dono troverrà ciaschuno inver Dio chom'elli farà a li alt [r] i omini", ché neuna spera [n] sa puote h [om] o avere de la salute de l'anima, chi no [n] p [er] dona alli alt [r] i lo peccato ch'àno di lui. Né io no [n] vegio né no [n] so come io lo possa p [ro] mectere ciò che Dio no [n] li p [ro] mecte. Io no [n] serei unqua donatore de la paraulla di Dio, mai serei donatore de la paraula del serpe [n] te, che lo s [er] pe [n] te p [ro] mectea al p [r] imo homo qua [n] do elli pecchò, et lo n [ost] ro Signore lo minaciò, et quello li fue di lungi che 'l serpe [n] te
[p. 8vb]
li p [ro] mise. E san Ieronimo disse: "Se voi no [n] p [er] donate a li homini lo cigulo peccato c'anno di voi, Dio no [n] vo p [er] donerà lo vostro gra [n] de, (et) quello medesmo che voi cointrete che vo sia p [er] donato p [er] penete [n] sia vo dima [n] derà Dio sì chome fece a colui che no [n] volse p [er] donare li ce [n] to denari a colui cu' elli avea p [er] donato diece milia biza [n] ti" Ché ciò disse S [an] c [t] o Matheo in del Va [n] gelio: "Così pre [n] da a tucti quelli che no [n] p [er] donano a ccoloro che male àno loro facto". Che ciò disse s [an] Grigorio: "Quelli può sigurame [n] te chierere p [er] dono de li suoi peccati, che inp [r] ima ave p [er] donato a ccoloro che in loro ànno peccato". Et san Sidro disse: "A colui no [n] può essere p [er] donato lo suo peccato, che in p [ri] ma no [n] p [er] dona alli altri che inver lui àno offeso, ché chi tardi p [er] dona al suo frate tardi s'acorda con Dio". Et san Cesario disse: "L'anima di colui che no [n] rimarrà in peccato, ché tosto e [st] , buoname [n] te perdona". Et s [an] c [t] o Agustino disse: "Se tu no [n] p [er] doni li torti che ti sono facti tu no [n] fai p [er] te orasione mai ti mecti in maledictione", che noi diciamo in del Pat [er] N [oste] r: "Dio p [er] dona a noi li n [ost] ri peccati sì chome noi p [er] doniamo a li n [ost] ri debitori". Et san Cip [r] iano disse: "Sensa falla fa limosina chi p [er] dona a colui che male li à facto". Et s [an] Iova [n] ni Bocchadoro disse: "Sì come noi volemo che Dio p [er] doni
[p. 9ra]
a noi li n [ost] ri peccati, così p [er] doniamo noi a coloro che male no fa [n] no" Sì come disse s [an] Iacopo, quelli che viene a verace penete [n] sia de li suoi peccati tornerà a verace p [er] dono".

10. VIII DE CONPUSIONE CHE DIO DISSE

DE CONPUSIONE CHE DIO DISSE L'octavo grado di questa s [an] c [t] a scala si à compusione, ché Dio disse in del va [n] gelio: "In verità vo dicho che voi arete dolore et pia [n] gerete et lo mondo faràe allegrare et voi arete ira (et) serete tristi, ma la vostra tristizia tornerà in grande letitia, et al mo [n] do arete gra [n] de male et grande asp [er] itudine, ma fidate vo in mei ch'io vinco lo mo [n] do. Et in un altro luogo disse Dio in del Va [n] gelio: "Benave [n] turati sono quelli che piangerano, p [er] ò che serano consolati". Et s [an] c [t] o Iacopo disse: "State in gattività (et) piangete dentro dal cuore et siate tristi, che lo v [ost] ro riso tornerà in pianto, et le vostre letitie in dolore". Et s [an] c [t] o Agustino disse: "Chi non à in sei co [n] pu [n] ctione no [n] può fare necta orassione, che co [n] puctione si è grande tesauro dell'anima del dericto homo, che là u' es [t] orassione et àvi co [n] putione, molto vale a salute de l'anima". Et san Ieronimo disse: "Verace co [n] putione dovemo avere [et] deno ricordare de li n [ost] ri peccati (et) de le nostre fellonie che noi avemo facte, et dovemoci ricordare in qua [n] ta gattivitade
[p. 9rb]
noi siamo posti in questa mortal vita, e dove [n] ci ricordare in qua [n] ta grande pena serano posti li mali homini in iferno, et dovemo desiderare la celestial gloria, et d'andare tostame [n] te al n [ost] ro Signore". Et s [an] c [t] o Anbrosio disse: "Se tu no [n] piangi lo tuo peccato, altri no lo piangerà p [er] tei". Et san Gregorio disse: "Du [n] qua avemo verace co [n] pu [n] tione qua [n] do noi cierchiamo li coma [n] dame [n] ti di Dio. In tal maniera dovemo avere in de li amori de' nostri p [ro] ximi, però che nulla vale se noi amiamo noi medesmi et no [n] amiamo li n [ost] ri proximi, et no [n] vale nulla se noi amiamo li n [ost] ri p [ro] ximi et no [n] amiamo noi medesmi". Et s [an] c [t] o Eufoem disse: "Tre cotanta e [st] benave [n] turato piùe che altro homo che seco [n] do Dio arà verace conputione, p [er] ò che co [n] putione è sanità de l'anima, conputione e [st] lume dell'anima, conputione e [st] remessione dei peccati, conputione mecte seco lo Spirito S [an] c [t] o. Le lagrime dell'omo fanno fidansa dina [n] ti a Dio, che in ta [n] to come all'omo abo [n] dano le lagrime di co [n] pu [n] tione, ta [n] to abo [n] dano all'omo le lagrime [… ……] et no [n] aprossimano inver lui le malvagie cogitationi del seculo". Et san Iova [n] ni Bocchadoro disse: "Co [n] pu [n] tione buona e necta di coragio e [st] una cosa che distruge
[p. 9va]
tucti li riei vitii che trova in dell'omo, altresìe chome lo fuocho che arde, et trova (et) vede tucti li peccati là de [n] tro". Verace co [n] pu [n] tione è di fare bene et di parlare humilmente et d'avere tuctora paura de li suoi peccati. Se verace conpuctione viene in del coragio dell'omo et ella u' trova la fia [m] ma di cupitisia e di lussuria ella le spegna e duce altressì come le grande acque che si mecteno socto ciò che si trovano inna [n] ti. Co [n] pu [n] tione ama lagrime et vuole male a giuocho et riso. Conputione fa volare l'omo in cielo.

11. VIIII DE ORASSIONE

DE ORASSIONE Lo nono grado di questa s [an] c [t] a scala si è Orassione, di che Dio disse in del Vangelio: "Pregate p [er] coloro che vo p [er] seguitano et vo calognano, adciò che voi siate filliuoli del padre di cielo". Et in un altro luogo disse Dio in del Va [n] gelio: "Orate (et) no [n] fallite unqua". Et in un altro luogo disse lo N [ost] ro Signore Dio in del Va [n] gelio: "ciò che voi cherrete al mio nome sie vo darò". Et in un altro luogo disse Dio in del Va [n] gelio: "chiedete prima lo regno di cielo et la sua dirictura, et tucte l'altre cose v'arano ad venire". Et in un altro luogo disse lo n [ost] ro Signore Dio in del Va [n] gelio: "Io ti prego Padre di questi miei discipuli che tu li santifichi ch'elli siano (con) mecho.
[p. 9vb]
Et no [n] ti prego solame [n] te di questi miei discipuli che m'àno seguitato fin a qui, mai ti prego di tucti quelli che denno credere in mei p [er] la loro paraula, ch'elli siano tucti una cosa i [n] sieme, et che noi siamo tucti uno". Et in un altro luogo disse lo nostro Signore Dio in del Va [n] gelio: "Ipocrite, ben p [ro] fetò p [er] voi Ysaia p [ro] feta che disse: "Questo populo m'innora de le labra, ma li loro chuori sono di lungi da mei, ma in cotale honore no [n] aràno u [n] qua pro". Et in un altro luogo disse lo n [ost] ro Signore Dio in del Va [n] gelio: "Tucti quelli che diceno 'Sere' no [n] aràno unqua lo regno di cielo, ma sì quelli che fara [n] no la volontà del mio padre di cielo". Et s [an] c [t] o Agustino disse: "Due maniere sono d'orassioni: la p [r] ima si è che h [om] o no [n] de' unqua tanto orare Dio solame [n] te p [er] paraulle, mai lo de' homo servire in tucte maniere che h [om] o puote. Quelli ora bene a Dio che fa li suoi coma [n] dame [n] ti. Aguare [n] ti de li apostuli che disseno: "Orate (et) no [n] siate stanchi". Et ciò disse Dio p [er] boccha di Isaya p [ro] feta: "Qua [n] do voi mi most [re] rete le vostre mani, et io volverò in altra parte li miei occhi, et qua [n] do voi mi chererete mercè, io no [n] vo vorrò udire, ché le vostre mano sono piene di pussa. Siete lavati (et) necti et cessate li vostri mali pensieri dina [n] ti a li miei occhi". Et Salomo [n] disse: "Lo
[p. 10ra]
n [ost] ro Signore è molto di lungi da la ragione dei felloni, ma elli ode b [e] n [e] l'orassione dei dericti ho [m] ini, et chi guarda la legge si moltiplica la sua orassione". Et Iesu filiuolo di Sirac disse: "Chi ama Dio si lo prega de li suo peccati et attie [n] si di peccare, et allor est Dio apparecchiato a udire li suoi preghiere. Et s [an] c [t] o Ieronimo disse: "Invano iste [n] de le suoi mani inver lo n [ost] ro Signore Dio p [er] g [r] idare mercè dei suoi peccati l'omo, s'elli no [n] le stende al bisog [n] oso qua [n] do li richiede che li faccia bene". Et in un alt [r] o lato disse s [an] c [t] o Ieronimo: "Noi dovemo p [re] gare p [er] li n [ost] ri nimici, sì come pecca s [an] c [t] o Stefano, che p [re] gava p [er] coloro che lui alapidavano". Et s [an] Gregorio disse: "Nulla no [n] chiere p [er] lo suo amico chi no [n] p [re] ga in verace carità p [er] lo suo nimico. P [er] ò signori state tutti in de l'eclesia [et] bactetevo lo pecto et mectetevo ad ginochia et dite vostre orassione et pia [n] gete, ma guardate che voi cherete a Dio. Se voi li cherrete alcuna chosa in del nome di I [es] u C [hrist] o, tucto vo lo dràe". Anchor ci à un'altra pigior cosa, che l'omo p [re] ga Dio p [er] lo da [n] no del suo nimico, di colui cui no [n] potrà ucidere a ghiado sì lo maladice in sua orassione, et quelli cui maladice vive anchora. Et lo n [ost] ro Signore no' coma [n] da che noi amiamo li n [ost] ri nimici. Come du [n] qua nessuno h [om] o e [st] sì ardito ch'elli p [re] ghi Dio per lo danno del suo nimico, ben dei sapere che quelli che ora
[p. 10rb]
li fanno p [re] ghiera, che co. le suoi medesme p [re] ghiere [con] bacteno col n [ost] ro Signore, no [n] guardano la sua dirictura. Et Ieremia p [er] loro: "Allora lo nost [ro] Signore disse: 'No [n] mi ne pregare unq [u] a, che se Moyses (et) Samuel stesseno dina [n] ti a mei in p [re] ghiera, io no [n] amerei questo populo'". Et s [an] c [t] o Sidro disse che l'orassione de' essere solam [en] te pur del coragio et no [n] solam [en] te de le labra, ma de' essere del cuore dentro, che lo choragio di colui è lungi da Dio, che fin a ch'elli fa la sua orassione pensa in alcuno affare del seculo. Et quelli che lo coma [n] dame [n] ti di Dio no [n] tiene non arà unqua lo bene ch'elli chiere in de le suoi orassio [n] e. Et se noi facciamo ciò che Dio comanda noi aremo sensa fallo ciò che noi li cherremo. Et in del libro di s [an] c [t] o Chime [n] to si trova che n [ost] ra disciplina e [st] che noi p [re] ghiamo p [er] coloro che noi ucideno [et] p [er] seguitano. Et s [an] c [t] o Cesano disse: "In due maniere sono p [er] dute l'orassione dell'omo, s'elli no [n] le fàe a buono cuore, et s'elli no [n] p [er] dona a chi mali li fàe u chi l'offende". Et s [an] B [e] n [e] decto disse: "L'orassione che noi facciamo denno essere pure (et) necte". Et Dio disse: "Chi mei negherae dina [n] ti alli omini, io lo negerallo denanti al mio Padre che in cielo est".

12. X DE CONFESSIONE

DE CONFESSIONE Decimo grado di questa s [an] c [t] a schala si è Confessione, ché Dio disse in del Va [n] gelio: "Chi mi manifesta dena [n] ti alli omini, io lo manifesterò
[p. 10va]
dena [n] ti al mio padre che i [n] cielo e [st] ". Et in un altro luogo disse lo n [ost] ro Signore in del Va [n] gelio inverso uno mesello ch'elli sanòe: "Va' et mostrati ai preiti". Et in un alt [r] o luogo disse lo n [ost] ro Signore Dio a la femina che fu trovata in avolt [er] io: "Va' (et) no [n] peccare piò". Et in un altro luogo disse lo n [ost] ro Signore Dio in del Va [n] gelio che qua [n] do lo diaulle esce del corpo dell'omo si va chiere [n] do riposo (et) no 'l trova, et elli torna a la sua magione (et) trovala monda [et] adornata et prende secte pigiori diauli ch'elli no [n] e [st] , et si entrano tucti in del corpo dell'omo et fannoli fare peggio ch'elli no [n] facea di p [ri] ma. Et s [an] c [t] o Ieronimo disse: "Qua [n] do l'omo è venuto al battismo (et) a crede [n] sa lo diaulle che lli e [st] in corpo sì 'nd'esce fuore, et tam tosto com'elli lo vede cessare da le buone opre (et) elli torna in lui, et qua [n] do elli puote avere li secte doni de lo Spirito S [an] c [t] o coi quali elli possa co [n] bactere col diaulle ed elli pre [n] de secte piggiori spiriti, ciò sono sette peccati contra Dio, et sì li chiama p [er] ò che pigior sono li peccati appresso al battismo che quelli dina [n] ti". Et s [an] c [t] o Piero disse di quelli che sono levati de li lor peccati p [er] [con] fessione [et] poi vi tornano "Sono altressì come li cani che ma [n] giano la carogna
[p. 10vb]
[et] poi la vomicano et ancho la ritornano a ma [n] giare. Et anchora e [st] come la troia che si lieva del fango (et) poi vi ritorna". Et s [an] c [t] o Iova [n] ne Boccadorro disse che quelli ch'est venuto ad verace confessione dei suoi peccati et poi vi ritorna, a ccului è Dio bene ariato, sì come s'aira lo cane qua [n] do vomica (et) homo li dice: "Va fuore". Et s [an] c [t] o Ioh [ann] i Va [n] gelista disse: "Se noi manifestremo li nostri peccati, Dio è fidato (et) diricto, che noi mondrà di tucti peccati n [ost] ri". Confessione p [er] bocca (et) p [er] cuore e [st] s [an] c [t] a salute dell'anima, et s [an] c [t] o Iacopo disse: "Manifestiamo li n [ost] ri peccati l'uno all'altro". Et Salomo [n] disse:"Chi assco [n] de lo suo peccato no [n] serà dirissato, et quelli che serà [con] fessio [con] quisterà misericordia". Et Salomo [n] disse: "Filiuolo filiuolo, tornati inver Dio et no [n] dire diman dimane, p [er] ciò che tu no [n] sai qua [n] do tu potrai ricoverare". Che Iesu filiuolo di Serac disse: "No [n] serai co [n] fuso se tu manifesterai lo tuo peccato dinanti a la morte. Or manifesta lo tuo peccato fin a che tu se' sano". Et s [an] c [t] o Agustino disse: "Quelli che se medesmo accusa dei suoi peccati no [n] l'accuserà unqua lo diaulle al die iudicio, se elli si ripe [n] te bene dei suoi peccati che facti àe, et poi si guardi bene che no [n] vi torni. Ma quelli che tiene li suoi peccati in fi [n] e
[p. 11ra]
a la morte no [n] lassa unqua lo suo peccato, anti lo suo peccato lassa lui, piò che no [n] lo vuole avere pió a servo, et io no [n] soe s'elli è salvo u dannato, ma quelli che seràe verame [n] te [con] fessio ad sua vita (et) ad suavitade [et] avi p [er] severare, a ccolui faccio io fidanssa, che elli andrà dina [n] ti a Dio". Et in un alt [r] o luogo dice: "Ta [n] ti peccati qua [n] ti l'omo àe, ta [n] ti sig [n] ori diauli àe". Ciò è la cosa che 'l diaule guadagna pió da l'anime, cioè p [er] lo rispecto che le ge [n] te si danno, che diceno diman dimane mi laverò dei miei peccati, et q [ua] ndo meno si guardano et elli muoieno in dei loro peccati, et lo n [ost] ro Signore chiude loro l'uscio chome a le cinque vergine folle a le quale lo Signore disse: " No [n] vo co [n] noscho". Et in un altro luogo dice: "Sì come lo cavalieri no [n] può guarire de la piaga che lo ferro de la lancia li à facto in del corpo p [er] inpiastro che h [om] o vi possa mectere suso fin a che 'l ferro no [n] d'è fuore, così no [n] può guarire lo peccatore del suo peccato p [er] neuna opra ch'elli possa fare, se elli no [n] sì 'nde leva p [er] verace [con] fessione, et che giamai no [n] vi vollia tornare". Et s [an] c [t] o Ieronimo disse: "Quelli che le loro fellonie dirano (et) abandoneranole misericordia troverrano apo Dio, et Dio lo monderà di tucte le loro fellonie,
[p. 11rb]
ché co [n] fessione fa l'omo diricto, confessione li fa p [er] donare li suoi peccati". Et s [an] c [t] o Anbrosio disse: "Così come lo bocato inbiancha li drappi, così la co [n] fessione inbiancha l'anima dell'omo". Et in un altro luogo disse: "Se un omo avesse sette piaghe ed elli si facessse guarire pur de le sei, (et) quell'altra no [n] volesse mostrare al medico, p [er] ave [n] tura elli de potrebbe morire. Altresì è se ll'omo ave vii peccati mostrali in sé et de li vi peccati si lieva et uno ne ritiene a ssei sciente lo quale no [n] vollia manifestare al preite, elli ne poterebe essere da [n] nato. Et s [an] Gregorio disse: "Se l'omo si lieva di tucti li suoi peccati [et] uno solo ne ritiene a ssé sciente, quel peccato apre la posta alli alt [r] i, sì come lo puro q [ua] nd'elli è dentro ad una magione là u' elli vuole involare ciò che v'è dentro elli apre vole [n] tieri la porta alli altri suoi co [n] pa [n] gni che sono di fuore. Et lo n [ost] ro Signore Dio p [er] bocha di Çechiel p [ro] feta disse che l'anima che arà peccato morrà, et qua [n] do lo diricto h [om] o pecca, tucta la sua dirictura è dime [n] ticata dina [n] ti a Dio, et là u' lo peccatore si co [n] verte [et] fa dirictura, tutti li suoi peccati li sono p [er] donati.

13. XI DE PENETE(N)SIA

DE PENETE [N] SIA Undecimo grado di q [ue] sta s [an] c [t] a schala si è penete [n] sia, che Dio disse in del Va [n] gelio: "Se voi no [n] faite penetensia,
[p. 11va]
voi arete perire come li diece e octo che peritteno sotto la torre". Et in un altro luogo disse Dio in del Va [n] gelio: "Faite penete [n] sia che lo regno di cielo v'aprossima". Et in un altro luogo disse Dio in del Va [n] gelio che quelli che Nivie no [n] funno indichati ch'elli fenno penete [n] sia p [er] la predicassione di Io [n] na, et io vallio più che Ion [n] a". Et s [an] c [t] o Iova [n] ni Battista disse: " Signori faite degno fructo di penete [n] sia, che la secure è posta a la radice dell'arbore, che l'albore che no [n] porta fructo serà talliato et gittato in del fuoco". Et in un altro luogo disse s [an] Iova [n] ni: "Chi ave due gonnelle si dia l'una a ccolui che no [n] d'àe. Et s [an] Gregorio disse: "P [er] ciò disse de la go [n] nella v'à mistieri più ch'el ma [n] tello". Et quelli che verace penete [n] tia vuol fare sì li co [n] viene che le suoi cose parta co li suoi prossimi, che Dio comanda p [er] lo Vangelio: "Ama lo tuo prossimo come tei medesmo, che quelli no [n] ama lo suo p [ro] ssimo come sé medesmo, che di quello ch'elli àe no. lli dà parte qua [n] d'elli lo vede bisognoso [et] disagiato". Et p [er] ciò fu decto de le due gonelle, che d'una gonella no [n] poterebbeno fare due homini, né essere bene vestiti, che quelli che la partisse rimarrè nudo, et quelli a ccui la desse no [n] de serebbe vestito. Et p [er] ò signori dovete sapere
[p. 11vb]
che grande è la vi [r] tude de la misericordia che p [er] fare degno fructo di penetensia sì ll'àe posta s [an] Iova [n] ni dina [n] ti a tucte l'altre. Et s [an] Gregorio disse: "Quelli fa degno fructo de penete [n] tia che piange lo suo peccato (et) abandonalo et giamai no [n] vi vuole più tornare". Et s [an] Paullo disse che quelli che no [n] si lieva del suo peccato p [er] verace penete [n] sia si amassa tesauro dell'ira di Dio al dì iudice. Et s [an] Iacopo disse: "Quelli che viene a verace penete [n] tia troverrà verace p [er] dono". Et lo n [ost] ro Signore Dio disse p [er] bocca di Çechiel p [ro] freta: "Convertite vo (et) faite penete [n] sia de le vostre fellonie, p [er] che voi no [n] cadiate, et cessare di sopra voi li vostri peccati p [er] verace penete [n] sia et faite a vostro uuopo coraggio novello (et) spirito novello". Et Geremia p [ro] feta disse dei peccatori che àno appreso fellonie (et) no [n] si 'nde vulolno sofferire: "Io abbo inteso et ascoltato che no [n] d'è neuno che be [n] parli né che vollia venire a penete [n] sia dei suoi peccati né che dicha in del suo coragio ciò che ànno facto". Et p [er] ciò disse lo n [ost] ro Signore Dio: " Io vo faroe cadere questo populo li padri (et) li filiuoli (et) li vicini tucti insieme, s'elli no [n] sono obedie [n] ti a li coma [n] dam [en] ti di Dio". Et s [an] c [t] o Ieronimo disse: "Molto è lungi da fede chi atende penetensia fine a la sua vecchiessa, et p [er] ò s'ategna ciascuno di voi di peccare". Et s [an] Sidro disse: "Quelli che
[p. 12ra]
no [n] si lieva de li suoi peccati p [er] verace penete [n] sia de li mali ch'elli à facti in questo seculo, sì li e [st] comi [n] ciam [en] to di pena durabile in dell'altro". Et s [an] Sisto disse che ta [n] ti peccati qua [n] ti l'omo ave sopra sei. Et s [an] Agustino disse: "Se una cità avesse x porte et le nove fusseno b [e] n [e] guardate et quell'una no [n] fusse guardata, p [er] quella vi poterè intrare ta [n] ti dei nimici di fuore che la cità serebbe p [er] duta. Altresì e [st] dell'omo che viene a penete [n] sia de li suoi peccati et uno solo ne ritiene a ssé scie [n] te et no 'l manifesti, p [er] quello può essere p [er] duto. Et se una nave avesse cento p [er] tusi et fusse caricata di grande avere et homo turasse tutti li p [er] tusi [et] uno solo ne lassasse, p [er] quello uno poterebbe intrare tanta de l'acqua che la nave (et) l'avere serebbe p [er] duto. Altresì e [st] dell'omo che viene a penete [n] sia dei suoi peccati (et) uno solo ne ritiene a ssé scie [n] te, p [er] quello solo può essere p [er] duto lo corpo (et) l'anima". Sì come disse s [an] Agustino, p [er] uno peccato sono p [er] dute molte diricture, che se uno homo fusse preso (et) legato p [er] lo collo et p [er] le mane (et) p [er] lo ventre (et) p [er] li piedi elli serebbe preso, et se h [om] o lo dislegasse di tucti li legami mai che d'uno solo altresì serebbe preso, chusìe è dell'omo che si lieva dell'uno peccato (et) altri ne ritiene: p [er] quelli può essere dannato altressì è del pescatore che guaita lo
[p. 12rb]
pesce al gra [n] de fiume u al cigulo elli può pre [n] dere (et) gittare fuore dell'acqua sie lo tiene guadagnato. Altressì pace lo dimonio che in qualu [n] qua peccato può pre [n] dere l'omo si lo tiene guadagniato. Altresì è del chavalieri che, s'elli è armato dall'una parte e dall'altra no, elli può bene essere inaverato (et) morto da quella parte. Altresì è dell'omo che si lieva d'uno peccato [et] un altro ne ritiene, p [er] quello peccato lo innavera lo dimonio (et) gittalo morto. Et s [an] Agustino disse: "Falsa penete [n] sia è quella che homo si lieva d'uno peccato (et) un altro ne ritiene". Sì come disse s [an] Iacopo, "chi tiene tucta le legge (et) uno coma [n] dam [en] to ne offende incolpato e [st] di tucta l'altra". Come dunqua pensa avere vita durabile quelli che rimane in uno peccato a sei sciente? Altresì àe p [er] duto vita durabile come s'elli fusse in tucti li altri involuppato. Et in del libro di Canone dice: "Tanto lungam [en] te qua [n] to homo è stato in del suo peccato, tanto lungam [en] te lo de' h [om] o pia [n] gere, che doppio ripe [n] time [n] to de' h [om] o avere in de la sua penete [n] sia, che h [om] o si penta del male che àe facto et giamai no la vollia più fare, (et) che h [om] o si pe [n] ta che non à facto bene, et che tucto te [n] po vollia fare bene. Et dunqua è verace la penete [n] sia qua [n] d'omo si penta del male che àe facto (et) giamai
[p. 12va]
nol vollia più fare né dire.

14. XII DE ASTINE(N)TIA

DE ASTINE [N] TIA Duodecimo grado di questa s [an] c [t] a scala si è astine [n] tia, che Dio disse in del Vangelio: "Una maniera di demoni e [st] li quali h [om] o no [n] può cessare di sopra sé sensa digiuno e sensa orassione". Et s [an] Agustino disse: "Due maniere sono di digiuni. L'una si è che l'omo no [n] de' digiunare solam [en] te del co [n] ducto terreno, mai de' h [om] o digiunare di tucti li peccati d [e] la sua anima et de la sua carne". Et s [an] c [t] o Paullo disse: "Quelli che molto ma [n] gia no [n] de' schernire colui che à fame et quelli che s'attiene di ma [n] giare no [n] schernisca colui che ma [n] gia ". Che Dio disse p [er] bocca del p [ro] feta: "Quando voi digiunate ad te [n] cione (et) ad co [n] fessione et feritevo del pugno et no [n] volete digiunare chome [voi a] voi avete digiunato fin a qui p [er] ciò che le vostre p [re] ghiere siano udite dina [n] ti a Dio in cielo, non è du [n] qua questo digiuno che Dio alesse che l'omo affligesse la sua carne. Ronpe lo tuo pane (et) dà ma [n] giare a ccolui che àe fame, et mecte lo povero in de la magione (et) lo bisognoso, et qua [n] do tu vederai lo nudo, sì lo cuopre et chusìe lucerà la tua luminiera come lo maitino et la tua sanità verrà più tosto et la tua dirictura anderàe dina [n] ti a la tua facce et la gloria di Dio ti riceverràe".
[p. 12vb]
Et in un alt [r] o luogo disse Ysaia p [ro] feta: "Maladico io voi che vo levate la maitina p [er] tenpo a bere fine a lo vespro et inebriatevo, et avete li gioladri et le viole et lo forte vino al vostro mangiare et l'opra di Dio no [n] faite né no [n] vi ponete me [n] te". E p [er] ò à lo ferno anpia la sua bocca, ch'est ap [er] ta sensa fine, ché la forsa del populo disce [n] derà ad lo 'nferno et li orgolliosi sera [n] no abassati [et] divorati sì come lo fuoco divora la pallia, inp [er] ò che àno dispregiare li comandam [en] ti di Dio et le suoi opre et le suoe paraule. Et s [an] c [t] o Agustino disse: "Buona cosa e [st] addigiunare, ma mellio e [st] a ddare limoçina. Et Dio disse in del Va [n] gelio che ciò ch'entra in de la boccha dell'omo no [n] maghiagna unqua l'anima, ma quello che 'nd'esce de la boccha dell'omo magagnia l'anima, ché dal cuore esceno li mali pensieri, ciò sono micidi, avolterii, fornicatione, furti, falsi testimonii, et questo è quello che magagnia [et] danna l'anima. Et s [an] c [t] o Agustino disse: " La magagnatura del co [n] ducto no [n] mi spave [n] ta unqua, ma la magagniatura de la cupidisia mi spaventa". Et s [an] c [t] o Ieronimo disse: "Neie [n] te no vale se noi affligiamo la n [ost] ra carne p [er] astine [n] tia del n [ost] ro coragio, se noi no [n] cessiamo da noi li n [ost] ri pecati". Et s [an] Gregorio disse che melliore e [st] a pascere l'anima de la paraulla
[p. 13ra]
di Dio che inpiere lo ventre di co [n] ducto terreno, che lo corpo è pasciuto di co [n] ducto et la buona paraula nodrisce lo spirito. Buona chosa e [st] a digiunare qua [n] do h [om] o adenpie li coma [n] dame [n] ti di carità. Quelli no [n] digiuna unqua a uuopo di Dio ma a ssuo che guarda quello che li rimane (et) no [n] lo dà ai bisogniosi. Et s [an] Sidro disse: "Fin che tu digiuni (et) attie [n] ti di ma [n] giare senza altro bene fare, sì fai mala opra, p [er] c [i] ò che sequiti lo diaule. Ma quelli fa buona astine [n] tia che s'attiene da mal fare (et) da le male opre et da la cupitisia del mo [n] do". Et s [an] Basilio disse: "Che vale se noi affligia' la n [ost] ra carne p [er] digiuno (et) p [er] vigilie et no [n] volemo ame [n] dare lo n [ost] ro folle coragio, et no [n] ci reprendiamo di ciò che noi avemo dentro del chuore?" Et s [an] Anbrosio disse: "P [er] ragione de' morire di fame quelli che no [n] si vuole satollare de la paraulla di Dio". Et lo n [ost] ro Signore Dio disse in del Va [n] gelio: "Di solo pane no [n] vive h [om] o, mai vive de la paraula ch'esce de la boccha di Dio".

15. XIII DEL TIMORE DI DIO

DEL TIMORE DI DIO Tredecimo grado di q [ue] sta scala s [an] c [t] a si è lo timore di Dio, che Dio disse in del Va [n] gelio: "No volliate temere coloro che ucideno lo corpo ch'elli no [n] puo [n] no ucidere l'anima, ma colui temete che lo corpo et l'anima può mectere al fuocho
[p. 13rb]
d'Inferno". Et s [an] c [t] o Ioh [ann] i eva [n] gelista disse: "Carità non à timore (et) homo che teme non è p [er] fecto in carità, che p [er] fecta carità getta fuor timore". Et David disse: "Temete Dio [et] guardate li suo' coma [n] dam [en] ti, cioè a dire tucti li omini denno temere lo n [ost] ro Signore, che chi àe teme [n] sa del n [ost] ro Signore neiente li falla né a coloro che l'amano in verità". Et in un altro luogo disse David: "Venite li miei filiuoli (et) io vo insegnerò lo timore di Dio". Chi vuole vedere lo buono dìe cessi la lingua sua dai mali, (et) le suoie labra che no [n] dicano bugie, et lassi lo male lo bene (et) chiea pace (et) seguitila". Et Salamo [n] disse che lo timore di Dio è comi [n] ciame [n] to di vera sapie [n] tia, lo timore di Dio è fontana divina, lo timore di Dio è corona di verace sapie [n] tia (et) delibera l'anima da morte, che quelli che temeno lo n [ost] ro Signore si guardano li suoi coma [n] dam [en] ti et aràno sapie [n] tia fin a la fine. Abbiate li v [ost] ri pensieri tuctora in dei coma [n] damenti di Dio. Lo timore del n [ost] ro Signore Dio si è che homo no [n] disp [re] gi lo povero né lo riccho, lo timore del n [ost] ro Signore si è adempim [en] to di sapie [n] tia, ché ciò disse Tobia profeta al suo filiuolo: "Bel filiuolo, teme Dio (et) guardati dai peccati,
[p. 13va]
se tu ài assai, assai dà et se tu ài pogo, pogo dà, che grande fidansa è la limosina dina [n] ti a Dio". Et s [an] Agustino disse: "Pensi ciascuno che de' temere, che bene e [st] folle chi teme le p [er] secutione del seculo et no [n] teme le p [er] cussione d'Inferno. Folle e [st] chi teme l'esecutione del seculo che tosto trapassano (et) no [n] teme la morte de Inferno (et) le pene che sempre mai durano. Folle e [st] chi teme la morte che tosto trapassa (et) no [n] teme la morte d'Iferno che tucto te [n] po de' durare". Et s [an] Ieronimo disse che lo timore del n [ost] ro Signore Dio e [st] che ciascuno cristiano de' posare lo timore dina [n] ti a li suoi ochi, e tuttora li de' sovenire di tucte le cose che Dio vieta, et pesi tuctora in del suo coragio la durabile vita et la gra [n] de letitia di cielo che e [st] apparecchiata a tucti coloro che Dio temeno et che li suoi coma [n] dam [en] ti farano, et pensi tuttora in del suo coragio come malame [n] te serano torme [n] tati in Inferno coloro che 'l n [ost] ro Signore dispregiano (et) li suoi coma [n] dam [en] ti. Et p [er] ò no dovemo guardare che noi no [n] facciamo male p [er] ché Dio no [n] si 'nde airasse. Mai dovemo tuctor fare bene p [er] ò che Dio n'abia letisia, che neuna cosa non è da guardare all'omo di peccare come fa lo timore de lo 'nferno (et) del tormento d'Inferno.
[p. 13vb]
Et s [an] Blasio disse: "In tucte l'opre che tu fai ti ricordi di Dio et se ciò che tu fare vuoli è secondo lo coma [n] dam [en] to di Dio sì lo fàe, et se e [st] male inver Dio no lo fare, ma te 'l trage di chuore.

16. XIIII DE VERGINITA' (ET) CHASTITA'

DE VERGINITacute; (ET) CHASTITacute; Quarto decimo grado di questa s [an] c [t] a Scala si e [st] verginità et castità, di che Dio disse in del Va [n] gelio: "Cingete vo in dei lonbi et portate lucerna ardente in mano". Et s [an] c [t] o Gregorio disse: "Cingetevo li vostri lonbi cioè terreste castità, [et] portate lucerna ardente in mano, cioè mostrate ai vostri prossimi exemplo di buone opre. Et chi tiene castità (et) no [n] tiene né fa altre buone opre guaire no [n] li vale, et così no [n] vale guaire sensa buona opra né buona sensa castità. Ma chi queste due cose potesse avere, securo poterebbe essere del regno di cielo. Et s [an] c [t] o Paullo disse: "chi dà marito a la sua filiuola ben fa, et chi la mantiene in castità fa mellio". Et s [an] c [t] o Agustino disse: "Buono e [st] ad avere mollie, ma p [er] ragione la de' homo avere che porti filiuoli che homo li renda a Ddio, et p [er] isschifare fornicassione". Ma mellio e [st] ad avere et ma [n] tenere h [om] o castità che homo la de' tenere puram [en] te p [er] l'amore di Dio (et) no [n] p [er] altra cagione. L'una e [st] buona et le quatro sono malvage,
[p. 14ra]
ché molti ho [min] i sono che ma [n] tegnono castità p [er] rispialmare lo loro avere, altri sono che ma [n] tegnono castità imp [er] ciò ch'elli no [n] volliano avere filiuoli, altri sono che ma [n] tienno castità p [er] vana gloria p [er] ché nole vogliono avere loda dal seculo che 'nde vuolno avere filiuoli, alt [r] i sono che tienno castità p [er] non potere che ànno ta [n] to facto che non puono più fare. Et di queste quattro castità no [n] fa Dio loro grado. La qui [n] ta castità si è che l'omo tiene puram [en] te p [er] l'amor di Dio, sì come Dio disse in del Va [n] gelio: "Benave [n] turati sono quelli che serano casti p [er] l'amore di Dio et p [er] lo regno di cielo". Et s [an] c [t] o Agustino disse: "Buona [con] tene [n] sa fa stare l'omo presso a Dio, che là u' e [st] castità di coragio (et) di corpo, quine p [er] mane Dio. Per castità acquista h [om] o lo regno di cielo". Et in un altro luogo disse s [an] c [t] o Agustino: "Voi che avete molie portate loro buona fede, chome voi volete ch'elle si guardino inver di voi et così vo dovete voi guardare inver loro. Et no [n] vo guardate voi pur solam [en] te de le fe [m] mine che vo sono vietate, ma anche vo dovete guardare de le vostre mollie medesme che vo sono octoleate, che voi no [n] ve [n] demiate oltra misura, che chi be' del vino
[p. 14rb]
del suo vagello no [n] fa unqua peccato, ch'elli fàe co. la sua cosa, ma chi be' ta [n] to che sia ebro peccato fa". Voi che non avete moglie et tuttora l'attendete d'avere, or guardate ch'elle vo trovino cotali come voi volete trovare loro. Et s [an] c [t] o Ieronimo disse: "U sianno homini u sia [n] no femmine, s'elli p [er] manno in castità (et) in verginità, similianti sono a li angeli, che là u' e [st] verginità di coragio (et) di corpo quine p [er] mane Dio. Nulla no [n] ti vale la verginità di corpo se lo tuo coragio è corrocto di peccato. Quelli ch'est casto di coragio (et) di corpo gra [n] de gratia ne de' rendere a Dio et molto si de' travalliare come vi possa p [er] severare fin a la fine. Ma chi la sua verginità àe corrocta u di coragio u di corpo si pianga (et) abbia dolore et ritorni 'nde e penete [n] tia, inp [er] ciò che co. li s [an] c [t] i angeli (et) co. le s [an] c [t] e vergine si possa aco [n] pagniare, che lunga castità apresso che homo àe facto lo peccato si seguita vergogna.

17. XV DE VERACE HUMILITA'

DE VERACE HUMILITacute; Questo decimo grado di questa s [an] c [t] a scala si è che Dio disse in del Vangelio: "Beneave [n] turati sono quelli che ànno fame (et) sete p [er] dirictura però ch'elli seranno [con] solati". Et s [an] Iova [n] ni eva [n] gelista disse: Così è
[p. 14va]
come voi sapete che Dio e [st] dirictieri, così sappiate voi che chi fae dirictura filiuolo di Dio e [st] ". Et s [an] c [t] o Ieronimo disse che dirictura e [st] che homo renda ad ciaschuno ciò che li de' dare. A Dio (et) a ssé (et) al prossimo dovemo amare co [n] tucto lo cuore (et) co [n] tucto lo pensieri (et) co [n] tucta l'anima come creatura di Dio. E dovenci guardare dei peccati et che l'anima signoregi lo corpo in vivere (et) in vestire et dovemo fare al proximo lo bene che noi vorre [m] o ch'elli facesseno a noi, et che noi no [n] facciamo loro lo male che noi no [n] vore [m] mo ch'elli facesseno a noi. Et David disse che lo diricto h [om] o sì s'alegra de la ve [n] decta dei felloni. Et Salamo [n] disse che la dirictura essalta la ge [n] te et lo peccato fa lo populo malave [n] turato. Lo diricto homo tuctor pensa in de le magione dei felloni et travaliansi co m'elli li potesse levare dei mali. L'opra del diricto homo mena altrui a pare vita, et lo fructo dei felloni mena altrui ad p [er] dissione. La lingua del diricto h [om] o si è come fino argento et lo corpo del fellone torna a neiente al fellone aviene ciò ch'elli teme et al diricto h [om] o aviene ciò ch'elli desidera. Et ben est l'anima del diricto h [om] o con Dio di sapie [n] tia. Et Iob che fue
[p. 14vb]
senplice (et) diricto h [om] o, teme [n] ete Dio (et) abandonò li peccati, disse qua [n] do elli giacea in de la sua infermitade: "Che farà questo peccatore qua [n] do et là u lo diricto h [om] o apena è salvo?" Et Isaya p [ro] feta disse: "Quelli che vanno p [er] dirictura diceno verità (et) cessano avaritia di sopra di sei et socchiudeno le suoi mane di tutti doni et cessano le suoi orechie p [er] ché no [n] odano male, et chiudeno li occhi che no [n] vegiano vanità. Quelli avitano in de l'alte case et vedera [n] no lo Re di gloria (et) la sua bellessa". Et Çecchiel p [ro] feta disse: "Qua [n] do lo dirict'omo pecca tucta la sua dirictura è dime [n] ticata dina [n] ti a Dio, et qua [n] do lo peccatore si co [n] verte e fa dirictura tucti li suoi peccati sono dime [n] ticati dena [n] ti a Dio". Et s [an] c [t] o Agustino disse che solame [n] te l'omo diricto e [st] francho et li altri no. Che Dio disse in del Vangelio: "Chi fa peccato servo est del peccato, che p [er] uno peccato sono p [er] dute molte diricture". P [er] dirictura danna Dio lo peccatore et p [er] misericordia salva lo diricto homo, che cusì come l'omo loda lo rei qua [n] d'elli paga bene li suoi soldanieri, così dovemo noi lodare lo n [ost] ro Signore (et) molto più, ancho qua [n] do fa la giustitia del peccatore (et) de li ladroni. Et così come
[p. 15ra]
noi lodiamo lo n [ost] ro Signore de la salute del diricto h [om] o, così la de' h [om] o lodare molto de la vendecta del peccatore. Se 'l n [ost] ro Signore, ch'est diricto, facesse misericordia sopra lo menbro del diaulle dunqua no [n] serebbe elli diricto, et p [er] ò potete b [e] n vedere che la misericordia e [st] ai buoni (et) la dirictura e [st] ai riei. Et s [an] Agustino disse: "Se io sono diricto io no [n] temo nulla, p [er] ò che no [n] può nuoceremi nessuno, ch'è l'omo diricto e forte chome leone". Et in un altro luogo disse s [an] Agustino che più ama Dio lo diricto h [om] o che lo cielo u che la terra u che lo sole né che la luna né che le stelle, che tucte queste cose fece Dio p [er] agio de l'omo. Et s [an] c [t] o Geronimo disse: "Diricto e [st] che h [om] o no [n] faccia a nessuno h [om] o torto in decto né in pacto, che bene sappiate che ciascuno cristiano è n [ost] ro prossimo (et) frate. Et no [n] faite altrui ciò che voi no [n] voreste che altri facesse voi. Et faite quel bene altrui che voi vorreste ch'elli facesseno voi". Et s [an] c [t] o Iova [n] ni Bocca d'oro disse che lo diricto iudice ave apparecchiato lu suo regno p [er] dirictura a ccoloro che dirictam [en] te àno tencionato incontra tucti li peccati (et) sono venuti a victoria. Et a coloro che sono indurati in dei loro peccati (et) no [n] si ne vuolno partire né levare p [er] penete [n] sia, a coloro
[p. 15rb]
est apparecchiata la gra [n] de pena d'inferno (et) lo durabile torme [n] to.

18. XVI DE MISERICO(R)DIA

DE MISERICO [R] DIA. Sexto decimo grado di questa s [an] c [t] a scala si est misericordia, che Dio disse in del Vangelio: "Benave [n] turati sono quelli che sono misericordiosi p [er] ciò ch'elli troveranno misericordia. Et però signori siate misericordiosi sì come lo n [ost] ro Signore padre di cielo è misericordioso". Et s [an] c [t] o Sidro disse: "Quali sono li misericordiosi? Quelli sono misericordiosi che sofferano lo travallio che fanno loro li loro p [ro] ssimi et che p [er] donano a ccoloro che di loro àno peccato, et p [er] ciò trovera [n] no misericordia". Et s [an] c [t] o Paulo disse: "Siete intra voi buoni (et) misericordiosi come s [an] c [t] i homini et vestite vo di miserico [r] dia". Et Iesu filiuolo di Sirac disse che quelli che ave misericordia insegna (et) nodrisce altrui così come lo padre insegna al filiuolo. Quelli che fa misericordia si offerà sacrificio a Dio. Et s [an] c [t] o Sidro disse che neun omo puote avere misericordia inverso altrui che malame [n] te vive; misericordia none àe in sé. Et lo n [ost] ro Signore Dio disse in del Vangelio: "Faite lemosina et tucte cose vo seranno necte". Et s [an] c [t] o Agustino disse che est fare lemosina, ciò è fare misericordia:
[p. 15va]
sì la incomincia a tei medesmo, che se tu no [n] ài misericordia di te come l'aresti d'altrui? Abbi m [er] cè de la tua a [n] i [m] a, sì arai piacere a Ddio et guarda in te medesmo come malame [n] te tu vivi et qua [n] te male opre tu fai et vedrai là entro l'anima tua povera (et) cattiva (et) piena di miseria, et p [er] ò dalli tale limosina, (et) di pane, et quale pane, ciò e [st] carità. Et come li drò io carità, dicotilo: ama Dio di tucto lo tuo cuore et di tucto lo tuo pensieri et lo tuo prossimo ama chome te medesmo cusì arai facto misericordia (et) limosina in p [r] ima a la tua a [n] i [m] a (et) poi a li altri. Et se tu no [n] vuoli fare questa misericordia, si dà de le tuoie cose no [n] pur solame [n] te la diecima parte, ma le nove, che bene sapete che nulla vale ciò che tu fai se tu non ài carità in te, cioè l'amore di Dio (et) del prossimo, ché ciò disse Dio in del Va [n] gelio: "Siate misericordiosi sì come lo n [ost] ro Signore padre di cielo e [st] misericordioso a voi". Et s [an] c [t] o Agustino disse che tale misericordia dovemo avere dei n [ost] ri p [ro] ssimi come Dio ebbe di noi, che in p [r] ima dovemo dare le n [ost] re cose ai poveri p [er] l'amore di Dio (et) apresso noi medesmi. Quelli dà lo suo corpo p [er] lo suo prossimo che castiga (et) amonisce ch'elli si lievino de li loro peccati. Et
[p. 15vb]
se tue no [n] de lo puoi levare sì 'nde dei essere irato in del tuo coragio (et) t [r] isto. Et quelli che così fanno sì da [n] no lo suo corpo p [er] lo suo amico (et) p [er] l'amore di Dio, sì come Dio diede lo suo corpo p [er] noi. Et s [an] c [t] o Ieronimo disse che già la misericordia di Dio no [n] potrà avere chi misericordioso non è. Et già Dio no [n] udrà li preghi di colui che no [n] vuole udire li preghi dei poveri. Signori, la scriptura dice che nove mis [er] icordie sono. Le cinque sono corporale et le quatro spiritali, et ta [n] to qua [n] to l'anima vale più che 'l corpo, cota [n] to val più la spiritale misericordia che la corporale. Le corporale misericordie sono qua [n] do h [om] o dà bere (et) ma [n] giare al povero, et questa e [st] la p [r] ima. La seco [n] da e [st] qua [n] do lo veste. La tersa e [st] qua [n] d'omo l'alberga. La quarta e [st] che h [om] o visiti lo povero. La qui [n] ta e [st] che h [om] o sopellisca lo corpo, (et) più lo povero che lo riccho. Or avete udito quai sono le misericordie corporali, or vo dirò quai sono le quatro spiritale. La p [r] ima e [st] p [er] donare al suo nimico lo male ch'elli li à facto (et) decto, ché ciò disse Dio in del Vangelio: "Date (et) io darò a voi, perdonate (et) io p [er] donerò a voi, che chi no [n] p [er] dona già p [er] dono non aràe". La seco [n] da e [st] tornare l'orgollioso in humiltà p [er] sua buona vita et p [er] suo buono exemplo (et) p [er] sua buona paraulla. Sì come Dio disse in del
[p. 16ra]
Vangelio, casticha lo tuo frate se tu lo vedi peccare. La tersa si è tor [nar] nare lo no [n] savio in del suo se [n] no. Quai sono li no [n] savi? Ciò sono li savi di questo seculo che sono folli dina [n] ti a Dio, sicome disse s [an] c [t] o Iacopo che la sapie [n] sia di questo seculo si è follia dina [n] ti a Dio. Et s [an] c [t] o Paullo disse: "Chi vuole essere savio in Dio sì sia p [r] ima folle al mo [n] do p [er] ò che elli sia savio i [n] Dio, che la sapiensia di questo seculo si è follia dena [n] ti a Dio". La quarta si e [st] d'insegnare a li semprici la diricta via inver Dio, ché Dio disse in del Va [n] gelio: "Intrate p [er] la strecta porta, ché ampia e [st] la via che mena altrui a perdissione et molti sono quelli che va [n] no p [er] quella, et strecta è la via che mena altrui a vita et poghi sono quelli che la trovino". Et s [an] c [t] o Ambrosio disse: "Chi fa misericordia et no. la fa p [er] necto cuore si perde lo suo guilliardore".

19. XVII DI DARE LEMOÇINA

DI DARE LEMOÇINA. Settimodecimo grado di questa s [an] c [t] a scala si è lemosina che Dio disse in del Va [n] gelio: "Vendete ciò che avete (et) date limosina ai poveri, et faite tale saccho che no [n] possa invecchiare, et thesauro in cielo che no [n] possa fallire, né furo lo possa involare, né tignuole mangiare, né rugine guastare". Et in un altro luogo disse Dio in del Va [n] gelio: "Qua [n] do tu arai lo tuo buono ma [n] giare apparecchiato, no [n]
[p. 16rb]
chiamare lo tuo amico né 'l tuo frate né lo tuo parente, ch'elli ti nde rendere [n] no guillardone, ma va' (et) cerca p [er] lo povero (et) p [er] lo malato (et) p [er] lo ciecho (et) p [er] l'atracto (et) di coloro arete guilliardone a la surressione, che beneave [n] turato è quelli che ma [n] gerà lo pane in del regno di cielo". Et in un altro luogo disse Dio in del Va [n] gelio: "Vende ciò che ài (et) dallo ai poveri (et) fa thesauro in cielo (et) poi mi seguita". Et s [an] c [t] o Piero disse: "Mellio e [st] dare che ricevere et a cotale letitia lo dovete dare". Et s [an] c [t] o Paullo disse che se lo tuo prete s'aira p [er] lo co [n] ducto tuo, tu no [n] fai seco [n] do carità, et guarda no [n] p [er] dere C [hrist] o lo quale p [er] te morì, che lo regno di cielo non è ma [n] giare né bere, mai è dirictura et sapie [n] tia (et) pace (et) s [an] c [t] o spirito". Et s [an] c [t] o Iova [n] ni Battista disse: "Chi àe ii gonnelle si dia l'una a colui che no [n] de àe et chi àe del co [n] ducto faccia altrectale". Et s [an] c [t] o Iovanni Evangelista disse: "Chi e [st] a la sustansia del mondo et vede lo suo frate cristiano bisognoso et vedelo cho li ochi del suo chuore (et) no [n] lo soccorre, la carità di Dio non è in lui". Tal folle seràe chi diràe: "Io abbo fede" (et) no [n] fa l'opra di fede no [n] li vale neiente, puolo salvare cotale credensa no [n] ch'elli vedrà lo suo frate (et) la sua suoro bisogniosa et serà da loro chiamato p [er] ché
[p. 16va]
faccia loro bene et elli dirà loro: "Andate via" u "andate savi" et no [n] drà loro ciò che farà loro mistieri, cotale fede (è) morta in sei medesmo. Et Salamo [n] disse: "Chi honora lo suo padre si honora Dio, et chi lui isspregia si spiegia Dio". Et in un altro luogo disse Salamone: "Quelli che nasconde lo formento si e [st] maladecto dal populo et quelli che 'l vende (et) dande ai poveri si è benedecto". Et Tobia disse: "Più vale a fare limosina, che tesauro amasserà, et quelli che limosina farano (et) dirictura guardano arano vita durabile". Et qua [n] do Tobia casticava lo suo filiuolo sì li dicea: "Bel filiuolo, teme Dio et guardati da tucti li peccati et se tu ài assai, assai dà, et se tu ài pogo, pogo dà, che grande fidansa è la limosina dinanti a Dio, acciò che abbia in sé tre cose che l'omo che la fae sì à diricto acquisto (et) di buona inte [n] tione". Et s [an] c [t] o Agustino disse: "Bene fae chi dae lo suo avere p [er] partita, oggi una partita (et) dimane un'altra, ma mellio fa chi dà tucto insieme p [er] inte [n] sione di seguitare Dio". Et Dio disse in del Va [n] gilio: "Faite amici di ricchesse di fellonie". Et s [an] c [t] o Agusti [n] o lo quale no 'spone questo Va [n] gelio disse che di tali sono che inte [n] deno
[p. 16vb]
malame [n] te questa paraulla, che tolleno l'avere a l'uno (et) da [n] nolo a l'altro et pensano cosìe fare come Dio disse in del Va [n] gelio, et du [n] qua è diricto che l'omo dia l'avere che àe di male ad uno buono h [om] o. No 'l dovete voi unqua cusì intendere, cessate di sopra voi questo malo inte [n] dime [n] to et faite di vostro coragio, ché nessuno bene fareste se voi tolleste l'avere all'uno et destelo ad un altro, et che la cappa mia a me tolleste (et) destela ad altrui, uno altare discoprire et un altro coprire, cotale limosina non ama Dio. Ma ciò che tue ài di tuo iusto acquisto (et) travallio sì 'nde fa' limosina, et di ciò che tu ài di tuo iusto guadagno sì da', et se tu non ài che dare, mellio te che nulla no [n] dii, che ciò che tue ài tolto donassi [donassi] altrui, che lo n [ost] ro iudice e [st] diricto dina [n] ti a ccui noi dovemo tenere lo n [ost] ro piato, che elli no [n] ti saperre grado di tuoi cose se tu le donassi (et) avessile di torto. Guardate signori no [n] faite limosina di male acquisto né d'usura né di male tollecto et p [er] ciò vo dico guardate vo di male fare (et) faite a vostro uuopo, amici di ricchessa di fellonie, così come fece Çacheo che diede l'una meitade ai poveri et l'altra meitade
[p. 17ra]
pagò a coloro a ccui elli l'avea tolto a torto in quatro doppi, et così fa homo, amici di ricchesse di fellonie. Di ciò che tu ài mal facto fa' tanto di bene qua [n] to tu potrai, sì come fece Çecchello che pagò li suoi debitori a quatro doppi ad tutti culoro a cui avea tolto a torto, et lo rimane [n] te diede ai poveri. Et così fa tu, et guarti poi di mal fare, ché malave [n] turato seresti se tu dessi li tuoi denari (et) poi rimanessi in male. Et in un'altra maniera potemo intendere faite, amici di ricchesse di fellonie, che tucte le ricchesse di questo seculo di qualunqua parte siano venute, chi le tiene (et) no [n] le re [n] de (et) dalle ai poveri, di fellonia sono, et folle e [st] chi le tiene (et) no [n] le dae ai poveri, ma che le celestiele ricchesse, che quelle sono tutte altre cose che queste. Quelli che ave alcuna cosa del tesauro di celo, quelli ave verace ricchessa. Se lo tuo padre ti lassa lo suo avere ch'elli ave guadagniato honestame [n] te et di suo diricto guadagno, se tu di queste ricchesse vuoli essere riccho, du [n] qua no [n] l'amerai tu, et se tu l'ami du [n] qua t'ànno elle perire, ma verace ricchesse sono quelle del cielo, che homo no [n] le può perdere, sì come Dio disse in del Vangelio:
[p. 17rb]
"Faite lo vostro thesauro in cielo, che colà no [n] lo potete p [er] dere", cioè quelli che dà lo suo avere ai poveri. Quelle che h [om] o chiama ricchesse et lo n [ost] ro Signore le chiama fellonie. Et s [an] c [t] o Geronimo disse: "Quelli che fa limosina (et) dirictura serà satollo in vita durabile", et dice che tre limosine sono, una corporale (et) due spiritale, et in ta [n] to chome l'anima vale piò che 'l corpo, intanto val più la speritale che la corporale. La corporale limosina e [st] qua [n] do h [om] o dà lo suo avere. La spiritale limosina e [st] p [er] donare buonam [en] te a ccolui che male li arà facto et accordare coloro che sono in discordia, l'altra e [st] casticare coloro che sono in peccato. Quelli ama lo suo nimico chi à dolore dell'altrui male, et chi altrui [con] sillia qua [n] do lo vede bisognoso, sensa fallo quelli fa grande limosina. Acciò potete vedere che neuno homo non è tanto povero né tanto disasiato, che limosina no [n] possa fare. Et in un altro luogo disse s [an] c [t] o Agustino: "A la taulla là u sono li religiosi poveri C [hrist] o mangia co. lloro. La cosa in che si de [n] no glorificare li vesscovi si è ch'elli denno pre [n] dere guardia dei poveri (et) bisogniosi, che magior biasmo
[p. 17va]
che i preiti possa essere si è d'amassare avere". Et s [an] c [t] o Gregorio disse: "Di tali sono di voi che non àno pane di che fare limosina, ma elli àno tal cosa che vale più che pane". Che e [st] quello che vale più che pane? La buona paraula de la lingua sua, ché magior cosa e [st] pascere l'anima che tutto te [n] po de' vivere del co [n] ducto de la buona paraula de la lingua sua, che non è a satollare lo ve [n] tre terreno che tosto de' passare. Per Dio vo prego frati che voi no [n] tolliate la limosina de la vostra buona paraula. Molti ho(min)i sono che da [n] no gra [n] de partita del loro avere ai poveri che si credeno ta [n] to in de la misericordia di Dio che p [er] cotale limosina pe [n] sano essere liberati dei lor peccati. Ma infin che noi diamo al bisognioso ciò che biçogno li fae, no [n] diamo lui del n [ost] ro mai re [n] diamo ciò che de' essere loro. Et qua [n] to noi avemo sì p [er] diamo qua [n] do noi pensiamo dare partita (et) partita tenere, che nulla no [n] dovemo tenere, mai tutto dare in limosina, che in del Canone dice: "Quelli è buono dispensatore che nulla no [n] tiene ad suo vuopo". Et s [an] c [t] o Blasio disse: "No [n] siate pigri di fare limosina ai bisogniosi". Et s [an] c [t] o Sidro disse: "Neuno peccato puote essere p [er] donato p [er] limosina se quelli che fa la limosina persevera in del peccato.
[p. 17vb]
Chi fa la limosina di ciò che tolle (et) rapisce altrui, già p [er] ciò no [n] troverà misericordia, mai tuctora cresce più la mia follia. Quelli che tolle la cosa no [n] la puote dare a diricto, né non è buono dono tollere all'uno (et) dare all'altro. Straina fellonia est de la cosa del povero dare al riccho. Et qua [n] do tu vorrai b(e)n fare (et) avre mercè d'alcuno no [n] guardare a ccui tu vuoli fare lo bene, che b(e)n tosto schiferesti tale a cui fa magior mistiri che a cui tu lo dresti [che a ccui tu lo dresti] . Chi veraceme [n] te ama cului a cui elli dona la limosina be [n] fa, che più vale lo bene volere che 'l dono. Et quelli ch'est ariato di quel che dona sì p [er] de lo dono cioè lo guilliardone, che là u non è buon volere no [n] vi puote essere misericordia". Et s [an] c [t] o Cipriano disse: "Sensa fallo fa grande limosina chi a cului p [er] dona che male li à facto". Et Salamon disse: "Chi limosina fa di rapina tal grado li fa Dio come fa lo padre a ccolui che lo suo filiuolo li ucide i [n] nanti a sséi". Et s [an] c [t] o Gregorio disse: "Lo bene che noi potemo fare ai nostri p(ro)ssimi no [n] lo dovemo lassare di fare, ché in altra maniera no [n] potemo essere menbro del n [ostr] o Signore se Dio (et) lo n [ostr] o p [ro] ssimo noi no [n] amiamo". Et s [an] c [t] o Ieronimo disse: "Invano stende le suoi mane inver lo n [ost] ro Signore
[p. 18ra]
p [er] chierere misericordia (et) mercè dei suoi peccati se no [n] lo stende al povero qua [n] do li chiere ch'ei faccia". Et s [an] c [t] o Sisto disse: "Se tu no [n] de' al bisognoso ciò ch'elli ti chierrà, Dio no [n] ti drà ciò che tu li chierrai". Et s [an] c [t] o Agostino disse: "Signori, noi dovemo dare ai poveri a ma [n] giare et a bere, che tanto ave lo riccho de la sua ricchessa quanto elli ne dà ai poveri et lo rimane [n] te li est tentassione".

20. XVIII DE ALBERGARE LI POVERI

DE ALBERGARE LI POVERI. Octavo decimo grado di questa s [an] c [t] a scala si è albergare lo povero p [er] amore di Dio, et ciò loda molto lo n [ost] ro Signore qua [n] d'elli disse in del Va [n] gelio: "Quelli che lo povero riceve lo n [ostr] o Signiore medesimo riceve, et p [er] ò dirà elli al dì iudicio a ccoloro che volentiere l'avranno albergato: "Io fui se [n] sa albergo (et) voi mi riceveste"", come si trova in de la s [an] c [t] a scrittura che lo n [ost] ro Signore (et) lo suo s [an] c [t] o angelo in similitudine d'omo ve [n] neno ad albergare co [n] uno s [an] c [t] o h [om] o, sichome Abram che albergò lo n [ostr] o Signore, et sicome Loct che albergò l'angelo. Et s [an] c [t] o Agostino disse: "In de la magione dell'orgollioso albergò ma elli no [n] albergò in del suo cuore". Ma Çaccheo albergòe in del suo coragio (et) in de la sua magione, che la meità del suo avere diede ai poveri e dell'altra meità pagòe li suoi debitori, cioè
[p. 18rb]
a coloro a cui elli l'avea tolto ad torto. Et s [an] c [t] o Gregorio disse: "Signori, guardate che grande festa e [st] ad albergare lo n [ostr] o Signore in de la casa del suo chuore". Certa cosa e [st] che se voi volete albergare in de la casa vostra uno vostro signore terreno p [er] ò che voi l'amate sì apparecchiate la vostra magione al mellio che voi potete, p [er] ché lo Signore no [n] vi trovi alcuna cosa che li dispiaccia. Dunqua molto piò quelli che Dio vuole albergare in de la sua magione del suo cuore de lo nectare di tucti li suoi peccati p [er] penete [n] tia (et)p [er] confessione, ché lo n [ostr] o Signore non intrò né entra in neuna cosa che li dispiaccia. Che quelli che ave orgollio u avarisia u luxuria, quelli chiude l'uscio del suo chuore (et) no [n] vi lassa Dio intrare. Et s [an] c [t] o Agustino disse: "Qua [n] do Dio no riconperò sei medesmo fece di noi sua magione". Sicome voi no [n] volete che la vostra magione no [n] sia abactuta, et tu che se sua magione se tu no [n] vuoli avere mercè di tei p [er] l'amore di tei medesimo, sì n'abbi mercede p [er] l'amore di Dio cui magione tu se'. Sicome disse s [an] c [t] o Paullo, voi siete tempeo di Dio, et lo Spirito di Dio avita in voi, et chi corronprà lo templo di Dio, Dio corronperà lui, ché in del
[p. 18va]
templo magagnato avita Dio. Et s [an] c [t] o Ieronimo disse: "Quelli alberga Dio in de la sua magione che lo fa dilectare in de le suoi buone opre ch'elli fa (et) che elli dice Et che pensa in del suo coragio, ciò sono quelli che fanno li coma [n] damenti di Dio, che lo pensieri del buono homo si è lo templo di Dio". Et tanto tosto com'elli pensa del da [n] no del suo prossimo si è forsa di ladrone. Et s [an] c [t] o Chime [n] to disse: "Folle cosa e [st] di neuna cosa amare piò che Dio. In del pensiere là u non è la memoria di Dio si è luogo di diaulle". Et s [an] c [t] o Sisto disse: "Lo pensieri del buon omo e [st] ecclesia di Dio et lo pensieri del malo homo e [st] magiore del dimonio".

21. XVIIII HONORARE PADRE (ET) MAT(RE)

HONORARE PADRE (ET) MAT [RE] . Nonodiecimo grado di questa s [an] c [t] a schala si è honorare homo lo suo padre (et) la sua madre. Et ciò disse s [an] c [t] o Paullo in de la sua pistola, che honorare de' homo lo suo padre, Moyses disse: "Maledecti siano quelli tutti che no [n] honorano lo loro padre (et) la loro madre". Et tucto lo populo rispuose (et) disse: "am [en] ". Et s [an] c [t] o Agustino disse: "Honorare de' h [om] o lo suo padre (et) la sua madre se elli no [n] li vietano d'andare inver Dio". A la sua sepultura no [n] de' essere, che la scriptura dice: "Se tua madre ti vieta la via di Dio, mecteli
[p. 18vb]
lo piede in sul pecto et va oltra". Et Dio disse in del Va [n] gelio: "Chi più ama padre u madre che me non è degno di mei". Et David disse: "Cotale merciè come l'omo à del suo buono filliuolo, cotal mercè à Dio di culoro tucti che lui temeno". Et lo n [ost] ro Signore Dio disse in del Vangelio co. li suoi discipoli: "Voi siete tucti frati, et p [er] ò no [n] volliate unqua temere di chiamare padre in t [er] ra, che uno solo e [st] n [ost] ro padre che in cielo e [st] ". Et s [an] c [t] o Agustino disse: "Voi signori che siete menbro di C [hrist] o guardate qual padre voi avete p [er] ò che voi siete menbro (et) filiuol di Dio, et pensate chi è vostro et che heredità a voi è promessa che nulla n'è cotale come quella che noi avemo in terra, che questa no [n] può h [om] o avere fin a che lo padre non è morto, ma noi avremo la heredità che Dio a noi ave promessa a la vita del n [ostr] o padre che in cielo e [st] ". Et quelli che tolle alcuna cosa al suo padre (et) a la sua madre si è micidiale. Chi e [st] n [ost] ro padre? Ciò è Dio, et n [ost] ra madre si è la s [an] c [t] a Ecclesia. Et chi fa male al cristiano sì fa male a C [hrist] o, et chi fa bene al cristiano sì fa bene a C [hrist] o. Et in un altro luogo disse s [an] c [t] o Agustino: "Tutti quelli che Dio seguitano sì sono suoi cari filliuoli, et
[p. 19ra]
Dio suoi filiuoli li chiama. Come credi tu avere l'eredità che Dio ti promette se tu no [n] vuoli seguitare (et) fare li suoi coma [n] dame [n] ti?". Et s [an] c [t] o Ieronimo disse: "Qua [n] do noi diciamo lo Pat [er] N [oste] r sì chiamano Dio Dio padre, et chi Dio chiama padre sì de' fare come filliolo di Dio, et no [n] de' unqua trali [n] gnare di così grande padre come Dio e [st] ". Et s [an] c [t] o Ambrosio disse: "Mellio e [st] ad essere filiuolo di Dio che avere terre". Et ciò disse s [an] c [t] o Sisto: "Siate degni di colui che vo degna di chiamare filiuoli. Quelli e [st] filliuolo di Dio che ama solame [n] te ciò che Dio ama. Chi Dio chiama padre sì de' fare come filliolo di Dio [chi Dio chiama padre sì de' fare come filliolo di Dio] , che grande fellonia fa chi Dio [chi] chiama (et) poi fa alcuna cosa che Dio vieta".

22. XX DE ATENPERARE SILENSIO

DE ATENPERARE SILENSIO. Vigesimo grado di questa s [an] c [t] a scala si è adtenperare silentio che Dio disse in del Vangelio: "De l'abbondantia del chuore parla la boccha, che lo buon omo del suo buono tesaurro mette fuore lo bene, et lo mal omo del suo malo thesauro mecte fuore lo male, ché di tutte le paraulle otios che diranno li omini rendrano ragione dena [n] ti a Dio al dì iudice, u' p [er] la tua paraulla serai salvo, u p [er] tua paraulla serai
[p. 19rb]
dannato". Et in un altro luogo disse Dio in del Vangelio: "Ciò ch'io vo dico privado sì dite palese". Et in un altro luogo disse Dio in del Vangelio, ch'elli disse a uno: "Seguitami", et quelli rispuose: "Lassemi seppellire lo mio padre ch'è morto", et lo n [ost] ro Signore li disse: "Lassa seppellire lo morto al morto, et va ad ino [n] siare la paraula di Dio". Et s [an] c [t] o Ieronimo disse: "No lo disse lo n [ost] ro Signore p [er] ò che no [n] fusse gra [n] de bene ad seppellire lo suo padre, ma magiore cosa e [st] a predicare lo Va [n] gelio (et) suscitare coloro che sono morti in anima che non è lo morto seppellire, ché lo minore de' h [om] o lassare p [er] fare lo magiore". Et in un altro luogo disse Dio in del Va [n] gelio: "Andate a segare che le biade sono mature e poghi sono dei segatori, et pregate lo Signore de le biade che mecta piò segatori". Et s [an] c [t] o Gregorio disse: "Ad pena m'ategno ch'io no [n] piango p [er] ché se molti fusseno quelli che vollesseno udire la paraulla di Dio, et poghi sono quelli che dire la vollieno". Et in un altro luogo disse Dio in del Vangelio ai suoi apostoli: "Andate (et) insegniate ciò che io vo dico". Et s [an] c [t] o Sidro disse: "Tutti quelli sono discepoli di Dio che fanno li suoi comandam [en] ti". Et in un altro luogo
[p. 19va]
disse Dio in del Vangelio a la samaritana che lassòe la sua caldaia che avea portata al posso p [er] atingere dell'acqua, che ella andasse ad inonsiare lo n [ost] ro Signore a la cità. Et p [er] sua paraula si co [n] vertite molto grande gente. Et s [an] c [t] o Agustino disse: "Cotale amore come la samaritana ebbe inver lo n [ost] ro Signore, cotale amore dovemo noi avere, che ella lassòe ciò che avea portata et andò ad ino [n] siare lo n [ost] ro Signore a la cità. Et p [er] ciò dovemo noi lassare tucto l'affare del seculo [et dovemo noi lassare tutto l'affare del seculo] , et dovemo anu [n] siare lo n [ost] ro Signore. Grande [grande] guadagno e [st] ad anu [n] tiare la paraulla del n [ost] ro Signore Dio, et p [er] duto è chi la tace". Et in un altro luogo dice lo Vangelio che li Farisei ve [n] nero al n [ost] ro Signore (et) dissenoli: "Sere, di' a li tuoi discepoli che si tacciano, che troppo parlano". Et lo n [ost] ro Signore disse loro: "S'elli si taceno le pietre parlerano". Et in un altro luogo disse lo n [ost] ro Signore in del Va [n] gelio: "Chi ronperà uno de li minori dei miei comandame [n] ti (et) chi l'insegnerà ronpore si serà chiamato minore del regno di cielo". Et in un altro luogo dice in del Va [n] gelio che lo n [ost] ro Signore disse a s [an] c [t] o Piero et a s [an] c [t] o [(et) a s [an] c [t] o] Andrea: "Piero, seguitami. Tu se' pescatore di pesci (et) io
[p. 19vb]
ti farò pescatore delli omini". Et in un altro luogo dice Dio in del Va [n] gelio: "Castica lo tuo frate se tu lo vedi peccare, et se elli ti vuole credere sì ài guadagnato te (et) lui". Et in un altro luogo disse Dio in del Va [n] gelio: "P [er] ciò mi vuole male lo mo [n] do, p [er] ché io biamo l'opre del mondo". Et s [an] c [t] o Paullo disse: "Io sono tenuto al greco (et) al saracino (et) al folle (et) al savio et a quelli di Roma di predicare lo Vangelio, ché ciò è vertude di Dio et salute di tutti quelli che vi credeno". Et in un altro luogo disse s [an] c [t] o Paullo: "Se io predico non è unqua mia gloria mai è bisogno che io lo faccia, che mia ria ventura serebbe se io no [n] lo facesse. Et se io lo faccio io n'arò guilliardone". Et in un altro luogo disse s [an] c [t] o Paullo che unqua mala paraulla no [n] escha di vostra boccha, et se voi sapete alcuna paraula buona sì la dite. Et in un altro luogo disse s [an] c [t] o Paullo a Thimotheo: "Io ti scongiuro dina [n] ti a Dio I [es] u C [hrist] o che iudicha [rà] e li vivi et li morti che tu predichi la paraula di Dio (et) incalcia ingressame [n] te et co [n] venevileme [n] te riprende in patientia et in doctrina". Et in un altro luogo disse s [an] c [t] o Paulo: "Io servo Dio in predicare lo Vangelio, che quelli che predica lo Vangelio de' vivere de la predicassione del Va [n] gelio". Et s [an]
[p. 20ra]
Prosepro disse: "Quelli de' vivere de La predicassione del Vangelio che no [n] vuole avere proprio né no [n] l'atende d'avere". Et lo n [ost] ro Signore Dio disse ad s [an] c [t] o Paullo: "Parla (et) non tacere, che io sono techo". Et s [an] c [t] o Iacopo disse: "Chi farà co [n] vertire lo peccatore dello errore del suo peccato, la sua anima salverà da morte". Et Salamo [n] disse: "Sapie [n] tia nascosa (et) tesauro nascoso n [on] vale neienre. La lingua del savio homo è come fino argento, et lo corpo del fellone torna a neiente". Et in un altro luogo disse Salamone: "L'omo diricto pensa tuctora in de la magiore dei felloni et travalliasi come lo potesse levare dai mali. Mellio e [st] casticame [n] to palese che amore nascoso". Isaya p [ro] feta disse: "Gridate et no [n] cessate (et) exaltate le vostre voce come corvi et amonite li peccatori che si lievitino dei loro peccati". Et in un altro luogo disse Isaya profeta: "Apparecchiate la via al n [ost] ro Signore et faite diricti sentieri". Et s [an] c [t] o Agustino disse: "Quelli apparecchia la via al n [ost] ro Signore che buona fede (et) buona opra predica in del suo coragio di quelli che la sua predicassione riceveno. Et dunqua fa diricto sentieri del suo Signore qua [n] do p [er] sua buona predicassione necta li coragi delli omini de la loro mala volontà". Et Ieremia p [ro] feta disse: "Lo
[p. 20rb]
povero vorrè del pane ma non è chi lo ronpa loro". Et Çecchiel profeta disse: "Se tu no [n] dici all'omo che si lievi de la sua fellonia et elli muore, io ti rechierò la sua morte de la sua mano". Et s [an] c [t] o Agustino disse: "Molto è richiesto ai vescovi (et) ai preiti (et) ai maiestri de la s [an] c [t] a Ecclesia di ciò ch'elli no [n] p(re)dicano la paraula di Dio, et no [n] pur solame [n] te a lloro, ma anco serà richiesto a tucti li altri clerici (et) làdici al dì iudicio, che così com'elli appre [n] deno la sapientia del seculo, così potrebbeno apprendere la sapientia di Dio". Et Iuvenale che fu sponitore disse che li preiti deno predicare la paraula di Dio, et no pur solame [n] te li preiti ma anco li savi homini làdici. Et in un tabernaculo nn'anea pur solame [n] te le gra [n] de fiole, mai v'à ancho de le cigule. Le grande significano li preiti (et) li cherici, et le cigule significano li omini làdici che tucti si denno travalliare de la salute dell'anima, che a ciascuno è apparecchiato et accomandato lo biçanto. Et s [an] c [t] o Agustino disse: "Tu che ami Dio predica (et) istende carità p [er] lo mondo, et nullo termine no [n] lassare invano trapassare che tu no [n] insegni alli atri ap [er] tame [n] te, et fermame [n] te predica se tu sei la Scrittura (et) no [n] [an]
[p. 20va]
andare altra cosa cercando, ma ciò che ti dirà la divina Scrittura". Et se tu se' prigo che tu no [n] inte [n] di mai che solame [n] te in tei et pens'a tei medesmo (et) no [n] ti cura di casticare li altrui peccati né de l' altrui anime salvare et dici: "Pur solamente l'anima mia possa io salvare", folle se' che no [n] ti soviene di ciò che Dio disse in del Vangelio del mal servo pigro che lo biçanto del suo signore nascose socterra. Elli no [n] fu unqua accussato p [er] ciò che l'avesse p [er] duto, ma elli fue accusato p [er] ò ch'elli lo guardòe sensa guadagno. Et p [er] ciò disse lo n [ost] ro Signore: "Mal servo pigro, no [n] t'accomandai io lo mio avere a guadagno?". "Legateli le mani (et) li piedi", disse lo n [ost] ro Signore "et mectetelo in de le profonde tenebre là u ave stridore di de [n] ti (et) pianto". Et p [er] ò signori lo n [ost] ro Signore no mostra che nessumo homo no [n] si de' riposare di guadagnare a Dio. Et s [an] c [t] o Agustino disse: "No [n] ti fidare pur solame [n] te in cui tu vederai ben fare. Quelli de' bene insegniare a li altri che di sopra sei fa cessare li mali (et) li peccati. Quelli che bene insegna (et) fa male confonde sei medesmo, et quelli che insegna alli altri saviamente de' parlare (et) saviame [n] te
[p. 20vb]
tacere, che no [n] dica ciò che li co [n] viene tacere, né no [n] taccia ciò che li co [n] viene dire". Et in un altro luogo disse s [an] c [t] o Geronino: "Lo folle iudicame [n] to Dio lo vieta, ma lo casticame [n] to octolea a tutti coloro che in p [r] ima si sono levati dei loro peccati. Et p [er] ciò si prendano guardia che non siano pigri di casticare li altrui peccati, che altreta [n] to varrè loro come s'elli li co [n] sentisseno". Et s [an] c [t] o Anbrosio disse: "Chi no [n] casticha l'atrui peccato tanto qua [n] to puote, consentitore e [st] del peccato, et quelli che altrui riprende de' suoi peccati sìe si de' dilungare molto dai peccati, che in p [r] ima de' se medesmo amendare quelli che altrui amonisce di bene fare (et) di ben dire (et) di bene vivere". Et ancho disse sa [n] Anbrosio che tale può tenere silensio da la mane infine al vespero. Et s [an] c [t] o Gregorio disse: "Sichome l'omo e [st] dannato p [er] la folle paraula qua [n] do la dice, chosìe e [st] dannato chi tieno silensio che poterebbe insegnare (et) no [n] insegna. Or no [n] dicha nullo di noi: Io no [n] ti so amonire né bene predicare che se tue guardi malame [n] te ciò che Dio t'è comandato tu serai messo in torme [n] to chome lo malvage
[p. 21ra]
servo che no [n] avea mai ch'uno biçanto, et quello medesmo nascose socterra (et) no [n] lo volsse in guadagno". Quelli nascose lo biçanto del suo signore socterra che lo intendime [n] to che Dio li ave dato inpiega in de le terrene cose. Di tali sono di voi che no [n] àno pane che diano ai poveri, ma elli àno tale cosa che vale più che pane, ciò e [st] la buona paraula de la sua lingua che può salvare l'anima. Che magiore cosa e [st] a pascere l'anima che durabileme [n] te de' vivere del co [n] ducto de la buona paraula, che no [n] e [st] lo ventre satollare che tosto trapassa. P [er] Dio vo prego che voi no [n] tolliete la limosina ai vostri prossimi de la v [ost] ra buona paraula. Et Orrigine disse: "Chi vede lo suo prete peccare (et) no [n] lo castiga sì àe parte del suo peccato". Et s [an] Gregorio disse: "Nessuno sacrificio piace più a Ddio che la salute de l'anima". Et s [an] c [t] o Benedecto disse: "Più vale la buona paraulla che alcuno dono u che tucto l'avere di questo seculo, et lassare lo male (et) fare lo bene". Che e [st] lo male? Chio che Dio vieta. Che e [st] lo bene? Tucto (et) ciò che Dio comanda.

23. XXI DE BONO CONSILIO

DE BONO CONSILIO. Vigesimo p(ri)mo grado di questa s [an] c [t] a scala sì e [st] buono co [n] silio, che Dio disse in del Vangelio contra uno h [om] o che venne a. llui che lo dimandò
[p. 21rb]
e disseli: "Maiestro, che poterei io fare ch'io avesse vita durabile?", et lo n [ost] ro Signore li disse: "Fa li coma [n] dame [n] ti de la lege". Et elli risspuose (et) disse: "Sere, quali sono li comandame [n] ti de la lege?", et lo n [ost] ro Signore li rispuose (et) disse: "No [n] fare micidio né avolterio né furto né sii falso testimonio, onora tuo padre (et) tua madre, ama lo tuo prossimo chome te medesmo". Et quelli rispuose (et) disse: "Sere, tucto questo abbo facto fin de la mia fancellessa", et lo n [ost] ro Signore li disse: "Anco ti falla, ciò e [st] vende ciò che tu ài (et) dallo ai poveri (et) fa teçauro in cielo e poi mi seguita". Et s [an] c [t] o Agustino disse: "Quando lo n [ost] ro Signore ci chomanda che noi vendiamo le n [ost] re cose (et) dialle ai poveri elli no [n] vuole unqua che noi le p [er] diamo, mai vuole che noi ne facciamo tesauro in cielo. Quello no [n] vuole fare colui che dimanda al n [ost] ro Signore com' elli potesse avere vita durabile. Gra [n] de cosa era ciò ch'elli dima [n] dava ma molto era vile cosa ciò ch'elli no [n] vuolse lassare. Et p [er] amore ch'elli ebbe a la vile cosa p [er] decte elli la verace carità. Et lo n [ost] ro Signore no [n] li disse unqua ciò ch'elli volea udire mai li disse ciò che li dovea dire". Et in un altro luogo no' dice sa [n] Agustino: "B [e] n sappia ciascuno cristiano
[p. 21va]
che uno angelo li ave Dio dato a guardia, et sappia bene l'omo che l'angelo comta (et) dice a tuctora al n [ost] ro Signore l'opre che noi facciamo di dìe (et) di nocte u siano buone u siano rie, et a tucte l'ora che noi lo bene facciamo (et) che noi lo diciamo sì crediamo al consiglo dell'angelo che no sta dal diricto lato et a tucte l'ore che noi lo male facciamo (et) che noi lo diciamo sì facciamo lo consiglo del dimonio del diaule che no sta dal ma [n] co lato. Qua [n] do noi diciamo mensione et paraule otiose, co [n] silio di demonio e [st] (et) paraulle di demonio sono". Et s [an] c [t] o Blasio disse che in tucte l'opre che tu vuoi fare sì ti ricordi di Dio, et se ciò che tu vuoli fare e [st] seco [n] do lo coma [n] dam [en] to di Dio sì lo fa, et se e [st] male inver Dio no [n] lo fare mai te 'l tragie di chuore.

24. XXII DE DIRICTO IUDICAMENTO

DE DIRICTO IUDICAMENTO. Vigesimo seco [n] do grado di questa s [an] c [t] a schala si è diricto iudicame [n] to che Dio disse in del Va [n] gelio: "Non volliate iudicare che no [n] siate iudicati, che a cotale misura come voi misurrete, a cotale misura vo misurerà Dio. Perché poni tu me [n] te la festuca in dell'ochio del tuo frate, et in del tuo no [n] vedi la trave? Come osi tu dire al tuo frate che si tragga lo festuco del suo occhio infine a ce tu ài in de lo tuo lo trave? Folle ypocrita se'.
[p. 21vb]
Tragie in p [r] ima la trave del tuo occhio, et poi vedrai più chiarame [n] te lo festuco in de l'ochio del tuo frate". Et s [an] c [t] o Paullo disse: "Tu che iudichi altrui et tei medesmo no [n] puoi scuçare, in ciò che iudichi altrui sì danni te medesmo. Tu predichi che h [om] o no [n] involi et involi tue. Tu insegni che h [om] o no [n] faccia avolterio et failo tu". Et Moyses disse: "Maladico io voi che siete savi a voi medesmi et giustitiate li felloni p [er] li loro doni et tollete la dirictura al dirict'omo et p [er] ò serete divorati sì come lo fuocho divora la pallia". Et s [an] Agustino disse: "Chi loda la mia paraula (et) no [n] la fa elli medesmo si iudica". Et s [an] Iacopo disse: "Voi che siete figliuoli di Dio no [n] dannate nessuno inna [n] ti iudicame [n] to, mai lo sprovate prima et poi lo iudicate". Et s [an] c [t] o Agustino disse: "Lo coragio dell'omo no [n] può nullo iudicare, et non è mai che Dio che vede lo coragio di tucti", che Dio disse in un altro luogo in del Vangelio: "Quelli di Niviene no [n] si iudicrano, che feno penete [n] sia p [er] la predicatione di Iona. Et voi avete più che Iona".

25. XXIII DE BUONO EXENPLO

DE BUONO EXENPLO. No vigesimo terso grado di questa s [an] c [t] a scala si est buono exenplo, che Dio disse in del Va [n] gelio qua [n] do elli lavò li piedi ai suoi apostoli: "Questo e [st] l'essenplo che io vo lasso che voi facciate
[p. 22ra]
alli altri ciò ch'io faccio a voi". Et in un altro luogo disse dio in del Va [n] gelio: "Cingetevo in dei lonbi et portate lucerna ardente in mano". Et sa [n] Paulo disse: "Di ben fare vo travalliate dina [n] ti a Dio (et) dina [n] ti a li omini". Et s [an] c [t] o Ieronimo disse che buono assemplo dovemo dare di noi medesmi. Et se voi volete che io vo faccia bene si lo faite voi alli altri. Et in un altro luogo disse s [an] c [t] o Ieronimo. "Qua [n] do le stelle vo serano obscure che farano li peccatori che bene non volliano fare et danno mali exempli alli altri?". Et in un altro luogo disse s [an] c [t] o Ambrosio: "Quelli che buona vita mena (et) buono assemplo mostra alli altri p [er] ragione lo de' h [om] o chiamare lampana ardente". Et s [an] c [t] o Sidro disse: "P [er] ò sono scritte le vite dei s [an] c [t] i, che homo ne prenda assemplo. Et qua [n] do noi seguitiamo coloro che noi sapemo che fa [n] no male, ben dovemo noi seguitare cololoro che noi sapemo che fanno bene et vanno p [er] la via diricta".

26. XXIIII DE VISITARE L'INFERMI

DE VISITARE L'INFERMI. Vigesimo quarto grado di questa s [an] c [t] a scala si è visitare hom lo 'nfermo. Che Dio disse in del Vangelio: "Io fui infermo e voi mi visitaste, et ciò che voi faceste a uno de li miei". Et in un altro luogo disse Dio in del
[p. 22rb]
Va [n] gelio che al sano no [n] fa mistieri medico, ma a lo 'nfermo ben fa mistieri. Et in un altro luogo disse Dio in del Va [n] gelio: "Io no [n] venni in terra p [er] li giusti mai p [er] li peccatori". Et s [an] c [t] o Iacopo disse: "Chi si fa religioso et no [n] rifrena la lingua sua di maledire, la sua religione e [st] vana et no [n] buona, ma buona (et) necta e [st] inver Dio di visitare h [om] o li orfani (et) le femine vedove qua [n] do elli sono in triblassione, et lo suo corpo guardare dei peccati". Et s [an] c [t] o Agustino disse che tucti quelli che no faranno li coma [n] dame [n] ti del n [ost] ro Signore et che no [n] si guarderano di tucto (et) ciò che Dio vieta si anderano in de l'eternale pena. Et s [an] c [t] o Ieronimo disse che noi dovemo visitare lo 'nfermo et buoname [n] te co [n] fortare. Et quelli che visita lo 'nfermo Dio visita lui in gloria. Et s [an] Agustino disse che tucti quelli che sono amadori del mondo p [er] alcuna mala cupitisia (et) no [n] guardano li coma [n] dame [n] ti di Dio sì giaceno in pena (et) in malitia. Et s [an] Gregorio disse che di tali sono che amano li lor p [ro] ximi corporalem [en] te et no [n] spiritualem [en] te, che qua [n] do vedeno lo loro proximo in diçagio (et) in malatia sì nde pare loro grande peccato. Ma elli no [n] ponno niente in de la malattia del mondo p [er] l'anima et no [n] l'amonisce che si lievi dei suoi
[p. 22va]
peccati. Che tutti quelli che amano lo loro prossimo corporalemente (et) no [n] spiritualemente la croce portano ma no [n] seguitano Dio per lei.

27. XXV DE IRE AD ECCLESIA

DE IRE AD ECCLESIA. Vigesimo quinto grado di questa s [an] c [t] a schala si è d'andare a l'Ecclesia, che lo n [ost] ro Signore Dio ci ne mostrò assemplo quand'elli andava ad adorare al templo. Et David p [ro] feta disse che sei fiate dovemo orare al n [ost] ro Signore lo die. Et s [an] c [t] o Agustino disse che tutti li cristiani del mondo deno due fiate lo giorno ire a l'Ecclesia almeno, cioè al maitino (et) al vespro, et deno p [re] gare p [er] li loro amici (et) p [er] li loro nimici, che qua [n] do lo n [ost] ro Signore andava una fiata al tenplo si vi trovò venditori et comperatori et caccioli fuore. Et s [an] c [t] o Agustino disse: "Così s [an] c [t] ame [n] te come lo n [ost] ro Signore cacciò li venditori (et) li conpratori fuore dal te [n] plo, così seranno gittati (et) cacciati de regno di cielo coloro che dentro da la s [an] c [t] a Eccl [es] ia parlano mensione (et) paraule otiose".

28. XXVI DE LA DIRICTA OFFERTA

DE LA DIRICTA OFFERTA. Vigesimo sexto grado di questa s [an] c [t] a scala si è diricta offerta, che Dio disse in del Vangelio: "Qua [n] do tu andrai ad offerere a l'altare, si ti ricorda se tu ài ira u malavoliensa inver lo tuo frate cristiano,
[p. 22vb]
et se tu l'ài lassa l'offerta denanti a l'altare (et) va, acordati co [n] lui et poi torna (et) va ad offerere a l'altare, et allora riceverà Dio la tua offerta, se tu la fai dirictam [en] te". Che ciò disse s [an] c [t] o Matheo, che tre rei venneno ad offerire al n [ost] ro Signore tre cose, oro, incenso (et) mirra. Per l'oro dovemo intendere exemplo di buone opre. Per lo 'ncenso dovemo intendere pura orassione, et di ciò disse David: "Sere, riceve la mia orassione sì come tue ricevi lo 'ncenso che arde dena [n] ti a l'altare". Per la mirra dovemo intendere lo mortificame [n] to de la carne, et di ciò disse s [an] c [t] o Paullo: "Mortificate le vostre menbra sopra terra, fornicassione, luxuria, avaritia, cupidissia no [n] sia in voi nulla". Et Salamone disse che l'offerta dei felloni e [st] abominabile dena [n] ti a Dio che lo dono de' fellon no [n] riceve Dio. Et s [an] c [t] o Agustino disse: "Di tali sono che àno assai oro (et) argento de la loro magione, dentro, et dentro da la s [an] c [t] a Eccl [es] ia sono poveri (et) mendichi, però che no [n] de danno ai poveri". Et p [er] ciò disse lo n [ost] ro Signore a Caym qua [n] d'elli facea la sacrificio suo: "Se dirictamente non offerisci peccato ài facto; riposatinde". Et q [ua] ndo Abel lo facea dirictamente sì l'amava (et) ricevea dirictame [n] te (et) volontiere
[p. 23ra]
Dio la sua offerta.

29. XXVII DE LA DECIMA

DE LA DECIMA. Vigesimo settimo grado di questa s [an] c [t] a scala si è che homo renda dirictame [n] te la diecima sua, che Dio disse in del Va [n] gelio: "Tucte v [ost] re decime dipartite". Et s [an] c [t] o Ieronimo disse: "P [er] ciò sono le diecime trovate p [er] ché elle siano date a li biçognosi". Chi vorrà avere guilliardone da Dio et vorrà che Dio li p [er] doni li suoi peccati renda diecima di tutte le suoi chose, et de le nove parti che li rimanno faccia limosina p [er] l'amistà di Dio, che le nove parti sono debite al n [ost] ro Signore, et chi no [n] rende la sua decima si tolle l'altrui cose (et) sei medesmo danna.

30. XXVIII DE SAPIENTIA

DE SAPIENTIA. Vigesimo octavo grado di questa s [an] c [t] a scala si è sapientia, che Dio disse in del Vangelio: "Quelli che ode li miei comandame [n] ti (et) falli est assimilliato al savio h [om] o p [er] ò che edifica la sua magione sopra la ferma pietra, che quando vienno le piove (et) l'acque e 'l ve [n] to [et] fiere sopra la magione, ella no [n] cade p [er] ch'ella e [st] fondata sopra la ferma pietra. Et quelli che ode li miei coma [n] dame [n] ti (et) no [n] li fa sì s'assimillia al folle homo che la sua magione fa sopra la rena, che vienno le piove (et) l'acqua et lo vento [et] fiere sopra la magione
[p. 23rb]
et ella cade (et) dà grande p [er] cossa". Quelli fa la sua magione sopra la rena che lo suo coragio spiega i [n] de le terrene cose, di che h [om] o no [n] collie fructo che durare possa. Et in un altro luogo disse lo n [ost] ro Signore in del Va [n] gelio: "Siate savi come serpente et semplice come colo [n] ba, che lo serpente si ave tre nature. La p [r] ima e [st] ch'elli guarda la sua testa quando lo fieri, p [er] ò ch'elli ave lo chuore presso al capo. Altressì dovemo noi fare, che noi dovemo guardare la n [ost] ra testa, cioè Dio. La seconda natura del s [er] pente si e [st] che qua [n] do elli vuole bere sì rece lo veneno che ave in ventre (et) poi be' a la fontana. Et noi dovemo altressì fare che noi dovemo andare a la fontane cioè a la sa [n] ta Eccl [es] ia et quine dovemo vomicare li n [ost] ri peccati p [er] penete [n] sia et poi dovemo bere de l'acqua de la fontana, cioè la doctrina del Va [n] gelio". Et ciò disse lo n [ost] ro Signore in del Va [n] glelio: "Chi ave sete si ve [n] gna a bere. Chi mi crederà secondo la Scrittura io li farò iscire fiume d'acqua viva del suo ventre". La tersa natura del s(er)pente si e [st] che qua [n] do elli e [st] vecchio (et) elli si vuole rinovellare si digiuna uno te [n] po et dimagra tanto che la pelle li e [st] avissata. Et elli va cerca [n] do lo stretto
[p. 23va]
p [er] tuso p [er] lo quale solame [n] te la sua testa vi possa intrare (et) va oltra p [er] quel p [er] tuso et quine lassa tucta la sua vecchia pelle et inta [n] to e [st] rinovellato. Altressì dovemo noi fare, che noi siamo invecchiati in dei peccati dovemo digiuna [r] e di peccati (et) di mal opre fare. Et sicome disse sa [n] Agustino, homo no [n] de' pur solame [n] te digiunare del co [n] ducto, ma di tucti li peccati de la sua carne et poi de' h [om] o intrare p [er] lo strecto p [er] tuso. Sicome Dio disse in del Vangelio: "Intrate p [er] la porta strecta, che anpia è la via che mena altrui ad p [er] ditione, et molti sono quelli che vanno p [er] quella, et strecta è la via che mena altrui ad vita et pogi sono quelli che la trovino. Et p [er] istrecto p [er] tuso denno passare tutti quelli che volliano essere savi rinovellati". Et s [an] c [t] o Paullo disse: "Quelli che vuolno essere savi si siano in p [r] ima folli in questo seculo p [er] ò che poi sia savio, che la sapientia di questo seculo si è follia dina [n] ti a Dio". Et Ieremia p [ro] feta disse: "Li savi di questo seculo serano tucti [con] fusi (et) spaventati (et) presi p [er] ò che àno disp [er] giate le paraulle di Dio. Et nulla sapie [n] tia e [st] in loro". Et Salamon disse: "Sicome la rena e [st] vile cosa i [n] ver loro, così e male vil cosa e [st] inver Dio la loro sapientia". Sapientia e [st] lassare
[p. 23vb]
lo male (et) fare lo bene. Che e [st] lo male? Ciò che Dio vieta. Che e [st] lo bene? Ciò che Dio coma [n] da. Et s [an] c [t] o Ieronimo disse: "Sapie [n] tia e [st] temere Dio et sei medsmo cessare dai mali. Sapientia e [st] a fare l'omo bene". Et s [an] c [t] o Sidro disse: "Chi secondo Dio è savio, secondo lo mondo è folle. Nessuno no [n] tiene la sapientia di Dio se no [n] solamente quelli che lassa tucto l'affare del seculo".

31. XXVIIII DE BUONA VOLONTADE

DE BUONA VOLONTADE. Vigesimo nono grado di questa s [an] c [t] a scala si è buona volontà, che Dio disse in del Va [n] gelio: "Pace sia intra li omini di buona volontà". Buona volontà e [st] che h [om] o amasse altreta [n] to li altrui beni come li suoi, et altretanto li pesasse de li altrui mali come dei suoi. Et s [an] c [t] o Gregorio disse: "Quelli no [n] andrà co. le mane voite inver lo n [ost] ro Signore Dio che in del suo coragio porta buona volontà". Et sa [n] Ieronimo disse: "Signori, nessuno h [om] o si puote scusare dinanti al iudicam [en] to di Dio che elli no [n] possa in questi s [an] c [t] i gradi mo [n] tare p [er] ciò ch'elli vollia. Che bem sa l'omo fermame [n] te che i [n] qua dirieto sono stati fancelli (et) vecchi (et) giovani et homini (et) fe [m] mine che questi s [an] c [t] i gradi àno mo [n] tati. Né tanto povero non è che in questa buona volontà no [n] possa avere altreta [n] to bene come lo più riccho (et) lo più pote [n] te del mondo. Or abiano
[p. 24ra]
letitia li poveri che non àno ricchesse, che piò puono valere che li ricchi, che solame [n] te buona volontà abbiano. Neuna cosa non è piò riccha né piò dolce inver Dio che la buona volontà, che neuna cosa ci dima [n] da Dio mai che la buona volo [n] tà solam [en] te et la p [er] fecta opra".

32. XXX DE PERSEVERARE IN BENE

DE PERSEVERARE IN BENE. Trigesimo grado di questa s [an] c [t] a scala si è p [er] severare in bene, che Dio disse in del Va [n] gelio: "Chi arà p [er] severare di qui a la fine salvo e [st] ". Et in un altro luogo disse Dio in del Vangelio: "Quine 've io ti troverrò quine ti iudicerò". Et s [an] c [t] o Agu(stino) disse: "La morte temete (et) siate aveduti, che ciasscu [n] di voi vi de' venire". Et la cosa che più ucide l'omo si è che crede piò vivere che no [n] fae, et diceno dima [n] dimane mi tornerò inver Dio sicome lo corbo che dice crai crai, et qua [n] do meno si guardano (et) lo n [ost] ro Signore chiude loro l'uscio (et) rima [n] no di fuore. Ben tosto serà chi dirà: "Qualche ora io mi penta di miei peccati Dio me li p [er] doneràe", et la divina Scrittura dice: "A qualu [n] qua hora lo peccatore si penta et lievi dei suoi peccati (et) la dirictura Dio li p [er] dona li suoi peccati". Ma quello che questo ti promette no [n] ti p [ro] mette inqua la vita di qui a dimane, et da che tu no [n] sai qua [n] to tu dei vivere, lievati ad mano ad mano dai mali (et) sta tuttora in bene. Et s [an] c [t] o Ieronimo
[p. 24rb]
disse: "Adunqua piace al n [ost] ro Signore Dio la v [ost] ra op [er] a qua [n] do fenisce bene ciò che bene co [m] mi [n] cia, che lo regno di Dio ch'è in cielo non è p [er] messo unqua a coloro che bene cominciano mai è promesso a coloro che [fe] feniscen b [e] n".

33. XXXI DEI DUE LATI DE LA S(AN)C(T)A SCALA

DEI DUE LATI DE LA S [AN] C [T] A SCALA. Voi avete udito, signori, quali sono li gradi di questa s [an] c [t] a scala. Or vo dirò quai sono le due parete (et) li due lati che sostienno questi gradi (et) in che posano. L'uno lato di questa s [an] c [t] a (et) gloriosa scala si è lo corpo del n [ost] ro Signore Dio, di che noi dovemo le n [ost] re anime confortare, acciò che noi possiamo montare diliveratame [n] te in questo s [an] c [t] i gradi. L'altro lato di questa s [an] c [t] a schala si e [st] lo rinegame [n] to che noi facemo del demonio (et) de le suoi opre qua [n] do noi venimo al battismo. Quella p [er] messione dovemo noi amare (et) tenere in del n [ost] ro coragio (et) in del n [ost] ro pensieri et in de le n [ost] re paraulle (et) in vedere et in udire (et) in operare.

34. XXXII ORASSIO

ORASSIO. Signori, chi questi du' lati di questa s [an] c [t] a scala non à, cioè chi lo corpo del n [ost] ro Signore in del suo corpo no [n] riceve degname [n] te et chi in del suo coraggio non à lo rinegame [n] to ch'elli fé del demonio (et) de le suoie op [er] e al batismo, nulla no [n] varreno questi gradi, ch'elli non areno chi li sostenesse, se li due lati no [n] vi fusseno
[p. 24va]
dirissati.

35. Prolago

Prolago. Signori, in questa s [an] c [t] a (et) gloriosa scala p [er] ché noi vi possiamo montare al glorioso Signore (et) al suo glorioso regno, preghiamo di buon chuore (et) con grande divossione l'altissimo Dio om [n] ipotente, che p [er] la sua santissima pietà (et) misericordia conceda a nnoi che possiamo interame [n] te obedire (et) fare li suoi comandamenti. Qui vivit et regnat Deus p [er] omnia secula seculorum ammen.

36. Explicit

Explicit liber dei trenta gradi de la celestiale scala (et) dei due lati, che s [an] c [t] o Ieronimo fé a salute de l'a [n] i [m] a. Deo gra [tia] s. Taddeus me scripsit in carcere ianuentiu [m] , MCCLXXXVIII
[p. 24vb]



(revised 28-02-2000) .
Elena Pierazzo

Crediti | Info testo

Nome utente:

Password:


Registrati


Informatica Umanistica

Università di Pisa