minimizza
Testi di Pisa
Tutti i testi | Testi della sezione | sezioni:

Fucini, Renato

Cento sonetti in vernacolo pisano




Indice

1. LA TENTAZIONE

SILVIO
Chi legge e' tu' sonetti se ne vanta.
Neri, fàlli stampa', dàlli ar Baccelli,
Credi, a sentilli di', propio si stianta:
Fanno vieni' 'r convurso 'n de' budelli.
NERI
5 Che ti piaccian' a te?
SILVIO
Madonna Santa!
L'altra sera li dissan dar Maestrelli,
Credevo di scoppia': s'era 'varanta:
S'andò tutti attravelso alli sgabelli.
10Ti devi figura' che un disgraziato,
Per ave' detto: - Sanno di poïno, -
Lo fecian' anda' via mezzo stroncato.
'Gnamo, fàlli stampa', falli, Nerino.
Che t'impolta se c'è quarche sagrato?
15Nun lo stamponno 'r Tasso… o 'r Satulnino?!
Firenze, 1871

2. LA DECISIONE


[p. 821]
NERI
Ieri sera, 'n der tempo che cenavo,
Sirvio m'arragionò de' mi' sonetti.
Mi disse 'n che maniera 'un li stampavo…;
Ch'eran galbati tanto a chi l'ha letti.
FORTUNATO
5 Dunque li stampi?
NERI
Facirmente.
FORTUNATO
Bravo!
NERI
Ma li studienti che dirranno?
FORTUNATO
Ah! smetti;
10Anzi fai bene a 'un ti mostrare stiavo
Di 'vesti fardonacci maladetti.
NERI
Già! si discorre bene… o 'r Delegato?
FORTUNATO

[p. 822]
Mi fai ride'… ma lui se ne strafotte:
Basta poltanni un fiasco di moscato,
15È capace adora' Giuda Scariotte.
NERI
Ma che dici 'n sur serio, Foltunato?
FORTUNATO
Sfido!…
NERI
Allora li stampo, e bona notte.
Firenze, 1871

3. ER TELEGRAFO

ALCESTE
De' lampi poi, nun li dar retta, Neri:
Lassàmo anda' che l'hai bevuta grossa.
Che lo vòi dire a me, se c'ero ieri?!
Andai da quello 'olla balba rossa.
NERI
5 O 'r Telegrafo c'era quando c'eri?
ALCESTE
Der caraccio! mi diede anco 'na scossa;
Mi féciano agguanta' du' fili neri,
E mi sentii dinoccolare l'ossa.
NERI

[p. 823]
O che c'è ' fili?
ALCESTE
10 E quanti matassini!
E poi l'aggancian tutti a 'n oriolo,
E lui sputa lo scritto 'n su' nastrini.
NERI
E l'orioli sputano?… A bugliolo!
Poi 'ogliona', siei pieno di 'vaini;
15Ma io la moglie 'un l'ho ma' data a nolo.
Firenze, 1870

4. LA REPUBBRIA

FREDIANO
La Repúbbria? eh to'! verrà sïuro.
È tanto, Dio Madonna, che s'ingolla!
Ma quando viene, a deh! mòlte ar pan duro!
Vo' sputa' perensino la midolla.
5Così nun pol' anda', te l'assiuro:
Chi lavora, lo vedi? 'un si satolla;
E 'r mi' padrone, pezzo di figuro,
Sgranocchia sempre toldi e pasta frolla.
Chi rubba 'n oriolo va 'n prigione;
10Chi dà 'na stillettata è 'n assassino:
Domando e dïo se nun ho ragione!
Neri, ci stai, nun si fa più 'r facchino?
NERI
O che s'ha a fa'?
FREDIANO

[p. 824]
Si rubba un bèr fardone
15E si scappa a godessi a San Marino!
Firenze, 1870

5. ER GASSE

NERI
Te, che se' stato a visitare 'r gasse,
Me lo racconti 'ome fanno a fallo?
PILADE
O pelchè no?… C'è 'n terra tante 'asse,
Ripiene d'un motriglio giallo giallo.
5Poi c'è dell'acqua, 'n celte stanze basse;
C'ène de' tubi di ferro metallo,
C'è de' folnelli, c'è 'r calbone a masse…
C'è tante rote e 'un c'è neanch' un cavallo!
Tu vedessi che puzzo di bitume!
10E quand'è fatto va drent' un condotto,
E piglia fòo. Bimbo mio, che lume!
E poi ti basti di' che doppo l'otto…
NERI
Già te, la sera, bevi troppo rume!
E quest'è 'r gasse? Annacqualo, fagotto!
Firenze, 1870

6. LA PRIMA LEZIONE DI VELOCIPITE


[p. 825]
ACHILLE
Dunque vado?
ARTEMISIO
Vai, vai (« tra, tra, tra, tra »).
Bravo, bravo, perdio, 'mprumetti bene!
Coraggio, avanti!… « burutum… pa… tta… »
5Ti se' fatto der male?
ACHILLE
Un po' alle stiene
ARTEMISIO
Dunque daccapo; su, mettiti 'va:
Ma vai piano, se no Cristo ti tiene.
Bravo! séguita, via… più sverto… eh là!
10Con un po' di 'oraggio ci si viene.
Ora ti lasso anda'; occhio alla penna!
Ma tienti sodo, agguàntati ar timone,
Se no no 'r macchinismo ti tentenna.
Su, fai vede' che alla prima lezione…
15Bada all'ormo… adagino, ti s'impenna…
« Pu tu pum » Lo dicevo? Che pattone!
Firenze, 1870

7. UN VERO AMÌO


[p. 826]
ANGIOLO
O pelchè nun lavori, bighellone?
Nun ti velgogni (e sì se' grande e grosso!)
A struscia' 'n su' muríccioli 'r groppone,
Tutt'arruffato, 'nsenza panni addosso?
5O gualda un po' tu' pa'… cor su' zappone
A grufola' la terra a più nun posso…
Pover' omo! 'un ti move a compassione,
Stracco, finito, secco 'om' un osso?
Ma nun ti senti fa' drento uno stianto
10Quando ti butti a tavola a mangiare
Quer pane che a tu' pa' 'ni gosta tanto?
Piglia una zappa, e fallo riposare.
Se tu sapessi quante vòrte ha pianto
Ner pensa'… 'Ndove scappi?…
EMILIO
15 A lavorare.
Firenze, 1870

8. ER CONCILIO EUMENIO

Chi capisce 'varcosa 'n questo mondo
Dev'essere 'n grand' omo addottorato:
Io poi, più che mi scapo e mi 'onfondo,
E più batto 'n dell'ugne ar Delegato.
5
[p. 827]
Te nun lo 'rederesti, Sigismondo;
Ma 'r Papa 'or Conciglio s'è 'ndettato
(E abbada ènno du' ganci e vanno 'n fondo!)
Di spoglia' le madonne dello Stato.
Dicàmo: nun sarà, saranno 'nganni;
10Ma se toccan le lampane 'ndorate
Vo' ritolna' 'n galera artri vent'anni.
Papa o nun Papa, e' son gran bilbonate!
So che quando spogliai quer San Giovanni
Mi stiaffonno se' mesi alle 'nferriate.
Firenze, 1870

9. L'ARRESTO DELLA BANDA DI CÈCINA

MASO
O dunque su, racconta 'om' andiede
Quand'eri 'n cento e v'agguantonno 'n sette.
NERI
S'era 'n d'un bosco; a un tratto ci si vede
Luccïa', tolno tolno, le bainette,
5Te lo figuri te? Noi nun si stiede
A di'; s'agguantò ' polli e le fiaschette,
E via! Come s'andava 'un lo pòi 'rede'!
Io dio: nun c'è pel nulla le saette.
Ma co' 'avalli Cristo ce la pole!
10Mi sento arriva' 'n picchio 'n della testa,
E giù! disteso 'nsenza fa' parole.

[p. 828]
Se nun arrivan lì tant' alla lesta,
Ci avevan l'osso, 'om' è vero 'r Sole;
Ma nun ostante dissi: Si prutesta!
Firenze, 1870

10. LA FRANATURA DER PONTE DI LEGNO 'N SULL'ALNO

TORQUATO
Come! è franato 'r ponte? 'un mi 'oglioni!
O com'è ita?
ASTIANATTE
Che lo so, Tolquato?
Er Municipio dice che sii stato
5'R libeccio.
TORQUATO
E te da' retta a que' vorponi?
ASTIANATTE
Io sì! d'artronde c'è le su' ragioni:
Quando 'r libeccio tira 'ndemoniato,
Fol di polta, lo sai, te ci se' nato,
10Di tanto 'n quando, spenge anco ' lampioni!
TORQUATO
Guà! pol' esse'… nun dio… Se' stato a cena?
ASTIANATTE

[p. 829]
Sòlto 'n questo mumento da Nerino:
Ci ha un vino, bimbo mio, di velso Siena…
TORQUATO
Allora fai 'na 'osa, vai pianino,
15Pelchè 'r libeccio, è vero, tira appena,
Ma ti potrebbe fotte' 'n terra 'r vino.
Firenze, 1870

11. LA TASSA 'N SU 'ANI

Oggi 'r Culsore m'ha poltat' un foglio;
Ma se ci ho 'ntes' un'acca, sarmisia!
E sai! nun sèlve mia di': nun lo voglio!
Te lo stiaffan sur banco, e vanno via.
5Ma io, pel nun cascare in quarche 'mbroglio,
Son cólso a fallo legge' a 'na mi' amìa!
Ma anco lei m'ha 'nciampato 'n d'uno scoglio,
E 'un m'ha saputo di' cosa ci dìa:
Mi gualdi 'n po' po' te, mi fai 'r piacere?
10Che voglian questi figli di trusiane?…
È la tassa 'n su 'ani? o sta' a vedere:
Nove di vino… dua fra cacio e pane…
Questi, sol Frisco, li volémo bere…
Cor foglio mi ci netto, e affogo 'r cane.
Firenze, 1870

12. SAN RANIERI MIRAOLOSO


[p. 830]
Levato quer viziaccio di rnbbare,
San Ranieri è un gran santo di 've' boni.
Quando dianzi l'ho visto 'n sull'artare,
Lo 'redi? m'è venuto e' luccïoni.
5Delle grazie ne fa, lassàmo andare.
Gualda 'n po' 'vanti 'ori ciondoloni
Ci ha 'n della nicchia! e sai, nun dubitare,
Se glieli dànno c'è le su' ragioni.
Più della piena d'anno? che spavento!
10Che spicinìo, Madonna! t'arramenti?
Pareva d'anda' sotto unni mumento.
Ma San Ranieri 'un fece 'omprimenti:
Agguantò per er petto 'r Sagramento,
E li disse: O la smetti o sputi i denti.
Firenze, 1870

13. LA BAÀNA

Questa, sol Delegato, è da tiranni
Di nun facci 'anta' più la Baàna!
Creda, a canta' Rosina, nun m'inganni,
È sfogata a quer Dio; ci si straàna.
5
[p. 831]
O ce la lassi fa', via, sol Giovanni.
La su' prutesta, s'assïuri, è strana.
Che vole? s'è cantata pe' tant'anni…
La sanno 'n guasi tutta la Toscana.
Eppoi… se lei ci dà 'n po' di vin bono,
10Li si viene a canta' sotto 'r palazzo.
Stia a senti', li si gonfia 'n questo tono.
La rivòi?…
DELEGATO
Giovanotto… ehi! siete pazzo?
NERI
Che ho stonato?… ha ragione, oggi 'un ci sono:
15Ma abbadi, 'nsenza 'olda 'un vale 'n c…o.
Firenze, 1870

14. ER PARLAMENTO

Sono stato a Firenze ar Parlamento
Pel sentì' ragiona' quell'arruffoni:
Nun fann'artro che ride' unni mumento.
Che robba, bimbo mio, be' mi' lattoni!
5E di' che sono armeno 'n cinquecento
A mangiare alla balba de' 'oglioni!
Vedi? mi sento 'r sangue bolli' drento…
Di già sèmo ragazzi troppo boni.

[p. 832]
Se' ma' stat' a vede' lo Stentarello,
10Quando ridan' e fanno 'r buggerio?
Ti devi figura' che appett' a quello,
Pal d'esse' 'n chiesa, quant'è vero Dio!
Ma quer ch'è giusto è giusto; quer boldello
Lo fanno tutto pell'Italia!… Addio!
Firenze, 1870

15. CONSIGLI A UNO SPOSO IN ÈLBA

ANACLETO
Se agguanti moglie, stiaffatelo 'n mente:
Se ti preme assarva' testa e groppone,
Celca di bazzïa' con poa gente,
E 'un te li strascïa' 'n convelsazione.
5Io, levato 'r mi' amio Sottotenente,
Nerino, Palledoro e Sparagione,
Che fanno la paltita, ma di niente,
La sera 'un piglio 'n casa artre pelsone.
NERI
O com' andò quer giolno der Priore
10Colla tu moglie 'n cambera serrato?
Ch'era vienuto a di' le 'varantore?
ANACLETO
Viense a scacciare e' bai a Foltunato.
Lui ci ha proprio 'r segreto agguantatore;
lo fa sempre vieni' fora di stato.
Firenze, 1870

16. ER GIOO DER PONTE


[p. 833]
Quelli eran tempi! quello era valore!
Guà, nun ci scatta nulla dar presente!
Quelli, davvero avevan' un bèr core,
E la mòlte per loro 'un era niente.
5Oggi tutti si vantano l'onore;
Ma se fai con quarcuno 'r preputente,
Prima di fassi entra' 'r sangue 'n bollore
Vòr vede' raduna' dimorta gente.
Ma e' posteri nun eran vigliacconi,
10Quando almati di talghe e di cimieri
Sonavan la grancassa 'n su' gropponi.
Pisa è proprio la 'ova de' guerrieri!…
Boni 'n sur serio 'vesti maccheroni!
Me ne dai 'un antro piatto, 'amberieri?
Firenze, 1870

17. LA LUMINARA

Viaggi 'n dell'Uropa 'un n'ho ma' fatti:
Prima pelchè a quaini sèmo bassi,
E po' pelch' e' Pisani 'un c' enn' adatti
Per anda' per er mondo a strapazzassi.
5
[p. 834]
Ma un mi' amio di Lucca che fa ' gatti…
(Li fa cor gesso, creda, da sbagliassi).
Lui, vòrsi di', ch'è stato fra' Mulatti,
Che ha visitato anch' e' Paesi Bassi,
M'ha detto che neppure 'n der Peino
10Luminare di Pisa 'un se ne vede:
Nun n'hann' idea laggiù der lampanino.
Chi nun l'ha vista, 'reda, 'un lo pòr crede';
Eppoi, 'ni basti di' che ar mi' 'ucino,
Dalla gran carca 'ni stroppionn' un piede.
Firenze, 1870

18. LA TOMBOLA

PIRRO
Neri, per quanti stai?
NERI
Per tre; sta' zitto.
BANDITORE
« Cinquantaa…»
NERI
Eccone 'n artro; sto per dua.
PIRRO
5 Che potesse stianta' chi ti tien ritto!
Già, te, devi esse' nato da 'na ciua.
NERI
Nati di 'ani, 'un tiran punto fitto!
PIRRO

[p. 835]
O chétati, 'n se' mìa 'n casa tua
NERI
Senti 'n po' po'! nun averò 'r diritto…?
10Cos'ha detto? trentuno o trentadua?
PIRRO
Ha detto trenta.
NERI
Sto per uno!
PIRRO
Gnamo!
NERI
Agguantami, se no batto 'na patta.
15Se tira 'r ventitrè, fòra mi 'iamo!
PIRRO
Nune sputa', t'allento la 'ravatta.
BANDITORE
« Venti ».
NERI
Me l'ha strozzata! Un c'imbrogliamo…
Doppo m'allenterò…
BANDITORE
20 « Ventitree…»
NERI
Fattaa…
Firenze, 1870

19. LA MOLTE DER CONTE 'GOLINO


[p. 836]
Quella d'ammazza' lui, lassàmo stare,
Nun dirrò nulla, era 'n vigliacco 'nfame!
Ma ' su' nipoti, sangue dell'artare,
Nun li dovevan fa' mori' di fame.
5Anco con lui potevan' ammollare.
Dovevan dinni: « Voi siete un tegame :
Levàtivi di 'vi, potete andare… »
E stiaffallo 'n esiglio dar reame.
Ma una strage 'osì, nun c'è memoria!
10Che si 'ogliona! un povero gristiano,
Per avenne buscate alla Meloria,
Giustiziall' a quer modo! Ma Pelsano
Nun fece guasi la listessa storia?
Eppure è sempre vivo quer gabbiano!
Firenze, 1870

20. FIRENZE E LO STRAPÓLTO DELLA 'APITALE

GIANNI
Firenze, bimbo mio, nun c'è quistione,
Se li levan di lì la 'apitale,
Nun te lo vorre' di', batte 'n pattone
Da stiaffalla 'n d'un fondo di spedale.
5
[p. 837]
Ma 'r Municipio, se nun è 'n bestione,
Deve fare ar Govelno un memuriale,
E dilli: « Ho speso cento allo Stradone ».
Per esempio « cinquanta a quer Piazzale,
Venti a' Lungalni, trenta 'n der Melcato »;
10Tanto da rivoganni un conto grosso,
E poi fallo cita' dar Delegato.
LORENZO
O se 'un pagassi?
GIANNI
'Ni si sarta addosso,
E a folza di golini, Dio sagrato…
15Vòi Roma? 'un ci si va se 'un posi l'osso!
Firenze, 1870

21. CE N'È TANTI

Vorre' sape' come si fa a campare
Senza ma' lavora', senza fa' niente!
So che a me, se mi scappa da mangiare,
Mi tocca a lavora' com' un selpente.
5Ma Neri, eccolo lì… sempre a fummare,
Sempre 'n Lungalno a fa' lo strafottente.
Vai 'n d'un Bilialdo?… lo vedi a gioare…
Vai ar Teatro?… è lì colla su' lente…
Insomma, nun si fa un diveltimento,
10Anco da spende' quarche gavurrino,
Se 'un c'è quer malidetto sagramento.
Ma su' padre o che fa?
STEFANO

[p. 838]
Fa lo strozzino.
EGIDIO
O quanto piglia?
STEFANO
15 'R cinquanta pel cento.
EGIDIO
O su' madre?
STEFANO
È padrona d'un casino.
Firenze, 1870

22. LO 'NFALLIBILE

ROBUSTO
Dunque 'r Papa è 'nfallibile, ha' sentito?
DESIDERIO
Già! l'ho sentito di'. Ma mi racconti…
Pelché io, ti dio 'r vero, 'un l'ho capito
Quer che 'ntendan di fa' que' rodimonti,
5Cor tira' 'r Santo Padre ar su' paltito.
ROBUSTO
Nun dubita' che ha fatto bene e' 'onti!
Tempo tre mesi, e 'r Papa è già arricchito.
Credil' a me, lo so da bone fonti.
DESIDERIO
Ma cosa ci ha che fa' collo 'nfallibile
10L'arricchissi?
ROBUSTO

[p. 839]
Discolsi! 'un ci ha che fare?
Ma quando un omo vede lo 'mpossibile
Tre numeri li deve 'ndovinare.
DESIDERIO
E te credi che 'r Papa, 'r Dio visibile?…
ROBUSTO
15 Tò! vorrà fa' 'r coglione, 'un dubitare.
Firenze, 1870

23. PARE!

ALESSIO
Pal che si vadi a Roma eh, Neri?
NERI
Pare.
Arméno 'n der giolnale c'era scritto.
Io, pel me, mi ci filmo: o che vo' fare?
5D'artronde tutti dìano: S'ha 'r diritto!
Ma che 'r Papa si lasci sputestare
Di tutta la su' robba e stare zitto,
Sbaglierò, ma mi pal che 'un possi stare;
Prima di cede', lui fa peso ritto…
ALESSIO
10 Ma cosa vòi rizza'? se va 'r Ciardini,
'Li mangia li zuavi 'n du' bocconi;
Rabbiosi 'ome lui ce n'è poini.
E po'… bell'omo… sverto co' su sproni!…
Se fa tanto d'entra' drent' a' 'onfini,
15'Ni spèlpera, Dio prete, anch' e' piccioni.
Firenze, 1870

24. LA MATTINA DER 20 SETTEMBRE 1870 IN VIA L'ARANCIO


[p. 840]
AGATA
Sora Gigiaaa…?
GIGIA
Vòr me, sor Agatina?
AGATA
Sì… Ne sa nulla lei cosa c'è stato?…
Nun sente quant' urlacci stamattina?
5Pal che vadia 'n subbisso 'r vicinato.
GIGIA
Bimba, o che vor che sappa? ero 'n cucina…
AGATA
Gualdi, gualdi, s'affacci, ecco 'r curato.
GIGIA
Madonna! 'ome scappa di burina…
AGATA
Domandamol' a lui… Don Foltunatoo?
CURATO
10 Figliole?
AGATA
O che sarà questo fottìo?
CURATO
Nulla, donnine mie, nulla di male.
GIGIA
Reverendo, si felmi…
CURATO

[p. 841]
Ho furia, addio.
DIMOSTRANTI
15 (Viva 'r Re!… Viva Roma 'apitale!)
GIGIA
Chiuda, chiuda. Ha sentito? Uh, Gesù mio!
Dicelto hann'ammazzato 'r Temporale.
Firenze, 1870

25. LA SERA DER 20 SETTEMBRE 1870 IN VIA RAMAIOLI

DIMOSTRANTI
(Fora ' lumiii…!)
CESIRA
Ci sèmo 'n dell'imbroglio!
Ma che dirrann' a noi?
FULVIA
Per ora 'un pare.
DIMOSTRANTI
5 (Viva 'r Re Galantomo 'n Campidogliooo!…)
(Vivaa!…)
CESIRA
Gesù vi faccia sprifondare!
(Pu tum…)
FULVIA
Sòlte che 'r vetro era di foglio!
10Cesira, o cosa stanno a cincistiare?

[p. 842]
Qui nun se n'esce, 'un c'è da di': nun voglio;
O mette' fora ' lumi o letïare.
DIMOSTRANTI
(Fora ' lumi, figliacce e po' d'un canee!)
FULVIA
To' ' fiammiferi, accendi la bugìa,
15Se no ci sfondan tutte le pelsiane!
È accesa?… o vall'a mette', tira via.
DIMOSTRANTI
(Bravaa!)
CESIRA
Tremoti a chi v'affetta 'r pane!…
Che tanfate di rumme. mamma mia!
Firenze, 1870

26. SUR BAFORINO NOVO CUE MENA E' GAVINOSI DA PISA A BOCCA D'ALNO

NERI
Velginio, nun sarà, ma pel quest'anno,
Se nun si stiaffa 'r culo 'n d'un catino,
Bagni nun se ne fa.
VIRGINIO
Come 'un si fanno!
5O dunque nun lo sai der Baforino?
NERI

[p. 843]
Se tanto 'veste 'ose 'un si sapranno!…
Ma a me, Velginio mio, mi va poïno
Quel raspamota! o quelli che ci vanno,
Nun lo vedi? ènno tutti ar lumicino.
10Er capitano è pieno di gavine,
E ar piloto 'ni viense la spaghite
Doppo che diede 'n secco alle 'Ascine.
Con tutte 'veste ghigne spaurite
Neri 'un s'espone, e Neri è tanto fine
15Che affogherà… ma drento l'acquavite.
Firenze, 1870

27. ER CAMPOSANTO DI PISA

NERI
Che 'r Camposanto è bello e 'un c'è l'eguale,
Anco fòra di 'vi, tutti lo sanno:
E, a dilla a te, nun trovo fatto male
Di rispettallo tanto 'ome fanno.
5Ma quer che nun mi va, mondo urinale,
È di vede' che 'un passa liscio un anno,
Senza che quarche ghigna di maiale,
Pelché avrà un bèr soprabito di panno,
Nun lo sotterrin lì !…
SERAFINO
10 Neri, hai ragione;
Ma 'n questo mondo olmai ci vòr pazienza:
Povero vòrse di' sempre 'oglione.

[p. 844]
Cosa 'mpolta studia' 'n della Sapienza?
Celca d'arrabatta' quarche miglione,
15E poi, se crepi: « È mòlta su' Eccellenza! »
Firenze, 1870

28. ER GROBO

NERI
Ma quante belle 'ose 'n questo mondo!
Chi sa che camiciate chi l'ha fatto!
Ma sortant' a pensa' ch'è tutto tondo,
Nun ti senti piglia' dar capogatto?
5Bada, 'n quant' talento, io nune sfondo;
Ma quella di gira' com' un buratto
Nun pole sta'. Ti tolna a te, Raimondo?
Se giri 'r bicchierino, addio l'estratto!
RAIMONDO
Parrebbe.
NERI
10 Ah! dunque anco te te n'avvedi?.
Po', sfido! se girasse, 'un c'è quistione,
Bisognerebbe ave' du' ganci a' piedi.
Ora te mi dirrai: Parli a passione.
No: mi rincresce, 'nvece se lo 'redi,
15Pelché 'r sol Galileo nacque ar Poltone!
In via Ferrata da Piacenza a Milano, 1870

29. NERI E LO STROLAGO


[p. 845]
Io m'arrabbio a senti' questi buffoni
Che si fanno 'iama' sol Professore,
Quando si 'redan d'esse Salamoni,
E dànno di citrullo a tutte l'ore.
5O senti, uno di 'vesti tonaoni,
Cosa mi fa (gli avre' mangiato 'r core!…)
Ero 'n sur tetto per leva' ' rondoni:
A un tratto sento fa' 'n po' di rumore.
Mi vòrto e vedo lui cor colnocchiale.
10Di celto a strologà 'n sulla giolnata.
Ora mi devi di' se feci male.
'Ni dissi: 'Un pensi, fa 'na bell'acquata;
Me lo dice 'r mi' 'allo, è un gran segnale…
Figlio d'un cane, o 'un fece 'na risata!
Firenze, 1870

30. L'AURORA BOREALE

FERRUCCIO
Ma l'artra sera, Neri, che spavento!
NERI
Madonna!. 'un me lo di'. sentivo 'r core.
Basta, 'un ne vo' parla'; ma 'n quer mumento
Dissi tra me: Ci sèmo; ora si more!
FERRUCCIO
5
[p. 846]
O quer puzzaccio che poltava 'r vento?
NERI
Già! di sangue bruciato… che fetore!…
Chi sa 'n que' posti dove diede drento,
Come l'avrà ridotti allo squallore!
FERRUCCIO
Ma che armanacchi, Neri? era 'na aurora…
NERI
10 Dìlle grosse, ti pigli 'n accidente!
L'aurore o che si levan' a quell'ora?
FERRUCCIO
O dunque dillo te che se' sapiente:
Cos'era, 'mbecillone? butta fòra.
NERI
Quello?… era 'r dito dell'Onnipotente.
Firenze, 1870

31. LA BRUCIATURA DER PRINCIPE INDIANO

ELISEO
Bruciato? Alle 'Ascine?… agnàmo, Neri!
Te farai la burletta.
NERI
Dìo davvero.
C…o! 'un ci fussi stato!
ELISEO
5
[p. 847]
Proprio c'eri?
NERI
E dàlli, Dio de' Dei! t'ho detto c'ero.
ELISEO
Ma a Firenze, o che 'un c'è calubrinieri?
NERI
Madonna!…
ELISEO
E lo brucionno?
NERI
10 Tutto 'ntero.
ELISEO
Ma che 'un ne seppe nulla 'r Canceglieri?…
O ' Deputati 'un l'avvisonno 'r Crero?
NERI
Tutti zitti!.
ELISEO
O la santa Religione?
NERI
15 Eran Chinesi, gente der Catai…
ELISEO
Hann' a anda' 'n de' su' posti a fa' 'r padrone.
Qui l'omo mòlto 'un s'è bruciato mai.
Nemmen' a' tempi della 'Nquisizione…
E 'un si vòr più la piena?… Lo vedrai!
Firenze, 1870

32. E' GASTIGHI DER 1870


[p. 848]
Se si pensa a' gastighi di 'vest'anno,
Bisogna proprio di': C'è un Dio spietato,
Che sta lassù 'n der cielo a fa' 'r tiranno,
Pronto a segna' 'n der libbro unni peccato.
5Dimmi un po' po'… ma quando finiranno?
O come mai Gesù è tant'arrabbiato?
Che si 'ogliona! 'un casca giù un malanno,
Se 'un picchia 'n quarche palte dello Stato.
Guerre, tremoti, eccrissi, aria 'nfiammata,
10Libecciate e Vesuvi 'n convursione,
Son diventati tutti robba usata.
Ma san Ranieri, o cosa fa', 'r coglione?
Di già si sa, quer fànfano 'un rifiata,
Finchè 'un s'è sgropponato a precissione.
Firenze, 1870

33. POVERI DOTTORI!

Glielo dicevo?! a anda' 'ntolno a' dottori
Lei sciuperà de' sòrdi e 'un farà niente.
Ènno tutti una massa d'impostori.
Boni sortanto a dissanguà le gente.
5Se lei si vòr guarì' de' su' dolori,
Deve beve' dell'acqua di solgente.
E se 'r cattivo 'un 'li vien tutto fòri,
Vorre' mori' d'un tocco d'accidente.

[p. 849]
Come! 'r Dottore gli oldinò un'unzione
10A ristio di mandanni 'r male 'n drento,
E 'r su' marito 'un li spaccò 'r groppone?
Se fussen tutti der mi' sentimento,
Quando vienisse un Medïo ar Poltone,
Dovrebbe scappa' via peggio der vento.
Firenze, 1870

34. LA DISCIPRINA DELLA GUALDIA NAZIONALE OSSIA ER CAPURALE DI RONDA E LA SENTINELLA

CAPORALE
Ehi!.
MILITE
Oh?
CAPORALE
Si dolme, eh?…
MILITE
Chi dolmiva?…
CAPORALE
5 Lei!
MILITE
Faccia 'r piace', nun rompa più ' 'oglioni.
Se 'un fussi accoccovato… Dio de' Dei!…
CAPORALE
Cosa vorrebbe fa'?
MILITE
Be' mi' ceffoni!…
CAPORALE
10
[p. 850]
A chi?…
MILITE
Butti giù 'r dito… Dio m'accei,
Se fa un passo, 'ni strùcino ' galloni
CAPORALE
Giovanotto, ora basta, smetterei…
Veng'ar picchetto a di' le su' ragioni.
MILITE
15 Dove?… Le vo' di' qui brutto maiale…
CAPORALE
Gnamo, s'arrizzi, e 'un faccia tanto 'r bravo.
MILITE
Ma che ne vòr tocca' sol Caporale?
Se crede di tratta' con uno stiavo,
Sappa che sèmo Gualdia Nazionale…
CAPORALE
20 Dunque ?
MILITE
Lo vòr sape'?… gualdi… caàvo.
Firenze, 1870

35. LA 'OLTE DELL'ASSISI

USCIERE
La Cort.!
TORQUATO
Attento, Neri: ecco 'r Giurì.
NERI

[p. 851]
Qual'è? quello laggiù con quer balbone?
TORQUATO
No: quello accanto che 'ni fa così…
NERI
5 Ah! l'ho visto. Che ghigna di vorpone!
TORQUATO
Gualda 'r povero reo, deccolo lì.
USCIERE
Cappello!
NERI
Che peccato! bell'omone!
Ma cos'ha fatto pel trovassi 'vi?
TORQUATO
10 Guasi nulla: ha strozzato 'r su' padrone.
NERI
Zitto! Parla 'r giurì.
PRESIDENTE
S'alzi, imputato:
Sul deposto ella ha niente da osservare?
IMPUTATO
Lo 'rederei.
PRESIDENTE
15 Via, parli.
IMPUTATO
Io, Dio sagrato…
PRESIDENTE
Faccia silenzio!
IMPUTATO
No: vo' prutestare

[p. 852]
Che 'r delitto nun è premeditato,
20Pelchè avanti lo feci anco avvisare.
Firenze, 1871

36. ER DEPUTATO DE' PONTADERESI

NERI
Te n'arrammenti te? fin da bambino
Dissi: Quello diventa un gran ragazzo!
VITTORIO
Chi?….
NERI
Nun mi fa' da nèsci… er sol Beppino!
VITTORIO
5 Ma chi Beppino?
NERI
'r Toscanelli, c…o.
VITTORIO
O ch'è grande?
NERI
Tutt'artro, anzi è 'n omino,
Specie veduto accanto ar su' palazzo;
10Ma 'r cervello, 'un pensa', nun l'ha piccino;
Lui rivende ' Ministri a un sòrdo 'r mazzo.
'Nsomma se 'r Papa è sempre 'n Vatïano
Deve ringrazia' lui, nun c'è quistione:
Fra tutt'i Deputati è 'r più gristiano.
15Di già l'ha avuta sempre religione;
Ti posso di' che a tempo der Sovrano
Senza lui nun s'andava a precissione.
Firenze, 1871

37. ER PRESIDENTE DELLE 'AMBERE


[p. 853]
PIPPO
Ma dunque ar Parlamento o cosa fanno?
Ci vòr tanto a trovassi un Presidente
PASQUALE
Aspetta: se dài tempo, lo faranno.
Che a trova' l'omo apposta 'un ti pal niente?
PIPPO
5 E sai, fra ' Deputati 'un ce l'avranno
Chi abba 'r libbro de' sogni tutto 'n mente!
PASQUALE
Magari!… più di mezzi lo sapranno:
Ma lì nun sèlve mia l'esse' sapiente.
Ci vòr, prima di tutto, un bèr vocione
10Per urla': « Lei si cheti: tocca a quello! »,
E questo è affal di tronchi e di pormone.
Poi, doppo ave' sonato 'r campanello,
Se 'r fottìo si mutasse 'n confusione,
Deve sape' pigliare anco 'r cappello.
Firenze, 1871

38. LA MUTAZIONE DELLA SENTINELLA


[p. 854]
CAPORALE
Arto!… nun rida… fòra la bainetta!
MILITE
Se m'escirà! c'è l'òssito aggrumato.
CAPORALE
'Gnamo, si sbrighi.
MILITE
'Un esce 'na saetta!
5E sa, nun c'è da di' che 'un abba fiato.
CAPORALE
Vienga, provàmo 'n dua… l'agguanti stretta;
Ma nun la lassi anda', veh! Dio sagrato;
Se no no c'è da fa' 'na piruletta
Da fa' ride' tre giolni 'r vicinato.
MILITE
10 Lei vadia!
CAPORALE
O dunque giù!… folza… ora viene..
Dèccola!… burutum
MILITE
Che gropponata!
Foltuna che ha picchiato 'olle stiene!
15S'arzi, 'un sente? ci fanno la fistiata.
CAPORALE
A chi?
MILITE

[p. 855]
Di cèlto a lei; ma 'un faccia scene.
Se no c'è da busca' quarche sassata.
Firenze, 1871

39. LA SENTINELLA E 'R CANE

CAPORALE
Bèr sugo, con quest'acqua, a sta' lì fòri
Pel fassi 'nfradicia' tutto 'r cappotto!
Ma che vòr fa' la 'ura de' 'alori?
Faccia 'r piace', s'insacchi 'n der casotto.
MILITE
5 Fussi 'oglione a fa' questi lavori!
C'è entrato drento un cane, dianzi all'otto…
Badi, 'un s'accosti tanto.
CAPORALE
Passa fòri!
MILITE
Stii felmo!..
CAPORALE
10 Passa via, brutto fagotto!
MILITE
Nun lo tolmenti, lo farà arrabbiare.
CAPORALE
Dunque lo vòr lassa' lì fin' a giolno?
Pass' a casa, tremoto!… Eh! 'un vòl' andare!
MILITE

[p. 856]
Gualdi, sbaviglia… mamma mia, che folno!
CAPORALE
15 Allora aspetti 'n po', mi lassi fare:
Corro a piglia' quattr'òmini e ritolno.
Firenze, 1871

40. LA 'ROCIATA

ERESIA
Vieni 'n der Bergio, te, Rubbapianete?
RUBBAPIANETE
Nun è di fòri. 'Un fanno la 'Rociata?
ERESIA
Chi te l'ha detto?
RUBBAPIANETE
Me lo disse un prete.
5Ma c'è 'r caso che sii 'na pagliacciata?
ERESIA
Dunque… vieni o nun vieni?
RUBBAPIANETE
O quanti siete?
ERESIA
Di 'vi di Pisa sèmo una brigata
Di cilca dieci.
RUBBAPIANETE
10
[p. 857]
E dànno?…
ERESIA
Tre munete.
RUBBAPIANETE
O a che sèlvano? appena 'na giolnata.
Allora 'un vieng' un c…o.
ERESIA
E te'un vienire.
15Ma gualda 'un po' che razza d'omo siei!
Di già da un pezzo 'n qua mi fai stizzire…
RUBBAPIANETE
Sai se c'è da raspa'?
ERESIA
Lo 'rederei!
Ma che ti pare a te? pel venti lire,
20Se 'un ci fùssan l'incelti, 'un ci anderei.
Firenze, 1871

41. ER FARSO ARISTORÁTIO

Lui, nun c'è Cristi, basta ave' 'r pioppino,
Quer farfanicchio 'un rende mai 'r saluto.
Ma guàldamel' un po', con quer giubbino,
Se 'un pare 'n chicco fatto 'ollo sputo?
5Passa d'accanto, e ronza 'r su' frustino…
Lo saluti… e lui, gonfia! uno stranuto;

[p. 858]
Poi gualda 'n su e s'accomoda 'r solino.
Be' mi' lattoni, mondo e po' fottuto!
Dice, è di vista 'olta… buggerate!
10So che quand'ho la tuba e la 'ravatta
Mi rïonosce, e fa le scappellate.
Scommetto, a fare 'n pavolo di latta,
Se glielo butti accosto alle patate,
Quello, 'un pensa', lo vede e lo raccatta.
Firenze, 1871

42. DIVOLZIO NO: O DUNQUE?

NERI
Io nun dirrò che hai tolto, Foltunato;
Ma divolzio 'un lo fa', ti pentirai.
Di già, 'nfólmati prima 'or Curato;
Ma la legge 'un l'accolda, lo vedrai!
FORTUNATO
5 Dunque mi toccherà mori' dannato
Con quella strega che nun crepa mai?
NERI
Prova a fàlli du' smorfie.
FORTUNATO
L'ho provato.
NERI
Serral' a chiave 'n casa.
FORTUNATO
10
[p. 859]
La serrai.
NERI
E lei?
FORTUNATO
Chiamò 'r magnano, quer selpente!
Credi a me, guasi tutte l'ho provate;
Ma è 'nutile, Nerino, 'un si fa niente.
NERI
15 Prova a stiaffalla alle Marmaritate.
FORTUNATO
Nun ce l'hanno vorsuta un accidente.
NERI
E allora giù! finiscila a legnate.
Firenze, 1871

43. L'ESELCIZI A FÓO

PIRRO
Pel questa vorta passi, olma' ci sono.
Ma quest'artra… pol' esse…
CAPITANO
Guardavoi!
PIRRO
Nun la finiscan più: vi pigli 'n tono!
CAPITANO
5 Pied-Arm (bruum)…
PIRRO

[p. 860]
Ahi 'r mi' lupino. ohi ohi!
L'ho avuti l'eselcizi, e 'un ti 'ogliono!
NERI
A Pirro, o di che brontoli? t'annoi?
PIRRO
Làssami sta', mi son 'rivat' a bono.
NERI
10 Ci ho piace', Dio m'accèi, pelché le vòi!
PIRRO
O senti, via!
NERI
Già! fai monta' la fotta!
Ma 'un sai che a da' que' tonfi da arrogante,
C'è 'r caso di senti' scappa' la botta?
PIRRO
15 Di già siei sempre stato uno 'gnorante.
Gualda 'n po' po' 'r pivò, brutta malmotta…
Nun vo' 'asi, ho levato 'r furminante.
Firenze, 1871

44. LA 'IAMA

TENENTE
Tamburo!
TAMBURO
Eccolo.
TENENTE

[p. 861]
Affàcciati 'n po' fòri;
Gualda se ne vien' artri.
TAMBURO
5 E' 'un c'è nissuno.
TENENTE
Allora a rango: vienghin via, signori.
Dalla destra pel due!
MILITI
Uno. Due. Uno.
TENENTE
Tre soli! Mondo ladro, che lavori!
10E unni giolno è così! Ma se quarcuno
Ci potesse vede'!… Salgente Mori,
Faccia la 'iama; ho furia, son digiuno.
SERGENTE
Se mi pelmette, orino e po' la faccio.
TENENTE
Bravo!
SERGENTE
15 Anzi lei, 'li pare, sol tenente?
TENENTE
Come va le moròide?
SERGENTE
'Un c'è malaccio,
Ma prudan sempre malidettamente…
O su, leggémo un po' lo scaltafaccio…
20Lupi…
UN MILITE
'Un s'è visto…
SERGENTE

[p. 862]
Pèori.
PECORI
Presente!.
Firenze, 1871

45. ER PALLADIO

UFFICIALE
Nun pol' esse'!
TAMBURO
S'accèlti che l'ho letto.
UFFICIALE
Ma nun dirrà Palladio, hai letto male.
Di già a' su' tempi è stato un alchitetto,
5E 'un usava la Gualdia Nazionale.
TAMBUBO
Con lei su quest'affari 'n mi ci mètto;
Ma aspetti 'n po', ci devo ave' 'r giolnale…
A lei! gualdi se 'un dice 'om' ho detto:
« Accolse numerosa ar Funerale… »
10E po' più 'n giù ci dice: « Io sono artero,
Di 'iamavvi 'r Palladio ». Ora è contento?
Ha visto, sor Armando, s'era vero?
UFFICIALE
Ma questo, 'un è un discolso a un reggimento?
TAMBURO
Pare.
UFFICIALE
15
[p. 863]
E allora è spiegato 'r gran mistero;
Lui l'ha detto pel fanni un comprimento.
Firenze, 1871

46. LA 'ONSEGNA CHE NUN PASSIN FAGOTTI

SENTINELLA
Arto là! tolni 'ndreto cor fagotto.
AGATA
Se tutt' i giolni passo!
SENTINELLA
Oggi è proebito.
AGATA
'Gnamo, 'un facci 'r vanesio, giovinotto.
5Dio gualdi lo sapesse 'r mi' marito!
SENTINELLA
'Li ripeto 'un si passa: ha robba sotto!
AGATA
Ma 'n dove l'ho?
SENTINELLA
L'ha lì, sotto 'r vestito.
AGATA
Gualdi, mi pal davvero un gabellotto;
10Smetta di sgalletta', muso sbiadito!
SENTINELLA

[p. 864]
Lei manca di rispetto!
AGATA
O questa è bella!
Dunque 'un si passa?
SENTINELLA
No.
AGATA
15 Ma la ragione?
Badi, se mi stizzisco, o Purcinella…
SENTINELLA
All'alm!…
AGATA
O cosa strilla, 'mbecillone?
SENTINELLA
Levi 'r frodo di sott' alla gonnella!
AGATA
20 Ma 'un lo vede son gravida? zuccone!
Firenze, 1871

47. LA MOLTE D'UN BIMBO

NENA
Carlo!
CARLO
Che c'è?
NENA

[p. 865]
'Riva di 'va, ma lesto…
O Dio!.
CARLO
5 Ch'è stato?
NENA
'R nostro bimbo more!
CARLO
Ma come?!
NENA
Vai, corri a piglia' 'n dottore…
Dèccolo lì 'r cappello… immè! fai presto.
10Apri l'occhini tua… gualdami, Ernesto…
Rispondi, nun mi da' questo dolore…
Velgine santa! mi si scoppia 'r core;
Sarvàtimelo voi, nun ho che questo.
Pipi… amòl! mio… ti sente 'r colpicino?
15Ecco apre 'n occhio… O Dio, l'ha stralunato!…
Trema tutto… fa pallido 'r musino…
Carlo!
CARLO
Dèccomi, Nena, l'ho trovato…
NENA
Carlo, marito mio, 'r nostr' angiolino…
CARLO
20 Zitta, nun sarà nulla.
È già spirato!…
Firenze, 1871

48. LA MAMMA, 'R BIMBO E L'AMIA


[p. 866]
AMICA
Gesù lo benedìa! ber mi' figliolo!
MAMMA
Che cicce, eh?! gualdi sotto 'om' è fatto.
AMICA
Madonna, bèr calnato! Ha questo solo?
Pensa 'r su' babbo 'ome ne va matto!
5O di 'òlpo va bene?
MAMMA
È 'n oriolo.
AMICA
Che amore! e 'un c'è da dinni occhi di gatto:
Gualdi 'ome l'ha neri. Ah, fulbacchiolo!
Tutto su' pa', 'un c'è casi, è 'r su' ritratto.
10
MAMMA
Lo sentisse parla', pare 'n dottore.
Dinni, 'ome ti 'iami, Galibardo
BIMBO
Uhè.
MAMMA
Che gnene pare?
AMICA
15 È 'n professore.
Oh! mi fussi 'ampato 'r mi' Rinaldo!…
MAMMA
Nun pianga, è 'n paradiso dar Signore.
AMICA

[p. 867]
Già! ma a queste fascine 'un mi ci scardo.
Firenze, 1871

49. ER DUELLO

TORELLO
Ma 'r sol Nemesio, eh, Neri!
NERI
Cos'è stato?
TORELLO
È mòlto.
NERI
Nun pol' esse', via, Torello…
5O s'ielsera lo veddi; era ar treato.
TORELLO
Già! ma stamani è andat' a fa' 'n duello.
NERI
Cosa mi dici! resto 'nsenza fiato.
TORELLO
L'ha avuta qui ner petto: ci ha un occhiello…
NERI
Figurati 'r su' vecchio!
TORELLO
10 È disperato.
NERI

[p. 868]
Pover'omo, 'un aveva artro che quello!
Ma chi è stato quer pezzo d'assassino,
Che ammazza l'innocenti a sciabolate?
TORELLO
Ti sfiderà anco te, bada, Nerino.
NERI
15 Dio lo volessi! a folza di legnate,
Lo vorresti vede' lo spadaccino
Boccheggià colle 'ostole stroncate.
Firenze, 1871

50. NERI SI VESTE PER ANDA' DI GUALDIA

NERI
Teresia, vieni 'va, polta 'n bottone.
TERESA
Solo?
NERI
Tu crepi! ci vorrà anco l'ago.
TERESA
A voi, vi pigli 'r canchero.
NERI
5 O 'r cotone?
TERESA
L'ha pèlso 'Risto! o 'un sèlve 'n po' di spago?
NERI

[p. 869]
Stròzzatici!
TERESA
Ma voi, brutto stregone!
NERI
Teresia, esci di 'vi', 'n sennò ti pago;
10Son devoto, lo sai, di San Bastone.
TERESA
Ma che ci avete, drent' ar sangue, un drago?
NERI
E' ci ho… Basta, 'un lo so… Dammi 'r cappotto.
TERESA
Dèccolo.
NERI
O queste macchie?
TERESA
15 Ènno pisciate.
NERI
Come! der bimbo?
TERESA
Già! l'aveva sotto.
NERI
Teresia, un giolno o l'artro, che legnate!
O 'r chipì?
TERESA
20 C'è le toltole; era rotto.
NERI
Ah! le vòi? dunque to'…
TERESA
Ahi! m'ammazzate…
Firenze, 1871

51. MISERIA!


[p. 870]
PIETRO
Rosa, ti senti male!
ROSA
Io? ma ti pare!…
PIETRO
Bada, nun di' bugie, siei bianca bianca.
Dillo, via, che ti senti?
ROSA
5 Sono stanca.
PIETRO
Ma allora smetti, ciucca, 'un lavorare.
ROSA
E 'r bimbo chi lo deve rattoppare?
Dianzi ha 'nciampato ar chiodo della panca…
PIETRO
S'è fatto male?
ROSA
10 Un graffio 'n della cianca:
Ma te pensa alla febbre, 'un ti diacciare.
PIETRO
No, nun m'imbrogli, devi ave' quarcosa!
Ti vedo a mette' 'r filo 'n della 'runa…
ROSA
Mi sento smania.
PIETRO
15
[p. 871]
(Ho 'nteso tutto) Rosa!
Dimmi, o 'r bimbo ha mangiato?
ROSA
Per foltuna.
PIETRO
Me lo pensavo, siei tant'amorosa!
Ma te?
ROSA
20 Ci vòr pazienza, son digiuna.
Firenze, 1871

52. ER GIOATORE DI BUSSOLOTTI

COSIMO
Figlio d'un cane! e quello lì è 'n gristiano?
Pel me, senti, è un demonio travestito;
Fa cose che nun hanno dell'umano.
Lo 'redi? viensi via mezzo 'nciucchito.
DAMIANO
5 Ma quer lavoro 'oll'uccello 'n mano!
COSIMO
Ah! 'vello lì lo fa propio pulito.
Gualda, se lo facesse 'or pastrano,
Dirrei: n'ha un artro sotto, l'ho capito.
Ma 'nvece, lo vedesti? ha 'n fracche a vita,
10e pel di più nun ha nemmen cappello
Da potecci tene' la 'alamita.

[p. 872]
Ma per me, 'r più difficile fu quello
Quando mi strinse 'r naso 'olle dita,
E mi levò du' palle dar cervello.
Firenze, 1871

53. ER BALLO 'N TREATO

Di celto 'un mi pòi da' di bacchettone,
Chè se 'n chiesa ci vado è pel prudenza;
Ma 'n der vede' balla' quelle lezzone…
Pigliala 'ome vòi, nun c'è decenza.
5'Ugenio, sèmo giusti, 'un ho ragione?
O mena 'n po' ar treato l'innocenza!
Mena e' bimbi a 'mpara' l'eduazione…
È 'n gran mondo di pòlci, abbi pazienza.
Ma a me più rabbia me la fa la gente,
10Quand' a que' sarti stioccano le mane;
E loro a sculetta' tutte 'ontente.
Finisse armeno lì… vezzi, 'ollane…
E po' se viene 'n povero « 'Un ci ho niente ».
Che bèr mondo hanno visto le… trusiane!
Firenze, 1871

54. E' FOLZAIOLI


[p. 873]
Io nun lo nego, è un bèr diveltimento,
E un mezzo franco è rigirato bene;
Ma, se ti devo di' 'r mi' sentimento,
Mi trema sempre 'r sangue 'n delle vene.
5Sarò buffo, ma guà'! mi fa spavento
Vede' que' sartimbanchi per l'arene,
Rampïa' 'n sulle fune, e unni mumento
Metter' a ristio 'r filo delle rene.
L'Omo Mosca, sentisti? è già crepato…
10Che bèr sugo, eh? vedere 'n folzaiolo
Batter' un picchio e rimane' freddato!
Credi a me, se gli avéssano 'mparato
A guadagnassi 'r pane 'or mazzòlo
Di tant'arto 'un sarebbe ma' 'ascato.
Firenze, 1871

55. L'ABREO RIGATTIERI

EBREO
Che finezza di stoffa! che colore!
Ma che bazza! è una ggioia regalatta.
Per diecci gliela libbero di core;
Ma cinque è pocco, via, non è pagatta.
NERI
5 Dunque me la vòr dà'?
EBREO

[p. 874]
No, bell'amore.
Giuro per vitta mia che l'ho compratta,
Per diecci franchi, dianzi, da un signore…
Che articcolo! non par nemmanco usatta.
NERI
10 Pel cinque e mezzo?
EBREO
Tira via, la pigli.
Vuol'altro ?
NERI
Piglierei 've' pantaloni;
Ma, 'un vede? m'ènno 'olti, e po' son brutti…
EBREO
15 Sono spogli fiammanti del Passigli;
Taglio di fantasia, corti ma buoni:
Veda, il Peruzzi me li prende tutti.
Firenze, 1871

56. DU' GIURATI 'N CAMBERA DI 'ONSIGLIO

GIUSTINO
Ma l'hai sentito 'er Pubbrïo Mistero
Quante n'ha dette ar povero 'mputato?
Boia d'un omo! ha fatto 'r viso nero
Per mandar' a Vorterra 'n disgraziato.
MICHELE
5 Bada, quer che diceva è tutto vero.
GIUSTINO

[p. 875]
Questo lo so da me: ma, Dio beato!
Quand' un gristiano piange e vien sincero,
Semo giusti, 'un dev' esse' martrattato.
Ma che ci hanno 'n der petto 'vella gente,
10Pel da' tant' alle gambe alle pelsone?
Dov'è la dignità der Presidente?
Io 'r mi' voto lo dò d'assoluzione,
Pelchè, se ha stillettato 'ver tenente,
Dar su' deposto emelge che ha ragione.
Firenze, 1871

57. LA MAMMA MÓLTA

BABBO
(Pover' a noi!)
FIGLIUOLA
Pelchè sospiri tanto?…
Babbo, rispondi; dimmelo cos'hai.
BABBO
Nulla,.piccina mia (mi scappa 'r pianto)
FIGLIUOLA
5 Ma quando tólna mamma riderai?
BABBO
Sì… rideremo…
FIGLIUOLA
E tolnerà fra quanto?
BABBO
Presto.
FIGLIUOLA

[p. 876]
Ma dov'è andata? te lo sai.
BABBO
10 Io… sì… lo so… (mi sento 'r core 'nfranto).
FIGLIUOLA
Mamma 'attiva! nun ci ha scritto mai.
Se potessi sapere quando viene,
'Li vorrei prepara' la festicina,
C'è le rose nell'òlto tutte piene…
15Ma dunque quando tòlna, eh?
BABBO
Domattina.
FIGLIUOLA
Babbo… un bacio, ti voglio tanto bene…
BABBO
(Quanto l'aspetterai, povera Nina!)
Firenze, 1871

58. LA LEGGE

RAFFAELLO
'Ni sta bene! l'ha fatto 'r preputente?
Dunque 'n prigione! Che ne dici, Neri?
NERI
Sfido! ma che la legge 'un conta niente?
ch'è pelmesso 'nsurta' 'Arabinieri?
RAFFAELLO
5
[p. 877]
E, credi a me, son propio bone gente.
Ma gua'! 'li tocca a fare 'r su' mestieri.
Quand'a Tito 'li 'ièsan la patente,
Lui doveva risponde': « Volentieri ».
NERI
Lo 'redo!… O che da me nun c'ènno stati?
10Gliel' ho messa 'n sur banco, l'hanno letta…
« Grazie » stiin bene… e se ne son' andati.
Quando un omo la legge 'un la rispetta
Lo mettere' 'n der mezz' a du' 'Roati,
E po' giù! 'n sulle mele, la ricetta.
Firenze, 1871

59. 'N SULLA NOVA DEFOLME DE' SOLCINI

MARZIALE
Che risate s'è fatto 'on Tonino!
Lui li sumiglia a' ninnoli di latta,
Che sèlve dare ar primo un biscottino
Pel vede' tutti battere 'na patta.
5Ma chi l'abbia 'nventato 'r figurino ?
Che 'ngegnacci! nemmen' a Ripafratta.
ANNIBALE
Pel me dev' esse' stato 'r San Maltino,
Quello che ponza sempre, e 'un l'ha anco fatta.
MARZIALE
Povera truppa! quanti selviziali
10T'ho visto rivoga' 'n der deretano!
E loro te li vendan per regali.

[p. 878]
Pezzi di mota! pensan' ar pastrano!…
Mandin piuttosto a scola e' generali
A 'mpara' dove resta San Casciano.
Firenze, 1871

60. UNA 'AMICIOLA 'N DUA

GIOCONDO
Infìrzatela te, fammi 'r piacere,
Rosa… 'nsennò rimane qui 'n sur letto.
ROSA
È inutile, Gioondo, 'un me la metto!
Siei guasi 'gnudo, 'un ti posso vedere.
GIOCONDO
5 Oh! buggiancammi, quante tiritère…
O mettitela, via… po' t'imprumetto,
Se 'rivo a rammucchia' quarche franchetto,
Ne 'ompro un'artra subbito, 'un temere.
ROSA
Ma 'ntanto tremi!…
GIOCONDO
10 Zitta! hanno picchiato.
Stai bona, 'un ti leva' mi levo io…
Chi è?…
FRATE CERCATORE
Che Gesù Cristo sia laudato;
Povero San Francesco…
GIOCONDO
15
[p. 879]
Caro mio,
Se célca di 'oglioni, oggi ha sbagliato…
Io pel mangia' lavoro… sacro Dio!
Dianella, 1871

61. DU' STERRATORI IN CELCA DI LAVORO

CECCO
Ci son' andato, sai, dallo 'Ngegneri.
NERI
Che t'ha risposto?
CECCO
Ha detto: « 'Un vo' Toscani ».
NERI
Di già lo so, accident' a' forestieri!
5Fai 'na 'osa, ritolnaci domani.
CECCO
Ci tolnerò; ma è tempo pèlso, Neri,
Tu vedessi, che ghigna! di 've' 'ani!…
NERI
Ma te, glielo dicesti di dov'eri?
Pelchè alle vorte, sai, l'esse' Pisani,
10Con celte gente fa bona 'mpressione:
Se t'arramenti, ar Triboli de' Olli,
Ci présan senza fare osselvazione.
CECCO

[p. 880]
Lo so, ma e' Piemontesi ènno vorponi:
Con noi ce l'hann' a mòlte… e hanno ragione,
15Pelchè in Toscana c'è di gran sbuccioni.
Firenze, 1871

62. ER CANE E LA SENTINELLA

AMICO
O ch'è tuo quer busdroghe?
SENTINELLA
Uh, malidetto!
Da stamattina 'n qua nun m'ha lassato.
Mi felmo: e lu' si felma; entro 'n Picchetto:
5E lu' m'aspetta all'uscio! Dio beato!
Se 'un si leva di lì, credi, l'affétto…
AMICO
Ma la tu' 'agna è 'n cardo, Liberato?
SENTINELLA
Son tre giolni.
AMICO
Ho capito, io ci scommetto…
10Lui l'ha sentito, e viene all'udorato.
SENTINELLA
Bèr carcio li vo' da', se mi vien sotto!…
Ma presto, se Dio vole, esco di 'vi.
Mi pal mill'anni, immè! son mezzo rotto.
O a te quando ti tocca?
AMICO
15
[p. 881]
Vennaldì.
Bada, bada, ti piscia 'n sur cappotto…
Rebbia, or' è tempo!
SENTINELLA
Crepa (zum).
CANE
Guahì.
Firenze, 1871

63. LA FRATELLANZA DELL'ITALIANI

Tutti fratelli! S'è strillato tanto,
Ma fin' a qui s'è tatto di parole.
Lei di dov'è? « Lombardo, e me ne vanto ».
E lei? « Son Fiorentino, se Dio vole ».
5Tutti citrulli sèmo; e questo è quanto.
Se ci ripenso, quant'è vero 'r sole,
Dalla velgogna mi si smove 'r pianto:
Nun credo, più nemmeno 'n delle scòle.
Però ar mi' bimbo gliel' ho già 'nsegnato:
10Tieni a mente, 'ni dissi, siei pisano,
Pelchè 'n Pisa t'avemo battezzato.
Ma a Pisa 'un ci pensa', te siei Toscano,
Quer « Me ne vanto » poi, mondo sagrato!
Dillo; ma prima di' « Son' Italiano ».
Firenze, 1871

64. LA SCOMMESSA


[p. 882]
PAOLO
Quattoldici minuti… uno pel vèlso?…
Abbi pazienza, 'un ti ci pol' entrare.
NERI
Le ciarle 'un contan nulla, è tempo pèlso…
Scommettémo.
PAOLO
5 Scommètto un desinare,
NERI
Sta bene. A che loanda?
PAOLO
All'Univelso.
NERI
Qua la mana.
PAOLO
Ma abbada, 'un ti pensare
10Di snocciola' lo scritto giù attravelso…
Voglio un Sonetto, ma che possi stare.
NERI
Vai tranquillo.
PAOLO
O vediamo. Eccoti 'r foglio.
NERI
Vado?
PAOLO
15 Vai, ma 'un ti c'entra, ci scommètto.
NERI

[p. 883]
Ora nun m'imbroglia' 'nsennò m'imbroglio.
PAOLO
Che mangiata vo' fa'!…
NERI
Zitto, t'ho detto!…
PAOLO
Brodo ar Cappone… Cèe… Triglie di scoglio…
NERI
20 Quanto manca?
PAOLO
Un minuto.
NERI
Ecco 'r Sonetto.
Firenze, 1871

65. 'NI SI GUASTA 'R CORE!

MARITO
Questa è l'utima vorta che lo dìo;
E 'ntendemola! 'un voglio piovanelli.
Ma 'un te n'avvedi te che 'r nostr'Erìo
S'avvezza male a strapazza' l'uccelli?
MOGLIE
5 Nun t'arrabbia', lo so; ma, santo Dio!
Come si fa? l'ha visti a du' monelli,
E ha 'mprincipiato a di': « Li voglio anch'io! »
Gli ho dat' un chicco, e lui: « No, voglio 'velli! »
Che avresti fatto te ?
MARITO
10
[p. 884]
Sentimi, Irene,
Te siei bona, ma anch'io nun son cattivo,
Pelché lo sai se a Pipi io 'ni vo' bene.
Che cosa nun farei per quell'amore?
Ma a dare a un bimbo un uccellino vivo,
15Vai positiva, 'ni si guasta 'r core.
Firenze, 1871

66. HA RAGIONE!

MANUALE
Pel quer che sii salute, 'un mi lamento;
Son sano, grazie a Dio, più d'una lasca…
MAESTRO
De' lavori ce n'è?
MANUALE
Io mi 'ontento,
5Giolno per giolno qualche cosa 'asca…
MAESTRO
E allora di che brontoli, strumento?
MANUALE
Lo vor sape'? vienga, mi frughi 'n tasca,
E se trova 'n centesimo 'vi drento,
'Ni regalo la pipa e la mi' fiasca.
MAESTRO
10 Però vedo che campi.
MANUALE

[p. 885]
Ah! 'ni pal giusto,
Che chi s'arronza tutt'un anno 'ntero
Nun buschi tanto da levassi un gusto?
Campa' si 'ampa, nun lo nego, è vero;
15Ma che vita è la nostra?… ah, mondo 'ngiusto!
Ci hai trattato da cani: acqua e pan nero.
Firenze, 1871

67. LA SORPRESSIONE DE' 'ONVENTI

CRISTIANO
Ma 'n che tempi ci sèmo ritrovati!
Scommètto, a anda' da' Tulchi, là, 'n Tulchia
A racconta' che s'è sorpresso e' Frati,
Dirrebbano: « 'Un pol esse', gnamo, via! »
NAZZARENO
5 Son prodezze de' nostri Deputati…
CRISTIANO
All'infelno!
NAZZARENO
'Un ci 'redan che ci sia.
CRISTIANO
Di là se n'avvedranno que' dannati…
Du' folconate e giù, brutta genìa!
10Poveri frati! avvezzi a nun fa' niente,
Chi sa quanti ne stianta dar dolore!
NAZZARENO

[p. 886]
Stai zitto, 'un me lo di', povera gente!
Dianzi ho menat' a cena un celcatore;
Che fame!… che appetito preputente!…
15Avrà durat' a be' guasi tre ore.
Firenze, 1871

68. MI FANNO FOTTA!

NERI
Ma propio l'hanno detto?
PIPPO
'N sur mi' onore:
E gente, anco, dell'arta signorìa.
Dicevano: « Se scrive 'n pöesia,
5Dev'essere 'n cattivo muratore ».
NERI
Eppoi?
PIPPO
Ti 'onfrontonno a un tar signore…
Lo 'iamavano 'r Lanza, 'un so chi sia,
Che fa 'r ministro, pare, a un'osteria,
10E ar tempo stesso esèlcita 'r dottore.
NERI
Lanza o nun Lanza, se ti battan sotto,
'Ni devi di' che a loro 'n der cervello
'Ni c'è andat' a covare un passerotto.

[p. 887]
E 'nsegna a queste bestie da macello,
15Che si pòr fa' salame e sarsicciotto…
La 'vistione è d'ave' ciccia e budello.
Firenze, 1871

69. LE STILLETTATE

ENRICO
Ch'è seguìto laggiù?
PLACIDO
Ah! tu sapessi…
ENRICO
Quarche disgrazia?
PLACIDO
Stillettate a josa…
5S'ènno mezzi sciupati… tu vedessi!
ENRICO
Ar solito! Canaglia velgognosa!
Si diceva anco dianzi 'or Giannessi:
Che 'r mondo d'oggi è tutt'un'artra 'osa
De' nostri tempi… ora di se' processi,
10Su cinque c'è la palte sanguinosa.
E questo che vòr di'?… che 'un c'è più core!
Che questa gioventù moscia e sborrata,
Nun sente più l'impurso dell'onore.
Di nulla nulla, giù! 'na stillettata…
15Assassini! e nun pensan' ar dolore
D'una povera mamma disperata.
Firenze, 1871

70. QUESTO È VALORE


[p. 888]
LODOVICO
Crementinaa.
CLEMENTINA
Chi è?
LODOVICO
Apri, son' io.
CLEMENTINA
O la rivista?… Velgine beata!
5Come siei mézzo, pover' amol mio!
Stella.
STELLA
Comandi!
CLEMENTINA
Fate 'na fiammata…
Lo dicevo: vòr piove', Dolovìo…
LODOVICO
10 Brrr. ..
CLEMENTINA
Ti fa freddo?
LODOVICO
Eh, sfido, a quest'acquata
Ma la Nazione…
CLEMENTINA
Spògliati, ti dio!…
LODOVICO
15 Parlerà…
CLEMENTINA
Malidetto la parata!
Stella.
STELLA

[p. 889]
Ho già fatto: vienghin' a scardassi,
LODOVICO
… Der valore…
CLEMENTINA
20 Dirre' quarch'eresia.
Sentite che camicia! è da strizzassi.
LODOVICO
Quanto freddo ho patito, anima mia!
Brrr… ma la grolia 'nsenza strapazzassi…
STELLA
Sol padrone, si spenge; vienga via.
Firenze, 1871

71. LE GUALDIE DI P. S.

LORENZO
Dove s'ènn' acciuffati
JACOPO
In Pescheria.
Da principio 'azzotti e po' legnate:
Uno è già mòlto, un artro è 'n agonia…
5Parevan bestie… tigre scatenate.
LORENZO
Duronn' un pezzo?
JACOPO
'Un ti vo' di' bugia:
Dall'ott' e un qualto alle nove sonate.
LORENZO

[p. 890]
O le gualdie?
JACOPO
10 Ti pare! 'un viensan mìa;
Loro 'n que' 'asi stanno rimpiattate.
Io, però, quando veddi 'r caso brutto…
Mamme svienute, babbi spaventati…
Cólsi 'n Pisa a celcanne da pel tutto.
15Due ne trova' 'n dell'Ebe a be' 'r poncino;
Sette 'n picchett' a fare a' 'vadrigliati,
E quattr' addolmentate 'n d'un Casino.
Firenze, 1871

72. UN AMBO CÈLTO

ORESTE
S'è vinto nulla?
ANACLETO
Cchè!
ORESTE
Già lo sapevo!
Ho 'r mar d'occhio 'ncallito 'n der groppone.
ANACLETO
5 L'hai vorsuti gioà? Te lo dicevo:
Ènno tutti der sussi, 'mbecillone!
ORESTE
Ma nun ci pensi ar sogno? li vedevo
Tutti 'n fila, stecchiti 'n sur cortrone!

[p. 891]
Io nun vo' di' bugie, ma se l'avevo,
10Ci avre' gioato sopra anc' un miglione.
ANACLETO
Gnam' 'un ti vo' 'nganna', l'ambo ce l'hai!
ORESTE
Dici 'n sur serio?
ANACLETO
Sì; ma prima senti,
Pel vince' positivo, che 'nventai.
15Quando mi desti que' se' franchi e venti,
Dissi: Oreste ha du' bimbi… e ti 'omprai
Da rivesti' que' poveri 'nnocenti.
Firenze, 1871

73. 'N SULLO SCHELATRO DER SOR UGO FOSCARI

L'Italiani, si sa, nun ènno boni
Artro che a dire: « Ammazzal' è arrabbiato! »
T'arrammenti l'insurti ar sol Balgoni,
Quando scrisse dall'Ondra: « E' 'un l'ho trovato! »?
5Ma poi per martrattallo 'un c'è ragioni:
Gli avranno detto: « È lì », lui ci ha gualdato…
E se nun ci trovò 'n pal di 'oglioni,
La 'orpa è der Giurì che l'ha mandato.

[p. 892]
Però, se devo di' 'r mi' sentimento,
10Quer celca' sotto terra le pelsone,
Sbaglierò, ma mi pare un bèr cimento.
Pelchè c'è 'r caso di polta' 'n bestione
'N der mezzo a tanti mòlti di talento,
A fare 'n Santa 'Roce 'r pottaione.
Firenze, 1871

74. UNA DISGRAZIATA

CARÒLA
Allegra, via! nun piange' più, figliola;
Ci vòr pazienza, quer ch'è stato è stato.
'Gnamo, asciùgati… tieni la pezzòla,
E smetti di pensacci a quello 'ngrato.
ADELE
5 Credi, nun posso, è inutile, 'Aròla…
Tu sentissi 'r mi' 'ore, è disperato…
Avevo ar mondo una speranza sola…
Era 'vell'omo… infame, m'ha lassato!
Ora mi basta…
CARÒLA
10 Adele, siei 'mpazzita?
ADELE
Làssami…
CARÒLA
No!… mio Dio, posa 'r curtello…
ADELE

[p. 893]
Nun ne vo' più di 'vesta laida vita…
CARÒLA
Aiuto. aiuto!. Furvia. Amalia. Cice.
15Donne, correte… Adele s'è ferita…
O Dio! mi more. Povera 'nfelice!
Firenze, 1871

75. UNA DISGRAZIATA

CARÒLA
Dèccomi sola. povera. venduta!
Pietà, mio Dio, pietà sono 'nnocente…
Ebbi una mamma anch'io, ma l'ho pelduta:
Ero piccina, nun capivo niente.
5Doppo der tempo una vecchiaccia astuta
Mi si viense a spaccia' pel mi' parente…
Bon pel me se 'un l'avessi ma' veduta!
Strega assassina! mi tradi virmente.
Son quattr'anni che qui vendo 'r mi' onore,
10Io che mi sento bona. io ch'ero nata
Pel vivere 'n famiglia fra l'amore.
Dio! quante vòrte me la son sognata…
PETRONILLA
Caròla, scendi 'n sala, c'è un signore…
CARÒLA
Dèccomi. Oimmè, che vita disgraziata!
Firenze, 1871

76. UNA DISGRAZIATA


[p. 894]
CARÒLA
Padrona…
PETRONILLA
Su fai presto, là 'n salotto,
C'è un omo che ti vole, 'un so chi sia…
Come mai cor cappello?… o quer fagotto?…
CARÒLA
5 È mio.
PETRONILLA
'N dove lo pòlti?
CARÒLA
Vado via.
PETRONILLA
Via?… ma siei pazza!… e te, così di botto,
Pianti sola 'na vecchia… 'na tu' zia!
CARÒLA
10 Nun v'accostate: escitemi di sotto,
Strega 'nfelnale, fo quarche pazzia.
PETRONILLA
Aiuto!
CARÒLA
Ah! nun vi tocco, 'un dubitate…
Siete vecchia… quer Dio ehe tutto pole,
15Vi darà 'r premio che vi meritate.
PETRONILLA
Dunque mi lassi?… pensa a quer che fai.
CARÒLA

[p. 895]
Ci ho già pensato, e scappo, se Dio vole…
Pane e lavoro nun ne manca mai.
Firenze, 1871

77. ER SANTO CHE MOVE L'OCCHI

CRISTIANO
Attento! Aver Maria di grazia piena;
Dominu steco. Hai visto? l'ha girati!…
E benedittus. Gualda, li dimena…
Fruttu sventri. Ora sì che l'ha sgranati!
VITTORIO
5 Deve ave' un macchinismo 'n della stiena…
CRISTIANO
Stai zitto, nun lo di', sèmo dannati…
VITTORIO
Eschin di 'iesa e vadin' all'Arena,
Ciarlatani più peggio der Bennati!
CRISTIANO
Dunque?
VITTORIO
10 Dunque, 'un ci 'redo, e me ne vanto;
E se fussi 'n de' piedi der Pretore,
Farei sparare subbito 'ver Santo.
Po' ti do la parola der mi' onore,
Che lui deve ave' 'n buzzo, o sotto 'r manto,
15Quarche specie d'oldigno 'ontatore.
Firenze, 1871

78. ER CICERONE E L'INGHILESE


[p. 896]
INGLESE
Splendidissimo, jes!
CICERONE
O 'un gliel' ho detto?
Fra' 'ampanili è 'n grand' oggetto d'alte!…
INGLESE
Essere autore?…
CICERONE
5 Credo un alchitetto…
Vienga… lo gualdi di 'vaggiù 'n dispalte.
INGLESE
Oh, magnifico!
CICERONE
Vero, eh? bell'effetto!
Si vede pènde' da tutte le palte.
10All'Ondra nun ce 'hanno e ci scommètto,
A meno che dipinto 'n su le 'alte.
Lassàmo anda', ma Pisa pòlta 'r vanto
Di tanti ritrovati d'invenzione,
Che foravia di 'vi nun c'è artrettanto.
15O le cèe! sèmo giusti, 'un ènno bone?
Le sentisse alla sarvia, ènno uno 'ncanto…
Eh! l'Italia è 'na gran bella Nazione!
Firenze, 1871

79. DU' GIURATI 'N SEDUTA


[p. 897]
GIUSTINO
Che cose!… che delitti snaturati!
MICHELE
Nientemeno! ha sentito, eh? recitiva!
GIUSTINO
Di 'vest' affari prima 'un ne seguiva,
Nemmeno sotto 'r regno de' 'Roati.
MICHELE
5 E di', quanto ci sèmo spormonati!
Se n'arramenta? unni po' po' s'esciva…
Un giolno « Mòlte », un artro giolno « Viva! »
GIUSTINO
Ma s'ha l'onore di sede' Giurati…
MICHELE
E di sta' 'nsenza cibo un giolno 'ntero!…
10Artro che recitiva, Dio de' Dei!
C'è da buscassi un mar maligno nero.
GIUSTINO
A proposito, scusi, lo sa lei?…
Che vòr di' recitiva?
MICHELE
Io son sincero…
15Lo vòr sape'?… 'un lo so, Cristo m'accèi.
Firenze, 1871

80. L'UTIMA SCENA D'UNA STRAGEDIA ALL'ARENA FEDERIGHI


[p. 898]
AMOROSO
Furci tiranni ognora e sempre sonci!
PUBBLICO
Benee!
AMOROSO
Snuda, o codardo, il vile acciaro.
TIRANNO
Oh! rrabbia!
NOCCIOLARO
5 E chi vòr seme? nicciolaro.
PUBBLICO
Silenzio!.
AMOROSO
Invano, co' tuoi detti sconci,
Tenti avvilir…
CAFFETTIERE
Birra, gelati e ponci.
PUBBLICO
10 Pscii.
AMOROSO
Questo brando, unqua di sangue avaro…
CAMPANE
Din don dan…
PALMIRO
Malidetto 'r campanaro!
AMOROSO
Di dispregiar le tue minacce imponci.
PUBBLICO
15
[p. 899]
Bravoo!… ammazzalo!
TIRANNO
Avanti, o miei vassalli!
PALMIRO
Sfondani 'r magazzino de' ligori!…
AMOROSO
Inutil fora, è tardi…
PUBBLICO
Bravo!… dàlli!..
AMOROSO
20 Prendi… tiranno!
PUBBLICO
Abbasso e' traditori!
TIRANNO
Io… moro… ahi… lasso!…
NERI
Mòlte al Re de' Galli!…
PALMIRO
Viva 'r prim'omo!… O ch'è finita?… foriii!…
Firenze, 1871

81. ER CONTRABBANDIERI SMESSO E 'R CAPITANO DI FINANZA

SAETTINO
Sol Giuliano… pelmètte 'na parola?
CAPITANO
Chi siete?
SAETTINO

[p. 900]
O 'un mi 'onosce? Saettino!…
S'arrammenta? Lo presi per la gola
5Quella notte der sale, 'n Migliarino…
CAPITANO
Che volete?
SAETTINO
Una 'osa sola sola.
Senta: or è l'anno viensi giù da un pino…
E 'nsenz' alie, 'un c'è cristi, nun si vola!
10La prova è questo gonfio allo 'ntestino…
CAPITANO
Fermo, fermo, ho veduto.
SAETTINO
Ora lei sappa
Che 'r contrabbando vòr gamba sïura,
E coll'èlnia, ho provato, ma 'un si scappa,
15Tarchè se lei mi vòr tra' Finanzieri…
CAPITANO
Eeh?!
SAETTINO
Son' un omo, sa, 'nsenza 'mpostura;
Mi basta 'r grado anco di Brigadieri.
Firenze, 1871

82. DANTE


[p. 901]
NERI
L'ho letto, sai?
CECCO
L'hai letto? O che ti pare?
NERI
Te l'ho a di' giusta? 'Un ci ho capito un'acca.
N'ho letti un canto o dua, così pel fare;
5Ma ho smesso. O se 'un si sa quer ch'armanacca!
Da principio 'mprincipia a camminare;
Po' doppo entra 'n d'un bosco, e po' si stracca:
Trova 'na Lontra e lui vòle scappare…
Buggerate, ti dìo, le dice a sacca.
10Ho letto anco la storia d'Ugolino;
Lì, poi, si butta a fa' troppo 'r saccente
E a da' bottaie all'uso fiorentino.
Tu sentissi che robba 'mpeltinente!
O che 'un s'è messo a di', questo lecchino,
15Che Pisa è 'r vituperio delle gente!
Firenze, 1871

83. LI STUDI DI NERI


[p. 902]
TONINO
Neri, si pòr sape' 'ndove 'mparasti
A sbotra' quelle rime 'n poesia?
O a scrive' vèlsi quando 'mprincipiasti?
Chi sa cosa darei se fussan mia!
NERI
5 Bella robba!
TONINO
Mi galba, e tanto basti.
Ma te devi esse' stato 'n libbreria,
Pere 'mparare a mente tutto 'r Casti…
NERI
Casti ?
TONINO
10 O ch'è robba da buttassi via?…
NERI
O senti: io 'mprincipiai da bimbettino
A studia' 'n su' cipressi di Dianella
Come faceva 'r nidio un cardellino.
A Pisa po' 'mparai l'arma favella
15E a distingue' 'r Pretore da Guazzino.
Per ùtimo, vienuto a Frora bella,
Mi finii d'ispirà' 'n der campanile,
All'ombra der cappello di Barile.
Firenze, 1871

84. ER CONFESSORE


[p. 903]
CONFESSORE
Seduttore! e chiedete assoluzione?
È impossibile. andate!
VENANZIO
Agnamo, smétta;
Nun ho tempo da pelde', don Simone:
5Già lei, lo so, fa sempre la burletta.
CONFESSORE
Birbante… uscite!…
VENANZIO
'Un facci più 'r buffone.
Ci ho 'r principale, è tanto che m'aspetta…
CONFESSORE
Anima rea, l'eterna dannazione…
VENANZIO
10 O che va via?… riverendo, dia retta…
Prete sfacciato! a bestemmia' l'Etelno,
Nun ci s'arrabbia, o ar più dice « 'Un lo fate ».
Quello per lui, nun merita l'infelno;
E per avelli detto der mi' amore
15Colla su' sèlva… Ho 'nteso: ar sor Abate
'Ni Preme più Gertrude der Signore.
Firenze, 1871

85. L'INNOCENZA


[p. 904]
NERI
M'accostai piano piano, e.
CASIMIRRO
Che vedesti?
NERI
Un pastorello, un bèr giovanottino
Biondo, ricciuto, con celt' occhi mesti,
5Che sdraiato 'n sull'èlba a piè d'un pino,
Sonava 'r frauto…
CASIMIRRO
E te che 'li dicesti?
NERI
Io? nulla; maledissi ar mi' destino,
A tutti l'ominacci disonesti,
10E piansi d'esse' nato cittadino.
Che 'mpolta nasce' ricchi e cavaglieri,
Se 'r più bèr patrimonio è l'innocenza?
CASIMIRRO
Ma che ci 'redi te? Povero Neri!
Sappi dunque che 'r caro pastorello
15Fu chiappat' a assarta' 'na diligenza.
NERI
Ma come! lui?… quello der fràuto?
CASIMIRRO
Quello.
Dianella, 1871

86. UN ARTRO PAIO DI GIURATI IN SEDUTA


[p. 905]
MICHELE
Che fame mi rimpasto, Dio bonino!
E ancora 'un sèmo a nulla.
GIUSTINO
A lei, ne vuole?
MICHELE
Di che?
GIUSTINO
5 Ma facci ammodo, ci ho un panino…
Mele, dèccole 'vi, ci ho queste sole.
MICHELE
Nun s'incomodi, prego, sol Giustino…
Troppo galbato.
GIUSTINO
E sa, son lazzaròle…
MICHELE
10 Felmo, 'r Giurì ci gualda.
GIUSTINO
Che aguzzino!
Son bòne?
MICHELE
Bone, quant'è vero 'r sole!
Ora ci stiantere' 'na fummatina.
GIUSTINO
15 E io moio di voglia d'urinare.
MICHELE
To'! se la pòr leva', c'è la latrina.
GIUSTINO

[p. 906]
Rizzassi 'n sur più bello? ma 'li pare!
MICHELE
E allora?
GIUSTINO
Sangue freddo e disciprina!
20Finchè 'un si va 'n consiglio, 'un la vo' fare.
Firenze, 1871

87. POVERO 'OSINO!

MARIA
Ti fa freddo, amol mio?
FERRUCCINO
Sì, mamma, tanto.
MARIA
Neri, hai sentito?
NERI
Povero 'osìno!..
MARIA
5 'Gnamo, 'un è tempo di buttassi ar pianto,
Qui bisogna pensare a 'n vestitino.
NERI
Maria… son troppo onesto… e me ne vanto.
Come faresti te, senz'un quaino…?
Félmo, pipi, 'un ti move' stai 'n der canto…
FERRUCCINO
10 Babbo, ho freddo…
NERI
Un c'è legne, eh? poverino!
MARIA

[p. 907]
Che pena, ave' 'na bella 'reaturina,
E vedella trema' come 'na vetta,
Senza pote' compra' 'na brusettina!…
15Neri, o pelchè ti levi la giacchetta?
NERI
Nun sento punto 'r freddo stamattina…
To', fànne quer che vòi, tanto m'è stretta.
Firenze, 1871

88. O PELCHÈ NUNE SCAPPA?

PAOLO
Lo vòi sape'? 'n de' piedi di Pio Nono,
Scapperei, Dio mi mandi 'n accidente;
Ti pare! 'un potrei sta' fra quelle gente
Che m'avessan rubbato e scettrio e trono.
5E sì che, poveraccio, è tanto bono!
Sotto 'r su' regno 'un c'era un marvivente
(Eccetto e' liberali solamente)
Che lui nun 'li stioccassi 'r su' peldono.
Che 'nfamità, che cose! Io, chiòtto, 'iotto,
10Lo ripeto, entrerei drent' un vagone
(L'hanno 'nvitato tanti), e via di trotto…
DANTE
Nun ti sposare a quest'inviti, Pavolo;
Prova ne sia che 'r Papa 'un fa fagotto,
Pelchè sa che 'un lo vòr Cristo nè 'r Diavolo.
Castiglioncello, 1871

89. ER PESCATORE DI 'ANNA


[p. 908]
VIANDANTE
Tóccano?
PESCATORE
Nun gran cosa stamattina.
L'acque ènno troppo tolbe e 'r pescio 'un vede,
Ma spero di piglia' quarch' anguillina;
5Quell'animale 'r tolbo lo riiede.
VIANDANTE
N'avete presi punti?…
PESCATORE
Una reina
Tre mesi fa… Bèr tocco che mi diede!
Creda mi spaventai, palse 'na mina.
10Mi si scocciò, peccato! e se n'andiede.
Ffflun. Ragazzi, smettémo, Dio sagrato…!
Ffflun. T'ho visto, 'un pensa', brutto monello…!
Nun mi lassan pesca', son disperato.
Voglio un po' rivede' se ci ho 'r budello…
15A lei, razze di 'ani, hanno mangiato!…
VIANDANTE
Salute, galantuomo.
PESCATORE
Arrivedello.
Castiglioncello, 1871

90. LA TASSA 'N SULLA RICCHEZZA MOBILE


[p. 909]
NERI
Scusa, Fagioli… qui come ci dice?
FAGIOLI
Ricchezza.
NERI
E quaggiù dreto ?
FAGIOLI
Ar signol Neri…
NERI
5 Dev' esse' 'na burletta di Felice:
Con me, lo so, ci schelza volentieri.
FAGIOLI
Disgraziato! 'un lo vedi? è l'amatrice
Per denunzia' l'entrate der mestieri…
NERI
Come! e a chi mangia pane e 'na radice?…
10Fammi 'r piace' rivógaci tre zeri.
FAGIOLI
Di 'vest' azione nun ne fa 'r Fiagioli:
Piuttosto se vòi scrive' 'na prutesta…
NERI
E allora, giù!… « Busca tre franchi soli… »
FAGIOLI

[p. 910]
E poi?…
NERI
15 Fàlli 'api', così alla lesta,
Quand'un omo ha sfamato se' figlioli,
Che mi sàppano di' cosa 'li resta.
Firenze, 1871

91. NERI ALLA TOMBA DER SU' BABBO

Povero vecchio! oggi finisce l'anno
Che vi veddi spira' tra queste braccia.
Voi mi baciavi tutto per la faccia
'Nsenza pote' discorre' dall'affanno.
5Dio, quanto piansi! immè che nottataccia!
Chi nun ha pelso 'r babbo, nun lo sanno
Cos'è 'r vedello bianco 'om' un panno…
Senti' quella su' mana diaccia diaccia…
Signore Dio! se mi ci fisso, stianto…
10Dolmite 'n pace, anima bona, e presto,
Se Gesù vole, dolmiremo accanto.
Babbo, per oggi nun vi do che questo:
Una grillanda fradicia di pianto,
E la 'mprumessa di selbammi onesto.

Dianella, 1871

92. UN POVERO DOTTORE ALLE 'ONSURTAZIONE GRÀTISSE


[p. 911]
MALATA
Sol dottore… si pole?
MEDICO
Avanti, sposa…
MALATA
Scusi se lo distulbo…
MEDICO
Ah! non fa niente.
5Mi dica…
MALATA
Bella stanza!
MEDICO
È molto ariosa.
E il suo incomodo? parli: che si sente?
MALATA
Li dirrò… io nun son punto fïosa
10'Anco, Dio gualdi, avessi 'n accidente…
Glielo pòr di' la sòcera di Rosa…
MEDICO
Dunque?…
MALATA
O ch' 'un la 'onosce? è mi' parente…
Quella che prese 'vello di 'Aprona…
MEDICO
15 Ma… il suo male?…
MALATA

[p. 912]
Se aspetta, glielo dìo.
Che donnaccia, anco lei, che bilbacciona!
Si figuri che lui… si 'iama Erìo,
Sfacciato! o 'un mi trattò di 'iacchierona!
20Creda, se nun arrabbio…
MEDICO
Arrabbio io.
Firenze, 1871

93. È 'N GRAN MONDACCIO!

STRAVIZIO
Come va, Rastianatte ? o der tu' dito
Stai punto meglio?
ASTIANATTE
Grazie, 'un c'è malaccio;
Ma ancora 'un posso di' d'esse' guarito.
STRAVIZIO
5 È 'n gran male marsano 'r pianeraccio!
ASTIANATTE
Se tu sapessi, immé, quant'ho patito!
STRAVIZIO
Me lo figuro.
ASTIANATTE
Senti, è 'n gran mondaccio!
Ti piglia un male… ancora 'un t'è finito…
10Ritonfa! o la pipita o 'r carcinaccio.

[p. 913]
Si 'imprincipia da bimbi co' gattoni…
Dòppo: timori, fremmoli, migliare…
Fa cardo: mosche! è freddo: pitignoni!
STRAVIZIO
Gualda, anco Lui, quer che si mess'a fare!
ASTIANATTE
15 Po', pel fini' di rompecci' 'oglioni,
O 'un 'li viense l'idea delle zanzare!
Firenze, 1871

94. PO' POI NUN ÈNNO SPESI MALE

PILADE
Sì, le tasse, hai ragione, ènno gravose;
Ma, credi a me, si spendan giustiziati.
'Nsomma 'r Govelno ha fatto di gran cose,
E ognuno pòr vede' 'ndov' ènn' andati.
5Qui s'ha 'na Frotta delle più famose…
SETTIMO
O Lissa?
PILADE
È vero! lì furmo 'ngannati;
Ma le nave restonno vittoriose,
E l'acque furno nostre, 'un c'è sagrati.
10Quant' a Eselcito… hai visto, eh? che montura!
Che trombe!… a fare 'n guerra 'na sonata,
Sfido l'oste a 'un crepa' dalla paura…
Qui, pòi lassa' la pòlta spalancata;
La tu' robba e la vita ène sïura…
SETTTMO
15
[p. 914]
Ma te, la lassi apelta?
PILADE
Io no, serrata.
Firenze, 1871

95. NERI 'OLLA 'ITARRA CHE CANTA SOTTO LE FINESTRE DELLA SU' DAMA

NERI
« Se tutti ti voléssano 'r mi' bene,
Le Sante si potrebban rimpiattare:
Ti farebban' un trono 'ri sull'artare,
Eppo' ti 'anterebban le novene.
5Hai l'occhi lustri e der color der mare;
Colla tu' voce 'ncanti le sirene;
Chi ti vede, lo dice e se ne tiene;
Chi ti sente, 'mprincipia a sospirare.
Tutte le notte, quando 'r lume è spento,
10Mi si mette 'n dell' occhi 'r tu' ber viso,
E nun va via nemmen se m'addolmento.
Allora mi pal d'esse' 'n paradiso… »
INQUILINO
Dunque' un ti vo' 'etare, eh? rompimento…
NERI
Cor piscio è da maiali!
INQUILINO
15 Addio, Nalciso.
Firenze, 1871

96. LA MAMMA BACCHETTONA


[p. 915]
BIMBETTI
« Mamma… mamma… s'ha fame… »
ANGIOLA
Immè, che pena!
Dirre' tant'eresie, Dio mi peldoni.
CARLOTTA
Ma su' ma' che 'un ce 'hanno?
ANGIOLA
5 È alla novena…
CARLOTTA
Tremoti alla genìa de' bacchettoni!
ANGIOLA
E unni giolno, 'un c'è casi, è questa scena!
Li serra 'n casa e scappa alle funzioni;
Poi tolna, e 'nvece di mandalli a cena,
10Li mette a di' 'r rosario 'n ginocchioni.
Se li vedesse, poveri 'nnocenti!
A sòn di patelnostri e di pedate,
Si reggan tutti l'anima co' denti.
Senta… se per anda' su dall'Etelno
15Bisogna esse' mammacce snaturate,
Pel me, vadia chi vole, io vo all'infelno.
Dianella, 1871

97. UN RADDOPPIO ROSSO 'N D'UNA PALTITA A CALORINA


[p. 916]
TITO
Quant'arza 'vella rossa?
PALLAIO
Un mezzo dito.
TITO
Son capace a tira' 'r rintelzo giallo.
Quant'ho ?
PALLAIO
5 Quarantasette, signol Tito.
TITO
Per l'appunto è diritta, c'è 'r rimpallo.
Su, tiràmo alla rossa; è un tiro aldito,
Ma se lo posso fa' son' a cavallo.
Dàmmi la mezza.
PALLAIO
10 Dèccolo selvito.
NERI
'Gnamo, pel carità, gualda di fàllo,
Mi son rotto...
PALLAIO
E' l'ha fatto pel davvero!
NERI
Ma me 'un mi peli più, Cristo m'accèi...
TITO
15 Queste ènno palle!... io sfido 'r mondo 'ntero...
PALLAIO

[p. 917]
Quarantasette e nove, cinquansei;
Dar trenta ar trentadue, dall'uno a zero.
Signori, giòan più?
NERI
No.
PALLAIO
20 Tutti lei!
Firenze, 1871

98. UN PENTIMENTO

Oh! potessi tolna' vent'anni 'n dreto!
E mi' pa' me lo disse: ?Ranierino,
Metti 'r capo a paltito, 'un fare 'r feto.
Chi nun sa scrive' in oggi fa poìno.?
5Pul troppo ragionava da profeto!..
Ma che vòi fa'? si vede c'è un destino...
E sì che nun sarei punto 'ndiscreto,
Anco 'n der be', lo vedi? o ponci o vino.
Ora, te mi dirrai: Che te ne vanti?
10Ma, se sapevo scrive', 'r mi' Pasquale,
Dove ci ho 'alli, c'era 'n pal di guanti.
Belle mi' filme farse alle 'ambiale!...
Che scoti 'r capo? l'hanno fatto tanti;
Dunque vòr di' che 'un c'è nulla di male.

Firenze, 1871

99. L'AMICI DER CIEO


[p. 918]
MASO
Hai sete, Neri ?
NERI
Arrabbio.
MASO
O agnam' a bere.
NERI
Abbada, n'ho poìni...
MASO
5 Pago io;
Tanto, fra noi, c'è 'r dare e c'è l'avere...
CIECO
Povero cieo, per l'amol di Dio. ?
MASO
Se nune sbaglio... aspetta, vo' vedere...
È lui!... félmati, Neri, è un nostr'amìo!...
10T'arrammenti in Maremma alle miniere...
Quello tanto simpatio ar tu' zio...
NERI
Ah, già! è Lorenzo. Povero figliolo!
MASO
Pèlse l'occhi...
NERI
Lo so, dopp' Aspromonte.
15Com'è trasfigurito dar vaiolo!
MASO
O a be' si deve andà'?
NERI

[p. 919]
Facciamo monte.
MASO
Io ci ho un franchino: o te?
NERI
N'ho mezzo solo.
MASO
20 Dàmoli a lui; si beverà alla fonte.
Firenze, 1871

100. NERI E 'R SU' LETTORE

NERI
Sol Mèvi, sèlvo suo... gli ènno galbati?
LETTORE
Che cosa?
NERI
E' mi' sonetti.
LETTORE
Ah!... sì... 'un c'è male.
NERI
5 (Ohi!) Ma 'n sostanza 'ome l'ha trovati?
Parli sincero.
LETTORE
È roba dozzinale.
NERI

[p. 920]
(Ohi! ohi!).
LETTORE
Parecchi insulsi e stiracchiati;
10La maggior parte cascan nel triviale;
Alcuni poi... che roba!... io li ho saltati:
Eresie senza scopo e senza sale.
Abbi pazienza, sai, povero Neri.
NERI
Parli, parli, ha ragione, 'un c'è che dire:
15Anzi, gualdi, l'ascorto volentieri.
LETTORE
Ho già finito.
NERI
O dunque stia a sentire:
Lei l'ha comprato 'r mi' libbretto?
LETTORE
Ieri.
NERI
20 Nun si sgomenti, è 'r male di du' lire.
Dianella, 1871
[p. 921]


(revised 28-02-2002) Fucini, Renato.
Elena Pierazzo

Crediti | Info testo

Nome utente:

Password:


Registrati


Informatica Umanistica

Università di Pisa