minimizza
Testi di Pisa
Tutti i testi | Testi della sezione | sezioni:

Fucini, Renato

Cinquanta nuovi sonetti in vernacolo pisano




Indice

1. I ER CENTINARIO

CLEMENTE
Per tu' regola enorme, er Centinario
È 'na specie di festa, si dirrà,
Che nun si trova mai drent'ar Lunario.
E 'r motivo di fàlla eccolo 'va.
5Presempio, ora dicàmo, c'è 'r Sor Mario
Si strugge della 'roce perchè 'un l'ha;
Cerca d'un omo morto che è preclario,
Fa la festa e 'r Governo gliela dà.
TORELLO
Nun ho capito nulla, sai, Cremente.
CLEMENTE
10 Me lo pensavo. O ascortami, Torello,
Ti spiegherò la 'osa 'iaramente.
Te crepi oggi, d'un corpo 'n der cervello;
Doppo cent'anni, nun ti fanno niente…
Er Centinario tuo sarebbe 'vello.
Firenze, 1879

2. II UN SALUTO


[p. 925]
BISTA
Dunque ci dibandoni!
NERI
Vado via:
Nun ne vo' più, voglio muta' paese;
Qui: stroncassi, stianta' dalla fatìa
5E 'un buscassi nemmen le male spese.
BISTA
Felice te! bella mi' Lombardia:
Be' mi' tempi! È vent'anni e pare un mese!…
Se a caso 'nciampi…
NERI
Ho 'nteso, c'è l'amìa!
10L'ho a saluta'? si 'iama Beppa, Agnese?. ..
BISTA
Nomi 'un n'aveva; ma era tanto bona!
Sempre 'on me, nun mi lassava mai
Anco per trenta miglia alla pedona…
NERI
È morta ?!
BISTA
15 O senti: mi saluterai,
Se batti là 'n sur Po' 'n verso 'Remona,
Quella gamba di mio che ci lassai.
Pistoia, 1880

3. III LE 'NVENZIONE


[p. 926]
Propio bisogna di' che propiamente
L'omo moderno n'ha 'nventate tante
Che da 'nventa' 'un li resta guasi niente,
Sarvo che l'omo gravido e 'r volante;
5Ma quando 'rivan lì, quarsìa sapiente
Batte 'r cazzotto e passa da 'gnorante,
Perchè 'r mastio si sa, 'un è recipiente,
E se 'un ràmpia 'un monta 'n sulle piante.
Lassàmo fa' a Gesù, tanto la prima
10Darebbe du' risorse pòo bone:
Pati' dimorto e perde' 'n della stima.
Ma quell'artra 'un mi va, mondo birbone!
Che l'omo che si vanta tanto 'n cima
S'abba a trova' a 'nvidia' l'alie ar moscone.
Dianella, 1879

4. IV LA 'REAZIONE DER MONDO

Vola, rivola e vola che ti volo,
Pensava un giorno 'r Padre Onnipotente:
?Guarda! eppure mi secco a sta' qui solo…
Guasi, guasi è vergogna a 'un fa' ma' niente.
5Vo' fare 'r mondo! ? Posò 'r ferraiolo,
Po' pensò un po' e 'scramò: ?Precisamente!
Faremo Pisa, l'Affrïa, 'r Tirolo.
Po' un po' d'acqua, le stelle, eppo' le gente ?

[p. 927]
Detto fatto! 'n se' giorni era finito.
10E pensa' che lo fece 'nsenz' arnesi,
Eccetto, eccolo 'vi, di 'vesto dito!
Ma che ti gira 'r capo, eh, Balatresi!
E noartri, anco 'n dua, moglie e marito,
Se si vòr fare un omo… nove mesi!
Pistoia, 1879

5. V ER MARE

Quanto a grandezza, 'vello si 'apisce
'Nsenza bisogno d'arrota' 'r talento;
Chè lì, sia fiume o fossa, c'infruisce
E, gira gira, va a casca' lì drento.
5L'acque, presempio, ora si vedan lisce…
Quello dipende perchè 'un tira vento!
Come 'r frussi e rifrussi lo subisce,
Anco 'vello si sa, dar firmamento.
S'intende tutto, serve ave' 'n po' d'occhio:
10Sortanto nun si spiega 'ver gran sale
Dovecchè nun pòr vivere 'r granocchio.
Ma lì, di certo, c'è la su' ragione
Delle ma' tant'aringhe e der caviale,
E de' gran baccalà che c'è 'n fusione.
Firenze, 1880

6. VI LE GRAZIE DE' SANTI


[p. 928]
'N sulle grazie de' Santi 'un ci scherza',
Perchè e' fatti ènno fatti e, se Dio vòle,
Ce n'avre' tanti mai da racconta',
Che te dovresti di'… ?di più 'un si pole ?
5Di San Venanzio ne pòi dubita'?
Presempio, o Gesuè che ferma 'r Sole!
O San Giovanni che durò a campa'
Tanto ma' tempo d'Ariguste sole!
Nega un po' po' la grazia tanto bella
10Che per du' porche messe a San Cremente,
Si ritrovò a busca' la mi' sorella!
'Ni viense, Dio ci guardi, un accidente;
Perse l'occhi, le gambe e la favella…
Ma di malacci grossi 'un ebbe niente!
Firenze, 1880

7. VII VECCHIAIA

FIORE
Maso, come vi va?
MASO
Va male, Fiore.
Con settanta 'nvernate 'n sur groppone,
Bisogna propio ringrazia', 'r Signore
5Se 'un s'è già dato 'r tuffo 'n der fognone.

[p. 929]
E sarebbe la meglio, 'n sur mi' onore!
Tanto 'n der mondo o che ci fo? 'r coglione?
Nun c'è appetito; 'un si va più 'n amore…
Guardami ho freddo, e sèmo ar solleone.
10Gioavo a scopa: anco 'vella è finita
Doppo che la mi' povera vecchietta
Se n'andiede anco lei 'n dell'artra vita…
Cosa si fa? leggémo la gazzetta:
Ma ba'! colla mi' vista 'ndebolita,
15Anco 'vella bisogna che la smetta.
Firenze, 1880

8. VIII NERI 'O POLLI

PIPPO
O a chi li porti ' polli?
NERI
Ar mi' avvoato.
L'ho rubbati stanotte a 'n contadino,
Perchè mi preme d' 'un passa' da 'ngrato:
5Ladro sì: ma onorato cittadino!
PIPPO
Dunque 'r processo…?
NERI
È bell' e sistemato;
Ma siemo andati lì propio a poìno
Che 'r Giurì questa vorta 'un m'ha 'rivato,
10Se 'un deponeva 'r farzo Natalino.
Ma l'avvoato, poi, 'ver che 'un ha detto!
Bisognava senti' quer che 'un diceva!
A giura' e spergiura' 'n sur sagro affetto…

[p. 930]
A 'nventa' che l'onore li premeva…
15E avverti, ma 'un lo di': lui, poveretto,
Lui, di sarvar' un reo, lui lo sapeva!
Pistoia, 1880

9. IX MISERIA SERENA

Che vita fo? la vita der signore!
Sarvo la differenza solamente
Che loro mangian sempre alle su' ore,
E alle mi' ore io nun mangio niente.
5Patisco, grazie a Dio, der mar di 'òre:
Sbatto sempre la febbre 'ntermittente,
Eppo', da quer che dice anco 'r dottore,
Ho un pormone marcito 'nternamente.
Ma io le 'ose 'un le piglio di petto;
10Ci ho qui drentro la santa religione
Che dice: aspetta… Sissignora, aspetto.
E 'ntanto fo anch'a meno der cortrone:
Stendo la mi' miseria 'n fond' ar letto…
Tutta la notte un cardo buggerone!

10. X LE LINGUACCE


[p. 931]
TITO
Se dài retta alle 'jacchiere che fanno
'Veste linguacce a carïo ar Papato,
E' ti faranno 'r capo, ti faranno,
Più grosso d'un coombero di Prato.
5Questa, presempio, è nova di 'vest'anno
Di di' che 'r Santo Padre s'è buttato
A parteggia' 'n favore all'Ottomanno!
Ma 'un sai che 'r Turco sputa 'n sur sagrato?
Ma 'un sai che se, Dio guardi, 'r Sagramento
10S'accostassi alla Porta der Surtano,
Te lo fanno 'mpala' lì 'n sur momento?!
GIANNI
Questo lo so ch'ènno gentacce strane,
Ma so artresì che, messo anco ar cimento,
Cane nun mangia mai carne di 'ane.
Firenze, 1878

11. XI LE 'AMPANE

Quando 'r vento la notte, alla lontana,
Mi porta, 'nsieme ar chiù dell'Assiòlo,
L'affritto rintocca' d'una 'ampana,
Mi vien voglia di piange' e d'esse' solo;
5E mi metto a pensa' la vita umana,
E mi par tutta pianto e tutta dolo;
Penso a' mi' morti, ar Ceppo, alla Befana,
E all'anni mia ch'ènno passati a volo.

[p. 932]
E cor capo, accosì, giù tra le mane,
10Mi rassegno ar destino e a' su' dereti,
E bacere' le fune e le 'ampane.
Però non so capi', Dio mi perdoni,
Come diavolo mai faccino ' preti
A trovare 'r coglion che gliele sòni.
Dianella, 1879

12. XII ERCOLE

Ah! dell'occhio 'un è nulla: è 'na frussione;
Lo disse anco una donna ar .mi' marito:
Dice che cor cambia' della stagione
Sia 'r bollore der sangue 'nviperito.
5Ah! questo ar collo? questo 'vi è 'n bubbone,
Viene dall'esse' 'n po' troppo nutrito;
Lo tasti sotto, senta che pancione!
È tutto cibo che nun è smartito.
E così la gran forza der bollore
10Der gran sangue fooso 'n movimento,
Si sa, si sfoga 'n grandule e 'n calore.
Sente?… ha sentito? ha fatto un po' di vento;
E parla 'iaro, sa, questo fetore!
Esce 'r cattivo e resta 'r bono drento.
Pistoia, 1880

13. XIII CHI LI 'ONTENTA È BRAVO


[p. 933]
Quando si vede 'r mondo anda' attraverso
E che 'un c'è Cristi di raddirizzallo.
Ne 'onvieni, Genesio? è tempo perso;
Anco a pigliallo 'n botta si fa fallo.
5Vòi la prova? Anco 'r Re dell'Universo,
Dar quarantotto 'n poi, prova a pregallo,
(Di certo ènno ' peccati) 'un c'è più verso
Che voglia mette' la su' grolia 'n ballo.
Di già, bada, anco Lui va compatito,
10Perché l'ha da striga' con certe gente
Ch'è un caso se 'un è morto 'ntisiìto.
Chiedan l'acqua… la manda… 'Un sèmo a niente!
Appena 'r tale è stato 'saudito.
Er tal' artro 'ni manda un accidente.

Firenze, 1878

14. XIV ER SOGNO BELLO

Stanotte ho fatt'un sogno, e mi pareva,
Da tanto ch'era bello, di sognare.
S'aveva l'alie tutt' e dua, s'aveva,
E si volava via, rasente ar mare.
5
[p. 934]
E 'n der guarda' 'n dell'acqua, si vedeva
Perle, 'oralli e tante robbe rare;
E un Dorfino parlante che diceva:
?Le volete? venitel' a pigliare ?
Te nun volevi, Rosa! e io t'ho detto:
10Làssami fa', nun c'è nulla di male.
Guarda, ne piglio una manata e smetto.
Stendo la mana, così tal' e quale;
Mi sveglio… Destinaccio malidetto!
L'avevo messa drent' all'urinale.

Firenze, 1878

15. XV ER VAIOLO

Io li lasso discorre' cor vaiolo;
Ma, Dio guardi, s'attentano a vieni'
A sciupammi ' braccini ar mi' figliolo,
Sputan l'anima sua, vorre' mori'.
5Me lo 'rede, 'Mabilia, ho questo solo -
Fai sèrvo, Bastianino, - eccolo 'vi!
Ma piuttosto lo sbacchio 'n d'un piòlo
Che lo 'nnestalli 'ver veleno lì.
Chè po' 'un è vero, sa? nun li dii retta
10A questi lusurai der sangue umano.
Dice: assarva la vita… una saetta!
Scusi: 'un glielo 'nnestonno ar signor Tito?!
Ma quando viense giù da un quarto piano,
Lo sa 'n po' po'? rimanse lì stecchito!

Dianella, 1879

16. XVI ER MI' GIUDIZIO


[p. 935]
Io, se lo vòi sape', son quarant'anni
Che sto 'n su questo mondo a spasseggiallo,
E son merlo, Gesù nun vòle 'nganni,
Peggio di 'velli 'or beccaccio giallo.
5E n'ho viste ma' tante, a dillo a Gianni!
Ho visto balla' 'r barsere ar cavallo:
Le tarpe affratellate ar barbagianni,
E ho sentito discorre' 'r pappagallo.
E ormai mi son formato 'r mi' giudizio
10Che quarsia bestia di 'varsia nazione,
L'omo la pòr fa' stiava ar su' servizio.
Lui doma 'r ciuo a straporta' la soma;
Doma l'orso a balla' fino 'r trescone…
Ma la moglie, Giannino, nun si doma.

Pistoia, 1881

17. XVII O CHE T'IMPORTA?

PIPPO
Bisogna legge', caro mio, bisogna
E quand'un omo, a trent'anni sonati,
Nun sa la Storia Sagra, è 'na vergogna
Guasi peggio che 'un esse' battezzati…
CECCO
5 Già! ma 'un devi vieni' colla menzogna
D'inventa' fatti che nun s'ènno dati;

[p. 936]
Perchè a me, se ti pizzïa la rogna,
N'ho grattati de' meglio, n'ho grattati!
E se mi 'redi un ghiozzo, ossia, cioè…
10L'hai tirata bassina 'vesta vorta
Con Gerïo, le trombe e Gesuè…
PIPPO
Vòr di': anderai dannato!
CECCO
O che t'importa?
Nun ho fissato mìa d'anda' con te!…
15Ora, 'ntanto, vo a be' qui fòr di porta.
Pistoia, 1881

18. XVIII NUN C'È DUBBI!

Più d'un'ora si stiede a quistiona'
Lì davanti ar gabbione; e lu' a guardacci.
E Fello lo badava a tormenta'
Cor fanni e' pizzïotti 'n de' porpacci.
5E lì, piccato, e: «Quanto vòi gioa'
Che questo è un di 've' tanti animalacci…
Perchè 'r gristiano, scusa, o che ce l'ha
Tutto 'ver gran pelame anco 'n su' bracci» ?
E 'un c'era mezzi, veh, di persuadello!
10 - Questo è 'r vero Gutanghe amerïano! -
- E giù! 'na puce secca 'n der nodello.
Lui, dar gran male, povero gristiano,
Disse: - Ahi! Dio lad… - Se' persuaso, Fello?
Dice: 'Un c'è dubbi! e pare anco toscano.

Pistoia, 1880

19. XIX UN MALENTESO


[p. 937]
SEGRETARIO
'Gnamo, qua ' vostri fogli!… 'Un ce l'avete?
PELONE
Ora, 'un lo 'ntendo mìa cosa vòr di'.
SEGRETARIO
Nun mi fate secca', via, mondo prete!
Ma voi nun siete un reduce?
PELONE
5 'Gnor sì.
SEGRETARIO
Dunque, sappàte, se nun lo sapete,
Ch' e' fogli me lo devan galanti'.
PELONE
Ma scusi, 'un 'ni par chiara, sor Ermete?
Se nun fussi tornato, 'un sare' 'vi.
SEGRETARIO
10 Discorsi 'orti! l'avete 'r brevetto ?
PELONE
Io, veramente… a me 'un me l'hanno dato…
E creda…
SEGRETARIO
Che! ?
PELONE
Perdoni, ora premetto:
15Creda, ci andavo; ma restai spiedato…

[p. 938]
Guardi alle vorte 'osa fa 'n tronchetto!
Mi toccò ritorna' 'nsenz' esse' andato!
Pistoia, 1880

20. XX CAINO E ABELE

La 'osa fu stiacciata lesta lesta.
Dice Caino: ?Gran bella giornata!
Abele, vòi vieni' 'n della foresta?
Si va laggiù a passa' la mattinata ?
5Appena là, l'ammolla 'n della testa
Una tar malidetta randellata,
Che l'anima d'Abele fece festa
E andiede 'n cielo a fa' 'na spasseggiata.
E di di' che c'è tanti 'gnorantoni
10Che dican che qui drento 'un c'è morale!
Ma 'un portan mìa nè fatti nè ragioni.
Vedi: e per me quer fatto è tal'e quale
Come da' di citrulli a que' 'oglioni
Che armeggian colla pace universale.

Firenze, 1876

21. XXI E' MONUMENTI


[p. 939]
FELICE
Belindo, o che sie' te?
BELINDO
Guà! c'è Felice!
FELICE
Come va?
BELINDO
Bene; o te?
5Sì, mi 'ontento.
FELICE
O qui? sangue de Dio, che cïatrice!
Qui ci hai battuto!.
BELINDO
Già, 'n d'un monumento.
FELICE
E anch'io… ma guarda 'n po' 'vando si dice!
10Senti 'vaggiù che nòcciolo.
BELINDO
Lo sento.
FELICE
E' un fatto che di notte a anda' 'n tralice
Un uomo, in oggi, si trova sgomento.
Qui 'na 'olonna, là c'è 'n piedistallo,
15Più 'n su c'è 'n busto, accanto una 'scrizione…
Chi a piedi, chi a sedere, chi a cavallo…
BELINDO

[p. 940]
E dice ora lo fanno anco ar Ciappei:
Quello che per copri' le mal'azione
Dava unni tanto cento franchi a' cièi.
Dianella, 1879

22. XXII LE 'ONSEGNE DI BOTTEGA

Ragazzo, hai diciott'anni, e da qui avanti,
Se nun se' propio un pezzo di 'arnaccia,
Sarebbe tempo che 't tu' vecchio Santi
S'affidasse 'n po' po' 'n sulle tu' braccia.
5Questa bottega e quella lì davanti
Son robba nostra; e posso arza' la faccia,
Ché 'n quer che c'è di merce e di 'ontanti,
Un centesim' a me 'un mi si rinfaccia.
Ora poi tocca a te: ma tieni a mente
10Di da' unni tanto un po' po' d'acqua ar sale,
'N se no 'r guadagno s'arriduce a niente.
'N sur peso agguanta, agguanta 'n generale,
E credi a me, che a buggerà le gente,
Se Dio t'assiste, 'un t'anderà ma' male.
Firenze, 1878

23. XXIII LA LITTERIZIA


[p. 941]
MASO
Nun ci anda' 'n tribunale, dammi retta.
CECCO
O dunque allora, o 'n dove vòi che vada?
MASO
La mi' opinione è questa, e te l'ho detta;
E, per me, quella lì nun è la strada.
5Io son vecchio e lo so, per mi' disdetta,
Che a nun vole' carogne e' ci vòr biada;
E questa, 'n der tu' 'aso, è 'na licetta
Che ti va come 'r fodero alla spada.
Er Tribunale, vedi? è 'n affarone
10Per er birbo che ha mezzi e che ha malizia;
Ma se c'entra un citrullo che ha ragione
E 'un ha quaìni e cerca la giustizia,
Da questo 'vi 'un se n'esce: o va 'n prigione,
O piglia, 'ome me, la litterizia.
Firenze, 1879

24. XXIV ER DIGIUNO

Propio cos'è 'r digiuno, 'un lo saprei
Perchè colla mi' macchina 'ntronata,
Anco di di': lo voglio fa', 'un potrei,
'Nsenza ristia' di fa' 'na buggerata.
5
[p. 942]
Si sta male, 'vi drento, a dillo a lei;
E unni vorta che fo 'na scorpacciata,
Mi si rammucchia 'vi un mattone, immèi!
Che mi tormenta tutta 'na giornata.
Ma a volello sape', c'è da 'nformassi
10Dar mi' fratello prete ch'è curato;
Fece un digiuno anco 'n de' giorni passi.
Ma dice che anco a lui nun l'ha giovato:
Difatti gli è toccato a ripurgassi,
Pare, dar troppo pescio che ha mangiato.

Pistoia, 1880

25. XXV ER SANT'UFFIZIO

NERI
Ecco: vorre' sape' 'n po' 'n che maniera
Er sant'uffizio lo 'iamassen santo.
Perchè a me, santità, fiamme e galera,
Senti, ènno robbe che 'un istanno accanto.
5O che gente era 'vella? o che robb'era?
Piglia' 'r gristiano e martrattallo tanto!
La 'onfessione 'un 'ni pareva vera?
Bracci legati, ar parco, e giù di stianto!
BIAGIO
Zitto! nun bestemmia'! C'era 'n quell'anni
10La 'resia d'insegna' fino a' profani
Che 'r Papa e le 'ndurgenze erano 'nganni!
Cosa faresti te coll'Uterani?
Dillo, pensaci, n'entra un po' 'n que' panni!
Che 'ni vòi di': v'ammazzerò domani?!
Pistoia, 1882

26. XXVI SVILUPPO PREOCE


[p. 943]
Quant' a 'un ave' figlioli, io nun m'ostino,
Dirrò con te che s'ha meno pensieri;
Ma è sempre meglio lassa' fa' 'r destino,
Tanto lui lo 'onosce 'r su' mestieri.
5Io, per'enzin che 'un n'ebbi, per'enzino,
Meglio! - dissi tra me - 'un c'è dispiaceri;
Ma po', 'vando mi nacque 'r mi' Dreino,
Me lo presi e dimorto volentieri.
Perchè te, 'n der tu' stato, un ci siei drento
10Ar dorce delle gran consolazione
Che ti por da' 'n bimbetto di talento.
Presempio, 'r mio, che pare 'no zuccone,
Lo 'rederesti? ha tanto 'ntendimento
Che mi ride e mi dà già di 'oglione!

Pistoia, 1880

27. XXVII L'ARMISTIA

NERI
Quando, presempio, figlia 'na regnante
O un re monta 'n sur trono, è usanza antìa
Che quarsivoglia pezzo di birbante
Possa fanni anco iui 'n po' d'allegria.
PIETRO
5 Mi garba!
NERI

[p. 944]
Le 'ondanne tutte 'vante
Sceman d'un anno, e, dato che ci sia
Quarche condanna a meno, e ce n'è tante,
Li mandan fora; e questa è l'armistia.
PIETRO
10 Pensàmo le resìe che stianteranno
Quelli che c'ènno a vita, Dio beato!
Perchè loro armistia nun n'averanno.
NERI
Chi t'ha detto di no? Quand'un forzato
Conoscan che a morì' li manca un anno,
15Lo vanno a di' ar Soprano e vien graziato.
Pistoia, 1881

28. XXVIII DOPO SETT'ANNI

NERI
Ieri riveddi Maso. Che sgomento!
Guasi 'un lo rïonobbi; è doventato
Che l'imbianca la barba 'vi 'n der mento,
Po' tutto grinze, eppo' mezzo sdentato…
PRODIGI
5 Dispiaceri!
NERI
'Un è vero; anzi è contento.
Dice che nun è stato ma' malato…
Ènno l'anni che passan come 'r vento:
Lo sai Maso 'os' ha? Maso è 'nvecchiato.
10
[p. 945]
Ma t'arrammenti, 'vand' andiede via?
Bèr giovanotto! franco, preputente…
Se tirava 'n cazzotto… mamma mia!
E ora anco lui nun è più bono a niente!
Ma me lo sai spiega', te, cosa sia
15'Vesta porca vitaccia sconcrudente?!
Pistoia, 1879

29. XXIX ER PRETINO GOBBO

Già! quer pretino gobbo che unni tanto
Càpita giù ar caffè der pianterreno,
Sabbato sera mi si messe accanto
E 'mprincipiò a parla' der più e der meno.
5Doppo, m'arrangionò d'un certo santo…
Eppo' di 'vello che ha 'nventato 'r treno…
E, a un certo punto, poi, così di stianto,
Mi viense a di' che l'omo, nientemeno,
È fatto simirmerte 'ome Dio !
10Io lo guardai 'n po' po', 'n quer muso nero,
Po' dissi: ?O senta, riverendo mio:
Anco da un artro, già, 'n ci 'rederei;
Ma caso mai, 'ni dissi, fussi vero,
Con quer groppone nun me l'ha a di' lei! ?
Firenze, 1880

30. XXX DAVANTI AR COLOSSO DER FANTI A FIRENZE


[p. 946]
PIPI
Senti: chi te l'ha detto o ha fatto 'r chiasso,
O, viceversa, ènno di gran canaglia;
Perchè lui, con un apisse e 'r compasso
Vinceva, si pòr di', quarsìa battaglia.
5Lui, vedi, si piantava a capo basso
Sopra 'na 'arta 'om' una tovaglia
E comandava, 'nsenza fare un passo:
?Qui cavalli, presempio, e là mitraglia ?
Con cotesto sistema che 'un par niente,
10Lui nun perdeva mai… Come, 'un ci 'redi?
CISPE
Ma scusa, Dio ti mandi 'n accidente,
O vòrtati 'n po' 'n su; ma nun lo vedi,
Che con tutto 'r su' vince' a tante gente
Nun gli è restato 'n dove mette' e' piedi!
Firenze, 1877

31. XXXI ER VOTO UNIVERSALE

LISCHE
Oggi, Neri, 'un siei te!
NERI
Mi sento male.
LISCHE

[p. 947]
Che hai mangiato 'varcosa di nocivo?
NERI
Acqua, farina gialla e 'n po' di sale;
5Propio 'ver tanto per tenemmi vivo.
LISCHE
O 'r tu' vecchio è guarito?
NERI
È allo spidale.
Pare, dice, 'ni vienga 'r mar cattivo…
LISCHE
Stai zitto, ora c'è 'r voto universale,
10Ci va meglio anc' a noi, di positivo.
NERI
O cos'è questo voto?
LISCHE
Ène un diritto
Come 'r quale lo 'iamano le schiere
Che 'un s'ammattisce perch' è bell'e scritto.
NERI
15 O a cosa serve?
LISCHE
Questo 'un s'ha a sapere:
So che se fo a su' modo e se sto zitto,
Ci ho già sei che mi pagano da bere.
Pistoia, 1880

32. XXXII LA PENITENZA


[p. 948]
PRETE
Avete altro da dirmi ?
NERI
Nossignore.
PRETE
Cercate bene in fondo alla coscienza.
NERI
No, nun ci ho propio artro, 'n sur mi' onore.
5Lesto, ho furia, mi dii la penitenza.
PRETE
Ascoltate. Ogni giorno, in diverse ore,
Con un compagno che v'assista o senza,
Direte otto corone al Sacro Cuore,
Durando un mese.
NERI
10 E basta?
PRETE
No.
NERI
Pazienza.
PRETE
Quindi, sempre s'intende per un mese,
Direte sei vessilla a san Clemente,
15Eppoi…
NERI
Eppoi me le fa lei le spese?
O che crede che buggeri le gente
Per campa' vagamondo a cianche stese?
O lei mi fa un ribasso, o 'un ne fo niente.
Firenze, 1879

33. XXXIII ER CORDONE SANITARIO


[p. 949]
SPEZIALE
Voleva?
NOCCO
Ecco, siccome io ci ho 'n bimbetto…
Nun sarà nulla, sa, ma, tante vorte…
Eppo' 'ver male lì fa 'n cert'effetto…
5'Velle materie puzzolente, sciorte…
E anch' a Gigia stamani glie l'ho detto:
Le prudenze nun ènno ma' dimorte.
Ma le donne…! viziaccio malidetto!
E fii, e mele!…
SPEZIALE
10 Via, dunque, alle corte,
Che cosa vuole?
NOCCO
Dunque, ecco, vorrei…
Du' braccia basterà, l'ho misurato…
Cordone sanitario ce n'ha lei?
SPEZIALE
15 (Figlio d'un cane! o chi ce l'ha mandato?)
Del cordone da dargli ce n'avrei,
Ma il sanitario è tutto terminato.
Firenze, 1879

34. XXXIV DER PIÙ DER MENO


[p. 950]
NERI
'Rivano ' balestrucci a primavera,
E c'è pronte le mosche e le zanzare.
Nasce 'r granocchio e 'r pescio alla riviera,
E c'è lì 'r bravo grillo da abboccare.
5E simirmente, alla stessa maniera,
La vespa ci ha 'r su' fiore da ciucciare;
E così 'r bao e qualunqu' artra fiera,
Nasce e trova già pronto 'r desinare.
Ora 'un brontolo mìa, cchè! solamente
10Faccio per baratta' quattro parole;
O che d'artronde 'un devo di' ma' niente?
E co' discorsi è andato sotto 'r sole!
Vieni a cena da me? vieni, Valente?
VALENTE
Che ci hai di bono?
NERI
15 Nulla, se Dio vòle.
Pistoia, 1882

35. XXXV L'OCCHI NERI

Chi ve l'ha fatti 've' bell'occhi neri
'N dove di 'asa c'è tornat' amore?
Da quelli vi si legge 'n der pensieri,
E vi si 'onta ' battiti der core.
5Quando vi vedo che l'avete sèri,
Anco ' minuti mi doventan ore…
Oh! mostrateli allegri ar vostro Neri,
Se 'un lo volete morto di dolore.

[p. 951]
Lo so, me l'hanno detto e mi dispiace,
10Che nun vi garbo, e già me n'ero accorto,
E peno e piango e 'un mi so fa' capace.
Ora, 'un mi resta, ar mondo, artro 'onforto,
Che sciupata nun sii la vostra pace,
Quando le gente vi dirranno: - È morto. -

Firenze, 1879

36. XXXVI L'OMO DELLA FORCHETTA

Per dàtti, ora, un'idea der corp'umano,
Ti devi figura' che lo 'ntestino,
Dalle tonzille, 'on rispetto, ar lano,
Farà diciotto miglia di 'ammino.
5Attarché, quando c'entra un corpo 'strano,
Com' esse' 'na forchetta o un temperino,
Facendo du' fumente ar deretano,
Si pòr tira' l'oggetto ar su' destino.
Ti torna? 'un c'è artre strade eccetto 'vella.
10Chi s'azzarda a fruga' co' ferri drento,
A ristio di sfondanni le budella?
Er male è ch' è panfò! s'era d'argento,
A avello messo 'n delle mane ar Sella,
Glie la tirava fòra 'n d'un momento.

Firenze, 1871

37. XXXVII LA MORTE 'MPROVVISA


[p. 952]
Quando 'ni viense 'r gran peggioramento,
Cèncio andò 'n giro 'n cerca d'un dottore;
Io portai tre candele ar Sagramento
E dissi ar Prete: ?Lesto perchè more! ?
5 - Vengo, mi disse, vengo 'n der mornento. -
(Quando viense era morto da du' ore!)
Ma che morte, che morte a tradimento!
Gran malaccio, Nerino, è 'r mar di 'ore!
Perchè po' migliorò e si messe a di':
10?Ragazzi, a domattina nun ci 'rivo…
Vi raccomando… ?ma 'un potè fini'.
Fatto sta che andò via tanto d'abbrivo,
Che du' minuti avanti di mori'.
Pare 'na buggerata, ma era vivo!
Firenze, 1878

38. XXXVIII POETI E QUATTRINAI

NERI
C'è quer figuro der signor Ermete
(Ché lui parla di numeri o si 'eta)
Sempre, 'vando lo 'nciampo, mondo prete!
Fa 'n risolino e dice: ?Addio, poeta! ?
5Lui fa per cogliona', cosa 'redete ?
'Vesto vampiro, brutta ghigna vieta,
Che levato a raspa' dalle munete
Nun sa nemmeno 'n dove stii la zeta!
DROGHE

[p. 953]
Lassalo di', vedrai che po' finisce;
10Tanto a piglia' 'n sur serio l'omo idiota,
Credi, Neri, l'artr'omo s'avvilisce.
Quelle ènno gente, ormai la 'osa è nota,
Fatte 'ome la tinca che 'un capisce
Che si possa 'ampa' fòr della mota.
Firenze, 1879

39. XXXIX LO SCIOPERO DE' VETTURINI

SINDACO
… Ma sopra tutto la legalità!…
Quanti n'abbiamo oggi del mese?
VETTURINO
Venti.
SINDACO
Doman l'altro c'è giunta; si vedrà…
5Insomma, via, resterete contenti.
VETTURINO
E noi 'n der nome della libertà,
Ora dirremo 'n disadorni accenti
Come 'r quale 'r diritto, lei lo sa,
Che l'arte der cavallo ha ' su' momenti.
10Dovecchè neve o pioggia, 'r proletario
La piglia tutta e creda che, 'n cuscienza,
Tra la su' bestia e lui nun c'è divario…
SINDACO
Lo so, lo so.
VETTURINO

[p. 954]
La 'vale, 'n concrusione,
15Se occorresse 'varcosa a su' eccellenza,
Lei 'onti 'n sulla nostra prutezione.
Gavinana, 1881

40. XL ER SAGRIFIZIO D'ISACCO

ONNIPOTENTE
Abramoo.
ABRAMO
Mi 'omanda, Onnipotente?
ONNIPOTENTE
Se domattina 'r tempo si rifà,
Piglia Isacco e una sciabola tagliente…
ABRAMO
5 Ho bell' e 'nteso, me lo fa ammazza'!
ONNIPOTENTE
Ci hai dato drento!
ABRAMO
Scusi… nun per niente…
Ma creda mi rincresce 'n verità…
Lei vòr vede' 'r su' servo s'è ubbidiente…
10O cos'occorre? o tanto o che 'un lo sa?
A quella rispostaccia 'r Principale,
Dice, 'ni rivogò 'n tar pedatone
Da lassànnici drento lo stivale.

[p. 955]
E allora Abramo, 'ntesa la ragione,
15Se n'andò via 'n tralìce, dar gran male,
A da' di rota ar vecchio sciabolone.
Firenze, 1878

41. XLI LO 'NVERNO

GIANNI
Già basta ave' d'intorno un sagramento,
Per senti' brontola' mattina e sera.
Nato d'un cane! o che 'un se' ma' 'ontento?
O che vorresti sempre primavera?
5Ieri ti trovo: ?Malidetto 'r vento! ?
Diànzi: ?Accident' all'umido! ?Stasera:
?Fa un freddo ladro! ?'Nsomma, unni mumento.
PAOLO
Ma 'un ho ragione, scusa? Alla maniera
Che te sempre mi 'rìtii 'r governo,
10Io dìo che le stagione 'un ènno state
Fatte da di' l'ha fatte 'r Padre Eterno.
Perchè, ti torna? e' diacci e le nevate
Che viene 'n de' gran freddi dello 'nverno,
Nun era meglio avelli 'n dell'istate?
Pistoia, 1879

42. XLII L'OMO SARVÀTIO


[p. 956]
NERI
Er Canibale è 'n omo. Un omo vero,
Propio artefatto a guisa der gristiano,
Quello nun è, perchè di 'arne è nero,
E 'r su' cibo che agogna è 'r corpo umano.
5C'eri stamani?
BEPPE
T'ho anco visto; c'ero.
NERI
L'hai visto 'vand' ha visto 'r su' guardiano?
Gli ha sgranato cert'occhi da sparviero…
Pareva te ar risotto di Gaitano!
10Eppure, a ripensacci un po' po' drento,
Brutto è dimorto, 'vant' è vero 'r sole;
Ma l'omo bianco mette più spavento.
Armeno lui lo spiega 'osa vole;
Ma 'r gristianaccio!… A vorte un comprimento
15Fa più male d'un mazzo di pistole.
Firenze, 1879

43. XLIII DIMANDE NOIOSE

MAMMA
Oh! siei noioso sai, bèr mi' bimbetto!
Tanto ènno 'ose che 'un le pòi 'api'.
Ma, poi, guardate voi se un piscia-a-letto,
Pòr ragiona' di 'veste 'ose 'vi.
5Sóffiati 'r naso, porco malidetto!
BIMBO

[p. 957]
O mamma, o fornïa cosa vòr di'?
MAMMA
Fa' 'r pane 'n forno.
BIMBO
Com'avete detto ?
MAMMA
Mèttello 'n forno.
BIMBO
10 O che è peccato?
MAMMA
Sì.
BIMBO
Mamma, o carnale?
MAMMA
O senti, veh, Pietrino,
Se nun ti 'eti a di' queste troiate,
15Ti rinchiudo 'n der solito stanzino!
No, no, nun rido! 'ndove l'ha' 'mparate?…
'Ndovee? 'n della dottrina?! Ah, sbarazzino!…
BIMBO
… Ci-a-ca, carnale; eccolo 'vi, guardate.
Pistoia, 1879

44. XLIV LIBERTÀ E NON LICENZA


[p. 958]
Ora, di certo, lei, sor Brigadieri,
Lei di certo la legge l'ha studiata,
Quarmente, si 'apisce, 'r su' mestieri
Riiede la persona 'lluminata.
5Tenga lo stioppo, tenga, volentieri!
Guardi, 'ni si 'onsegna e 'un si rifiata.
Vòle anco 'r nome? Gianni der Barbieri:
Ma l'avverto che fa 'na buggerata.
Perchè domani io cerco d'un notaro
10E 'ni faccio distende' 'na sentenza
Che lei, badi, ci passa da somaro.
Dovecchè, se 'r Questore ha la 'oscienza,
Ar mitinghe lo disse 'iaro 'iaro:
?Signori, libertà e non licenza ?
Dianella, 1880

45. XLV L'ARPINISTI

MASO
Te 'un ne pòi ragiona'… se nun l'hai visti!
Ma di già li vedrai doman da sera
Perchè, dice, arritorna l'arpinisti
Ch'ènn' andati 'n vapore a Pontidera.
5Che coraggi, davvero, a quanti risti
S'espongan cor bèr tempo 'n primavera!
E sa', ènno gente guasi tutti artisti
Che loro 'r mondo antìo sanno 'os' era.
PIPPO

[p. 959]
Ma 'r su' scopo? Mi rendi 'n po' 'nformato:
10Ma che è vero che osservan da per tutto
Per pote'…
MASO
Ma lo 'redo, zio salato!
L'ho visti, a vorte, 'vant' è vero 'r sole,
A osserva' 'na fogliata di presciutto
15'Nnsenza nemmeno dimmi: ?O lei ne vole? ?
S. Marcello Pistoiese, 1879

46. XLVI L'ANIMA SUFFRAGATA

NERI
Gran disgrazia fu quella! Ah, se sapesse,
Don Luvigi, che strappo 'n questo 'ore!
PRETE
Sarà su in cielo, amico.
NERI
Dio volesse,
5Che fussi armeno 'n braccio der Signore.
Pover'omo! tra l'urtime 'mprumesse
Vòrse che 'ni giurassi 'n sur mi' onore
Di fanni di' uuni tanto un par di messe…
Che me lo vor fa' lei 'vesto favore?
PRETE
10 Anzi, perbacco, glielo voglio dire,
Era un sant'uomo, povero Maleci!…
NERI
E, a quanto l'una? a cinque o dieci lire?
PRETE

[p. 960]
Non hanno prezzo, amico mio, le preci;
Però, s'io vi dovessi suggerire,
15Profitterei dell'ultima da dieci.
Firenze, 1877

47. XLVII LO STUFATINO BEN FATTO

AVVENTORE
Camberieri.
CAMERIERE
Comandi?
AVVENTORE
Vieni 'va.
Guarda 'n questo stufato… vedi niente?
CAMERIERE
5 Ènno spezie, garofani… si sa…
AVVENTORE
Guardaci meglio. Spezie solamente?
Questa, presempio?
CAMERIERE
È 'na moschina, già!
Sa, tante vorte inavvedutamente…
AVVENTORE
10 Dimmi, e 'r tu' còo è biondo, eh?
CAMERIERE
Che lo sa?
AVVENTORE
Già, l'ho sentito di' da delle gente!…
Glie ne va via dimorti, è 'n gran peccato!…
'Gnamo, giù, fàmo 'r conto: Otto 'apelli;
15Se' mosche 'nsenza 'velle che ho mangiato…
CAMERIERE

[p. 961]
Gnamo, gnamo, nun facci più 'r Cannelli.
L'ha finiti du' piatti di stufato?
Se 'un vòr paga' le mosche, paghi 'velli.
Firenze, 1877

48. XLVIII E' TROPPI CÒ

ANCHISE
Cotesto nun lo nego; solamente
Te mi devi spiega' quest'artra 'ndagine:
Per quar motivo a' tempi antïamente
C'era 'r doppio prodigi e meno 'mmagine?
BUDELLI
5 Ora, sai? de' motivi propiamente
Com'ènno scritti 'n delle sagre pagine,
Qui 'n su du' piedi 'un me ne viene 'n mente;
Ma ce n'è, credi pure, 'na farragine.
Guà! se nun fussi materia divina,
10Porterei 'ver dettato der Parenti,
Ch' e' troppi còi guastan la 'ucina.
Preciso è de' dottori: uno sa ' denti,
Uno guarisce ' lombi, uno la spina…
E tutt'insieme ammazzano ' 'rïenti.
Firenze, 1877

49. XLIX OTTOBRE


[p. 962]
NERI
«Le mosche, se Dio vòle, ènno finite;
Di zenzale e di puce 'un c'è più cìa!
Bolle 'n der tino 'r succhio della vite,
E rigocciola 'r naso alla mi' zia.
5Ritorna le ballotte e l'arrostite,
La neve a' monti, e' tordi 'n casa mia;
Fistian le ventarole arrugginite,
E ritorna le veglie e l'allegria »
Ti garbera1 questo sonetto, Rosso?
ROSSO
10Smetti, ciucco, di fare 'r Pin di monte.
NERI
Lassami fa': credi s'ha 'r fòo addosso
Quand'avémo bevuto ar sagro fonte...
ROSSO
Già! ma 'ntanto c'è 'r verno 'vi a ridosso,
E 'r tu' pastrano, te, l'hai sempre ar Monte.
Dianella, 1881

50. ADDIO


[p. 963]
Questa vorta 'un se n'esce, ho fatto 'r giuro;
E se fo più un sonetto alla mi' usanza,
Sto a patti di sbacchia' 'r capo 'n der muro
'Nsinché 'r cervello 'un m'ha mutato stanza.
5Ora è 'r tempo di mettemmi ar sìuro
E d'imbroglia' la vela alla paranza;
Le mi' bimbe mi levan di pan duro,
E a me delle mi' braccia 'un me n'avanza.
Eppo' lo so da tanti professori
10Che drento si pol' esse' anco buffoni,
Ma è regola pare' sèri ar di fòri.
Dunque, amici, un abbraccio; amici, addio;
Pregate pace ar re de' bontemponi:
Vo tra' pagliacci a fare 'r serio anch'io.

Pistoia, 1882
[p. 964]


(revised 28-02-2002) Fucini, Renato.
Elena Pierazzo

Crediti | Info testo

Nome utente:

Password:


Registrati


Informatica Umanistica

Università di Pisa