minimizza
Testi di Ferrara

Elenco testi disponibili
   

Anonimo

La vera nuova di Brescia


Indice

1. La vera Nova de Bressa de punto in pun- to come andata. Novamente impressa.

Purificata virgo che nel tempio
Volesti presentar il tuo figliolo
Sol per nostra salute e nostro exempio
Che in te non si trovò fallacia o dolo
5Aspira al servo to ignorante e sempio
Da qual tuo venerando e sacro polo
Ch'io possa dir una felice nova
Di tua virtù che 'l bel leon rinova

Era sì Italia gemitosa e stanca
10Oppressa da barbari in ogni parte
Che mai pensossi ritrovarsi franca
Ne più ricuperar le antiche parte
Ma ecco il bel leon che alza la branca
Cum tempo: e lassa par marce e le carte
15Dando de piglio a bressa sì potente
Hazendo là al suo stato obediente

Già son transcorsi di tempo tre anni
che 'l gallico furor italia preme
In strage prede stente pianti e danni
20Disperso di virtù el celeste seme
Il che per liberarla da ogni affanni
E darli di victoria Eterna speme
Il summo conditor pieno di gratia
D'italia i galli fuga spretia e scatia

25Voltossi il ciel a dì do de febraro
E cominciò al leon solevar l'ale
Drizando a bressa el so triumphal charo
Per liberarce dal continuo male
El magno Gritti di fideltà raro
30Col capitan Baglion che tanto vale
Vedendo per sé il ciel fortuna e forte
Andorno a bressa con so fidel scorte

E tanto cavalcorno il giorno ditto
Cum la tua gente in arme cum presteza
35Che a bressa giunse ognun fiero e ardito
a cinque hore di notte in allegreza
Disposi a dar bataglia come è scritto
E dimostrar ognun la sua fiereza
Ma mentre tal bataglia si ordinava
40Quelli di dentro sì li salutava

Non parve tempo al gritti di aspectare
Che col baglior cominciò la battaglia
Et hebbeno le mure a circundare
Reparando col scuto e forte maglia
45Tal che li galli persero il cantare
Al primo tratto se 'l mio dir mi vaglia
Tanto li nostri cum gran vigoria
Salirno i muri folti in compagnia

Qual feroce leon sopra la fera
50o ver sopra de lupi fidel cani
Così si monstra la marchescha schiera
Insaciabeli sopra de galli insani
Salendo li muri inalzando bandiera
Cridando a morte malvasi vilani
55o quanti in quella nocte andati sono
A desedar charon dal primo sono

Eran li nostri devisi in do parte
Facendo ali francesi crudel guerra
Dala porta de le pile cum gran arte
60Alovise avogaro si disserra
Da l'altra parte mosser aspro marte
El gritti el capitano aciò la terra
Vedendosi arsaliti a modo tale
perdesse ogni vigor le forze e l'ale

65Il che gli aviene che indi a poco spacio
Rifreschando el bon gritti el bataglione
E facendo di loro extremo stratio
A lato al capitan degno baglione
Ciaschun francese fu di pugnar satio
70Lassando dele mura ogni cantone
Dil che poi che s'acorse Ianogaro
De l'intrar ne la terra non fu avaro

Entrò dala parte el magno gritti
Col capitano e sua fiorita gente
75Tagliando a pezi con le spade arditi
Francesi e ciaschadun che li consente
Tagliavan li rebelli i fora usciti
Che ognun dil suo salir tardi si pente
Così con gran triumpho honore e gloria
80Havuto hanno di bressa la victoria

Recevuti dal populo cum honore
Et allegreza per cotal acquisto
Quelli ch'avean richiuso marco al col
Li parve haver veduto iesù christo
85Ognun mostrava il vigoroso amore
Adverso franza et ogni ribel tristo
Tal che bressa iubila e fa festa
Havendo alquanto al gal moncho la cresta

Quel pocho che restò deli rebelli
90E francesi fugirno nel castelo
Ma pocho lì staranno i cani felli
Ch'ognun di lor se n'anderà al macelo
Acompagnando al crudel loco quelli
Che non hano ala patria amor e zelo
95Così de dio c'è iusta sententia
Che 'l vechio error vol nova penitentia

Hor si riverde el prestante giardino
Dela quassata Italia allegro assai
Solevarassimo ogni capo chino
100Che de inalzarsi non sperava mai
A casa tornerà ogni peregrino
Quasi per fede servar e stati in guai
Che ritornando l'aurea nostra etade
Regnarà amore e pace e charitade

105Eccoti in nostro aiuto quanto po
Iulio gran pastor nela romagna
Ch'a la campagna sta col saper so
Con la so gente valorosa e magna
Et anche un'altra nova dir vi so
110Che ha rotto li inimici ala campagna
E presto vol grattar l'antiqua rogna
Ala dolente e misera bologna

Sì che il signor dio ringratiamo
Di tanto ben per sua misericordia
115E la sua madre vergine laudiamo
Che moverà da italia ogni discordia
E quanto magior bene noi speramo
Tanto più star dovemo in gran concordia
Che idio vedendo nostra pacientia
120Facia al fiero inimico resistentia

2. Barzeletta seguente a la istoria

Hor che è presa bressa bella
ognun ridi e faci festa
perché el gal bassa la cresta
come el sente sta novella

5Hor che è presa bressa bella
Vedrasse anchor Verona
che alzarà el marchesco segno
ritornando al nobel regno
di Venetia magna e bella

10hor che è presa bressa bella
Ralegrative signori
bon marcheschi e citadini
che son presi li confini
dela patria ribella

15hor che presa bressa bella
Sarà presto in nostre mano
che già fu bergamo altiero
perché il nostro imperiero
ala montagna hormai ocella

20hor che presa bressa bella
Il leone ardito e forte
segue el gal et anche cegna
al ocei et ala insegna
che di iove ognun appella

25hor che presa bressa bella
Tenerassi anche Cremona
obediente al divo marco
e fugarà dal ital barco
la mastina gente fella

30hor che presa bressa bella
Crema e fida sale in arme
con ogn'altro bel castello
E chi porta amor e zelo
Al leon si monti in sella

35hor che preso bressa bella.
Tempo è hormai di nova guerra
Segui italia la tua impresa
poi che sei alquanto scesa
non lassar to fatal stella

40hor che è presa
Fa vendetta de rebelli
E d'ognun che ti dispretia
Sol salvata da vinetia
Che sei serva sol a quella

45hor che preso bressa
Bona nova al gran pastore
che si trova in la romagna
e sua gente francha e magna
fiacharà gambe e cervella

50hor che preso bressa
Canterà tutta la liga
viva marcho chiesia spagna
trista nova in alamagna
che del gran dolor martella

55hor che preso bressa
Sbatte l'ale in ogni parte
il bel leon cridando forte
che 'l fia dato a foco a morte
ciaschedun che li ribella

60hor che preso bressa
Stiamo in festa tutti quanti
con leticia ioco e canti
laudando dio e i santi
che da nui favor non cela

65Hor che preso Bressa bella
ognun ridi e faci festa
per che 'l gal bassa la testa
come el sente sta novella

Finis


Anonimo.

Crediti | Info testo

Nome utente:

Password:


Registrati


Informatica Umanistica

Università di Pisa