minimizza
Testi di Ferrara

Elenco testi disponibili
   

anonimo

Sonetti ferraresi del '400 in una raccolta di poeti cortigiani





I DIALOGO ALLA VILANESCA





[p. 307]
Barba Guiozo, a' ve lasè haver male.
Oimè, tasì ch'a' me sento morire!
Pensai ch'ò perso el magnare e 'l dormire,
ma son può fatto gaiardo al bocale.

5L'è sì, misier, ca s'havesse un canale
pien d'acqua inanzi, e' son in pè de dire
che, a la mia fe', me 'l farave sorbire
ben ch'a' non manzo cosa onde sia sale.

N'habiai pensier (Porzì–me un poco el brazo!),
10che v'ò bella trovà una meïsina
che ve cavarà presto de sto impazo.

Vegnem pur chì. Gh'è niente d'urina?
Sì ben, misier, e' n'ho salvà un botazo
da meza nocte inchin a sta maitina.

15Muove–te, Pelegrina,
tuò que botazo ch'è apicà al sechiaro,
che 'l miego possa veer se pisso chiaro.





II DIALOGO





[p. 308]
Barba Guiozo, stai sovra de mi
che v'imprometto che per tutto ancuò
ch'a' porì star con sta vostri fiiuò
al desco e andar per tutto onde a' vorì.

5Ond'è la Pelegrina? E' son ben chì.
Fasì–ghe un bon lavezo de fasuò
a lesso con le coeghe e dè–ghen può
tanti che i se [ghe] tochin con le di'.

Con l'è ben pin, portè–l for [a] de ca'
10e lassè–l star in te l'occhio del sole
fin ch'a' vezì che l'è tutto sudà.

Se 'l ve disesse: La panza me duole,
tulì un burazo novo de bugà,
fergà–lo e non ghe daì troppo parole.

15Questo è quel [che] ghe vole.
Se 'l ghe ven se', currì al pozo, un de vu,
mo quanto el beve men, l'è mei per lu.





III DIALOGO




Oimè che muor! Habbiai patientia, pare,
l'è questa meïsina che v'agreza.
Guardè s'a' posì trare una coreza,
ch'a' ve sentirì tutto ristorare.

5Tasi, in malhora to, non m'abarrare!
La non va ben quando un vecchio maleza,
perché 'l gh'è sempre zente che 'l deleza,
e più quei che 'l davrave confortare.

Porta–me via de chì che 'l sol me scotta.
10Onv'iè–tu, Tomasin? Fatte in za, Piero.
Currì ch'a' sgombro de sovra e de sotta.

Sgombrè pur ben, me par, n'habbiai pensiero
che 'l mal se n'andarà tutto a una botta,
e sì ve lassarà sano e liziero.


[p. 309]
15El disse ben el vero
quel miego quando el ve ordenò i fasuò,
che 'l ve volea guarir per tutto ancuò;

ma el se vole ogni muò,
può che 'l ve ha dà sì bona meïsina,
20portarghe a presentare una puïna.





IV DIALOGO ALLA VlLANESCA




Che gh'è, Bertiè? Te vuò–tu confessare?
Si ben, misier. Mo inzenochia–te zò.
Fatte la croxe. O su, comenza mo.
Che diebo dir? De me o de me pare?

5Dì pur de ti, quando tu vè a robare
i agnei in t'i campi e le oche driè Po.
Mo che 'n savì–vu? Basta, che 'l so.
S'tu vo dir ver, tu non me 'l può negare.

Al corpo..., al sangue..., a' l'è qualche gioton
10che ve l'ha ditto per torme el me honore!
Mo tu biastemi, pezo de poltron!

Misier; a' me fai pur gran peccaore:
a' non robiè mè altro ca un castron
fuora d'un chiappo e si tusi el meiore.

15El fu quel de Salvaore.
Volì–u ch'a' ve 'n diga una? A' si un mal prieve,
a mi n'apicarì–vi el vostro brieve,

che, se passasse la sieve,
e' ve conosso d'una tal natura,
20ch'a' me darissi la prima tonsura.

Dì su, n'haver paura!
In bona fe', l'è mei che strinza el groppo,
che 'l non ghe fu mai guagno a zanzar troppo.





V DIALOGO





[p. 310]
Orsù, brigà, quel ch'è da far se faza.
Vien za, Antonuol, non me voltar la schina.
Vo–tu per moier mia neza Orsolina
che tu non fissi ma' la mior caza?

5Onv'è–la? Vè–la là che la spinaza,
l'ha ben anchor fatt'altro in sta maitina.
Mo che vol dir che l'è si magrolina?
L 'è el to amor, Antonuol, che la scoraza.

Vegnen può chì. Che dota ghe darì–vo?
10Un letto, sie stanelle e un bel guarnello,
quatro oche, otto galline e un porcel vivo.

Chiamè–la za che ghe metta l'anello.
Mo aspecta un poco e n'esser sì corrivo,
intiendi in prima quel che te favello.

15Disi su, barba Antonello.
E' vo, se 'l se diè far sto parentà,
saver s't'iè homo intriego o s't'iè castrà.

Deh, fusse–ve apiccà,
vecchio poltron, e mi se me n'impazo!
20Anden–sen via de chi, barba Zanazo.





VI DIALOGO





[p. 311]
N'andar più oltra. Inferma–te, Bragaia!
Che vo–tu star a veer? Volzi–te in za.
Non t'iè–tu acorto de quel che se fa?
Potta de l'agnol, mo el se fa bataia!

5Quando e' te 'l digo pur, homo de paia,
el par propio ch'a' diga a un inspirtà.
Tu di ben ver. Mo vì–tu che i se dà?
Deh, non gridar, te vegna l'angonaia!

Che gh'è, bando a gridar? Ben sa che sì.
10Che bando gh'è? La forma del zupon!
Madiè, bruscola! Antuonio, non sten chì.

Tu ghe' può star davanzo, macaron,
ma non gridar, che i te darà el mal dì.
Deh, se ghe stago me vegna el carbon!

15Di–me per che rason.
Non vi–tu quel che i fan, che 'l par che i caghi,
che me impensava che i fusse do draghi?

Che vo–tu? che i s'empiaghi?
Ben sa che sì. –Mo ti n'entiendi el ballo:
20el basta ben se i à sgorbà un cavallo!





VII DIALOGO





[p. 312]
Me par, chi è quel ch'è là su quel cavallo?
Mo el fo el Marchese de questa cità.
V'arecordè–u haverlo visto ma'?
El fu ben cento volte miego in ballo.

5Era–lo ardì, me par? El più fier gallo,
al sol de diè, che fusse in ste contrà;
e' te so dir con l'era inamorà
che 'l non menava le so botte in fallo.

El fe naser lu sol tanti fiuò
10che chi cercasse ben el Ferrarese
in trovarave un centenar driè ai buò.

Era–lo può per altro bon Marchese?
Mo fussin pur sì fatti al dì d'ancuò,
che i nostri par no harien tante spese!

15Guarda se 'l fu cortese,
che ['l] se partiva dalle sue madonne
per vegnir a impregnar le nostre donne!





VIII DIALOGO





[p. 313]
Brigà, ognun venga a bever dall'albana,
ch'a' metto la mia caneva a butin
a honore de gloria de quel vesentin
che za cavà dalle man dal Zampana!

5E'–la pur vera, barba Porcelana?
Mo havesi–ecusì un grembo de fiorin
che comprarave una casa e un molin
e 'l più bel campo che sia in Quartesana!

Al corpo de me par, ch'a' m'avì dà
10con sta novella la mior doman
e 'l più alegro disnar ch'avesse ma',

che ghe cazì una volta in le [so] man
per un che m'acusò a torto a pecà,
che l'era meio e' fusse stà a Milan,

15perché quel becar can
me fé dar quatro squassi ai suò poltrun
in manco de mez'hora e può disse un,

e, se 'l nostro Comun
non me scodeva, e' non tornava in driè
20che 'l me levava via le suol di piè.





IX DIALOGO





[p. 314]
Orsù, brigà, che 'l se vol far din don per allegrezza e strusiar del vin,
può che l'è casso el nostro Magaghin
e Pol da Lendenara quel gioton!

Oh quante volte m'han dà passïon,
5ch'a' m'arecordo per un bolognin
i me destenne e, se 'l n'era Belin,
i me cazava in la marza preson!

Ma questo fu nïente. I vennen può
a casa mia, da lì a qualche un mese,
10e sì me volsen tuor el carro e i buò.

Ben sai ch'a' me butiè su le defese
e sì ghe dissi: O Pol, requia s'tu vo,
non me voler cazar del Ferarese!

Magaghin se la prese
15e sì zurò de meterme in gatara
se 'l me poseva coiere a Ferara;

ma Pol da Lendenara
seppe sì ben menar el barboncello
che 'l me convene donarghe un agnello.

20I disen può: Fraello,
tien–te ben cara la nostra amistà,
che la te pò zovar in cose' asà.





X DIALOGO DELA CREATION DE PAPA ALEXANDRO VICE CANCELLIERO




Che se dixe a Ferrara, o barba Piero?
I dixen che l'è fatto el papa novo.
Com ha–l nome? E' 'l cerco ma no 'l trovo,
che m'è stà tolto da un altro pensiero.

5Remissiè un poco pel [vostro] carniero
della memoria. E' movo e sl 'l removo,

[p. 315]
ma no 'l trovo. Tasi ch'a' 'l discrovo:
l'è un nome che va in vitio e in candeliero.

El gh'è manco ben nome, al sol de diè!
10Nievò, tu non lo intiendi e s'hai del duro,
ma te 'l dischiararò, s'tu me vien driè.

N'anden più oltra, apozon–se a sto muro.
E' son contento. El vitio, fiol miè,
vol dir che tutti i papi en fatti al scuro:

15colù è più siguro
ch'à più danari, e 'l candelier s'asmorza
quando una degnità se dà per forza.





XI DIALOGO




Bondì, Benetto, che vè–tu sguaitando?
E' sguaito se 'l vien fuora la Belina,
che la son stà aspetar tutta maitina
per haverla una volta al me comando.

5Deh, matto, in che te va–tu inamorando?
Non sa–tu ben che l'è una zalordina?
La te farà voidar la scarselina,
può te dirà quel che tu va fazando.

Tu dì la tua, Bertiè. Sa–tu con l'è?
10E' la voio aspetar per ogni muò.
ch'a ghe 'l promissi in sovra la mia fe'.

S'a' 'l ghe disesse andar el caro e i buò
e 'l leto donde e' dormo e zò ghe gh'è,
e' n'harò un pasto. Dì mo con tu vo,

15s'ella non ven ancuò,
la vegnirà doman o un altro dì.
Non m'impazar, Bertiè, Tuò–te de chì.





XII DIALOGO





[p. 316]
Dio ve salvi, maìstro Nicolò!
Oh tu sia el ben vegnù! Con stè–tu, Naale?
Mistro mio car, e' sto de là da male,
stessi cusì culiè che m'inganò.

5N'haver pensiera che te guarirò,
e sì te voio mostrar quanto vale
la mia virtù, a ben che sia spicïale.
Ma dì–mi in prima quel che t'incontro.

E' ve 'l dirò. Vegnando mi e Benà
10dal lavorier, e' vusi in mia malhora
andar a veer le donne dal peccà.

E' posso dir ch'a' n'era zonto anchora,
ch'una me strapegò per forza in ca'
e sì me tene siego più d'un'hora.

15Quel piaser ch'avi alhora
me ingrossò sì la testa a mio fraëllo,
ch'a' non ghe posso cavare el capello.
Vezì–l chì, el poverello.
Crezì–u ch'a' guarirò? Ben sa ch'a' 'l crezo,
20ma te 'n besognerà taiar via el mezo.

Con dïavol el ' mezo?
A mi non meterì le man adosso!
Lassè–mel pur inanzi star sì grosso.



anonimo.

Crediti | Info testo

Nome utente:

Password:


Registrati


Informatica Umanistica

Università di Pisa