minimizza
Testi di Ferrara

Elenco testi disponibili
   

Anonimo

Historia nova della ruina de venetiani


Indice




Historia nova della ruina de venetiani. Cum lo processo delli mali contracti che lor fac [e] ano: Et una Barzeletta de Bressa che se lamenta de la grande desgratia occorsa in essa Cità. Cose belle e da piacere.




1.

O summo padre eterno Re di gloria
che tutto el mondo de nulla formasti
prestami gratia e donami victoria
e tanto de intellecto che a mi basti
5a ben che debil sia la mia memoria
al seguitar l'origen delli mastri
ma spiero se 'l to aiuto signor degno
me impresti d'arivar apresso al segno.

E so che 'l vi dilecta o bona gente
10le cose nove sempre de ascoltare
hor stati in pace e poniti ben mente
una historia la qual suo cantar
già molti giorni i' l' [h] o tenù fra i dente
ma tempo non fia più di mastichare
15fati scilentio e sentirete adesso
de Venetia la ruina e 'l processo.

Qui intendereti che per soi peccati
forza sarà ch 'al basso i' debba andare
questo dimonstra li pianeti e fati
20in cosa alchuna non pon prosperare
anci ogni giorno fian privati
né bon né rio dissegno non pon fare
così intravien a chi chol tradimento
sì s'acompagna al fin porta tormento.

25Di bressa pur vedendo il tristo auguria
el sangue sparto cum mortal tormento
la penna tolsi in man cum molta furia
cum carta e inchiostro commenzai dar dentro
recognoscando la celeste curia
30esser sdegnata di tal falimento
e tienti certa che cum voce netta
quel sangue iusto a dio chiama vendetta.

Fermate o gran Senato alla mia voce
el verso qual dispongo pien di doglia
35e tu che di Venetia sei lo Doce
pon giù il manto e tuo' la negra spoglia
ascolta i tradimenti aspri e feroce
che commison li antichi pien di noglia
se in sta mia rima fusse troppo arguto
40perdonami ché facio il mio dovuto.

Non sai superba che cum falsa ghara
verso la gentil giesta tu intrasti
de quelli excelsi signor de charara
e del suo sangue el Paduan bagnasti
45 [da] ndo allor morte accerba e amara
el stato suo di ma [...] li levasti
se quel suo sangue allor la terra tinze
dubito forte che 'l tuo non la de [pinze ]

Tu sai che tu caciasti de Verona
50i signor dalla schalla tanto ornati
che son di quella già vera corona
cum vostra astutia for li havisti trati
poi de Vicenca te festi patrona
onde convien che gran supplicio pati
55el è un p [r] uerbio che tra el vulgo corre
chi tutto vol alfin de rabbia more.

Di Feltre e Cividal non parlo niente
e non me inchur più oltra proferire
cum la pecunia li festi ubedienti
60e sottoposti allo tuo gran desire
non curando del mal d'alchuna gente
pur che intenti vostri riuscire
possan in qualche modo o qualche via
che dir poss [i] ne questa terra è mia

65Cervia gentil el bel porto cum Ravena
meschina te non sai come furasti
cum tradimento e cum to falsa mena
e infinito thesor de quel cavasti
che li signor zettasti in la marina
70quel or meschina poi dir che robasti
Faenza al Papa e Rimene di mano
tollesti e quel cason sia del tuo dano.

Di man Treviso al sancto imperatore
tollesti cum astutia e grande ingano
75qual lui ve lo impegnò cum bon amore
non pensando da vui recever lagno
e vui malvasi cum maligno core
l'ultimo giorno alle vintidò hore
l'ave maria sonò el termin fu fore.

80Non sai che desti al Re di cipri moglie
una figliola tua ornata e bella
un figliolo hebben cum amare doglie
dapoi dolente restò vedoella
e per tenir in mano le sue spoglie
85el figlio atosseghasti iniqua e fella
se a far tal cosa sei stata crudele
in ciel scritte si son iuste querele.

Non sa' tu anchora come avisti in mano
de Ferrara el polesen tanto bello
90per la cason del duca de Milano
che ristorar ti volse allhor di quello
e termin ti de' per alchun anno
poi render lo dovevi al sir isnello
l'è ito el tempo e tu cum tua rapina
95non lo rendesti el fia la tua ruina:

Non sa' tu anchora che fosti casone
de trar el Moro for de signoria
credendo cum tue false opinione
haver dapoi Milan in tua balia
100ma chi non siegue la dritta rasone
la pace e tutto el ben da sé desvia
rason non la avisti de trarlo di stato
o veddi ciecha quel che t'è incontrato.

O quanti capitan pieni d'honore
105per vostra causa son conducti al basso
o quanti forti e bon combattitori
per servirvi son iti in fracasso
o quanti patri e matre cum dolori
han pianto i figli in su lo extremo passo
110che da tre anni in qua for de sto mondo
l'è un numer infinito e assai profondo.

Per la superbia tanto furibonda
el stato vostro ne va in precipitio
e posto el veggo come al vento fronda
115per insperientia e per vero iudicio
e infin che 'l tronchon vegio non se infonda
o non se spichi el scelerazen vicio
qual sempre regna io dir non la voria
forcia ch'io 'l dica de la tirannia.

120El ciel si te monstrò già più d'un segno
per volerti distor dalla superba
ch'a tutto il mondo eri venuta a sdegno
e tu crudel più devenisti accerba
dapoi te tolse el saper e l'ingegno
125che la tua gente si romase a l'herba
un exercito havevi tanto grosso
che tutto el mondo non l'aria remosso.

E non essendo per questo castighata
cum rabioso velen e falsa ghara
130nel po' mettesti una sì grossa armata
credendote cum quella haver Ferrara
onde fu quella rotta e fracassata
questa fu a te bevanda molto amara
in mar cum l'altre combatendo in frotta
135mai havisti Venetia una tal rotta.

A quello tratto Excelsa Signoria
dal duca Alphonso haustei scacomatto
mille e seicento bocche in fede mia
di focho li lassasti al primo tratto
140cum desesepte delle to ghalia
qual a Ferrara stan sempre dal lato
dentro dal domo son strazate e intiere
da più di cento stendardi e bandiere.

Se un duca qual tu veddi solamente
145come colui t'ha datta tal percossa
essendovi un Senato sì sapiente
doveresti pur saper da cui sta possa
datta li fosse e per qual conveniente
e qual peccato v'ha messo in tal angossa
150non veddi chiaro questo o ti meschina
che raspi innanti cum fa la gallina.

Cercasti poi d'haver l'absolutione
da Papa Iulio e de pacificarte
poi per redurti in la so unione
155remetesti ogni inzuria poi da parte
e tanto festi ben quel tuo sermone
che revoltar li festi pur le carthe
che 'l se spichò de ligha col francese
per pigliar Ferrara alfin Bologna rese

160Festi nui ligha poi col Re di Spagna
e d'ongharia e quello d'inghelterra
credendo che costor per forza magna
dovessen raquistarte ogni tua terra
tutta invernata son stati in campagna
165e preso non han pur una fritella
ma aspecta mo che 'l ven il Re di franza
che vol chavarvi for di vostra stanza.

E un altro papa è disposto de fare
al tutto vol che Iulio dismesso sia
170che tanta gente ha facto ruinare
sol per tener a vui la fantasia
quel che de esser già non pò manchare
in ogni modo converà che 'l fia
perhò che 'l ciel dimonstra s'io non svario
175ciò che sperati vui ne va al contrario.

Dove andarai o povera orphanella
che a tutto el mondo sei venuta a noya
el vulgho quanto pò di te favella
dicendo che serai un'altra Troya
180veddi che hai contra il ciel e ogni stella
per volerte privar de richa spoya
quel che superba nel suo cor tien verde
al fin li stati el paradiso perde.

Meschina tu credevi eterna farte
185per tradimento tuo non per possanza
non te volendo mai d'arme fidarte
ma solo in to thesoro e tua roghanza
veddo d [...] segno caciarte
da quel invicto excelso Re di franza
190e tienti certa che non passa l'anno
che proverai d'ussir di septro el danno.

Hor non mi vo' stender più lontano
altro al presente non te so che dire
se non se hai mal che le tuo danno
195non so se 'l piace a te sto proferire
e se patisci adesso un solo affanno
in breve mille n'haverà a patire
per farlo in rima intendi mia processa
el mal che hai te l'hai facto ti stessa.

Finis

2. Barzeletta nova de Bressa.

Bressa son che posta in pianto
gran stridor el bater mani
per tor dentro Venetiani
el mio popul me sta afranto

5Bressa son che posta in pianto
Gran stridor el batter mani.

Pianga mecho tutto el cielo
con la corte imperiale,
la qual vede el scuro velo
10sopra me ch'era immortale
per lo sangue che in me chale
giù correa per ogni canto

Bressa son che posta in pianto
Gran stridor el batter mani.

15Casa trista aspra e dolente
che sei causa de sto ballo
se de vui se trova niente
in pianura monte o vallo
fati pianto del gran fallo
20che tolesti dentro el campo

Bressa son che posta in pianto
Gran stridor el batter mani.

E ti popul Venetiano
piangi mecho in compagnia
25io so ben che importi danno
e verghogna tutta via
che 'l to Gritti dicto Andria
in milan dimora stancho

Bressa son che posta in pianto
30Gran stridor el batter mani.

Pianga mecho ogni signore
la mia trista e prava sorte
questo crudo rio dolore
che me induce quasi a morte
35e più anchor quando in mia corte
non mi veddo alchun da chanto

Bressa son che posta in pianto
Gran stridor el batter mani.

Vui cità castelli e ville
40pur spechiative da me
già fui lieta e sì tranquille
sottoposta al primo Re
hor per romperli la fe'
rotta m'ha la testa e fiancho

45Bressa son che posta in pianto
Gran stridor el batter mani.

Finis



Anonimo.

Crediti | Info testo

Nome utente:

Password:


Registrati


Informatica Umanistica

Università di Pisa