minimizza
Testi di Ferrara

Elenco testi disponibili
   

Anonimo

La persa e la rescossa de la bastia.





La persa e la rescossa de la bastia.




Giove eterno o padre omnipotente
ch'il mondo e ciel de nihilo creasti
con arte inmensa e poi l'humana gente
ala tua sancta imagine formasti
5e nel imobil pol sede eminente
il solio regal tuo colocasti
e per redimere il damnato stuolo
mandasti in terra iesù tuo figliolo

Perché senza di te pur una fronde
10non move un arbor nel terestre humore
a te ricorro con prece foeconde
che vogli un può prestarme il tuo favore
che dire io possa con rime ioconde
dil duca alphonso l'ingegno e valore
15qual ha mostrato a scoter la bastia
da man de gente nata in barbaria

Coreva l'ani mille cinque cento
et undeci de cristo salvatore
quando l'hispano exercito non lento
20confederato col mondan pastore
iulio senpre a mal oprar intento
se mosse contra alfonso almo signore
scoprendo alfine l'inclusa magagna
e tolse non obstante la romagna

25Non ebe già per questo in sé paura
il duca nostro magnanimo e forte
né perché recta fosse ogni pianura
de roman gente e de libera corte
né prendesse per tali ardente cura
30né stima de periglio alcun de morte
di giorno armato acioché l'oste il senta
con il suo canpo se calò ad argenta

E fece testa al bastia rinpeto
per darli aiuto quando bixognasse
35e per tenere li inimici in vecto
quando passare eridano tentasse
dentro la rocha gli era posto asseto
né li mancava quel mestier li fasse
niuna cossa li facea temenza
40né copie adverse né alcuna potenza

In tanto il capitan de fantaria
dil re spagnol dicto pier navara
acceso d'ira furibunda e ria
e memorando quella pugna amara
45quando franciosi occiser sua zania
ala frascata che li costò cara
sì come fier dracon menando vanpo
a la bastia propinquò el suo canpo

E con inzegno ne la fusca nocte
50quando che phebe li soi ragi ascose
nulla stimando nostre acerbe bote
gabion di terra pieni ai colpi expose
et dreto ad elli ne' cavate grotte
polvere accesa de bombarde pose
55la qual mandava a defendenti i muri
caligi tetra e fumi odiosi obscuri

Poscia in un trato con furore inmenso
se despicor de lor vinte bandiere
ciaschun haveva al cor il sangue acesso
60astreti insiemi tuct [i] in un volere
e se ficorno sotto il muro extenso
che quei de sopra men potean nocere
e ben che molti di lor ne perirno
pur ala fin la rocha circuirno

65Che niun socorso dar se gli potea
e qui spagnoli con errecte scale
e con denso clamor che il ciel temea
salirno al muro se'l cantar mio vale
ove instrumento bellico ronpea
70vede [n] do questo vestitel gli assale
ch'io fiero c [om] pagni giù de l'alte mura
li fece cader ne la terra dura.

Alora se riforza la bataglia
ognuno fa de sua persona prova
75quivi non vale fero o texta maglia
il ferro la coperta carne trova
il fumo a defensor gli ochi abarbaglia
tanto nol stiman che alcun già se mova
ma generosamente il torione
80ciascun diffende con il suo lancione

Ma per il speso bonbardar di fora
e tracti de balestre e de schioppetti
italiani mal potean talhora
stare a difesa perché v'eran necti
85cridavan tuti carne mora mora
e d'ogni canto se davan boffecti
tal che il terreno diventò ben rosso
pel sangue verso e i corpi inpirno il fosso

Temete molto il navare e piero
90con gli altri capitani e fe' consiglio
vedendo tanta gente sul sentiero
morte de soi per hostile artiglio
e deliberose come fier gueriero
provar dil cepto l'ultimo periglio
95e fe' sonar ogni tanburro e corno
e tucto il stuolo pose lì d'intorno

Cridando carne carne amacia amacia
e va exortando tucta la brigata
e di far male n'ha la mente satia
100italiani volendo la gatta
come fratelli ciascadun s'abracia
benché vedesen la morte parata
per mandar loro ala superna gloria
pugnanti per ragione e non per boria

105E fannose tra loro animo grande
insiemi de voler morte gustare
benché dispiacia a ogniun simil vivande
pur se deliberan l'honor suo salvare
e perché intorno da tucte le bande
110vedevan li inimici su montare
e se uno ne getan de scale giuso
in loco d'uno ne venean tre suso

Né li valea iacular de' sassi
né foco aceso con sulphurea polve
115per tanto vestitello astreto fassi
e questo dicto ali conpagni solve.
fratelli ogniuno questa parte lassi
perché in ruina il tecto se rivolve
ma giù scendamo dove il nostro ponte
120e og [n] iuno adropri sue forteze conte

Cussì fu facto et ecco prestamente
calorno dil ponte le catene
unanimi pugnando arditamente
e non voltando le pudende rene
125alor spagnoli con feroce mente
intraron dentro con focose vene
e quanti italiani ritrovorno
per fil de spada tucti li mandorno

Presa la rocha: la volante fama
130che 'l tucto vede e nel volar s'alegra
e de scoprire ogni secreto brama
non mai nomata da poeti pegra
al maximo pastor che sempre chiama
con la sua mente de pensier non vegra
135il nostro male il tucto riveloe
sì che per questo in gaudio restoe

Non stete a banda il capitan de spagna
getati i corpi morti nel torente
fornete il loco de nobil conpagna
140e fece gran repari di sovente
boni ad obstare ad ogni turba magna
poi se parte col resto de la gente
di gaudio pregno e di tanta victoria
ma poco durò certo la sua historia

145Alfonso estense glorioso e sagio
sì come fabio dictator romano
pensando in core nel hostil damagio
monstravasse nel viso alegro e humano
e vindicarsse del precesso oltragio
150con magior dano ordiva a mano a mano
il tempo vene che li parve adato
per dare a l'inimici scacho mato

E fece giù mandarsse ogni istrumento
che se ricerca ad expugnar citade
155a tredece de iano come io sento
havendo a pol passato l'insul gade
fece pasare alfonso a marte intento
di là da po' canoni di bontade
et uno novo gli era de misura
160che a l'inimici die' prima tonsura

E senza gabioni e tante fole
piantò le boche presso l'hostaria
e lassa trar quanto la rocha vole
a chi la coglie pur suo danno sia
165e comenciorno le piantate mole
a salutare quella turba ria
non con naranci o perliche amostose.
ma con le sorbe et nespole pelose

Che nascono direto dil castello
170ove che tiene il duca il suo giardino
non è tanto strepor in monzibello
quando che spenge fiaa [m] m ogni camino
ogni ciclope adopra il suo martello
e trema il monte a li par vicino
175quanto era nel spirar de tante boche
parea se apreser le tartaree roche

E le tronbete resone e canore
chi a navan triton el troian miseno
et eccitavano il pauroso core
180non fa tanto clangore a trasimeno
quando che aparve l'africo furore
e fece inmensa strage hanibal peno
e per tamburi il centrico vapore
pareva uscisse con mortal terrore

185Poi che ogni cossa con mirabil arte
apresso ala bastia ale frontiere
hebe ordinato il paladin de marte
avanti spinsi italiam doe schiere
e strete drizole a quella parte
190ove li pare ad expugnar mestiere
non fu già facto cegno a sordi e muti
con impeto v'andaron insieme tucti

Cridando duca duca franza franza
e de salir s'afretam su repari
195ma li spagnoli vedendo tal danza
a italiani dam boconi amari
urtandoli de giù con spada e lanza
et li strumenti bellici disvari
et l'uno a l'altro dà mortale botte
200che piovere faceam le menbra rote

La terra per la neve che era bianca
pel sangue fuso diventò ben rossa
nesciun là certo de pugnar se stanca
né alcun dal suo voler puncto se scossa
205l'artegliaria de tirar non manca
e ronpe a combatenti polpe et ossa
chi de la testa o volto ha meno il quarto
chi non ha man ne pie' come huom da sarto

Durò gran pezo questa pugna dura
210et ala fine italian perderno
perché spagnoli dei repari e mura
per forza grande giù li abaterno
per questo il duca non se mette cura
né dolo alcuno come ben discerno
215anci in un tracto valoroso e ardito
dispose de pigliar altro partito

E tolte doe bandiere de guasconi
che li parevam de valore et pregio
doppoi li acorti et militar sermoni
220verso di quelli se misse tra megio
con scalle e lance grafii e ronconi
et acostossi a l'alto hibero segio
dove scochavan varie puncture
portante morte et dire sepulture

225E nanci agli altri come fier leone
sprezando l'hoste et ogni gran piglio
a quello loco ove il novo canone
havea rotto ala forteza il ciglio
con animo cesareo n'andone
230de occidere ciascun senza bisbiglio
e far di soi soldati aspra vendeta
per tanto il gresso suo presto rafreta

Ma l'invida fortuna a impresa tale
dede disturbo al duca ne l'andare
235un sasso repercusso un aspro male
gli fe' nel capo e fecelo cascare
ma a alphonso di sovente in piede sale
e per soi gesti fa l'hoste tremare
né stima soe balestre e gran schiopeti
240né di scarcar bonbarde e falconetti

Avanti i piedi de la prol de alcide
cascavan come pere i corpi morti
spagnoli al cielo mandano le stride
e fano facti generosi e forti
245marte rubente ciò guardando arride
al duca alphonso et a guasconi acorti
se ingemina la rixa d'ogni canto
e seguita clamore sangue e pianto

Piantata alfine fu l'alma bandiera
250dil duca alfonso e dil re cristiano
ne l'alta tore e la guascona schiera
per forza introe nel palazo hispano
ciascun spagnolo come scu [r] a fiera
in ira acesa menava le mano
255et fin che mai adoperar poterno
le menbra loro gran difesa ferno

Fu debelata al fin l'ispana gente
e morta tucta con horrenda morte
ma certo dir potian che arditamente
260gustò la acerba et memoranda sorte
questo l'advien dala divina mente
questo è firmato ne la eterna corte
chi vol contra ragion tuor quel d'altrui
presto ruina la roba con lui

265Fur numerati li defuncti hispani
ducento corpi e furono per numero
lassati in preda ali ocelaci e cani
per non haver certeza non con numero
l'italiani morti e tramontani
270però che li compagni col suo humero
portorno i morti con pietosa cura
in loco che li dederno sepultura

Sempre a te giusto padre omnipotente
principio e fine d'ogni nostra cosa
275col cor ricorro e con la pura mente
e te rengratio d'ogni data posa
sempre nel nume tuo alto e clemente
la mia speranza sola se riposa
prego signor nel iudicar tremendo
280non me condanni alo flagello horendo

Finis. Die.XXVII.Januarii Anno Domini.D.XII.



Anonimo.

Crediti | Info testo

Nome utente:

Password:


Registrati


Informatica Umanistica

Università di Pisa