minimizza
Testi di Ferrara

Elenco testi disponibili
   

Peregrino da Ferrara, Giovanni

Lamento facto per Zoane Peregrino da Ferrà scriptore, quando el Marchese Nicolò el fieze metere in Castel Vechio de Ferrà, al tenpo de Meser Ziliol in quelo inpresonato.





Lamento facto per Zoane Peregrino da Ferrà scriptore, quando el Marchese Nicolò el fieze metere in Castel Vechio de Ferrà, al tenpo de Meer Ziliol in quelo inpresonato.





[p. 64]
Quel da Este
vole cusì.
La Fortuna sì
m'ha gionto
5a punto a punto
in questa tore,
dove rimore
de cari non me impaza.
Che vo'tu che faza
10de questo?
Oldi sto testo
de Scriptura:
"Deus et natura
nichil agunt frustra".
15Se avi' susta
non domandare.
Ma per narare
questo fato,
el fu ordenato
20a Piero Buso,
ben ch'el scuso
in questa parte,
come un'arte
da bene:
25"El me convene,
Zoane mio,
un poco de consio
avere".
Con poco savere,
30anda'con lu;
i'nuote più
ch'el me conduse
con queste trufe
in ca.
35Non fu'sì tosto intrà,
ch'el me dise
che avese
paciencia:
sentencia
40de Dio l'arda!
"Fati bona guarda!"
el dise ai fanti
ch'eran circonstanti,
che serason l'use
45e butà un bufe
grande.
Per tute bande
sudava
e me stava
50paciente.
O Dio omnipotente,
a che partito!
Hoia tradito
Cristo?
55Tristo
mi, doloroso
pensoso
dolente!
Amaramente
60stando,
sonando
le vintequatre ore,
et ecce um remore
de farisei,
65piezo che zudei,
maledicti,
forniti
d'arme.

[p. 65]
Alora me parme
70oldir el trapelo:
"Zoane bello,
viem fuora!"
Alora alora
in quela mena
75a pena a pena
steti in pé.
"Ohimè,
– dis'io –
Dio,
80Vergene Maria,
madre mia
devocta,
quest'è la volta
che sum morto
85a torto!
Signor mio
Dio,
furia non ge sia!
O madre mia,
90o dona mia Magdalena,
o pena
di mei figlioli,
in amari duoli
ve laso!"
95E crite eser caso
de la victa,
per la partita
d'la porta
in tanta scorta
100de gente,
cusì crudelmente
menandome,
vogliandome
ligare.
105"E non fare!
– disi a Tomaso –
Per Dio veraso,
e vignirò".
"E te ligarò
110pure,
dure
strete!"
E cusì me mete
in mezo,
115non me faciando pezo
de questo:
publico e manifesto
me menò.
Ora mo'
120gli è da fare.
I me prese a domandare,
digando:
"Ha' tu bando
de niente?
125Che giente
ha' tu ofeso?
Ha' tu preso
questione
a la rasone?
130Dio aida!
Ma pur falida
c'è."
E cusì me mené
in Castelo,
135como agnello
mansueto,
bene al dispieto
mio.
Per Dio,
140e'non giera mezo!
E me crezo
multo bene,
ch'el me vene
el viso
145biso
e crespo tuto:
era distruto
a vedere.
Te pare le pere
150madure?

[p. 66]
Son le padure
da niente?
Speculo a tuta gente
facto!
155E cusì fu' menato
in Castelo
denanzi da quelo
da Baese,
el più cortese
160omo che sia,
pien de cortesia
tuto,
el saluto
e se m'inchino
165con quel latino
che Dio me spira:
"Dio ve dia la bona sira
a tuti".
E lor saputi
170me resposen piano:
"Bona sira e bon anno,
fradelo.
Zoane bello,
che vol dir questo?"
175E stava streto
ne le spale:
"L'è male,
me pare a mi."
"Alora coma se'qui
180destenuto
venuto?"
Pieto da Baese
me prese
per la mano,
185più umano
che sposa,
pietosa
mente me dise
che non temise
190niente;
incontinente
m'asegurò,
e cusì me menò
inance e indré
195lu e mi
più de una ora,
inanci ancora
che andase in person.
De più rason
200dicesemo de compagnia,
a la cui cortesia
son sempre tenuto:
omo saputo,
discreto,
205quieto,
avisato,
costumato
tuto.
Esendo venuto
210l'ora,
in bonora
tose le chiave.
Le parole suave
eran tante
215quante
posa esere,
mostrando incresere
de questo.
Tuto modesto
220me menò a la tore.
Quanto remore
faceam qui' usi!
E credo che fosi
tri l'un dopo l'altro.
225O Sam Marco,
che serà?
S'averirà
l'inferno?
O governo
230de una creatura
pura,
inocente!
Quanto stretamente
stai!
235"Qui starai,
– dise el Capitanio –

[p. 67]
non te dare afano
de niente,
per Dio omnipotente,
240sora la testa mia:
non aver melenconia
de questo.
Sta' modesto.
non te turbare
245e te farò fare
bona conpagnia."
Poi me dicia:
"Zoane, a'tu cenà niente?"
"No veramente,
250in fé de Dio:
el me disio
è altro [che questo.]
Cride che sto
multo male."
255"E non te turbare
niente, fradelo!
Zoane belo,
Mesere,
non vo'tu bere
260niente?
Si' paciente
sovra de mi,
e digo a ti:
l'è usanza,
265abi speranza
in Dio."
El suo consio
fo tanto
che tuto quanto
270me confortò.
Poi me portò
de sua mano
vino e pano
e una firità,
275e lì fo aparechià
uno scanelo.
"Zoane belo,
mesere,
tendi a bere
280de bona voia!
Non aver noia
niente.
Per Dio omnipotente,
sovra de mi
285tu stara' qui
seguramente.
Si' paciente
nel nome de Dio:
cri tu ch'io
290dicese busia?
Manza, via,
in la bonora!
Alora alora
consolato,
295manza'quel trato
de bona voia:
ma come foia
faceva il core,
in questa tore
300streto.
Inanzi che cenato
avese,
el me dise
multe cose.
305Poi me volse
examinare: con mi
ora qui
fo gram parlamento.
Alefim contento
310romasi:
altri desasii
che libertade
in veritade
non senti'.
315Poi fe'adur lì
subitamente
a um so servente
um lecto,
quel benedecto
320del Capitanio;

[p. 68]
poi, de sua mano,
um capezaleto
et uno lenzoleto.
"Dormi, fiolo, questa nocte!"
325Sì ch'a le bote
de tre ore
con gram dolore
anda'a dormire,
con sospire
330e melenconia.
O Vergene Maria,
quanta doia!
Me venia voia
de morire.
335Non posea dire
niente;
amaramente
piansi suspirando,
così digando:
340"O Dio,
Signor mio
Iesù Cristo,
aflito
su la croce!"
345Poi con umil voce:
"O Vergene Maria,
madre mia
beata!
O Anunciata
350de Fiorenza,
piena de clemenzia
e puritade,
la toa bontade
regie el tuto!
355O fructo
de victa eterna,
che ce governa
tuti,
i meriti conpiuti
360in ti,
e mi
son tua creatura!
O Vergene pura
iusta e pia.
365madre Maria
plena de gracia,
mo'che desgracia
è questa!"
La testa
370me dolea
e pianzea
forte.
Aspetava morte
su quel punto,
375e facea poco cunto
de'mie'facti;
i pinsier renovati
me venia.
"O brigata mia,
380padre,
madre,
fratelo,
amor mio bello,
Madalena!
385Che pena è questa!"
chinando la testa
diceva.
L'anima pianzeva
amara.
390"Sara,
figliola mia,
Marco, victa mia,
Cleofe, Catarina,
animina
395del mio putino
picolino
in cuna,
la nocte bruna
piangendo!"
400Poi, nominando
i mei pecati:
"Quanti n'ho fati,
Signor mio!
Dio
405ne fa vendeta.
O madre benedeta,

[p. 69]
or me governa in questo punto !
Questo m'ha zonto
el mio pecare,
410voiando fare
contra il tuo onore!
Le ore
sonavano speso,
aspetando'l meso
415che venise
ed adusese
qualche novela.
Né bona né bela
aspectava,
420anzi aspetava
tormento.
In questo lamento
senti' aprire
e venire
425in la presum
come un sermon
piacente.
Meser Troilo prudente
e Pieto da Baese,
430tuti cortese
venendo a mi:
"Dio te dia el bon dì,
Zoane bello."
Alor, vezando quelo,
435arditamente,
tuto ridente
e festivo [...]ando,
non mostrando
d'alegreza,
440ma con piaseveleza
m'inchinai.
Or oldirai
examino
e contamino
445de mente.
Meser Troilo valente
me guarda
e sì me quadra
et apesa tuto.
450"Giovàn belo, e son venuto
e qui mandato
per eser informato
multo bene.
El te convene
455dire el vero:
el nero
per lo zalo non mostrare:
el te convene [...]are
um bom core.
460El Signore
vole sapere questo.
El Signor vole el testo
e non la chiosa:
l'è pericolosa
465a chi non intende
segundo che comprende.
Mio compare
m'ha auto a lodarte
sumamente,
470per diligente
e bono
[con] questo suono:
É laudato literado,
dotado
475d'inteleto,
tuto perfeto
d'ingegno.
Però vegno
qui da te,
480che diche ad me
la veritade,
per questa maestade
de la Croce
[...]

[p. 70]
485c'hai una nominanza
tuta sancta
e da bene.
Or te convene
che mel diche,
490senza fatiche
e pasione,
per questa fé che te done,
per la fé de Dio,
per lo stato mio
495che tu me vidi:
cridi
e non dubitare.
E volseme zurare
ne la mano,
500piam piano
dicendo:
E conprendo
el fato com'el sta:
l'è sta purità
505tuta questa,
con gli ati de la testa
pelegrini."
Poi mudò latini
zelati e fridi:
510"Vedi vedi,
s'tu nol dirai,
tu sentirai
de la fune!
Te ne darone
515tanta:
la carne tuta quanta
el sintirà.
Di' la verità
e fara' bene.
520El te convene
ogni modo dire,
s'tu non vòi sentire
que che t'ho dito."
A questo partito
525mudai colore,
ma pur il core
dicea:
"Questo non credea
miga!"
530O briga,
o travaia,
o bataia
de cuore!
Sentia um calore
535nel pecto,
per Dio benedecto,
che brusava!
Alora parlava
umilmente:
540"Voi site al presente
venuto
come saputo
e valente omo.
Como?
545de che me domandate?
Vui me menaciate,
che voliteve dire?
Che voliteve savere
da mi?
550Questo che di'
che cosa è?
E sonte in questo pè
de tore:
serav'io traditore
555o ladrum?
Per che casom
sont'io qui?
Che hoio dito mi
o facto?
560Hoia robato
nesum?
Sont'io del Comum
maldicente?"
Meser Troilo prudente
565respose:
"Tu hai le voxe,
car figiolo,
de Meser Ziliolo,
con tu sai.
570Lo negarai?
Ben sa'che no.
Sto fato andò
come te dico:
l'um e l'altro amico
575sì suol fare,
l'ha' voluto alturiare

[p. 71]
e tralo fuora
in la bona ora.
Figiol mio,
580per Dio,
non te turbare!
Hai facto fare
le lime,
sublime
585e bele
(queste novele
son state
portade
in Castelo),
590tenaglie e martelo
e chiave,
quele c'have
Madona Catarina in persona:
tua madona
595gli ha portà in Castelo.
Zoane belo,
così sta il fato."
A primo trato
nega':
600"La verità
non sta così."
"L'è manifesto qui,
co' 'l po' tu negare?
Tel farò provare
605sul volto:
tu l'hai tolto
'aidare
e cavare
de presom."
610La question
è fra lu e mi:
el dise de sì
e mi de no.
El dise: "Cusì fo,
615tu l'hai fato:
stanote examinato
serai altramente.
Per Dio omnipotente,
tu el dirai!"
620Alora con multi guai
romasi:
in quisti casi
non fu' ma' più.
Sì che tuti du
625se n'andò via.
Or qui fu la doglia mia
e 'l pianto,
tanto
che crite morire.
630Qui crite finire
la vita mia,
in questa melenconia
fine a nona,
che mai persona
635sentì.
Stando così
in questa morte,
oldi'le porte
schiavare
640e mesedare
i cadenazi.
Quisti son i birazi
che venene
per darme pene
645e tormento!
Se'l batimento
del cuore
era mazore,
non domandare!
650Et ecote arivare
el Capitanio,
e siego a mano
Antonio dai Banchi.
I fianchi
655me batea,
quando vedea
questa gente:
Zoan da Laro presente
in conpagnia,
660colui che scrivia
et era nodaro.
Quando intraro

[p. 72]
questa gente,
per Dio omnipotente,
665avi' paura!
"O Vergene pura!"
chiamai.
Alora me levai
in pè, ch'era a sedere,
670per vedere
costore
e farge onore
per ben de mi.
"Che diavol fate qui?
675 dise Antonio–
Me pare insonio
a vederte!
Chi fe' meterte
qui?
680Non so' mi
per certo!"
Tuto asperto
dise: "Zoane belo,
tu e' in Castelo
685serà.
Di' la verità
seguramente,
non temere niente
sovra de mi.
690E digo a ti:
quel c'hai dito a Miser Troilo
voilo
observare
e narare
695ogne cosa.
Questa cosa
averà bon fine."
Quante piasentine,
o Vergene Maria,
700metrìa
ne le vostre mane!
"Ser Zoane
scriverà el so dito."
Poi apreso [...]ito
705in altre cose
el me volse
examinare
e fame stare
de bona voia,
710pregando che me toia
de qui.
"Sta pur così
um poco", dise lu
e non dise più
715niente.
Incontinente
se partìno via.
La melenconia
se n'andò.
720El Capitanio me cavò
de fuora
in l'ora
de cena,
e sì me mena
725da uno altro sagurà
impersonà
per questo facto,
chiamato
Antonio de la Mela.
730"Tuo' questa animela
in compagnia,
e manza, via,
nel nome de Dio."
L'aveva um pio
735tenebroso,
melenconioso,
una barbaza grande;
d'alcine vivande
non manzava:
740el stava

[p. 73]
turbato,
tuto disfato
del mondo.
"Sta' iocundo,
745 dise Pieto –
tuo' con tiego
costui,
lui
te farà conpagnia:
750nesuna melenconia
sia fra vui."
E mi disi a costui:
"O compagnio zoiosi,
i aseni rognosi
755èm bene agionte
a punto a punto
a gratarse."
"El me parse
veder Dio,
760fratel mio;
bone novele!"
tocandose le masele
e ogni cosa.
"Stemo in posa
765in la bona ora
e ne seremo fuora
presto."
Così con questo
fo l'amecicia:
770la tristicia
andò da parte.
Um par de carte
ge manca
su questa banca
775da zugare.
Che dovemo fare?
Manzare
e bere
e dire
780de le novele tuti du.
Qui non g'è più
da dire,
ma referire
gracia e onore
785al Signore
Dio omnipotente,
a Cristo vivente
et al Marchese,
a Pieto da Baese,
790che me fu padre
e madre
e ogne bene,
che me tene
vivo.
795E cusì scrivo
e chiamo
che l'amo
sopra tuti.
Éremo destruti
800mi e 'l compagnio
s'el non fuse [el Capitanio]
che ne sostene.
Quanto bene
ne fe'!
805 [...]
Quanto n'ha presente
[...]
Quel che ne fé'
non poso dire:
810Dio retribuire
el posa
in ogne cosa
de bene!
Poi se vene
815a lunedì,
parse a mi
a vintedò ore,
per parte del Signore,
Feltrino,
820Zorzo Pecenino
da la Canzelaria,
anbasaria

[p. 74]
triunfale,
e questo male
825mitigò
e cusì ne cavò
de lì,
e' lunedì
de sira,
830credo che li era
vintetré ore e più.
A punto el fu
a' septe dì de Mazo,
che l'azo
835bene a mente.
A' quatro del presente
fu preso
e meso
in Castelo
840Zoane bello,
um vegnere sira, a vintequatre ore
de l'ano del Signore
milequatrocento,
s'io non mento,
845e trentasei,
ch'i filistei
me menò via.



Peregrino da Ferrara, Giovanni.

Crediti | Info testo

Nome utente:

Password:


Registrati


Informatica Umanistica

Università di Pisa