minimizza
Testi di Ferrara

Elenco testi disponibili
   

anonimo

Grida del 23 aprile 1435





Privilegi accordati ai forestieri per attirarli ad immigrare in Ferrara e suo distretto. Il Marchese Nicolò III, 23 Aprile 1435. Due documenti (il secondo più ampio del primo)





[p. 1r]

1435 a dì 23 d'aprile Per parte de locumtenente et Ex. S. N. messer Nicolaus per la Dio gratia marchexe d'Este etc. Se fa noto e manifesto ad ogni persona che se da mo' innanzi fusse alcuno forastiero el quale volesse vegnere ad habitare in la cità de Ferrara o in lo suo destrecto haverà libertà e generale exemptione per lo tempo e termine de quindexi anni proximi hano avenire da tute le graveçe reale et personale che se imponesseno in la dicta citade et destrecto de Ferrara in qualunqua modo fino al dito termine. Et anche serano exempti dal pagamento del boccadego cum tuti quili de la sua familgia habitando loro in li burgi o condado de Ferrara. Et porano condure jn Ferara et in lo suo terreno et destrecto tuti li loro beni bestiame victualie per so uso massaricie et cosse liberamente sença alcuno pagamento d'alcuno datio o gabella fra el quale termene de XV anni vole anchora el per Ferara N. S. se intendano havere libero et generale salvo conducto de non possere essere convegnuti per alcuni soi debiti contracti in ogni logo et per qualunqua casone cum qualunqua persona excepto cha cum Veneziani Mantuani subditi del prefato S. N.
[p. 2r]
[...]esso [...]che [...]per [...] [...]a [...] [se fa] noto e ma [nif] esto ad ogni persona che se da mo' inanti fusse alcuno forastiero el quale volesse venire ad habitare in la citade de Ferrara o in lo so distrecto haverà libera et generale exemptione per lo tempo et termine de XV anni proximj ha advenire da tute le gravece reale et personale che se imponesseno in la detta citade et distrecto de Ferara in qualuncha modo fin al dicto termine. Et anche serano exempti dal pagamento del boccadego cum tuti quilli de la sua famiglia habitando loro in li burghi o contado de Ferara. Et porano condure in Ferara et in lo so terreno et distrecto tuti li loro benj bestiame victvalie per so uso massaricie e cosse liberamente sença alcuno pagamento de alcuno dacio o gabella fra el quale termine de XV annj vole anchora el prefato nostro signore che loro se intendano havere libero et generale salvo conducto de non potere essere convenuti per alcuni suoi debiti contracti in ogni luogo et per qualuncha casone cum qualuncha persona excepto cha cum Veneciani Mantuani et subditi del prefato signore meo. Sì veramente che çascaduno forastiero che vegnerà ad habitare in Ferara e in lo ferarese come è dicto debia fra el termine de 1 mese seguente doppo la sua venuta andare ad farse scrivere ad l'officio de XII Savij de la citade de Ferara dal quali gie serà facto imstrumento de la sua exemptione la quale volo el prefato signore gie sia servata per quello modo se contegnerà in lo dicto istrumento.

1435 die xxiii aprilis rogatus Antonius Tassonus publice banitum pubblicasse in presentia Johannis de Sinagrabole notarius et Bonifacius de Masinette notarius et Johanne Gobbo bar [...]ro. Rogatum actum 14 libri registri.


[p. 2v]

Provigione sui forestieri abitanti in Ferrara.



anonimo.

Crediti | Info testo

Nome utente:

Password:


Registrati


Informatica Umanistica

Università di Pisa