minimizza
Testi di Ferrara

Elenco testi disponibili
   

Anonimo

Cronaca di Ferrara dal 1406 al 1476


Cronaca di Ferrara dal 1406 al 1476 di Anonimo trascritta da Giulio Mosti che visse nel secolo XVI

Era nella Costabiliana passò presso di me dietro acquisto fatto dal libraio Ronchi di Bologna nel luglio 1857Giuseppe Canonico Antonelli


[p. 2 recto]

Copia d'un libro di croniche molto mal andato et anco scritto molto obtruso che forsi non serà così inteso da ogni uno, lo qual inteso da me G.M. l'ho spianato su questi fogli acciò più facilmente si possi leggere: ma è ben vero che non varrebbe covelle se non fosse scritto di mia mano come sta sul proprio che si conosce certo esser scritto in quei tempi; e prima verremo due o tre carte spicate e poi alle attaccate che sono signate con i numeri 1.2.3.4 e va seguitando e signaremo queste tre la prima con questo segno, la seconda e la terza con questo. Nota che de l' del mille quatro zento sie, chomo Chabrin Fundu si se fe signore de Chremona e si la tose a i Chavachabo ch'era signori de Chremona; e questo si fo l'ano del 1406. Nota che a dì16 zugno e questo si fo de l'ano del milequatrocento undesse, chomo si fo fato ducha de Milan messer Felippo Maria di Veschonti el quale si fo fiolo de misere Zoane Galiazo ducha de Milan e fo chazato fora de Milan misere Estore di Veschonti fiolo che fo di messer Barnabò e si tene lo dito misere Estore Milan 18 zorni; e questo si fo de l'ano 1411. Nota che de l'ano del mile quatrocento quatordese, chomo si vene a Chremona l'imperadore misere Sisimondo, el papa Zani el signor Chabrin si dé all'imperadore el chastelo de Chremona e se se galozò; e questo si fo de l'ano del 1414. Seconda carta. Nota che a dì 6 d'aprille e questo si fo de l'ano del mile quatro cento tredesse a hore 15, si se partì da Ferrara el marchese Nicholò fiollo che fo del marchese Alberto e si andò lo ditto signore a sepolchoro zoè in Garosaleme e si andò chomo una bella zente e si tronò lo dito signore a dì 6 de luio a hore 6 de note tuti sani e salvi e questo si fo de l'ano del 1413: e quisti sono quili che sono fati chavaleri a sepolchoro. Misere Alberto da la Salle, misere Piero Rosso da Parma, messer Feltrin Buiardo, messer Tomaso di Chontrari fradelo del magnifico Uguzon di Contrari, misere Francescho da Nona.
[p. 2 verso]
Nota che a dì 19 di zugno e questo si fo de l'ano del mile quatrocento quatordesse, si se partì da Ferara el marchese Nicholò e si andò in versso san Iachomo di Galizia e si se partì con chavali 24 tra chompagni e fami: quisti si sono quilli che andono sego per compagni: messer Feltrin Buiardo, messer Francescho da Nona, Bartolome Mainero; e questo si fo de l'ano del 1414 e si fo preso lo dito segnore. Nota che de l'ano del milequatrocentodesedoto e si fo del mese d'aprile, chomo si vine a marito madona Paressina fiolla che fo del signore Malatesta da Zesena e si la tose per moiere el marchese Nicholò fiolo che fo del marchese Alberto da Este; e questo si fo del 1416. Nota che a dì 8 de feveraro e questo si fo de l'ano del milequattrocento disenove, chomo si azunse in Ferara el papa Martino de Colonis di principi de Roma et quando el vene lo dito papa a Ferrara el fo uno grande vento e uno gran fredo; e si fo fato lo dito papa a Chostanza in Nalemagna. Nota che a dì 16 de feberaro e questo si fo de l'ano del milequattro cento desenove, chomo si se partì da Ferara el papa Martin di Colonisi di principi di Roma e quando el se partì lo dito papa el fo una grande piova e si montò in lo buzintoro del marchese e s'intrò in nave alla gabella e si fo del 1419. Nota che a dì e questo si fo de l'ano del milequatro cento disenove chomo el signore misere Chabrin di Fondu signore de Cremona si perdé Cremona e si gela tolse messer Felipo Maria de Veschonti ch'era ducha de Milan; e questo si fo dell'ano 1419. Nota che a dì vintiuno de mazo e fo de lune a hore 21 e fo in milequatrozento vinti zinque, chomo el marchese Nicholò fiolo che fo del marchese Alberto si fe taiare la testa a uno suo fiolo ch'aveva nome Ugo e la moere si aveva nome madona Paresina che fo fiola del signore Malatesta da Zesena e si fe taiare la testa a uno ch'a nome Ceveron ch'era di Rangoni da Modena; e questo si fo de l'ano del 1425. Nota che a dì dese d'agosto in milequatro cento vinticinque, chomo fu i taramoti grandi a Ferara e si tremò la tera e le mure dele chase; e questo si fo dell'ano 1425. Nota che a dì zinque de hotobro in mile quatrocento vinticinque, chomo si fo 15 grandi in su la via grande dove el Chastelo Novo da la porta di santa Agnese; e questo si fo del 1425.
[p. 3 recto]
Nota che a dì desenove de marzo in milequatro zento vintise, chomo la signoria di Venesia si tose Bresa a messer Filipo Maria ducha de Milan e si fo a torela messer Zoane Francescho signore de Mantoa, el chonte Charmignola ch'era capitano zenerale dela zente d'arme de la signoria de Venesia, e questo si fo de l'ano del 1426. Nota che de l'ano del milequatrocentovintisete e fo del mese de mazo, chomo si fo fato la pase tra la signoria di Venesia e quella de Fiorenza chomo messer Felipomaria ducha de Milan e si la fe la pase monsignore di santa Chrose el ducha de Milan si déde Bergamo de volentà ala signoria de Venesia e si fo fato la dita pase a Ferara; e questo si fo de l'ano del 1427. Nota che de l'ano del 1427, chomo si fo chomenzado a fare el Castelo Novo da la porta di santa Agnese e si lo fe fare el marchese Nicholò fiolo che fo del marchese Alberto da Este; e questo si fo de l'ano del 1427. Nota che a dì dui d'agosto in mile quatro cento vintisete, chomo Batista da Chanedelo zitadino di Bologna si tose Bologna al papa Martin di Cholonixi di principi di Roma et tuti quili che fo a tore la dita citade el papa si schumunigò et si ge mandò el champo intorno e si gandò messer Jachupuzo Chaldoria per chapitanio dela sua zente d'arme; e si fo de l'ano del 1427. Nota che dell'ano del milequatrocento vintinove, chomo i Fiorentini si meté el champo a Lucha el signor de Lucha si mandò domandare sechorso al ducha de Milan si ge mandò el chonte Francescho Forza e si ge mandò in sechorso al signore de Lucha et signore de Lucha si volse dar Lucha a Fiorentini e darge el chonte Francescho in tele mane perché l'ere suo nemigo di Fiorentini el chonte Franceschi Forza si prese el fiolo del signore e si prese el signor di Lucha e si lo mandò al ducha de Milan el ducha de Milan si tene in person e si morì el dito signore de Lucha e so fiolo el chonte Francescho Forza si meté a sachomano el palazo e si have tutta la sua roba; e questo si fo dell'ano del 1429. Nota che de l'ano del milequatrocento trenta, chomo i Fiorenti si donò al chonte Francesco Forza duchati trentamilia perché l'abandonasse Lucha e si dese a stare tri misi che lui si non dé se metere e non andare in suso el teren di Fiorentini e de Lucha e si non deseva darge sechorso a Lucha el chonte Francescho si abandonò Lucha e si vene ala Mirandola e si stete; e questo si fo de l'ano 1430 e si lasò frunida Lucha de vitoaria.
[p. 3 verso]
Nota che de l'ano del milequatrocentotrenta, chomo messer Filipo Maria di Vischonti duca di Milan si mandò Nicholò Pezenino de Perosia chapetanio de zente d'arme e si andò in sechorso chon molta zente d'arme tra da pé e da chavalo a Lucha e si rompé el campo de Fiorentini ch'era atorno Lucha e si era chapitanio zenerale di Fiorentini el chonte de Horbino e si fo roto el dito campo del mese di desenbre; e questo si fo de l'ano 1430. Nota che a dì 14 zenaro in milequatro cento tretauno, chomo madona Rizarda sorela del marchese de Saluza se vene a marito in el marchese Nicholò fiolo che fo del marchese Alberto da Este e si arivò la dita dona a Chastelo Novo de la porta di santa Agese e si arivò a hore tra 21 e 22 e fo de domenega: e lo luni che vene dredo che fo alli 15 de zenaro si vene la dita dona a marido dentro da la terra a chavalo in suso uno chavalo biancho e si haveva in dosso una pelandra di damasco biancho frodado di dossi e si se tolse la dita dona da Chastelnovo e si vene a chavalo soto una baldachino e si l'acompagnò il signore di Mantoa chiamado messer Zoane Francescho da Gonzagha da Gonzagha e si l'accompagnò l'ambascaria di Venesia e l'ambasaria de Fiorenza e l'ambascaria del ducha di Milan chiamado per nome messer Filipo Maria di Vischonti e queste ambasciare si l'acompagnò a marido dita dona e si durorno le noze tri dì; e questo si fo dell'ano 1431. Nota che del meze de marzo nel milequatrocento trenta uno, chomo la signoria di Venesia si rompì la guerra chomo el ducha de Milan e si mandòla soa armada in Lombardia zoè di galioni e si fo rotta la dita armada a Chremona a dì 6 de zugno e si la rompé Nicholò Pezenino el chonte Francescho Forza ch'era solda del ducha di Milan; e questo si fo de l'ano del 1431. Nota che dell'ano 1431 e fo del meze di marzo, chomo si morì el papa Martin di Colonisi di prinzipi di Roma; e questo si fo dell'ano 1431. Nota che de l'ano 1431 e fo del meze di marzo, come si fo fato el papa Ugenio da Venesia de cha' Gondormero e si fo fato a Roma e fo dell'ano deto 1431 e si era signore di Ferara messer Nicholò fiolo che fo del marchese Alberto da Este. Nota che de l'ano 1431 e fo del mese de otobro, chomo si nase messer Erchule fiolo del marchese Nicholò e de madona Rizarda da Saluza,e questo si fo dell'ano 1431.
[p. 4 recto]
Nota che a dì primo zenaro del 1432, chomo messer Zoane da Tosignan si vene per vescho de Ferara e si lo fe vescho el papa Ugenio da Venesia da ca' Gondormero, intendi per Condalmieri; e questo fo de l'ano 1432. Nota che a dì 6 de zenaro del 1432, come fu batezado messer Erchules fiolo del marchese Nicolò e de madona Rizarda da Saluzo e si lo protò a batezare messer Alberto di Pi signore de Charpi e si lo tene a batesimo messer Zoane Francescho da Gonzaga signore di Mantoa e l'ambasaria di Venesia e quela di Fiorenza et quando el fo portado a batezare el fo una gran neve; e fo questo de l'ano 1432. Nota che a dì 6 d'aprile del 1432, chomo la signoria di Venesia si fe taiar la testa al chonte Charmignola ch'era lo chapitano dela soa zente d'arme; e questo si fo de l'ano detto 1432. Nota che dell'ano 1432 si fo fato el chonzilio in la Lemagna a una tera ch'a nome Baselea e fo dell'anno giàdetto. Nota che a dì 6 d'aprile 1432 e si fo la note di san Lazaro si se brinò tutte le vigne del ferarese e si fo una grande brina e si fo una grande charestia, el valse el staro del fromento 51 soldi 2 marchesani e valse el mastelo del vino forastiero 51 soldi 16 marchesani e si non s'acolse gozo de vino e fu poco frumento. Nota che dell'ano mile quatro cento 32 si morì el signore Ruberto di Malatesti signore de Rimene e si haveva per moiere madona Malgarita fiola del marchese Nicholò da Este, e questo si fo de l'ano detto e morì a dì X del mese di novenbre. Nota che de l'ano 1432 si fo fato signore di Rimene questo che è adesso zoè el signore Sismondo fiolo del signore messer Pandolfo di Malatesti è fo de l'ano detto 1432. Nota che a 15 di otobre 1432, chomo vene dui chavaleri da Ragona per combatere in Ferara e fo fatto una stelenzarda in piaza e si andò tuti dui i diti chavalieri in champo, el più vechio si andò da l'offitio dele bolette e messer Alberto da la Sale e messer Feltrin Buiardo si tenii el più vechio e l'altro chavaliero si andò dal palazzo del podestà: el governadore di Saluzo è uno ch' a nome Zoane de Lamberto di Malatesti da Rimine si servì questo chavaliero et quando i diti chavalieri si fono entrati in campo el marchese Nicholò se gli accordò e si romaseno amixi; e fu dell'ano detto di sopra.
[p. 4 verso]
Nota che a dì 9 destenbre del 1433 si vene messer l'imperadore Sisimondo a Ferara con mile chavale el marchese Nicholò si gandòinchontra perfina a Rezenta e si ge fe grand'honore e fo incoronado el dito imperadore in Roma de man del papa Ugenio da Venesia de cha' Gondormero, intendi per Condalmieri. Nota che a dì 13 de stenbre nel 1433, chomo messer Sisimondo imperadore si fe i fio del marchese Nicholò chavalieri prima si fo fato in veschoa: messer Lionello, messer Borsso, messer Folcho, messer Erchulexe, messer Sisimondo e questo lo le tene a batesimo e si naxe questo puto a dì 13 d'agosto 1433. Nota che a dì 16 de stenbre del 1433, chomo messer Sisimondo imperadore si se partì da Ferara e andò a Mantoa e si fe i fio del marchese di Mantoa chavaleri. Nota che de l'ano del 1433, e fo del mese de stenbre, chomo messer Lodovigo fiolo del marchese de Mantoa si menò per moiere madona Barbara fiola del marchese di Brandiborgo. Nota che de l'ano del 1434, chomo il marchese Nicholò si andò a santo Antonio da Viana e si tronò in dredo sano e salvo; e fo questo de l'ano detto 1434. Nota che a dì 15 de zenaro del 1434, chomo madona Zenevera fiola del marchese Nicholò si andò a marido in tel signore messer Sisimondo da Rimene, fiolo che fo del signore messer Pandolfo. Nota che a d' 17 de zenaro in el 1434, chomo Jachomo di Ziliolo sechretario del marchese Nicholò si fo prexo e messer Ziliolo so fiolo ch'era chapitano de Rezo e si fo preso e menado a Ferrara in person in Chastelo Vechio e si fo metudi tuti dui pare e fiolo; e si fo del 1434 e si perde la soa roba e fo menada a chorte. Nota che a 29 d'agosto del 1434, chomo fo roto Gatamelada a Imola e si la ronpé Nicholò Pezenino da Perosa ch'era solda del ducha de Milan e Gatamelada si era solda de Veneziani: quisti si sono li chapitani de Veneziani che sono prixi da NicholòPezenin prima el signor Estore da Faenza e Piero Zan Pauolo di Horsini e Tade marchese e Nicholò da Tolentin el signor Guido Antonio da Faenza si se ne fozì e si fo menadi i diti chapitani a Milan el duca di Milan si gi fe grand'honore a tuti salvo ch'a Nicholo da Tolentin si morì in person; e questo si fo de l'ano detto 1434. Nota che a dì 6 de feberaro nel 1435, chomo si vene madona Malgarita fiola del marchese di Mantoa a marido in messer Leonello da Este fiolo del marchese Nicholò da Ferara, la quale
[p. 5 recto]
dona si vene, si arivò a santo Antonio de fora e si fo una gran neve quando la vene a marido e si nevò fortemente e si fo piantado in piaza di zeniveri chomenzando da la loza perfina alle banche deli Chaligari e si fo menada la dita dona a chavalo per mezo questi zeniveri de uno chavalo biancho e si aveva in doxo la dita dona una pelandra de pano d'oro charmexin e frodado da remelin e si vene a cavallo sotto un balduchino. Nota che a dì 6 d'agosto in el 1435, chomo el fo rota l'armada delo re de Ragona e si la rompé Zenoixi e si fo preson lo re de Ragona e l'infante de Chastia el gran massero de san Jachomo e altri baroni asaisimi e si prixi i diti baroni mesere Biaxio dal Chare ch'era chapitano de l'armada de Zinoixi e si fo menadi i diti baroni, el dito re dal ducha de Milan; el ducha de Milan si ge fe grande honore e po si lasono andare il dito re e i diti baroni e si tronò a chasa soa e per questo despeto Zenoixi si tose Zenoa al ducha de Milan; e questo si fo del 1435 quando Zenoa si perdé. Nota che del mese de feberaro del 1435, chomo misere Marsilio da Charara si volse tore Padoa a Veneziani e non pose intrare in Padoa e si se deschoverse el tratado e si fo preso el dito messer Marsilio da Charara a i Forni ch'è in visintina e si fo menado el dito messer Marsilio da Charara per dentro Padoa e poi si fo menado a Venesia e si fo taiada la testa a dì 24 di marzo in Venesia del 1435. Nota che de l'ano del 1435, chomo el marchese Nicholò fiolo che fo del marchese Alberto da Este si principiò Beloreguardo e si chomparò tute le possesioni a i citadini e si fo pagado tute le posizioni a tuti quili che avevano a fare in la vila. Nota che del mexe de marzo in el 1436, chomo madona Rizarda moiere del marchese Nicholò si andò ale noze di so fradelo zoé del marchese di Saluza si toxe per moiere la fiola del marchese de Monfra; e questo si fo de l'ano 1436. Nota che de l'ano del 1436, chomo si se partì messer Lodovigo fiolo del marchese di Mantoa e si andò dal duca de Milan, el ducha de Milan si gi fe grande honore al dito chavalero el marchese di Mantoa si gi fe dar bando per tuto el so paexe e chi lo menzonaxe ch'el fosse fiolo del marchese de Mantoa fosse bandido. Nota che de l'ano in el 1437, chomo el chonte Francescho Forza si ave per perxon messer Ludovigo fiolo del marchese di Mantoa e si lo prese in Toschana e si era el dito chavalero soldà del ducha de Milan, el conte Francescho si gi fe grande honore.
[p. 5 verso]
Nota che de lano del mile quatro cento trentasete e fo del mese di feberaro, chomo madona Lucia fiola del marchexe Nicholo da Este si andò a marito in messer Charlo fiolo del marchese de Mantoa e si s'acompagnò in Ferara e si andò a tore l'orazion in veschoa e s'il benedì messer Zuane da Tusignan vescho de Ferara; e fo de l'ano 1437. Nota che a dì 28 de zugno in el 1437, chomo madona Luzia fiola del marchese da Ferara si morì a Mantoa e fo a sepelida la dita dona a dì 29 di zugno 1437. Nota che sino a 24 de zenaro in el 1437, chomo el marchese Nicholò si conprò Lugo e si gel vende el papa Ugenio da Venesia da ca' Gondormero e si fo del 1437 e si fo fata questa venzida in Bollogna. Nota che de l'ano 1437 e fo del mese de desenbre, chomo si vene uno chavalaro al marchese Nicolò chomo l'ere morto l'imperadore Sisimondo e vene le letere dal chozilio ch'era in Baselea. Nota che a dì 24 zenaro del 1438, chomo el vene el papa Ugenio da Venesia e si vene a Ferara e si l'andò a tore messer Leonelo da Este, el magnifico Uguzon di Contrarii e si arivò il dito papa in santo Antonio de fora e si vene di sira e fo de vegnere e lo lune che vene si neve dentro dela tera e fo una grande neve quando l'arivò el dito papa a hore 22 perfina alle 23. Nota che a 4 dì marzo del 1438 chomo vene lo imperadore de Chostantinopoli a Ferara si menò sego uno so fradelo el papa si ge mandò incontra 6 gardenali el marchese ge andòincontra con 2 so fio e si vene dentro per la porta di san Biaxio e si fo una grande piova e si fo facto al dito imperadore uno baldachino di porpora biancha frodado de varota: quisti si sono li chavalieri che sempre tenia la mano in sula brena del chavalo de l'imperadore che vegea soto il baldochino: prima messer Alberto da la Salle, el marchese messer Spinetta di Malaspini e messer Feltrin Boiardo et Galaso di Pi signore de Charpi e messer Antonio de Iobici e messer Pandolfo di messer Chortesia di Verona e messer Brandelixe di Buchamaiuri e messer Piero Buratelo e fo alozado dito imperadore al Paradiso el fradelo si fo alozado in Schivanoio. Nota che a dì 8 de marzo in el 1438, chomo el vene el patriarcha de Chostantinopoli a Ferara e si ge andò incontra el marchese con 2 so fio el papa Ugenio si ge mandò incontra 6 gardenali e si vene dentro dala porta di san Roman e si fo alozado in casa di Ruberti e aconpagnolo i diti 6 gardenali el dito marchese chon 2 so fio; e questo si fo de l'ano 1438.
[p. 6 recto]
Nota che a dì 21 de marzo in el 1438, chomo el papa Ugenio da Venesia di cha' Chondormero si dé a le sore de santo Antonio la indolgenzia grande che zaschaduno homo o dona che fuxe chonfesada si aveva centoquaranta dì de perdonanza e quela perdonanza ch'era a Roma si è alle dite sore; e questo si fo l'ano 1438. Nota che de l'ano 1438, chomo messer Zoane Francescho da Gonzagha marchese de Mantoa si se despartì da l'amore dela signoria de Venesia e si s'acordò con el ducha de Milan. Nota che del mese de mazo del 1438, chomo vene uno chavalaro dal chonzilio ch'era in Baselea che protò le letere chomo l'era imperadore fato e dera duxe da storiche e sino stete uno ano imperadore e si morì ed aveva nome messer Ruberto; e questo si fo l'ano 1438. Nota ch'el fo del mexe de mazo in el 1438, chomo el ducha de Milan ave Ravena e Imola e Frolì e si metè el signore de Frolì in chasa soa ed ave Bologna e si l'ave per tratado e si la toxe al papa Ugenio ed era el dito papa a Ferara e si le tose le dite zitade Nicholò Pezenin da Perosa ch'era solda del duca de Milan. Nota che a dì 28 de zugno in el 1438, chomo nase Nicholò da Este fiolo di misere Lionelo e madona Malgarita fiola del marchese di Mantoa; e si fo de l'ano 1438. Nota che a dì 15 de setenbre del 1438, chomo la signoria de Venesia si andò a metere campo a Sermene chomo la sua armada de Po el marchese di Ferara si ge dé il passo per Po e si non pose havere el dito chastelo; e questo si fo de l'ano 1438 e poi si se partì a dì 26 de stenbre la dita armada e si and' a Venesia. Nota che nel mese di stenbre 1438, chomo la signoria di Venesia si donò el Polexene al marchese Nicholò da Este e si andò a tor la tiguda messer Leonelo da Este e si ge fe le bele charte. Nota che a dì 16 de zenaro del 1439, chomo el se partì da Ferara el papa Ugenio da Venexia da cha' Gondormero intendi per Condolmiero e si andò de fora da le sore de santo Antonio e la note demontò in nave el dito papa chomo el marchese e si andò al Finale de Modena e poi siano a Modona el dito papa e si andò a Fiorenza. Nota che a dì 28 de zenaro nel 1439, chomo si se partì da Ferara el patriarcha de Chonstantinopoli e si andò a Fiorenza e si andò da Faenza via el signore di Faenza si ge dé il passo per vale de Lamon; e questo si fo de l'ano del 1439.
[p. 6 verso]
Nota che a dì 28 de zenaro nel 1439, chomo si se partì da Ferara l'imperadore de Chonstantinopoli e si andò a Fiorenza e si andò de Faenza via, el signore de Faenza si ge dé el passo per la vale de Lamon; e questo si fo de l'ano 1439 Nota che nel mese d'aprile in el milequatrozento trentanove, chomo el duca de Milan se donò a Guido Antonio signore de Faenza e si ge donò Imola e Bagnachavalo e la Massa. Nota che del mese d'aprile nel 1439, chomo el marchese de Mantoa e Nicholò Pezenino Aluixa dal Vermo da Verona si paxò tadexe e si chorse in veronex e in vesintina e si tolse Ligago credo Lignago e si toxe de molte chastele in vesintina e si toxe i diti soldadi ch'era chapitani del ducha de Milan. I tox del mese di novenbere e fo da san Martin chi toxe Verona a la signoria di Venesia s'intrò dentro dentro per la citadela e si tene tri dì Verona e si avese chosì chridado ducha chomo i chridò Gonzaga, i tegeva Verona el chonte Francescho Forza si rescoxe Verona perché l'era soldato de Venexiani; e questo si fo de l'ano del 1439. Nota che a dì 16 de mazo in 1439, chomo fu prexo Baldazo ch'era chapitan de fanti da pé e si fo roto e preso a la tore da Holenaro e si lo prese Sagramoro da Parma e s'era soldado del ducha di Milan e si fo menado per preson dentro da Bologna. Nota che a dì 6 di zugno nel 1439, chomo el chonte Francescho Forza si andò a soldo di Veneziani e si passò per suso el bolognexe e se mete a sachomano el bolognese e si paxò per mezo Ferara e si fo menadi di molti chontadine di bologexe per perixon e si fo rescossi li diti person per el povelo de Ferara tra per forza e per amore e fo dell'ano detto. Nota che a dì 7 de luio nel 1439, chomo si morì madona Malgarita fiola del marchese de Mantoa e si era moiere de messer Leonelo da Este fiolo del marchese Nicholòe si morì la dita dona a governo e fo protada la dita dona a Ferara e si fo menada di note e si se partì da Ferara otto nave choverte de pano brune e le vele dele nave si era de pano bruna e si ge ande de molti citadini vestidi de pano bruna a tore el dito chorpo de la dita dona e fo protada a sepelire a san Francescho in Ferara; e fo de l'ano deto. Nota che fo del mese de mazo in el 1440, chomo messer Borso da Este fiolo del marchese Nicholò si andò a soldo del ducha de Milan e si andò con milequatro cento chavale e si era al soldo de Veneziani e si era el dito messer Borso in modonese; e questo si fo de l'ano 1440.
[p. 7 recto]
Nota che fo del meze d'aprile in el 1440, chomo messer Lodovigo fiolo del marchese di Mantoa si tronò in grazia del signor so padre e si fo tronare el ducha di Milan e si paxò el dito messer Lodovigo per Ferara dentro e si andò prima a Milan dal ducha de Milan inanzi che lui si andaseno a Mantoa; e questo si fo de l'ano detto 1440. Nota che nel mese de mazo nel 1440 chomo la fiola del marchese de Monfra si paxò per suxo el ferarese e si arivò la dita dona a Fosadalbano el marchese Nicholò e madona Rizarda e messer Lionelo el marchese messer Spineta si g'andò inchontra e foge fato grande honore perché la dita dona si andaseva a marido in te lo re di Cipri e si andò sego messer Meliaduxe da Este chon la dita dona che andò a marido. Nota che a dì 10 d'agosto in el 1440, chomo fo sagra la gesia de Madona Santa Maria da Ianzoli e si la sagrò el vescho Zoane da Tusignan; e fo de l'ano 1440. Nota che a dì 14 d'agosto nel 1440, chomo el marchese Nicholò fiolo che fo del marchese Alberto da Este si ave dal papa Ugenio la perdonanza che è a Madona Santa Maria da Ianzoli e si chomenza la dita perdonanza la vizilia de Madona Santa Maria da meza agosto da uno verespo a l'altero a chaschaduna persona homo o dona che sia ben chonfesa e chontrita de soi pechati, chosì i forastieri chome i tereri e chosì el papa Nicholò da Sarzana si lo chonfirmò el dito perdon a la dita gexia; e questo si fo de l'ano 1440, quando el se chomenzò el dito perdon e si lo chonfermò el dito papa Nicholò da Sarzana al marchese Leonelo de l'ano 1440. Nota che a dì 29 di zugno 1440, chomo fo roto Nicholò Pezenino da Perosa e si fo roto al borgo san Sepolchoro e si era soldato del ducha de Milan e si lo rompé el patriarcha ch'era soldado del papa Ugenio e uno ch'a nome el signore Micheleto da Codignola ch'era soldado di Fiorentini; e questo si fo de l'ano del 1440 e si fo prexo ala dita rota el signore Estore da Faenza e si l'ave per person Nicholò da Pixa e si lo vende a Fiorentini e si fo mena a Fiorenza in te le stinche in preson. Nota che del mese de stenbre in el 1440, chomo el signore messer Sismondo da Rimene si s'acordò con la liga zoé 'l papa Ugenio e Venezian e Zenoixi e Fiorentini e si fe perdere Ravena al ducha de Milan e si l'ave la dita citade zoé Ravena Veneziani. Nota che nel mese de stenbre in el milequatro cento quaranta, chomo si se chomenzò a chavare le fose de Ferara.
[p. 7 verso]
Nota che del mese de stenbre 1440, chomo el morì madona Zenevera fiola del marchese Nicholo da Este e si era moiere del signore messer Sisimondo da Rimene; e si fo de l'ano 1440. Nota che nel mese de stenbre nel 1440, chomo el marchese Nicholò da Este fiolo che fo del marchese Alberto si chomparò Bagnacavalo e la Masa ch'egrave; in Romagna e si gela vende el patriarcha ch'era chapitanio del papa Ugenio e si fo tolto i diti chastili a Guido Antonio di Manfridi signori di Faenza e chostò ge ducati undexemilia d'oro e si fo fata questa venzia in Fiorenza di questo ano 1440. Nota che a dì 26 de stenbre 1440, chomo vene madona Biancha a Ferara e si è fiola del ducha de Milan e si vene per vegnir a marido in t'el chonte Francescho Forza e si vene la dita dona in t'el bucintoro del marchese di Ferara e si arivò la dita dona a le sore de santo Antonio e po si vene dentro per la porta di san Piero e fo ge fato grande honore e si vene per suxo la via de sabioni a chavalo de uno chavalo biancho e si vene la dita dona soto uno baldachino de pano d'oro e si aveva indoxo uno mantelo fiamengo de pano d'oro zelestro frodado d'armelini e questo si fo detto. Nota che del mese de stenbre del 1441, chomo si morì la fiola del marchese di Monfra ch'era moiere delo re di Zipri e si morì la dita dona in Zipri; e questo si fo de l'ano. Nota che del mese de marzo del 1440, chomo el signore de Ravena fiolo che fo del signore Hobizo da Polenta si perdé el so stado, Ro e Ravena e si gela tolse Veneziani e fo chonfinado el dito signore e la moiere el fiolo in Chandia e li si morì lui el fiolo; e questo si fo de l'ano 1441. Nota che a dì 5 d'aprile 1441, chomo madona Biancha fiola del duca de Milan si se partì da Ferara e si fo menada la dita dona a Milan e si la menò el marchese Nicholò e si la deseva tor per moiere el chonte Francescho Forza ch'era chapitano de Veneziani el dito chonte Francescho si no la voxe per moiere la dita dona; e questo si fo de l'ano 1441. Nota che del mese di novenbere del 1441, chomo si fe la pase tra el ducha de Milan el signore mesere lo marchese de Mantoa e la signoria de Venezia e Fiorentini e si fe questa paxe el chonte Francescho Forza perché lui si tose madona Biancha per moiere el ducha de Milan si ge dé Chremona in dota e si fo sposada la dita madona Biancha a san Sisimondo ch'è in chremonexe el chonte Francescho si butò la sentenza dela paxe el marchese di Mantoa si rese Legnago a Veneziani; e questo si fo de l'ano 1440.
[p. 8 recto]
Nota che a dì de desenbre 1441, chomo el marchese Nicholò fiolo che fo del marchese Alberto da Este si andò per governadore de tuto o stado del duca de Milan e si morì el dito marchese a Milan a 26 de desenbre a ore tre e uno quarto et il marti a dì 26 de desenbre 1441 azunse el magnifico Uguzon di Chontrari e si aduxe le novele chomo l'era morto el marchese Nicholò da Este; e questo si fo l'ano 1441. Nota che a dì 29 de desenbre nel 1441, chomo azunse messer Charlo da Gonzaga a Ferara a ore 10 di note chomo s'ilmandò messer Zuane Francescho da Gonzaga marchese di Mantoa a manifistare chomo l'era morto el marchese Nicholò da Este signore di Ferara; e questo si fo de l'ano del 1441 a dì 29 de desenbre. Nota che a dì 29 de desenbre in 1441 e fo de vegnere a ore 15, chomo el povelo de Ferara si andò in chorte in sula sala da i dui chamin e si mandò per messer Leonelo fiolo del marchese Nicholò da Este e si fo metudo in suxo uno tribonale e si fo fato signore e si ge dé la bacheta in mano messer Tomaxo di Perondoli arizevescho de Ravena e messer Zoane da Tosignan vescho de Ferara e po Zoane Gualengo si ge dé la bacheta dela signoria per el povelo menudo e si fo chiamado viva el marchese Leonelo da Este e chosì lui si l'azetò la signoria de Ferara e si promise de fare bona signoria a tuto el povelo; e questo si fo de l'ano del 1441. Nota che a dì dito chomo messer Lionelo fiolo che fo del marchese Nicholò da Este si montò a chavalo in suxo uno chavalo liardo apomolado el quale aveva nome el dito chavalo e si aveva nome Beladona e uno barbante da pano d'oro roxo frodado de martori in doxo e si vene in suxo la piaza de Ferara a ore 20 e meza e fo achompagnado chomo el povelo zoé groso e povelo menudo chridando viva el marchese Leonelo e si fo achonpagnado da messer Charlo da Gonzaga e da messer Zoane Baldu da Venesia ch'era visidomine e da el chonte Guido di Almerigi da Pesaro ch'era podestà di Ferara e si toxe la tegnua comenzando da la loza e per su la via di Sabion e da santo Andrea e per suxo la via grande e per fina a i Servi e per fina in piaza senpre chridando viva el marchese Lionelo da Este e messer Piero Buratelo si ge protò la spada inanzi e si fo chonfermado per signore per el papa Ugenio da Venesia da cha' Chondormero, e questo si fo de l'ano del 1441.
[p. 8 verso]
Nota che del mese de desenbre del 1441, chomo messer Borxo da Este si andò a Modena e a Rezo e si mandò per el povelo si andò da lui e si zurò in tele mani di essere bon serviduri al marchexe Leonelo. Nota che a dì 30 de desenbre nel 1441, chomo fo menado el chorpo del marchese Nicholò e si fo menado da Milan in doe chase ch'era in pegolado e azonse la nave al porto de Ferara zoè ala gabela a ore tre de note e po fo tolto el dito chorpo del marchese e fo metudo in suxo una chareta da chorte chomo vestida di pano brun e fo metudo con 4 cavai fo menado a Madona Santa Maria da Ianzoli e quando fo zunto el dito chorpo a la dita gesia e fo protado dentro a ore 4 de note chomenzado da la porta di san Polo per fina a la gesia si era charegado tutta la strada de dupieri e si fo de sabato de note ugnado a la domenega; e questo si fo de l'ano 1441. Nota che nel mese de zenaro nel 1442, chomo si vene el povelo de Modena el povelo de Rezo e tuti i chastelani e si vene el povelo de Rovigo, el povelo de Lugo e de Bagnachavalo e dela Maxa e si fo zurado in te le mano esere liale e fidele esere bon serviduri del marchese Lionelo; e questo si fo de l'ano 1442. Nota che de l'ano 1442, chomo si fo una grande charestia a Ferara e vax el staro del fromento 51 e soldi 2 de marchesini e vaxe el staro del orzo soldi 10 de marchesini e vaxe ol staro dela melega soldi 6 de marchesini e valxe ol staro dela fava soldi 12 de marchesini e valse ol mastelo del vino 51 soldi 16 de marchesini e si fo portado del mio da Venesia che puzava e si non se poxeva manzare e si non se poxeva havere del fromento si non toleva del mio e si fo quando messer Lionelo si fo fato signore, e durò questa charestia per tutto agosto di deto ano 1442. Nota che a dì 2 de zugno 1442, chomo lo re de Ragona si ave Napoli e si ge stete sete ani a chanpo e si l'ave la dita zitade per una doza e si la toxe a lo re Rainero; e questo si fo de l'ano del 1442. Nota che del ano nel meze de zenaro nel 1443 si sa zelò Po per fina a Sermene e si andaxeva le persone per soxo el gazo da uno di cho de Po e da l'altro ch'el gazo si sostegeva e si non se poxeva maxenare e si se fe di pestrin chel se maxenava; e questo si fo de l'ano 1443.
[p. 9 recto]
Nota che de l'ano del 1443, chomo si sa chordò el papa Ugenio da Venexia da chà Ghondormero e si sa chordò chomo lo re de Ragona è chon el ducha de Milan e Nicholò Pezenino da Peroxa ch'era chapitano del ducha de Milan si lo chavò fora el dito papa de Fiorenza e si lo mete in Roma; e questo si fo l'ano 1443. Nota che a 21 de feberaro nel 1443, chomo si morì el chonte Guido da Horbin e si fo fato signore el fiolo el quale si aveva nome Hodeantonio e lo re da Ragona si lo fe ducha del duchato el marchexe da Este si ge promexe madona Isota per moere al ducha d'Orbin chiamado messer Hodeantonio; e questo si fo 1443. Nota che a dì 24 d'hotobro in el 1443, chomo madona Rezarda moiere che fo del marchese Nicholò da Ferara si se partì da Ferara e si andò a Saluza e si protò sego tra dinari e roba e pagni d'ori e altra roba estimado duchati sesanta miara; e si fo l'ano. Nota che in meze de mazo in 1443, chomo el ducha de Milan si perdé Bologna e si gela toxe Anibale di Bentivoi fiolo che fo di messer Antonio di Bentivoi el ducha de Milan si mandò Batista da Chanedolo per anbasadore a Bologna e si romaxo el dito Batista in Bologna e si fo preso in Bologna Francescho Pezenino e in fino s'el ducha de Milan si volse Francescho Pezenino el chovene lasare de preson tuti quili da Chanedolo e chosì fo lasadi i diti personi el dito Francescho Pezenino fiolo de Nicholò Pezenino. Nota che a dì 10 de mazo in 1444, chomo si se partì messer Borxo da Este da Ferara fradelo del marchese Leonelo e si andò a Venesia e si se partì da Venesia e si andò chome doe galere e si ge dete Veneziani le dite galere e si andò el dito messer Borso cun multi zentilomini a tore madona Maria fiola delo re de Ragona e si vene la dita dona a marido in t'el marchese Lionelo da Este; e questo si fo l'ano 1444. Nota che a dì 24 d'aprile in 1444 tra a hore 21 e 22 si azunse madona Maria fiola delo re de Ragona e si vene a marido in tel marchese Leonelo fiolo che fo del marchese Nicholò da Este e si vene in nave in tel bucitoro e si gandò inchontra a la dita dona e messer Miliaduxe da Este fradelo del marchese si gandò inchontra chon doe galere e si andò tragando de le bonbarde per Po e tute le damisele di Poliseni de Ferara si gandòinchontra in nave balando el povelo de Ferara si fe grande festa e grande alegreza e si arivò la dita dona zoè madona Maria fiola delo re de Ragona in Chastelo Novo; e questo si fo de l'ano 1444. Nota che a dì 3 de mazo in 1444 tra hore 13 e le 14 fe l'intrada dentro da Ferara madona Maria fiola delo re de Ragona e si vene a marido in tel marchese messer Lionelo da Este fiolo che fo del marchexe Nicholò e partixe la dita dona da Chastelo Novo e si vene suso uno chavalo liardo e si aveva uno baldachino de pano d'oro el povelo de Ferara si fe grande
[p. 9 verso]
feste e grande alegreze e si vene innanzi a la dita dona tri stendardi e dredo dui charobi chon garzoni che sonava arpe e chitarini e horganiti e anchora si vene a le dite noze tuti i signori de Talia e le ambasarie de le signorie de Talia. Veneziani e Fiorentini e Zenoixi e Senixi e Luchixi e Bolognixi e Anchonixi e si fe zostra a dì tri de mazo zoè la basora upalio de veludo charmexin e si ave la mitade del palio un messer Amerigo di Sanseverino fiolo del signore Aluixe da san Severino e messer Baldisera da Trivixo si ave l'altra mitade del palio; e questo si fo l'ano 1444. Nota che a dì 4 de mazo in 1444 messer Miliaduxe da Este fiolo che fo del marchese Nicholò è fradelo del marchese Lionelo si fe far una chaza con bo e manzi e porzi e chavirioli e fo morte le dite bestie chomo chani; e questo si fo de l'ano 1444. Nota che a dì 5 de mazo in 1444 si se zostrò uno elmeto charegado del riento de sopra dorado e si lo fe zostrare iorivixi; e questo si fo l'ano deli 1444. Nota che a dì 6 de mazo in 1444 chomo uno zentilomo da Venexia si fe zostrare uno palio de velodo charmexin; e questo si fo l'anno del 1444. Nota che a dì 7 de mazo in 1444, chomo i nodari si fe la festa de san Zorzo e si fo fato san Zorzo Zoane Dagolante nodaro, zoè che lui si ferì la serpa in la gola chomo fe san Zorzo; e fo questo del 1444. Nota che a dì 22 de luio 1444, chomo fo morto messer Hodeantonio ducha de Horbin e si fo morto dal povelo de Horbin e si era marido de madona Isota sorela del marchese Lionelo da Este e si s'aconpagnò in Ferara ale noze del marchese Leonelo quando el meno madona Maria fiola de lo re de Ragona; e questo si fo l'anno 1444. Nota che a dì 8 d'agosto in 1444 chomo si azunse a Ferara Nicholò Pezenino ch'era chapitano del ducha de Milan el marchese Lionelo si gandò inchontra perfina ala gabella e fo alozado in chorte e fo ge fato grande honore al dito chapitano; e fo questo deli 1444. Nota che a dì de stenbre in 1444, chomo si morì el marchese messer Zuane Francescho da Mantoa e si era signore de Mantoa e si fo fato signore de Mantoa el marchese misere Ludovigo so fiolo e si era el marchese Lionelo a Mantoa quando lui si fo fato signore di Mantoa. Nota che del mese d'otobro si morì messer Alberto da la Sale e si ave grande honore dal povelo de Ferara e si fo a sepelido in san Polo in la so archa rosa; e questo si fo de l'ano 1444. Nota che a dì 29 d'otobro in 1444, chomo si se partì messer Borso da Este e si andò a Napoli da lo re de Ragona e si l'aconpagnò messer Meliaduxe suo fradelo per fina de sovra de ponte de Chastelo Tealdo e quando el fo suxo el ponte de Chastelo Tealdo sono hore 19 el povelo se l'acompagnò fino alla Tore dela Fossa; e questo si fo de l'ano del 1444.
[p. 10 recto]
Nota che a dì 15 d'otobro in 1444 si morì Nicholò Pezenino ch'era chapitano del ducha de Milan e si morì a Milan e questo si fo de l'ano del 1444. Nota che a dì 2 de desenbre in 1444, chomo si paxò Francescho et chonte Iachomo Pezenino e si paxò de là da Po via e si andò a Milan e si fo roti e si fo prexon del chonte Francescho Forza; e questo si fo de l'ano del 1444. Nota che el chonte Francescho Forza si chonparò Pesaro dal signore Galiazo da Pesaro di Malatesti e fo del 1445 el signore de Pesaro si andò a star a Fiorenza. Nota che a dì 17 d'aprile in 1445, chomo si tronò messer Borso da Este e si tronò da Napoli da lo re de Ragona e si vene el dito messer Borso a Ferara sano e salvo chon tuta la soa compagnia; e questo si fo de l'ano del 1445. Nota che a dì 24 de zugno in 1445, chomo fo taiado a pezi Anibale di Bentivoie e fo in Bologna e si l'amazò quili da Chanedolo zoè Baldisera dito Betozo e si stete in arme tuto quelo zorno el povelo de Bologna e messer Romie di Pepoli si prexe la piaza de Bologna e Galiazo di Marschoti si corse ala piaxa e si mantene la piaza e si chazò fora tuti quili da Chanedolo chon i so partesan e po la basora si fo taiado a pezi e po fo brusado Batista da Chanedolo. Nota che a dì XI d'otobro in 1445, chomo si se partì da Ferara messer Sisimondo e messer Erchulexe da Este fradeli del marchese Lionelo e si andò i diti chavaleri a Napoli dalo re de Ragona; e questo si fo de l'ano del 1445. Nota che a dì 22 d'aprile 1446, chomo si vene el chonto Stefano da Signa e si vene per tore per moiere madona Isota da Este, sorela del marchese Lionelo e si gandò inchontra el marchese Lionelo per fina a Fosadalbano e si fo sposada la dita madona Isota a dì 24 d'aprile 1446 e fo sposada in chasa de messer Meliaduxe da Este so fradelo e fo moiere la dita dona del duca de Horbin chiamado per nome messer Hodeantonio e si s'aconpagnò la dita madona Isota in chaxa de messer Miliaduxe; e questo si fo de l'ano. Nota che a dì 25 de luio in 1446 si morì messer Zoane da Tusignan e si era vescho de Ferara e si fo protado a sepelire a lo logo di fra del chapuzo biancho perché l'era de quelo hordene quando el fo fato vescho; et si fo de l'ano del 1446.
[p. 10 verso]
Nota che de l'ano del 1446, chomo si fo fato vescho de Ferara messer Francescho da Olegname da Padoa e si lo fe vescho el papa Ugenio e si fe l'intrada el dito vescho a dì 26 de mazo del 1447; e fo in dì de vegnere. Nota che a dì 26 de desenbre in 1446, chomo si se partì madona Isota da Este sorela del marchese messer Lionelo e si andò a marido in tel conte Stefano da Segna. Nota che a dì 23 di febraro 1447, chomo si morì el papa Ugenio da Venesia de cha' Gondormero e morì detto papa a Roma; e questo si fo de l'ano 1447. Nota che a dì 9 de marzo in 1447, chomo si vene le litere da Roma che l'era fato el papa Nicholò da Sarzana de Zenoexe e si era vescho de Bologna; e questo si fo l'ano. Nota che dì 27 de marzo in 1447, chomo si se chomenzò a spendere i bolognin e i mezani e i quatrin e i bagatin e si fe fare le dite monede el marchese Lionelo da Este fiolo che fo del marchese Nicholo da Este; e questo si fo de l'ano deli 1447. Nota che a dì 26 del mexe de mazo 1447 e fo di vegnere, chomo si fe l'intrada messer Francescho da Oligname da Padoa el quali è vescho di Ferara e si gandò inchontra tuta la cherisia de Ferara e si gandò inchontra el marchese di Ferara messer Lionelo e messer Borso so fradelo chon tuto el povelo e si vene messer lo vescho drento per la porta de san Pero e si vene a chavalo sotto una baldachino de valesio biancho e si vene per suso la via di Sabioni è quando lui si fo in piaza era II hore e meza; e questo si fo de l'ano del 1447. Nota che a dì 13 d'agosto si morì messer Felipo Maria de Vischonti ducha de Milan in Milan e si morì a soa morte e si non ge remaxe aredi nessuno zoè de maschi zoè che fose so fio e si laso soi heredi el povelo de Milan e si se rese a povelo e fo butado zoxo el chastelo de Portozobia (così dice); e questo si fo de l'ano del 1447. Nota che nel mese d'agosto 1447, chomo el chonte Francescho Forza el quale si era zenero del ducha de Milan si se partì da la marcha de Anchona e si andò in secorxo di Milanisi zoè del povelo de Milan e si menò molta zente d'arme sego e fanti da dé asai; e questo si fo de l'ano del 1447.
[p. 11 recto]
Nota che del mese de stenbre in 1447, chomo el chonte Francescho Forza si andò a champo a Piasenza e si l'ave a dì 12 de novenbre e si l'ave per forza e si la toxe a Veneziani e fo meza a sachomano la dita citade de Piasenza. Nota che a dì 16 dagosto nel 1448, chomo si morì el magnificho Uguzon di Chontrari e fo protado a sepelire a san Domenego e si gandò alla sepoltura messer Borso da Este e si fo vestido el dito chorpo a modo de uno frate de san Domenego; e questo si fo de l'ano del 1448. Nota che a dì 22 de zugno 1448, chomo se morì el signore Guido Antonio di Manfri signore de Faenza e si fo fato signore Estore so fradelo e messer Tade fiolo del signor Guido Antonio si fo fato signor de Imola; e questo si fo de l'ano del 1448. Nota che del mexe de agosto 1448, chomo si morì el signore Antonio de Ordelafi signore de Frolì e si fo fato signore Zecho e Pino tuti doi fradeli e soi fioli e tuti dui si toxe la tegnuda de Frolì e si fo fati signori a bacheta. Nota che del mese d'agosto 1448, chomo fo rota l'armade de Veneziani e si fo rota in Lombardia e si la rompé el chonte Francescho Forza el chapitano di Veneziani si la bruxò oresto che gavanzò diti galioni; e questo si fo dell'ano. Nota che a 15 de stenbre 1448, chomo fo roto el champo dela signoria de Venezia e si fo roto a Charavazo e si la rompe el chapitano Francescho Forza. Nota che a 27 de stenbre in 1448, chomo madona Chamila da Este, sorela del marchese Lionelo si andò a marido in tel signore de Chamarin; e questo si fo dell'ano. Nota che a dì 7 de hotobro 1448, chomo madona Beatrixe da Este sorela del marchese Leonelo si andò a marido in Nicholò da Corezo signore de Corezo; e questo si fo de l'ano. Nota che a dì de marzo 1449, chomo el chonte Francescho Forza si ave Parma e si se ge dé de volentà i Parmesani; e questo si fo de l'ano del 1449. Nota che a 9 de desenbre 1449 si morì madona Maria fiola delo re de Ragona e si era moiere del marchese Lionelo e si fo sepelida la dita dona a Madona Santa Maria de Ianzoli e fo a sepelida de note e fo de marti e la domenega che vene driedo che fo a dì 14 de desenbre si fe la sequio e si ge fo tute le regole de fra, zoè di burgi e si fo una grande piova quando la fo protada a sepelire la dita dona; e si fo de l'ano del 1449.
[p. 11 verso]
Nota che de l'ano del 1450, chomo si fo fato el perdon a Roma e si fo manifestado per tuto el mondo e si andò a tor il perdon l'imperador Fedrigo con lo re d' Ungaria e si andò stravestidi con 8 chavai e si paxò per Ferara dentro e si non fur chognosudi; e questo si fo de l'ano del 1450. Nota che a dì 26 de feberaro 1450, chomo el conte Francescho Forza si fo fato duca de Milan perché lui se l'asediò di fame el povelo de Milan si ge dé de voluntà chox lui si la zetò. Nota che a dì 26 de luio 1450, chomo fu chalonezado fra Bernardin da Sena e si era fra de san Spirto e fo chalonezado per el papa Nicholò de Sarzana e si è el chorso so a l'Aquila e si se fe a Ferara una gran prozicion da veschoa persino a san Francescho e messer lo vescho si ge andò pontificalmente e si dise mesa in suxo el sagra de san Francescho; e questo si fo de l'ano del 1450. Nota che de l'ano del 1450, chomo si se chomenzò a far el champanil del veschoa de Ferara e s'il fe fare el marchese Borso e si fe fare el chomandamento che tute le podestarie si fese l'oferta da san Zorzo in veschoa; e questo si fo de l'ano del 1450. Nota che a dì primo de hotobro 1450 e si fo uno zorno de zobia da basora, chomo messer Borso da Este si vene da Beloreguardo chon de molti zentilomini de Ferara perchél'era morto el marchese Lionelo e si vene el dito messer Borso a san Zorzo e si fo fato signor de Ferara e si ge dé la bacheta in mano Agostin da Vila perchél'era in l'ofitio de iudese de dodexi savi e si fo fato signor denanti da l'altar de san Zorzo e si fo vestido el dito marchese de pano d'oro charmexin frodado de martori e si vene a chavalo per suxo el ponte de san Zorzo e si vene per dentro la porta de soto e si vene per la via grande chon el povelo a chavalo et apé e senpre ghridando Borso e le tronbe e le pifare inanzi sonava e si vene senpre persuxo la via grande perfina da i Servi e perfina in veschoado el povelo senpre si chridava Borso e si fo asetado denanzi a l'altare del veschoa e si era sego comeso el marchese el signore ch'era fradelo del duca de Milan e si gera tuti i chastelani de modenese e de resana e se portò la spada inanzi al marchese Borso Christin Francescho da la Bevilaqua da Verona; e questo si fo de l'ano del 1450.
[p. 12 recto]
Nota che a dì 2 d'otobro in 1450 e fo de vegnere, chomo el marchese Lionelo si morì e fo aduto da Beloreguardo morto e si fo protado in chorte soto le lastre e si era vestido el dito chorpo de seda biancha e negra e si fo vestido a mo de uno fra de l'ordene de san Domenego e si protado a sepelire a Madona Santa Maria da Ianzoli e si protado de sopra dal chorpo uno baldachino de pano d'oro e si fo protado soto el baldachino el chorpo del marchese Lionelo e si lo protò i fra da Ianzoli el baldachino si lo protò i scholari perché ol studio si era in Ferara e si andò al chorpo el marchese Borso e messer Meliadux e Nicholò fiolo del marchese Lionelo e messer Goron e messer Rinaldo e messer Alberto tuti soi fradeli fo vestido de bruna e si fo metudo in l'archa el chorpo del marchese Lionelo nudo; e questo si fo de l'ano del 1450. Nota che a dì 2 de zugno in 1451, chomo se fu metudo in piaza l'imazene del marchese Nicholò e si è de bronzo indorada; e questo si fo de l'ano del 1451. Nota che a dì 11 de stenbre in 1451, chomo si se chomenzò a tor dentro e murare el Polesene de santo Antonio e si chomenzò al tempo del marchese Borso e chomenzoxe a murare appresso el Chastelo Novo; e questo si fo de l'ano del 1451. Nota che nel mexe de zenaro e fo a dì 3, chomo si morì el signor messer Meliaduxe da Este e si fo protado a sepelire a san Francescho e si fo vestido el dito chorpo de pano d'oro e si fo metudo in tuno l'uselo in mezo la chapela di marchixi e si fo al chorpo del ditto signore Nicholò fiolo del marchese Lionelo e messer Goron e messer Rinaldo e Alberto che so fradeli e si ge fo dui so fioli e si ge fo madona Malgarita da Rimine e madona Biatrise da Chorezo e si è so sorele e si fo una grande neve; e questo si fo del 1452. Nota che a dì 14 de zenaro 1452, chomo si se partì da Ferara el marchese Borso e si andò a Ruigo e poi si se partì e si andò perfina a Guilara inchontra a l'imperadore Federigo terzo e si lo menò dentro da Ruigo el dito imperadore chomo lo re de Ungaria e chomo uno so fradelo de l'imperadore el quale si se chiama el duse de storiche e si vene el dito imperadore chon el dito lo re de Ungaria e chon el fradelo de l'imperadore e chon de molti signori asai e si fo chavai tremilia in tuto; e questo si fo de l'ano del 1452.
[p. 12 verso]
Nota che a dì 17 de zenaro e fo de luni in 1452 si vene a Ferara l'imperadore Federigo e chon o re d'Ungaria e chon el fradelo de l'imperadore e si vene el dito imperadore a Belfiore e se vene per suxo la via di Raste e si fo uno gran vento e si gandò inchontra tuti i dutori e tuti i medesi de Ferara con el varo al cholo e uno chapuzo in chavo chon el varo e si gandò inchontra tuti i artesani de Ferara chon i so pali e tuti i puti dele schole con le bandirole in mano; e questo fo de l'ano del ano 1452. Nota che a dì 17 de zenaro 1452, chomo messer Francescho da Holigname da Padoa vescho de Ferara si andò inchontra pontifichalmente con tuta la cheresia de Ferara e fo de lune e si andò inchontra a l'imperadore Federigo e si gandò perfina a Belofiore e si vene dentro per la porta de Olion soto el baldachino e quando el fo suxo la porta de Holion l'imperadore si desmontò da chavalo e si vene a pé soto el baldachino a brazo chomo el marchese Borso e chomo lo re d'Ungaria e si andò in veschoa e po si vene in chorte alozare con lo re d'Ungaria e chon so fradelo de l'imperadore e chon de molti signori e si vene el dito imperadore con chavai tre milia e tuti fono alozadi in Ferara e si ge stete oto zorni; e questo fo l'ano 1452. Nota che queste si sono tutte l'enbaserie de tute le signorie de Talia che è vegnudo a visitar l'imperadore ch'era a Ferara, prima l'imbasaria de Veneziani e l'anbasaria de Fiorentini e l'ambasaria de Senisi, e l'ambasaria de Luchisi e l'anbasaria de Luchisi e l'ambasieria de Anchonisi e l'mbasaria de Zenoixi e l'anbasaria de Bolignisi tuti quanti si ritrovorno essere in Ferara; e questo si fo de l'ano del 1452 e nel mexe de zenaro. Nota che a dì 19 zenaro in 1452 questi si sono i chavaleri che ha fato l'imperadore in veschoa; prima Nicholò da Este fiolo che fo del marchese Lionelo et Alberto da Este fiolo che fo del marchese Nicholò e Nicholò fiolo che fo del magnifico Uguzon di Chontrari e Nicholò di chonti da Padoa, questo si era podestà de Ferara e Gulio fiolo de messer Feltrin Boiardo; e questo si fo de l'ano 1452. Nota che nel mese de zenaro nel 1452, questi si sono i signori de Talia ch'è vegnudo a visitare l'imperadore a Ferara, prima el signore messer lo marchese de Mantoa chiamado per nome messer Ludovigo da Gonzaga e messer Charlo da Gonzaga so fradelo
[p. 13 recto]
i quali si era nimisi e l'imperadore non li pose achordare e si vene tuti i signori de Romagna zoè el signore messer Malatesta da Zesena el signor messer Tade di Manfri signor de Imola el signore Zoane Galeazo di Manfri da Faenza el signor messer Sisimondo da Rimine si vene ala Tor dela Fosa e si parlò a l'imperadore persenti el marchese Borso; quisti si sono i chastelani ch'è vegnudo a visitar l'imperadore a Ferara; prima quili de Charpi e quili da Chorezo e quili da la Mirandola e quili di Rangon tuti si se retrovono esser in Ferara; e quisti si fono de l'ano 1452 e si vene el signore Alesando Forza fradelo del ducha de Milan e si vene a visitar l'imperadore Federigo terzo e si vene a Ferara; e questi si fo de l'ano del 1452. Nota che a dì 23 de zenaro in 1452, chomo si vene a Ferara messer Galeazo fiolo del ducha de Milan e si vene per visitare l'imperadore e si vene chon de molti zentilomini da Milan e si vene in tel bucintoro del marchese de Mantoa e si arivò alla gabela e si gandò inchontra el marchese de Mantoa el marchese de Ferara con de molti chavalieri e zintilomini e si fo alozado el dito fiolo del ducha de Milan in chasa de Pelegrin de Pasin ditto Pigozin (questa è la casa dove al presente 1579 sta il signore Cornelio Bentivoglio marchese di Gualtiere etc). Nota che a dì 24 de zenaro in 1452 e si fo de lune e si fo uno grande vento, chomo si se partì da Ferara l'imperadore messer Fedrigo con lo re de Hongaria et chon el duxe de storiche e si andò a Bologna e si l'acompagnò el marchese de Mantoa et el marchese de Ferara el fiolo del ducha de Milan e tuti i signori de Romagna e tute l'anbasarie de le signorie de Talia e si l'aconpagnò perfina ala Tore dela Fossa; e questo si fo de l'ano 1452. Nota che a dì 10 de mazo e fo de merchore, chomo si se partì da Ferara el marchese Borso e si andò chon el visedomene inchontra a l'imperadore e lo re d'Ongaria che vegniva da Roma e fo inchoronado de man del papa Nicholò da Sarzana da Zenoa e si arivò el dito imperadore chomo lo re d'Ongaria al ponte de Chastel Tealdo e si vene soto un balduchino e si gandò inchontra per fino al ponte de Chastelo Tealdo messer Francescho da Holegname da Padoa vescho de Ferara e si gandò inchontra con tutta la chieresia pontificalmente: e si gandò inchontra tutti i dotori e i medesi de Ferara
[p. 13 verso]
chon el varo in chavo e al cholo e si vene da san Zoane e da i Servi e da san Domenego e si andò in veschoa e si fo alozado in chorte el dito imperadore con lo re d'Ongaria e chon el duse de storiche ch'è fradelo de l'imperadore e si fo la chometiva soa tuta di tre milia chavai el marchese se ge fe le spese a tuti e questo si fo de l'anno del 1452 e messer Zoane di Adorni da Zenoa podestà e Antonio da Chorezo si tene la mano senpre in suso la brena del chavalo. Nota che a dì 14 de mazo in 1452, chomo Bertolamie Pendaia se menò moiere la fiola del conte di Costabili e si ge tene el dido l'imperadore Fedrigo terzo e si aconpagnò la sposa a marito l'inperadore e lo re d'Ongaria el duxe de storiche chon el marchese Borso e chon de molti signori e gran baroni che vene chon l'inperadore e si de da desenare el dito Bortolamie Pendaia al dito imperadore e alo re d'Ongaria e al duse de storiche e al marchese Borso chon tuta la soa comitiva che fono de gran baroni e molti segnori che vene chon l'imperadore e chon lo re d'Ongaria e chon el duse de storiche che furno in tute boche tre milia che ge desinò; e questo si fo del 1452. Nota che a dì, 19 de mazo 1452, chomo Veneziani si ronpen la guerra con el duca de Milan e si fe chorere la so zente in chremonese; e questo si fo de l'ano del 1452. Nota che a dì 18 de mazo 1452, e fo el dì dela sansion a hore 14, chomo l'imperadore si fe el marchese Borso ducha de Modena e de Rezo e chonte de Ruigo e si lo fe in piaza suxo uno tribunale che fo fato soto il pozolo che da i Chanbi e si aveva in doso l'imperadore uno peviale ch'era de pano d'oro tuto charegado de zoie e de perle e si haveva in chavo la corona chomo el fo incoronado a Roma e si mete l'imperadore indoso al marchese Borso uno mantelo fiamengo frodado de remelin e una bereta de scharlato frodada di ermelin el mantelo si era de scharlato e po l'imperadore si fe de molti chavalieri e po si desmontò zoso del tribunale e si andò in veschoado e messer lo vescho si era ala porta del veschoa aparichiado pontificalmente con tuta la chieresia e si lo menò a l'altare grande e si gera chonesso lui lo re d'Ongaria et duse de storiche ch'è fradelo de l'inperadore e si ge fo de gran baroni e molti signori ch'era chon lo inperadore; e questo si fo de l'ano del 1452 e da basora si se zostrò uno palio de veludo chermesin per alegreza del marchese che fo fato ducha e si fo del 1452.
[p. 14 recto]
Nota che a dì 19 de mazo e fo de vegnere in 1452, chomo si se partì da Ferara l'inperadore Fedrigo terzo chon lo re de Ungaria e chon lo duse de storiche e chon de molti baroni e si andò a Francholin e po montò in el bucintoro del marchese e si andò quelo zorno a zena in chorbola e lì si zenò e galbergò e si l'aconpagnò el marchese Borso perfina in chorbola e poi si se partì l'inperatore chon lo re d'Ongaria e chon tuta la so chomitiva e si se partì el sabado de chorbola che fo a dì 20 de mazo e si montò in tel bucintoro del marchese di Ferara e si andò a Venesia; e questo si fo de l'ano del 1452. Nota che a dì 29 de mazo del 1453, chomo si vene le novele a Ferara chomo el Gran Turcho si havea preso Chostantinopoli e si l'ave per forza e prese l'inperadore de Chostantinopoli e ge fe taiare la testa e si have ancora Pera; e questo si fo de l'ano del 1453. Nota che a dì 14 d'aprile e fo la domenega de l'oliva nel 1454, chomo si fo chriada la pase per tute le tere de Veneziani e per tute le tere del ducha de Milan e per tute le tere de Fiorentini, chomo frate Simono de l'ordene di fra di santo Andrea cioè chiamado di fra Remitani si fe far la pase tra el chonte Francescho Forza chiamado ducha de Milan e tra la signoria de Venesia e la signoria di Fiorenza e tra lo re de Ragona e tra Zinoisi con tuti i so seguazi tra l'una parte e l'altra e si era in lega Veneziani e tra lo re de Ragona e si era in lega el ducha de Milan e Fiorentini e Zenoisi si sono insieme e lo re Rainiero chomo Fiorentini e Zenoisi el ducha de Milan e tuti si feno bona pase inseme; e questo si fo de l'ano del 1454. Nota che a dì vinquatro de marzo del 1455, chomo si morì el papa Nicholò da Sarzana ch'è Zenovese e si morì a Roma; e questo si fo de l'ano del 1455. Nota che a dì 12 d'aprile 1455, chomo si azunse a Ferara uno chavalaro da Roma e si protò le letere chomo l'era fato uno papa maschio el quale papa si se chiamava monsignor de Valenza e si ha nome el dito papa che si fece chiamare Chalisto. Nota che a dì 14 d'aprile 1455, chomo si se partì dal porto di Ferara madona Beatrice da Este sorela del ducha Borso zoè marchese de Ferara e si andò a marido in tel fiolo del ducha de Milan el quale si chiamava messer Tristan e si è fiolo del conte Francescho Forza e la dita madona Beatrise si fo moiere del signor de Chorezo el qual signore si se chiamava Nicholò; e questo si fo de l'ano del 1455.
[p. 14 verso]
Nota che a dì 29 de zugno 1455, chomo si fo chaloneza el bia Vicenzo ch'era fra de san Domenego e fo chaloneza in Roma e si lo chalonizò el papa Chalistrio ch'è da Valenza zoè chatelano e a dì 8 de stenbre si fo chaloneza el dito in Ferara e si se fe una bella procession; e questo si fo de l'ano del 1455. Nota che a dì 27 d'aprile in 1455, chomo si si vene a Ferara el chonte Jachomo Pezenin e si gandò inchontra el marchese Borso perfina a l'arzene Traversagno con multi chavali e multi chavalieri e si vene drento per la porta de san Biaxio a hore 20 e fo alozado in chorte con tuta la soa famia; e questo si fo de l'ano del 1455. Nota che a dì 9 d'aprile 1455, chomo si se partì a Ferara el chonte Jachomo Pezenin e si montò in nave al porto de Ferara e si andò a Rezenta e si l'aconpagnò el marchese messer Borso perfina ala gabela e fo de marti tra 11 12 hore; e questo si fo l'ano del 1455. Nota che a dì e si fo del mese de zenaro del 1456, chomo si morì madona Isota da Este e si morì a Segna e si morì de parte e si era moiere la dita dona zoè madona Isota del chonte messer Stefano ch'è signore de Segna zoè ch'è in Schavania; e questo si fo de l'ano del 1456. Nota che de l'ano del 1456, chomo si fo una grande charestia a Ferara e per tuta la Talia e si fo una grande charestia in Ferara e in ferarexe e si non se poseva havere del fromento se non se toleva della mestura zoè i homeni del chonta del ferarexe ma el nobil homo messer Pollo di Chostabili si era a l'oficio del dodexe savi e si fe vegnire del molto fromento e si lo fe dare per soldi 17 lo staro e perché fo questa charestia: perché el se afondò de l'ano del 1455 si sa fondò chomenzando da Melara per fina in Adri e in Arian e tuto el Polexene de Roigo si sa fondò ma el marchese Borso si prestò al comun de Roigo mora 100 de fromento per le somente e queste somente si fo de l'ano del 1455 e po de l'ano del 1456 si se chomenzava a masenare della mestura e si valse la farina a mestura soldi 18 el staro. Nota che a dì 12 de zugno e si fo de sabado, chomo si no se poseva avere fromento in piaza e si se vende de le biave grosse e po a dì 17 del dito mese e si fo una zobia, si valse o staro del frumento soldi 11 e 10 e si fo vendudo chosì in piaza e questo si fo de l'ano del 1456 e questo fromento si ge protò i chontadini del ferarexe e in questo mese del dì 1456 si s'aparse una chometa in celo chon una goda de focho.
[p. 15 recto]
Nota che a dì 2 d'agosto nel 1456, chomo si azunse a Ferara un chorero che havea protado le letere chomo era roto el Turcho el quale ave Chonstantinopoli e a dì 12 de agosto si se fe gran fogi in piaza per alegreza zoè a hore 23 si se inprexe el fogo in mezo la piaza e si fo brosado tuti i chasie in piaza zoè tuti quili ch'era su la piaza de Ferara e a dì 13 d'agosto si se fe una bella prozicion e si gandò messer Francescho da Holegname da Padoa ch'era vescho de Ferara e si gandò el dito messer lo vescho pontifichalemente con tuta la chiresia e le chonpagnie de Ferara e si fo dado la sconfita a i Turchi dì 22 de luio, zoè el Gran Turcho che prese Chonstantinopoli si fo roto da Lunari così dice; e questo si fo de l'ano del ano del 1456. Nota che a dì 5 de stenbre del 1456, chomo messer lo papa Chalisto e si è el dito papa da Valenza zoè chatelan mandò le bolle chomo si se sonase l'Avemaria da mezo zorno zoè a hore 19; e questo si fo la prima domenega de stenbre e si s'andò in prozeçion; e questo si fo l'ano del 1456 e mistro Antonin da Ianzoli ch'era inquisitor si predicò in veschoa questa indolgenza che sascheduno quando ioldesse sonare questa Avemaria si se inzenochiese e si se disese tri Patrinostri e tre Avemarie e chin dizese nove si avesse de molte indulgenze perché i Christiani avese vitoria contra i Turchi; e questo si fo de l'ano del 1456. Nota che a dì 20 de stenbre 1456, chomo si morì messer Charlo da Gonzaga e si morì a Ferara zoè in chorte e si fo a sepelido a san Pollo e fu esepelido de note e po la note de Nadale si fo tolto el dito chorpo e si fo protado a Mantoa e si lo mandò a tore messer Ludovigo so fradello zoè ch'era marchese de Mantoa; e questo si fo de l'ano del 1456. Nota che a dì 17 de febraro del 1457, chomo el ducha messer Borso si tose la gabella a messer Bortolamio Pendaia et a Zuane di Romie e si ge tolse el fontego e fo desfato al dire e fare el povelo de Ferara si fe una bella festa e fo fato fogo in piaza e quello zorno si non se lavorò e si fo aserado tute le boteghe de piaza; e questo si fo de l'ano del 1457. Nota che fino a dì 29 de zenaro del 1457, chomo si vene in tuna note una grandenisima neve e tuto il zorno si nevò e fo tamanta la neve perfina la choreza d'uno homo zoè in chanpagna e in Ferara la fo perfina al zenochio; e questo si fo de l'ano del 1457.
[p. 15 verso]
Nota che a dì 24 de febraro 1457, chomo si fo deschoperto l'immazene del ducha messer Borso e si è la soa immazene in piaza; e questo si fo de l'ano del 1457. Nota che a d' 15 de mazo in 1457, chomo si fo sagrado la chiesia de san Pollo e si la sagrò messer Zoane da Padoa ch'era vescho de Ferara la qual chiesia non se trova mai scritura che la sia sta sagrada; e questo si fo de l'ano del 1457. Nota che a dì primo de zugno del 1457, chomo si fo alivelada la strada da Belfiore chomenzando da la porta de Holion perfina a Madona Santa Maria da Ianzoli e a dì oto del dito mese se chomenzò a selegare la dita strada e fo el maistro Antonio Brasavola muradore; e questo si fo de l'ano del 1457 e si fo libera de selegare per tuto el mese de luio del 1461. Nota che a dì primo di novenbre 1457, chomo si morì messer Francesco Foscharo ch'era duse de Venesia anchora mo si fo fato duse messer Pasquale Malipera; e questo si fo de l'ano 1457. Nota che a dì 22 de zugno 1458, chomo si morì messer don Alfonso el quale si era re de Ragona e si era re de Napolle el dito re se morì e si fo fato re de Napoli el fiolo el quale si ha nome messer don Ferrante; e questo si fo de l'ano del 1458. Nota che a dì 6 d'agosto e questo si fo de l'ano del 1458, chomo si morì el papa Chalisto ch'era chatelano e si morì in Roma; e questo si fo de l'ano del 1458. Nota che a dì 22 d'agosto 1458, chomo si vene a Ferara uno chavalaro e si protò le letere chomo l'era fato uno papa ch'è senese e si è di Tolomei (credo Piccolomini) e si a nome el papa Pio segondo e si fo fato a dì 19 a ore 15 e fo de sabado e per alegrezza de questo papa si se fe festa e falò tri dì e si se chorse uno pallio de dalmascho verde e si fo a dì 27 d'agosto; e questo si fo de l'ano del 1458. Nota che de l'ano del 1458 si fo fato el chanpanile de Madona Santa Maria da Ianzoli e si lo fe fare el ducha Borso da Este; e questo si fo de l'ano del 1458. Nota che a dì 5 de mazo del 1459 e fo de sabado a hore tra 21 e 22, chomo si more uno anbassadore de lo re de Franza el quale anbassadore se vegneva da Venesia e si zonse a Ferara el ducha messer Borso da Este marchese e chonte de Roigo si lo fo tore e si lo messe in chorte e po el dito anbassadore si se fe protare a Bellofiore el lì
[p. 16 recto]
si morì; el ducha messer Borso da Este chamado per nome messer lo marchese de Ferara si lo fe sepelire a tute sue spexe e si fo protado a sepelire a san Pollo in una archa ch'è in chore e si l'aconpagnò el dito chorpo perfina ala sepoltura el ducha messer Borso e messer Nicholò so nevodo e tuti i so fradeli e chon tuta la chorte del dito ducha messer Borso e chon tuto el povelo de Ferara e si ge fo tute le regole do Ferara zoè la cheresia e tuti i batu dela dita tera e si fo lo proto ala sepoltura i zentilomini de Ferara e si fo metudo in suso la choltra de Madona Santa Maria dei Servi el dito chorpo del dito anbassadore; e questo si fo de l'ano del 1459 e si sonò tute le chanpane de Ferara e si fo vestidi tuti i so fami del deto anbassadore ale spese del ducha messer Borso da Este. Nota che a dì 16 de mazo 1459, chomo si azunse el papa Pio da Sena a Ferara e si se partì da Bologna e si vene perfina ala Tore dela Fossa e si gandò inchontra el ducha messer Borso da Este e si gandò chomesso lui messer Galiazo Maria fiollo del chonte Francescho Forza chiamado per nome ducha de Milan e si gandò el signore messer Sisimondo da Rimine e si gandò el signore de Frolì e quello de Faenza e tuti i chastelani de modonese e de ressana e po sillo tosse el dito signore el papa in tel bucintoro e si lo menò a santo Antonio ale sore e li si dormì el dito papa e a dì 17 de mazo deli 1459 e fo de zobia si vene drento da la tera zoè in Ferara e si fo vestido el dito papa de dalmascho biancho e si gera choverto la charega che fo protada al dito papa de pano d'oro rosso e si aveva in chavo la mitria veschoalle e si era charegada tuta de perle e si era con esso dito papa oto chardinali e si gera uno ch'era grego. Nota che a dì 17 de mazo e si fo de zobia a hore 19 e meza si azonse el papa chiamado Pio segondo da Sena e si è di Tolomei e si gandò inchontra el ducha messer Borso da Este e si gandò messer Galiazo Maria fiolo del ducha de Milan e si gandò el signore messer Sisimondo da Rimine e quello da Faenza e quello da Frolì e tuti i chastelani de modenese e di resana e si tosse el dito papa da santo Antonio zoè dale sore e si vene dentro per la porta di san Piero e si era coverta tuta la strada de pagni zoè de sopra chomenzando dale becarie da le banche de Calegari perfina a santo Antonio zoè dove sta le sore e si era tuta la strada pianta di mai per fina ale dite sore e si fo protado el dito papa in suso una charega e si fo aduto in sulle spalle perfina in Domo e si fo fato
[p. 16 verso]
uno ponte in piaza choverto de pano e po si fo tolto el dito papa de domo e si fo protado in chorte e si azonse el dito papa in sula piaza de Ferara a hore 19 e meza e si fo de zobia a dì 17 de mazo del 1459 e si gandò inchontra tutta la chieresia de Ferara e de Borgi. Nota che quisti si sono li chavallieri che protò l'onbrella e i stendardi del papa chiamato Pio segondo da Sena; prima protò l'onbrella messer Alberto fiolo che fo di Albertin Boscheto modenese e messer Nicholòfiolo che fo del magnifico Uguzon di Chontrari e messer Giulio fiolo che fo de messer Feltrin Boiardo e messer Antonio fiolo che fo del signore Girardo da Chorezo e tuti questi si sono li chastelani zoè in modenese e in rezana. Nota che a dì 19 de mazo e fo de sabado del 1459, chomo si andò el papa Pio segondo da Sena e si è di Tolomei (credio di Piccolomini) e si andò a vespro in veschoa de Ferara e si ge fo al dito vespero el chonte messer Galiazo Maria fiolo del ducha de Milan, el signor messer Sisimondo da Rimine el signore de Faenza e quello de Frolì e quili chastelani di modenese e si resana; e questo si fo de l'ano deli 1459. Nota che a dì 20 de mazo è fo de domenega del 1459, chomo el dito papa Pio segondo da Sena e si è di Tolomei si se fe protare a Madona Santa Maria da Ianzoli e si stete ala messa el dito papa e si disse la messa uno gardenale grego e si desenò el dito papa in Belfiore. Nota che a dì 24 de mazo del 1459 e si fo el dì del Chorpo di Christo, chomo el santo padre zoè el papa Pio segondo si fe fare una prozicion in Ferara e si andò el dito papa in prezission e si aveva in mano el Chorpo de Christo e si andò atorno la piaza chomo i gardenali zoè che fono dece, e si gandò de molti veschovi chon le mitre in chavo tutti questi e si aveva el dito papa in dosso uno peviale de pano d'oro biancho e si aveva in chavo la mitra veschovalle e si era la dita mitra charegada tutta de perle e de zoie e si fo protado el dito papa in veschoa e si fo dito una messa e si la disse el gardenal de san Marco e dapo che la messa si fo dita el santo padre si se fe protare in chorte e si fo protado in suxo una charega e si fo protado in chorte e si aveva in man el Chorpo de Christo e si andò in suso uno pozollo che fo fato arente el palazzo del signore con i gardenali e i
[p. 17 recto]
veschoi e si lesse veschoi el santo padre ol libro de la benedicion e lezudo che l'ave el santo padre ol dede la benedizion a tuto el povelo ch'era in piaza e si gera de molti forastieri e si aveva fato dire che caschaduna persona homo o dona che sia ben confesso e contrito e fosse andato ala dita prozicion si era assolti di cholpa e di pena e se non se avesse possudo chonfessare i aveva termine oto zorni e posa ch'el santo padre si ave dado la benedition a tuto lo povelo el fe dire che zaschaduna persona che non havesse possudo andare ala dita prozicion e fosse chonfessi e chontriti si avesse la dita benedicion e fossero assolti de soi peccati de cholpa e de pena perfina a l'otava del Chorpo de Christo anchora mo si fe dire in suso el pozollo per uno gardenale e si fe dire a zaschaduna persona o zitadina o chontadina o forastiera che fosse chonfesso e chontrito si andassono in veschoa zoè per tuto el dì del Chorpo de Christo e per tuto l'altro zorno zoè el vegnere si avesseno una grande indulgenza; e questo si fa. Nota che a dì 25 de mazo e fo de vegnere in 1459 a hore nove, chomo si se partì da Ferara el santo padre e si montò in tel bucintoro del ducha messer Borso da Este e si gandò chon esso lui messer Galiazo Maria chiamado per nome fiolo del ducha de Milan e si gandò de molti signori de Romagna e tuti i chastelani di modenese e di resana e tuti quisti signori si andorno com esso e si lo menò a Mantoa; e questo si fo de l'ano del 1459. Nota che a dì 31 de mazo del 1459, chomo el papa Pio segondo si fe tore via che non se sonasse l'Avemaria da mezo zorno e si non s'andasse più la prima domenega del mese in prozicion e a d' primo de zugno e fo de vegnere si se tenpestò 22 ville del ferarese a trasato; e questo si fo de l'ano del 1459. Nota che a dì 10 zenaro 1460, chomo si sa zelò Po chomenzando da Chastelo Tealdo in suso e non se pose masenare; e questo si fo del 1460 e a dì 17 zenaro e si fo del dito milesimo chomo messer Polo di Chostabili iudese del chomun de Ferara si fe taiare Po per el santo papa Pio segondo da Sena e si vegneva el dito papa da Mantoa e si l'andò a tore el ducha messer Borso da Este signore de Ferara e si arivò a 20 de zenaro 1460 chomo uno grandissimo honore zoè chon nave e si vene in te lo bucintoro del ducha de Milan e si gandò incontra
[p. 17 verso]
al dito santo papa tuti i artesani de Ferara chon de molte nave ben in punto e si arivò a Ferara e fo de domenega a dì 20 de zenaro a hore 23 e si azunse in Chastelonovo e poi si se partì el dito papa da Ferara a dì 21 de zenaro e si andò a Bologna e si l'aconpagnò el ducha messer Borso perfina alle chonfine del ferarese e del bolognese e si andò in nave; e questo si fo de l'ano del 1459. Nota che a dì 28 de mazo 1460 e si fo uno merchore, chomo el ducha messer Borso da Este si menò in Chastelo Vechio messer Uguzon da la Badia el quale si fo referendario del marchese Nicholò e del marchese Lionelo e si fo del chonsio segreto del ducha Borso el qual dito messer Uguzon si ge fo traditore al dito ducha messer Borso e a dì 13 de zugno e si fo una zobia de note vegnando el vegnere a hore 4 si fo taiare la testa al dito chavalero chiamado per nome messer Uguzon fiolo che fo de Nicholò da la Badia e si ge fo taiada in Chastelo Vecchio e po si fo protado a sepelire a san Francescho e si lo protò ala dita sepoltura i previzionadi de la piaza e si fo a sepelido in l'archa de so padre; e questo si fo del mese de zugno del 1460 e si fo el dì del Chorpo de Christo. Nota che a dì 12 d'agosto del 1460, chomo si fo metudo la champana in suso el chanpanil de Madona Santa Maria da Ianzoli e si la sagrò el vescho de Frolì la quale canpana si ha nome Martira e da uno dì là si ge la nostra dona e da l'altro lado si ge san Piero Martiro e questo si fo al tenpo del ducha messer Borso da Este che l'era signore; e questo si fo de l'ano del 1460 a dì 12 d'agosto. Nota che a dì 25 de luio del 1460, chomo si fo sagrada la gesia de Chasaia la qual gesia si la fe fare el ducha messer Borso da Este e si fo prinzipiada la dita gesia del mese d'aprile de ano 1459. Nota che a dì 24 de zugno del 1461, chomo si fo adotada la gesia della Certosa e si l'adotò el ducha messer Borso da Este e si ge fe dir una messa in chanto ala dita gesia; e questo si fo de l'ano del 1461. Nota che de l'ano del 1461 si fo chaloneza la beata Chaterina da Sena e si la chalonezò el papa Pio da Sena di Tolomei e si fo del 1461 e si è di fra di san Domenego la dita santa.
[p. 18 recto]
Nota che a dì 6 de zenaro del 1462, chomo si sa zelò Po e si non se poseva masenare e si non se poseva havere dele legne e si durò questo zello perfina alli 10 de febraro che fo uno merchore da basora e la note vegnando la zobia si andò al fondo tutte el zelo. Nota che de l'ano del 1462 e si fo in l'abdomada santa chomo si fo protado da Patrase la zesta de santo Andrea e si fo protada a Roma el papa Pio da Sena si gandò inchontra e si fe uno perdon a zaschaduna persona che fosse chonfesso e contrito e andasse a conpagnare la dita zesta si fosse assolto di cholpa e di pena; e questo si fo de l'ano del 1462. Nota che a dì primo de mazo del 1462, chomo el ducha messer Borso da Este si fe fare in suso la piaza de Ferara una sbara perché el se ge fe fare uno tronero e si ave l'onore messer Sisimondo da Este e si lo donò al chonte Bernardo da Landenara e si ge vene tuti i chastelani de modenese e de resana e tuti quisti signori de Romagna zoè quelo de Frolì e quelo de Imola e quelo de Faenza e de signori da Venesia e da Bologna e si ge vene de le altre zitade assai persone; e questo si fo de l'ano del 1462. Nota che a dì 29 d'agosto del 1462 e si fo de domenega, chomo si fe l'intrada messer lo vescho de Ferara e si gandò inchontra perfina a santo Antonio de fora de la porta de san Piero tuta la chieresia de Ferara e tute le arte e tute le conpagnie zoè di batii e si vene per suso la via de Sabioni e si arivò in piaza a ore 13 e si dise messa el dito messer lo vescho in veschoa e si a nome messer Roverela da Ruigo; e questo si fo de l'ano del 1462. Nota che a dì 13 de zenaro 1463 e si fo una zobia a hore 17, chomo si se partì da Ferara messer Erchulese e messer Sisimondo da Este e si andò uno a Modena e l'altro a Rezo e si geli mandò el ducha messer Borso da Este el quale è so fradelo. Nota che a dì de mazo del 1463, chomo la signoria de Venesia si fe fare uno tronero in Venesia e si gandò a quelo tronero el ducha Borso da Este chiamato per nome el marchese de Ferara e si gandò con una bella chonpagnia e si ge fo fato grande onore da la signoria; e questo si fo de l'ano del 1463. Nota che a dì 6 de zugno del 1463, chomo messer Ferigo da Gonzaga fiolo del marchese messer Ludovigo de Gonzaga signore de Mantoa si menò per moiere la fiola del dusa. Nota che a dì 13 e 14 e 15 de mazo del 1464, chomo el signore messer Borso ducha e marchese si fe fare uno chastelo di ase e si lo fe metere in piaza da lo lado de le bolete e si fe zosterare de molti chavalieri e schoderi; e questo si fo de l'ano.
[p. 18 verso]
Nota che a dì 14 d'agosto del 1464, chomo si morì el papa Pio da Sena e si morì in Hanchona perché lui se voleva andare incontra a i Turchi e si fo protado el so chorpo a Roma; e questo si fo de l'ano del 1464. Nota che a dì 5 de stenbre del 1463, chomo si azunse a Ferara al signore messer lo ducha Borso uno chavalaro da Roma e si ge protò le letere chomo l'era fato uno papa el quale era si chiamava monsegnor de san Marcho e si à nome papa Paulo segondo. Nota che a dì 4 de mazo del 1465, chomo si azunse a Ferara el chonte Jachomo fiolo che fo de Nicholò Pezenin el ducha messer Borso da Este si gandò inchontra per fina a Figarolo e si vene dentro per la porta de Holion e po si se partì da Ferara lo dito chonte Jachomo a dì 8 de mazo e si andò in telo reame di Napoli e a dì 25 de zugno del dito ano si fo preso lo dito chonte Jachomo e si lo prese lo re Ferante drento de Napoli e mai non se ne messo ne in bassà; e questo si fo de l'ano. Nota che a dì del 1465 del mese de mazo, chomo el chonte Francescho Forza che era chiamado per nome el ducha de Milan si mandò una so fiola a marido in tel fiolo delo re Ferante el quale si è re de Napoli el signore messer lo ducha chiamado per nome messer Borso da Este si gandò inchontra ala dita dona perfina alle confine de Rezo e si ge fe grandinissimo onore e si fe l'entrada dentro de Rezo e de Modena. Nota che a dì 8 de mazo del 1466, chomo si morì el chonte Francescho Forza chiamado per nome el ducha de Milan e si morì a Milano e si fo fato signore de Milan e de tute le so tere el chonte Galiazo so fiolo e de madona Biancha di Vischonti; e questo si fo de l'ano del 1466. Nota che a l'intrada de stenbre e questo fo del 1466, chomo si fo tolto drento el Polesene de santo Antonio e non se paga più bocadigo e si era signore el ducha messer Borso da Este; e questo si fo de l'ano del 1466. Nota che a dì 12 de mazo del 1467, chomo Bertolamie Choiom da Bergamo chapitano zenerale da zente d'arme si arivò a Figarolo e l'ilustro messer Borso da Este chiamado per nome messer lo ducha de Modena e de Rezo si gandò inchontra e si lo menò in nave e si andò in Romagna e la zente d'arme si gandò dredo a lo dito chapitano. Nota che de dito ano e mese si passò per suso el modenese messer Galiazo chiamado per nome messer lo ducha de Milan e si fo fiolo del chonte Francescho Forza e de madona Biancha di Vischonti e si andò in Romagna con molta zente d'arme; e questo si fo del mese de mazo del 1467.
[p. 19 recto]
Nota che a dì 27 de zugno del 1467 e si fo de sabado, chomo si passò per Ferara dentro messer Erchulesse da Este chon molta zente d'arme e si andò a trovare Bertolomie Coiom chapitano dela zente d'arme; e questo si fo de l'ano del 1467. Nota che a dì 8 de stenbre del 1467, chomo el signore messer lo ducha zoè messer Borso da Este si fe corere uno chavalo e dui brachi e una zoveta; e questo si fo de l'ano. Nota che a dì de mazo del 1468, chomo si morì el signore messer Estore di Manfri signore de Faenza; e questo si fo de l'ano del 1468. Nota che a dì 15 de mazo del 1468, chomo el papa Pauolo segondo si fe la pase tra la signoria de Venesia e quella de Fiorenza e 'l ducha de Milan la qual guera si era in Romagna e si fo fata chon tuti i so saguazi; e questo si fo de l'ano del 1468. Nota che a dì 25 de zugno 1468, chomo madona Biancha sorela del ducha messer Borso si andò a marido in misere Ziliolo dala Mirandola el quale si era signore dela Mirandola; e questo si fo de ano del mille quatrocento sesanta otto. Nota che a dì 1468 chomo si morì el signor messer Sisimondo di Malatesti signore de Rimine e si perde tuto el chontado de Rimine e questo si fo de l'ano del 1468 e si morì madona Biancha fiola de messer Filippo Maria ducha de Milan e si fo moiere del chonte Francescho chiamado Forza ducha de Milan; e questo si fo de l'ano. Nota che a dì 10 de desenbre 1468, chomo si azunse l'imperadore a Ferara a hore una e si vene per la porta de Holion item si se partì lo dì dito inperatore da Ferara il dì 12 de dexenbre e si andò per Romagna e per la marcha e si andò a Roma; e questo si fo de l'ano deto. Nota che a dì 21 de zenaro del 1469, chomo a hore 23 si azunse a Ferara l'inperadore messer Fedrigo e si vene da Roma per la Marcha e per la Romagna el ducha messer Borso da Este si gandò inchontra perfina a Rezenta e si se partì po da Ferara a dì 2 de febraro e si andò a Venesi; e questo si fo de l'ano del 1469. Nota che a dì 17 d'aprile e questo si fo del 1469, chomo si morì Ludovigo dale Caselle el quale era segretario del nostro signore messer Borso da Este ducha e si fo al so chorpo el signor messer lu ducha e messer Sisimondo e messer Nicholò e messer lo visedomene e messer Alberto da Este e messer Antonio da Chorezo e messer Ziofano Calchagnin el chonte Lorenzo de Strozi compagni e segretarii e si lo protò ala sepoltura el chonsio secreto delo illustro signore nostro messer Borso; in prima messer Piero Malosello e messer Pollo di Chostabili e messer Prissian
[p. 19 verso]
chavalieri a speron d'oro e messer Anibale da Gonzaga e questo chorpo si fo protado a sepelire a san Domenego e si fo fato uno tribonale in la giesia e si fe el sermon messer Ludovigo Charbon da Cremona poeta; e questo si fo a 17 d'aprile del 1469 e si fo hornado per tuta la tera e si fo fato la grida per parte del nostro signore messer Borso che tutto el povelo si aserasse le boteghe e non se tegnesse rason per tuto quelo dì e tuto el povelo de Ferara si ge fo al so chorpo et el signore messer Borso selo pianse e si se vestì de morelo perchél'era tal colore el so da coroto e chosì lo pianse el povelo de Ferara e si fo fato le setime a dì 22 d'aprile e si ge fo el ducha messer Borso e messer Sisimondo e messer Nicholò e messer Alberto tuti da Este e tuta la chorte del signore. Nota che a dì 12 d'agosto 1469, chomo si fo fato uno tribonale in piaza e si fo taiada la testa a Zoane Ludovigo di Pi signore de Charpi e si fo taiada la zesta a uno so chanzeliero ale 14 hore sonade e si fo de sabado e si fo sonada la rengo e si fo lezuda la chondanason e si andò el podestà sula rengiera asetado chomo è d'usanza; e questo si fo de l'ano 1469. Nota che de l'ano del 1470, chomo el Turcho si ave Negroponte e si lo tolse ala signoria de Venesia e si fo a dì de luio del 1470. Nota che a dì 23 de dixenbre del 1470, chomo el papa Pauolo segondo si fe la pase in tuti i signori e le signorie de Talia e si mandò le letere a Ferara e lo illustro signore messer Borso si fe fare una prozicion e si fo chridado in su la piaza de Ferara chomo si fo fato una liga a morte e destruzion del Turco in prima el santo papa e la signoria de Venesia e lo re de Ragona el ducha de Milan e la signoria di Fiorenza el ducha di Modena e di Rezo e marchese di Ferara messer Borso da Este e si fo chriada la dita liga in piaza de Ferara alli 13 de zenaro del 1471. Nota che a dì 13 de marzo a hore 18 si se partì da Ferara el signore messer Borso da Este chiamado per nome el ducha de Modena e de Rezo e si andò a Roma con 400 chavai e con 120 muli e si andò per la Romagna e si andò chom esso lui messer Alberto da Este so fradelo e tuti i chastelani de modenese e de resana e si vestì tuti i chamarlenghi de seda e de broca d'arzento; e questo si fo de l'ano del 1471. Nota che a dì 17 de mazo a hore 12 del 1471 si azonse in piaza el signor messer Borso da Este chiamado per nome messer lo ducha de Ferara e si vene da Roma sano chon tuta la soa chomitiva; e questo si fo del 1471.
[p. 20 recto]
Nota che a dì de luio 1471 si morì el papa Pauolo segondo e si morì a Roma. Nota che a dì 24 de luio 1471 si se partì da Ferara messer Nicholò da Este fiolo che fo del marchese Lionelo e si andò a Mantoa e si menò i fio; e questo si fo de l'ano del 1471. Nota che a dì 11 d'agosto 1471, chomo si azunse a Ferara uno chavalaro da Roma e si protò dele letere che l'era fato uno papa e si è de l'ordene san Francescho e si ha nome papa Sisto da Savona; e questo si fo de l'ano del 1471. Nota che a dì de luio del 1471, chomo Madona Santa Maria si fe miracoli in corte del nostro signore e fo ge fato quello lavoriero; e questo si fo de l'ano del 1471. Nota che a dì 20 d'agosto del 1471, chomo si morì el ducha messer Borso da Este e si fo fato signore messer Erchulesse da Este so fradelo e si passò tre galere e tri bregantini e vintoto barche e si passò a hore 13 e si andò a Figarolo; e questo si fo de l'ano del 1471. Nota che a dì dito si fo tolto el signore messer Erchulesse da Este de Chastelonovo e si aveva in dosso una vestimenta de pano d'oro e si aveva al collo uno bavaro d'armelin e si aveva al collo una collana d'oro e si haveva in man una bacheta d'oro e si ge protò la spada inanzi messer Nicholò di Chontrari e si fo aconpagnado da l'anbassadore de Venesia e messer lo visedomene e si aveva e si haveva in chavo una bereta che sazola soto la gola e si era garegada de perle e si fo aconpagnado el dito signore da messer Guron e messer Rainaldo e da messer Alberto so fradeli e si arivò in piaza a hore 20 e 21 e si andò in veschoa e si ge de la bacheta in man al dito signore Antonio Sandelo perchèl'era zudese dei 12 savi; e questo si fo de l'ano del 1471. Nota che a dì 22 d'agosto e si fo de zobia del 1471, chomo si fo protado a sepelire el ducha messer Borso da Este e si fo tolto de chorte e si fo protado a sepelire ala Certosa e si era vestido de pano d'oro e si era una peza de pano d'oro sul cadileto e si protò la bacheta in man e si lo protò ala sepoltura i zoè la cheresia e si era di fanti armadi in piaza e per questo si stete a sera le porte de la tera finachè se fo tronado da la sepoltura e si fo vestido tuti i so fradeli e tutta la chorte sua e si l'aconpagnòl'anbassadore dela segnoria e messer lo visdomene e tuti i artesan de Ferara si protò uno dopiero in man e si stete a serar tutte le boteghe e si fo acompagnado da tuti i chastelani di modenese e di resana.
[p. 20 verso]
Nota che a dì 12 de febraro del 1472, chomo si se chomenzò a far le mure dela citadela de Ferara e si le fe fare el ducha messer Erchulesse da Este; e questo fo de l'ano del 1472. Nota che a dì 4 de marzo 1472 a hore 2 de note si fuzì de Chastelo Vechio i signori de Charpi e si fo presi dui so fradeli; e questo si fo de l'ano del 1472. Nota che a dì 16 de mazo 1472 e si fo la vezilia de Pasqua rosana si fo el perdon de cholpa e de pena a san Francescho chomenzando dal vespro del sabado perfina al vespro de Pasqua e si solveva ogni gran pecha e de morte d'omo perchè el se fe chapitolo zenerale e si ge dete el perdon el papa Sisto da Savona ch'era de l'ordene de fra de san Francescho el zenerale si fe fare una prozicion per la tera e si fe chantare una messa in chanto in piaza suso uno tribonale; e questo si fo de l'ano del 1472. Nota che a dì 9 de zugno 1472, chomo si vene a Ferara madona Rizarda sorela del marchese de Saluza e si fo moiere del marchese Nicholò e si e madre del ducha messer Erchulesse da Este segondo e si arivò la dita dona a 9 de zugno a hore 22 e si arivò in la chontra de san Polo e tuto quelo zorno si sonò tute le chanpane de Ferara e si stete tute le boteghe aserade; e questo si fo del 1472. Nota che a dì 9 de novenbre 1472, chomo si vene uno chavalaro da Napoli e si protò le letere chomo si fo maridado el ducha Erchulesse da Este e si tose la fiola delo re Ferante re de Napoli e si se sonò tutte le chanpane de Ferara e si se fe fogi grandi per tuti i tribi de Ferara e questi si fe tri dì ogni sera; e questo si fo de l'ano del 1472. Nota che a 26 d'aprile 1473, chomo si se partì da Ferara el signore messer Sisimondo e messer Alberto da Este e si andò a Napoli per menare la fiola del re Ferante moiere del ducha Erchulesse. Nota che a 5 di zugno del 1473 si fo taiada la zesta al conte Bernardo fiolo che fo del chonte Ludovigo da san Bonifacio e si ge fo taiada in piaza a hore tra 14 e 15 e si gela fe taiare el ducha messer Erchulesse da Este; e fo de l'ano del 1473. Nota che a dì 3 de luio e fo de sabado a ore 23 del 1473, chomo si arivò la fiola de lo re Ferante che è re de Napoli che è venuda a marito nel ducha messer Erchulesse da Este e si vene da san Zorzo per in fina in chorte soto el baldachino e si l'aconpagnò el gardenal de Ravena e si era soto ol baldachino el dito gardenale chiamato monsignore Roverela e la dita sposa è chiamata madona Lionora e si l'aconpagnò tuti i anbassadori de le signorie de Talia da fora quela del ducha de Milan e del marchese de Mantoa e la domenega
[p. 21 recto]
a dì 4 de luio si fo sposada la dita dona in chorte e si andò a tore la benedicione in veschoa e si la benedì el gardenal de Ravena e quando la dita dona si vene a marido l'aveva la corona in testa e così quando l'andò a tore l'oracion; e questo si fo deto. Nota che a dì 7 d'agosto 1474, chomo el ducha messer Erchulesse da Este signore de Ferara si fe tore Madona Santa Maria de chorte e si la fe metere donde l'è e si fe fare una bella prozicion e si fe protare l'ancona in prozicion e si gandò in persona con soa madre; e questo si fo. Nota che a dì 17 d'agosto 1474, chomo si morì madona Rizarda madre del ducha Erchulesse e de messer Sisimondo e se morì a Bellofiore e si fo al chorpo tuti i so fioli e tuta la cha' da Este e si ge fo tuta la chieresia de Ferara e di borgi e tuti i batù e si fo asepelida a Madona santa Maria da Ianzoli e si fo vestida tutta la corte da coroto; e questo si fo de l'ano. Nota che a dì 3 de stenbre 1474, chomo si se chomenzò a far el mercha da la biava in sula piaza dal Chastelo Vechio e la becharia e si la fe fare el ducha Erchulesse. Nota che a dì 6 de novenbre 1474, chomo messer lo vescho de Ferara si fe la intrada in Ferara e si gandò inchontra tuta la chieresia de Ferara e de burgi el ducha Erchulesse con tuti i zentilomini de Ferara e questo vescho si era parente del papa Sisto da Savona; e questo si fo. Nota che a dì 5 d'aprile 1475, chomo si vene a Ferara lo re de Bossina e si vegneva da Roma el ducha messer Erchulesse da Este si gandò inchontra perfina ala Tore dela Fossa con l'anbassadore delo re Ferante e chon tuti i zentilomini de Ferara e si se partì a dì 7 d'aprile e [...] Nota che a dì 21 di luio 1476 e fo de domenega nase messer fiolo del ducha Erchole e de madona Lionora da Ragona sua mogliere e nase in Schivanoio e fu lassa d'alegrezza tutti i prixoni del podestà e fo fato saluo grandi in piaza e fu brusa tutti li banchi de nodari ch'era soto il portego dei nodari e poi il Chastelo Vechio sbonbardava e tuti li merli era con le lumiere e suso le tore e fo batezà a 13 otobre e si lo portò a batezare Marcho de Pi signore de Charpi; e questo si fo de l'ano del 1476. Nota che a dì primo de setenbre 1476 e fo de domenega matina s'intrò dentro da Ferara messer Nicholò da Este fiolo che fo del marchese messer Lionello e s'intrò dentro per la zitadela e si vene perfina alla piaza e si andò via e sono presi messer Nicholò e de molti soi amisi e sono apichadi a dì 2 de stenbre e sono taiadi a pezi in suso la piaza e a dì 3 de setenbre el marti a hore 4 de note si fo taiada la zesta a messer Nicholò da Este in Chastelo Vechio el marti a hore 21 si fo protado a soterare a san Francesco in l'archa dei marchesi e si aveva el dito chorpo una peza de pano d'oro intorno; e questo si fo de l'ano del 1476.
[p. 21 verso]
Nota che de l'ano del 1476, chomo el ducha messer Erchulesse da Este si fe fare la gesia de Madona Santa Maria de Corte dove l'è e a dì 2 de febraro si fe dir la messa e si fe dare le chandele de cira biancha; e questo si fo de l'ano 1476. Nota che a dì 16 d'otobro 1476, chomo si vene dentro da Ferara per la porta de san Biaxio la fiola delo re Ferande el quale si è re de Napoli e si andò a marido in tel fiolo delo re d'Ongaria el ducha Erchulesse si gandò incontra perfina in corbola e si vene soto el baldachino e si aveva la corona in testa e si era vestida de pano d'oro e si era sego uno so fradelo. Nota che a 21 d'otobro del 1476, chomo si se partì da Ferara a hore 18 sonade la fiola de lo re Ferante de Napoli e si andò a marido in Hongaria chon molti zentilomini e chavai. Nota che a d' 26 de dixenbre 1476 fu morto el ducha Galiazo fiolo del duca Francescho Forza duca de Milan da uno zentilomo dito Zoane Andrea da Lanpugnan per causa de una dona e fu morto nella giesia de san Stefano in Milan; e questo si fo dela node.

Fine di tutte le carte che sono in questo libruccio.

Anonimo.

Crediti | Info testo

Nome utente:

Password:


Registrati


Informatica Umanistica

Università di Pisa