minimizza
Testi di Ferrara

Elenco testi disponibili
   

Anonimo

Il codice dei servi.


Indice




La regola e la vita d'i servi de la Verçene gloriosa




1. Part.I


[p. 212]

1.1.

I leterai, se acunçamente i porà avere lo officio de la biada Verçene
segondo l'ordene de la giesia scrito, sì lo diga.

Ma quilli che no sae létere o i quali no pò avere lo dito officio,
diga xij patrenostri per li maitini; per le lolde v; per prima, per terça,
per sexta, per nona, e per çascauna de queste hore v; per li vespri x;
per la complea, v; et ori per li morti; ma le dicte hore a Deo studij
reverentemente de dire.

Ma chi alguna de le predite hore negligentemente lassarà, de quella
negligentia a lo sò confessore se dibia confessare; et a lo ministro nien-
temeno denançi da li compagnuni se acuse, dal quale rasonevele pe-
nitencia receva e digna; la quale penitencia dal confessore proprio
a si la faça confermare.

E deçuni tuta la quaresema santa e li quatro temporali e le vilie
de tuti li santi, le quale da la santa mare glexia fi denonçae; entro le
quale la vilia de la beatissima mare nostra Agnexe,
la quale entro le
altre sante de Deo in spicial matrona nu avemo elleta, fia deçunaa.

Ma altro tempo chi no vorà no deçuni se no una fià in la setemana,
çoè lo vegnirì o lo sabao, per reverencia de la Vercene, fia deçunà;
ma in tempo de manifesta necessitae no sia tegnuj de deçunij corporali.

Ma quando la debita hora vegnerà de recevere nurigaminti, diga,
inanci ch'i sega, lo patrenostro; e se prèvede no ge serae, lo segno del-
la croxe faça, e quelle cose che ge serà ponue denançi e, sì le benediga.

Ma quando i se levarà da la mensa, diga anchora lo patrenostro
per le gracie ch'è da fir referie.

Ma 'çòe eciandeo che in l'anema et in lo corpo puritae fia observà,
ordenemo che tuti quilli del consorcio, una volta in la septemana, in
la caxa de lo spedale de santa Agnexe, da li proprij prèvei dìbiasse
[p. 0213]

con-
fessare; d'i qualli confessuri çascauno lo nome del proprio confessore
al ministro studij de dire: e de questa cosa sia lo ministro solicito de
scrivere lo proprio prèvee de çaschauno d'i compagnuni, da lo quale
o da i quali diligentemente domandi se i fa tuti cusì la confessione como
nu avemo statuì.

Ma se algun per negligentia lassarà de confessarse, o altra caxone
la quale quello meesemo evidentemente no possa scusare, xxv patre-
nostri cum altretante salutatione de la Vergene madre de Deo infra
tri dì sia tegnuo de dire.

Ma a quelo santissimo sagramento, quando tempo vegnerae de
comunigarse, diligentemente se apresti çaschauno, çoè per pura confes-
sione per contricione dentro dal core e per adovramento de pietae;
sì cum la gracia del Spirito Sancto ge darae la comunione; del quale
cinque fiae in l'anno da çascuno de nu ordenemo che fia recevù: çoè
in lo sancto dì de pasqua della resurecione, in lo dì de pasqua rosaa,
in la assuncione de la biada Verçene, in la festa de tuti li Santi et in la
nativitae del Segnore Salvaore; et in quello dì, in lo quale lo sagra-
mento de la comunione fi recevuo, tuti quilli del collegio in uno se dibia
adunare.

Ma se alguno lassarà d'i prediti dì, a lo ministro diga la casone
soa, la quale, se iusta serà staha, fia aibua excusevele.

1.2. De la solicitudene circa la glexia da fir oservà; e da fir congregao lo consortio e de le recomendacione ch'è da fir fate.

Ma açòe che quella meesema Mare de misericordia aprovo lo fiolo
per nu e per tuti i cristiani vivi ogualmente e per i morti piatosa-
mente pregi:
nu ordinemo che per la reverencia de quella bià Verçene çascuna
domenega la quale vegnerae segonda infra lo mese una messa de consio
d'i compagnuni solennemente fia celebraa.

Tuti i altri dì eciandeo una messa da çascauno, se casone molto
evidente no imbrigasse, una messa da çascauno al pestuto fia oldua;
in lo quale logo i se abia reverentemente et in silencio permagna fin a
tanto che l'oficio fia celebrao.

E çaschauna fiaa che la ymagine de la Madre de Deo impinta
i guardarae, ella cum tuta la devocione del core saluti; a la reverencia

[p. 214]

de la quale in lo spedale predito de santa Agnexe uno cexendero abiamo,
lo quale arda in li tempi ordenai, a lo quale lo ministro o lo mas-
saro proveça in la comunança de la compagnia.

Tuti eciandeo quilli del collegio, çascauno die de domenega e
çascauna festa principale che da lo povolo comunamente fi observaa
(s'el no soccesse festa ad esso no ameçaamente, sì como incontra circa
la nativitae), i quali per manifesta o per certa casone no serae imbri-
gai, in la casa de lo spedale o in altro logo da quî meesimi o del consio
de quilli assignao
, se dibia congregare, segondo che in bono modo
porae fir fato.

I quali adunai in uno, imprimamente da lo ministro o da uno
altro in logo de lui parola de hedificatione in meço fia proferia, digando:
Lo Segnore dia a nui la paxe soa.

Aduncha amaistrai i compagnuni e diligentemente instruti, ça-
schauno puramente et intregamente, sì como i se recordarae avere
lassà contra i statuti del collegio, a lo ministro lo diga, denanci da tuti,
la colpa soa; da lo quale penitencia cum misericordia fia imponua.

Ma lo ministro diligentemente examini e domandi como çascauno
le hore ordenae abia dite e como i abia observai i ordenaminti de la
compagnia.

Finie aduncha tute le cose le quale pertene a nurigamento de
castigasone e de amonicione, de dreo da tute fia fate le recomendacione
per i vivi e per i morti, per i afliti e per li impresonai e per quelli che è
in perigoli constituij, açò che Deo ge dia prosperitae al corpo e a l'anima
de l'omo, a i quieti beatitudene, consolacione perfeta, absolutione
libera e porto quieto cum paxe perfeta a tuti dia e conservi; per amor
de çòe maiormente a lo stao de la romana glesia e de ogne grado ordenao
in quella da tuti fia proferia de recomendatione digna.

Levandose adoncha lo ministro cum i compagnoni, sì diga v patre-
nostri a reverencia de levpiage e de quello sangue precioso del Signore Salvadore, in silentio cum i compagnuni tuti; e queste cose fia fate per
la compagnia tuta e per li compagnuni i quali si è partij de questo
mondo; et in fine de quili v diga altamente: "Et ne nos inducas in ten-
tationem"; a lo quale fia responduo da tuti: "Sed libera nos a malo.
Amen"; e sì diga:"Lo Signore dia a nuj la paxe soa".

Le quale cose fate, cum scilentio de quello logo se parta honesta-
mente; e çòe eciandeo simientemente faça quando i se aduna in quello
logo.


[p. 215]

1.3. De quelle cose che se pertene a la honestae de lo consortio; e de la visitatione d'i compagnuni che s'infermesse; e del servisio de la sepoltura e de le suffragie d'i morti.

Imperçòe che segondo l'Apostolo n'à mestero da quilli che è de
fora avere testimoniança, et eciandeo là o' no è la seve fi deripada
la posessione segondo la sentencia del Savio;
nuj ordenemo che in l'andamento et in li ati del corpo et in la gra-
vitae de tuti i costumi reluxa santità et honestae, sì che in la bocha
rixo non temperao e dissoluto, in le vestimente del corpo ornamento
più luxurioso e soperchio et andamento più roto e no componuo sia tolti
via.

E queste cose, sì denanci da i compagnuni como denanci da altri,
solicitamente fia observae; imperçòe de' l'omo de fora i custumi in tuto
muarse, quando lo studia de fir renovà dentro de virtue.

Ma sovra tute le cose la perversa compagnia fia schivada, la quale
machia colui che la tocha, sì como fa la pegola chi la tocha.

Ogne çuramento eciandeo per çascauna leve e no utel caxone,
la qual cosa è molto soça e beffoxa; no volemo al pestuto che alguno
de nu in proferando sia strabuchà, né dibia usare parole sbochiae né
cuverte.

Ma sì como homeni verasij e averti e no inganivili né cuverti de malicia, portamo in bocha parola de sempia veritae; ma quando arti-
colo de necessitae alguna fiada incontresse, pò çascuno çurare: avegna
che malvolentera, in testimoniança de veritae Deo vorà manifestare.

Quando eciandé nu possemo, vedemo che alguno levemente in
comuna parola çurando proferisca lo sangue de Ieso Cristo, né per la
fe' de Deo diga; o lo proximo, el quale comandò Deo da tuti essere
amao, per negun modo lo malediga.

Ma se algun infermasse d'i nostri compagnuni, dibia quello visi-
tare et a lui, segundo ch'i porae, servire.

Ma se lo debito della morte de quella infermitae ello pagarae,
a la sepoltura de quello meesemo sia ogualmente tuti, e lo corpo a la
glesia portando cum le mane proprie lo cunçi in la sepoltura.

Volemo eciandeo che çascauno del nostro consorcio faça dire
una messa per l'anema del compagno nostro quello die ch'elo serà se-
pelio, o veramente l'altro die dreo, e de questo sia lo ministro soli-
cito de fare observare; e per remissione de çascuno che morirae in lo

[p. 216]

nostro consorcio, diga çascauno che sa létere "Miserere mei, Deus"
cinquanta fiae; ma chi no sa létere, diga cento paternostri e cento ave-
marie cum "requiem eternam"; e l'anema soa in çascauna aunança
in fina de chò de l'anno specialmente sia recomandaa.

Sia scrito eciandeo quilli che in questo collegio se partirà de
questa vita o che montarà a più alta vita.

Volemo eciandeo che in çascaduno logo o' serae i compagnuni
de la fraternitae nostra, che i se mustri familiarij e desmestegi entro
si, e seguramente la soa necessitae l'uno a l'altro manefesti; i quali,
sì como se dexe a i servi de Deo, a lo soe compagnone e consorte so-
vegna sì como lo pòe.

Ma se algun per malicia o per calor de ira ad alguno d'i compagni
nostri offenderae, i altri della compagnia, i humeri soi sotometando,
virilmente lo compagnone offexo segondo iustixia defenda.

1.4. De la ellicione del ministro e de la visitatione da fir fata; e como quilli ch'è in questo collegio aunai, como i sia tegnui ad observare quisti ordenamenti.

Ordenemo che in lo santo die de pasqua de pentecoste çascauno
del collegio se dibia adunare in lo quale logo clama la gracia del Spirto
Santo: dello ministro inquisicione fia aibua e d'i soi deffeti e de la soa insuficientia fia demandà in questo modo.

Fia constituì uno per ello in quello meesemo logo, lo quale da
la maior parte in vicario fia elleto; e mandao fora lo ministro, d'i soi
defeti fia domandà; lo quale, s'ello no sufficiente serà çuegà da la maor
parte del collegio de fare officio dello ministerio, in lo nome del Segnore
un altro si elleça in pastore.

In la ellecione del quale fia tegnuo cotal modo: revocao lo mini-
stro e dal vicario i soi defeti a lui diti e la penitencia debita assignada,
resega çó
possa imprimamente da tuta la compagnia se' i più descreti e più
providi viri et i quali avesse amor de Deo e de la compagnia, da tuti
o da la maior parte del colegio fidelmente sia elleti; i quali elleti sia
tegnui a bona fede elleçere quello lo quale i çuigarà essere più descreto
a fare l'oficio del ministerio.

Quello sia elleto al ministerio lo quale de quisti sei se concordarae
le doe parte; lo quale elleto, tuti se geti in tera e diga "Salve, Regina"
cum tuta devocione et affeto.

Ma se lo ministro dito de sovra sufficiente serà stao e ['n] la co-
muna utilitae aveçudo, sia confermao.

E la ellectione e la inquisicione in questo modo volemo che sia

[p. 217]

fata ogne anno, in lo die scrito de sovra, se articolo de necessitae no ne
imbrigasse.

Ma se lo ministro morisse infra l'anno o ello intresse a più alta
vita, i compagnuni, dreo la sepultura de quello meesemo o de l'anda-
mento de la religione, generalmente sia convocai lo proximo dì della do-
menega e un altro a sie aleça in ministro; ma in alleçere servi lo modo
scrito de sovra.

Ogne dì in lo quale se comunega, i compagnuni del colegio fia
visitai e castigai, se algune cose serà stae da fir corete: ma sia fato
la visitacione e la corecione de questa condicione in questo modo.

Imprimeramente sia chiamada la gracia del Spirito Santo e paxe
dallo ministro in meço pronunciada, fia inçunto a tuti dal ministro che
tuti fidelmente s'acuxi de i deffeti; e i nomi de quilli che acusarae a
quello che serà acuxao per neguno modo manifesti; et a questo sia
fermamente tegnuj quando i serà stao domandai da illi de i deffecti
de alguno d'i compagnoni.

E cussì sia començada de fir fata la visitacione.

Impremeramente vada fora uno, lo quale sede de chòe, e lo mi-
nistro da i altri compagni dilligentemente domandi d'i soi deffeti, çoè
come lo se conversa, se honestamente o no honestamente, e s'el schiva
le perverse compagnie; como eciandeo i ordenaminti del nostro col-
legio ello observi.

Et olduo quilli, quello che andoe de fora fia revocao in meço e
denanci dal ministro seda in çenochiuni, lo quale coreça quello de tuti
i deffeti e de le negligencie de le quale l'era stao accusao; e questa co-
recione se faça denançi da tuti.

E quello visitao e coreto et inçunta ad ello la penitencia, vaga
un altro fora; e cussì fia fato a uno a uno in fin a tanto ch'el serà livrà
la visitacione de tuti; e çascauno faça sì che la penitencia a si daa, a
lo sò confessore a si la faça confermare la prima fiada ch'el se de'
confessare dreo queste cose.

Ma se alguno no coreçevele e soperbo i ordenaminti del consorcio
nostro serà acatao desprisiando, imprimamente debia denançi da i
compagnoni fir amonio; e se tra qui a la terça 'monicione no serà stao
in meio emendao, da la participacione de tuti i beni de la conpagnia
nostra, sì in la vita como in la morte, fia privao e nientemeno del con-
sorcio sia descaçao.

Ma dal nostro collegio specialmente, sì como membre puçolente
e de tuto lo corpo puça, no revochevelemente fia descaçai i quali no
segue la belleça de la continencia.

Ma açò che alguno, in questa nostra regola de vivere permagnando
o che la doverà domandare ça indreo, no se spaventi de obligasone de

[p. 218]

algun comandamento se i ordenaminti de questo modo averà dito de
observare;
açòe ch'el non sia tegnuo quilli in fine alora in tuto observare sì como
quij è tignuj a i ordenaminti i quali vovisse professione in li ordeni
approvai, imperçòe avertamente çuegemo dechiarando che lo nostro
collegio non intende alguno in tal modo obligare.

Volemo per amor de çòe che çascauno de bono e convegnevele
i ordenaminti diti de sovra, per Deo e per la salvacione de si meesemo,
quilli guardi e observi, né quilli de leve caxone presuma algun de rompere
per alguna levitae, in per quello che per çòe ello incorerave in la offexa
de Deo onipotente e de la sanctissima soa Mare, a l'onore della quale
quisti ordenaminti nu avemo studià de ordenare.

Complia è la regola e la vita d'i servi de la Verçene gloriosa, or-
denaa e fata in Bologna l'anno del Segnore corando mille doxento
octanta uno anno, in lo primo anno che foe fato papa mesere Martino
papa quarto.

2. Parte II I dexe comandaminti de la leçe si è quisti inscriti, çoè:

Imprimamente che tu no dî adorare altro Deo cha 'l toe, lo quale

de' esser Dé' veraxio, che vene in madona santa Maria per Spirito Santo;
e no solamente se intende de adorare per modo de oracione, ma ecian-
deo che tu no dî stabilire lo cor toe a cosa tirena sovra Deo, como
quij che amarà tanto una dona o uno fiolo che quasi mai lo cor sò
no dechinarà altroe.

E cusì de molte altre cose temporale se porave
metere asempio; e questo sì è lo primo.

Lo segondo si è che tu no dij per ogne cosa incontenente çurare,
et eciandeo per gran cosa sì te dî tu guardare de çurare al più che tu
pòi: né no dij çurare d'una cosa e dire "l'è cussì", s'ela no fosse.

E quando tu no te vòi astegnere de çurare, tu dî almeno astegnerte de
çurare in modo che tu no mençoni Deo né la soa Mare; e quando
lo spreçuro è più greve, in lo quale fi mençonà Deoo la soa Mare, tanto
è peço, como è a dire "al corpo e al sangue, in fe' de Deo", né "a le
guagnelli".

Né no pensare che Cristo sia pura criatura, çoè a dire no
tel menare per bocha levemente né per ogne cosa, como tu farissi un'altra
criatura. per [ché] ogne creatura è subieta a vanitae, çoè a dire ogne
creatura fa tal fiada peccadi né no è nessuno che se ne possa né sapia
guardare: et imperçò che Cristo si è sença peccai, e per molte altre

[p. 0219]

rasone e caxone eciandeo, no è raxone né convignevele che tu tel mini
per bocha como tu farissi un'altra cosa.

Lo terço sì è che tu no dî lavorare le feste comandae e spicialmente
lo dì de la domenega, perché in i altri vj dì de la setemana Deo creò
e fe tuto çò ch'el volse e la domenega sì se polsoe.

Altramente se pòe
splanare, çoè che la festa no se intende tanto che tu te dibii guardare
da lavorare de mane, quanto se de' intendere che tu te guardi da i
vicij e da i pecai, e plù darte ad oracione e contemplacione divina cha
l'altro tempo.

Anchemoe altramente, çoè che çò che tu façi, purché
no aibi altra intencione cha solamente [servire] a Deo e charitae del
proximo, sì è bon fato, da po' che tu fae ad intencione d'avere vita
eterna.

Lo quarto sì è che tu dibij honorare to pare e toa mare açò che la
vita toa sia longa in la tera de quî che vive, çoè a dire açò che Deo te
duni vita eterna più tosto.

Lo quinto sì è no fare homicidio.

E questo sì se intende cusì ma-
terialmente no ancidere nessuno; spiritualmente eciandeo se pò inten-
dere, çoè no avere voluntae d'ancidere: che l'è molti che à ben voluntae,
ma i no se atenta e sì serave ben alegri ch'altrù lo fesse.

Lo sexto sì è che tu no dî stare cum altra femena cha cum toa
moiere: che l'è uno rompere matrimonio çasere cum altra femena cha
cum toa muiere.

Eciandé sì è scrito "non mechaberis": "mechare"
sì è corupcione no licita.

Lo septimo comandamento
Lo septimo sì è che tu no digi far furto.

Per furto se intende
ogne cosa che l'omo tole ad altri per mal modo; e in che guixa l'omo
la toia, da poi ch'el no fa per via de rasone, sì pò fir apellao furto
al modo che se intende qui.

Lo octavo
Lo octavo sì è che tu no dî dire cosa falsa de nessuna persona,
né cum sperçurio né sença sperçurio.

Onde quando tu dì' de nesuno
cosa che fosse boxia, tu no pòi essere asolto de i toi peccai se tu no
desdì quello che tu ha' dito a tuti quî che avea olduo inançi quella
boxia.

Lo nono
Lo nono sì è che tu no dî desiderare la moiere altrù.


[p. 0220]

Lo decimo
Lo decimo e l'ultimo sì è che tu dî amare lo proximo toe sì como
ti meesemo, çoè no desiderare la caxa, né lo servo, né l'ançilla, né le bestie
del proximo toe, né molte altre cose che [se] porave metere, çoè a dire
che tu no dî desiderare l'altrù, com'è multi sì avari che per sò grado
nessuno no averave negota nomà loro.

Unde tu dî savere che cussì
è to proximo quello che sta oltra Po, da poi che l'è cristiano, com'è lo
vesino toe, segondo che favella qui del proximo.

3. Part.III Qui començano i sete peccai mortali.

I sete peccai mortali si è quisti: superbia, invidia, avaricia, gola,
accidia, vanagloria et luxuria.

La più bella criatura che fosse sì era Lucifero; e per la soperbia
soa, ch'el volse metere la sedia soa apresso quella de Deo e volsese
asomeiare a Deo e no se contentoe de quello che Deo ge avea fato,
imperçò sì caçè de celo fine in profundo d'abisso; e cussì como l'era
inançi la più bella criatura che mai fosse, cussì è mo' la più soça, e la
più infima cossì como inanci la più alta.

E cussì èe incontrao a tuti
quilli che pensò sego la malicia, ché çascauno segondo lo grado soe,
çoè segondo la gloria che i avea, si ha moe tuto lo contrario.

Unde
ad alguni santi homeni sì è çà aparuo d'i demunij: ch'el g'è maior pena
a vedere quella faça cussì teribele de Lucifero, e specialmente quand
l'è curuçà, che no è tuta l'altra pena ch'i àe: pensa doncha com'el'è
fata quella faça.

A Lucifero sì se pòe assumiare çascuna persona che
no se contenta de quello che Deo g'à fato e métesse a far cosa ch'el
no de' fare per essere più alto e maiore.

Lo segondo peccao si è invidia.

Abel e Caym sì fo fioli d'Adam
e si fo li dui primi fraeli che fo mai; e perché le cose d'Abel creseva e
multiplicava de ben in meio più cha quelle de Chaim, imperçò Chaym
sì l'ancise per invidia.

A Chaym se pò assomiare çaschuno che fa
inoio ad altri per invidia de bene che altri abia.

Lo terço si è avaricia.

Avaro sì è quello che cura de l'avere
del mondo tropo solicitamente, oltra necessitae; et è tanta la soa ava-
ricia ch'el g'è quasi pena a fare una piçola 'lemosena tal fiada, sì como
era quelo richo del quale se trova scrito che no posseva sofferire a dare
a Laçaro una feta de pane, veçandolo in tanta necessitae.

A quello
richo se po' assomiare çascaduna persona che po' sovegnere a lo povero
e no lo sovene tal fiada, abiando pur paura che quello Segnore dolçe

[p. 0221]

che passe i oselli no ge vegna a meno; e per questa paura cussì fata
no ha quasi lo cor sò so no ad aquistare roba.

El peccado de vanagloria
Lo quarto si è la vanagloria, in la quale caçe molte persone che
no se contenta de la belleça simpliça che Deo g'à daa; gran danno sì
è, ch'el no ge incontra como fe ad Absalon.

Absalon sì fo la più bella
criatura che Deo fesse may, e no se contentava de çòe, ma per parere
più bello no se faxea mai cunçare li cavili.

Unde una volta, corando
una soa mulla, i cavì soi svolatò in alto e apicosse a' rami d'u [n] o
arboro; la mulla corse oltra e cussì romaxe tanto lì apicao ch'el murì.

Pecca altresì in vanagloria quelle persone che anch'elle no se çunga
a la soa belleça, per amor de çòe le se gloria e móstrasse per çòe; e
cussì de çascaduna gracia e soficientia com de belleça, quando l'omo
lo spande per vanagloria.

El peccado de acidia
Lo quinto si è accidia; e questo sì tocha a cascauna persona che
tal fiada, per morbeço o per altra miseria, serà in tanta accidia ch'ella
medesema no saverà ch'ella se voia né che se dibia fare, et a pena inlora
cognosserà, quasi segondo modo de parlare, lo bene dal male.

Ma
quando çò adevene, çascaduna savia persona se doverave exercitare
et adov [r] arse a fare qualche cosa: e quella cussì fata accidia anda-
rave via o no ge vignerave.

Ad exempio de messer san Bernardo, che
no voleva mai stare ocioxo, ma sempre leçeva o scriveva o orava, o
qualche altro ben faseva, sapiando che la ociosità sì è sentina e fon-
tana de tuti i mali.

Lo vicio de la gola
Lo sexto si è gola.

E questo sa bene çascauno che manduga
o che beve per golositae oltra necessitae, sì pecca, e quili che la mai-
tina per tempo va a lo miolo del vino, quando i doverave esser a la
glesia ad adorare cului che fo abeverado de fele e d'axedo suxo la croxe
per loro.

Lo vicio de luxuria
Lo septimo e l'ultimo sì è luxuria; e questo sa ben cascauno.

Unde tute volte che tu ài corupcion, veiando, per caxon che tu ge
dii, come è per penseri, per vedere, per tocare, per tropo mandegare
e per ogne altra caxone, sì pecchi in luxuria, e maximamente quando
tu çaxi cum altri cha cum toa moiere.

4. Part.IV Como li sete peccai mortali èno contra le sete alegrece de la Dona.


[p. 0222]

Qui quanto nu avemo a bon cunço più brevemente possù deschia-
rare, l'avemo fato, sapiando che sovra çascauna parola ch'è qui scrita
se porave movere una gran questione e metere multi asempij.

E sapiati
che i à nome peccà mortali perché per çascauno de quisti vij sì è morta
l'anima, cusì como è morto lo corpo de cului ch'à taià la testa.

E sapià
perché i è septe: i è contra le sete alegreçe de la Dona, et è sete a mo-
strare che in sete dì Deo fe tute le cose; e cussì per çascauno de quisti
setetu guasti ogne cosa; et è sete contra i sete pianeti; e per molte
altre raxone e prolixe se porave mostrare perché i è sete.

5. Part.V

Cum çò sia cosa ch'el debito de la morte cascuno el pagi, e nessuna
cosa sia più certa de la morte e nessuna cosa più incerta de l'ora de
la morte, ordenemo e volemo fir observà che çascuno del nostro collegio
el quale no avesse fato testamento, el soe testamento sia tignuo e dibia
pacientemente fare e desponere e ordenare infra uno anno scrito per
mano de quale noaro el vorà.

E se alguno vorà intrare in lo consorcio
de la nostra compagnia et in quella el serà recevù, al pestuto procuri
e studij de fare sò testamento infra uno anno da poi ch'el serà recevù
in lo dito nostro collegio, e scrito per quale tabelione el vorà.

E el
nome de quelo tabellione che scriverà el testamento al soe ministro
sia astreto çascuno denonçare.

Ma de queste cose intendemo esser
exeptà quilli che è in poestae de pare, over quilli che per altra iusta
rasone over caxone fosse vedai da la rasone far testamento.

6. Part.VI Li xij articuli de la nostra fede

Li xij articuli de la nostra fede sì è quisti infrascriti, in chi se con-
tene xij gradi, d'i quali una spirituale scala se compone, per la quale
ogne fidele cristiano convene ascendere e montare in celo.

La quale
fo figurada nel vechio testamento; vedè Iacob una scala che açunçea
fin al celo, la qual scala quelli xij principi e compagnum de Yeso Cristo,

[p. 0223]

sanctissimi apostoli, sì como verasij artifici e sovran maistri congregai,
in uno simbolo sì construsse, e feceno cascauno la particula soa.

çoè lo primo grado de questa sancta scala sì compoxe meser santo
Pero, sì como che è primo de tuti quanti i altri apostoli, digando: "Io
creço in uno Deo, pare onipotente, creatore del celo e de la terra".

Messer sancto Andrea sì disse: "Et in Ieso Cristo, unico segnor
nostro, fiolo de quello".

Messer sancto Iacomo maior disse:" El quale fo conceto de Spi-
rito Sancto e nassuo de la vergene Maria".

Messer san Çohane evangelista disse: "El fo passionado soto Pi-
lato Poncio, crucifixo, morto e sepelio ".

Messer san Thomaxo disse: "El dessexe al limbo a liberare le anime
d'i sancti pari".

Messer san Matheo evangelista disse: "El terço dì el resussitoe
da i morti".

Messer san Iacomo meniore disse: "El montò in celo e sede a la
dextra del Pare ".

Messer san Filippo disse: "Ancora mo' el de' vignere a çudegare
i vivi e i morti".

Messer san Bertholameo disse: "Eo creço in lo Spirito Sancto".

Messer san Simone disse: "La sancta iesia catholica, la comunione
d'i santi e la remissione d'i peccai ".

Messer san Tadeo Iudasì disse: "La resurecione de la carne".

Messer san Mathia disse: "La vita eterna gloriosa del paradixo
che à promesso Cristo a tuti quii che l'ama"; a la quale el ne conduga
per soa misericordia e pietà sanctissima, e per li meriti de la soa pas-
sione ne faça montare per su questa scala per bone operacione e per
santa vita.

E cussì nui avemo li xij articoli che sono fundamento de tuta
la nostra fede, i quali çascaduno fedele cristiano de' savere e credere
fermamente, altramente el serave tenudo infidele et heretico. Amen.


7. Part.VII

Deus in adiutorium meum intende; Domine, ad adiuvandum me
festina. Gloria Patri et Filio et Spiritui Sancto. Ave Maria, gracia plena,
Dominus tecum, benedicta tu in mulieribus et benedictus fructus ven-
tris tui, Iesus. Sancta Maria benedicta, ora pro nobis omnibus, nunc
et in hora mortis. Amen.

Tornemo [n] e in le braçe de la Rayna del paraixo, madona sancta

[p. 0224]

Maria Madre, e sì li clamemo grande mercé per pietà e per la miseri-
cordia soa, ch'ella pregi el dolce Ieso Cristo ch'el no guardi a li peccati
nostri, né a le mateçe nostre, né a le soçure nostre, ma guardi a la
soa misericordia et a la soa pietà, e sì ne dibia dare la soa gracia e sì
receva li nostri lodi et oracione in lo sò piasere sanctissimo, e sì ne dibia
dare gracia che nu le facemo tale ch'ello ne sia laudato et honorato
e glorificato, e che sia salvamento e salute de le nostre anime e de li
nostri compagni e proximi.

Laudato, benedeto e rengraciato sia l'onipotente Deo.

Laudato, benedeto e rengraciato sia lo sò fiolo dolcissimo messer
Ieso Cristo.

Laudato, benedeto e rengraciato sia lo Sancto Spirito.

Laudata, benedeta e rengraciata sia la Sancta Trinità, che è unità.

Laudata, benedeta e regraciata sia la regina de paradixo, madona
sancta Maria, in cui è tuta cortexia e pietà e misericordia, e largeça,
sapiencia e bontà.

Laudata e benedeta e rengraciata sia la sancta croxe de Deo, là
o' piaque a vuy, messer Yesu Cristo, amor meo, padre meo e segnor
meo Deo meo, là o' ve piaque de sparçere e de pagare quello precioso
sanctissimo del santo sangue vostro per l'umana natura e per nui che
semo qui.

Nui semo coloro che mal l'avemo saiputo cognoscere e guar-
dare, quelo grande beneficio: nui se ne clamemo in colpa denanci da
Deo e sì ne digemo nostra colpa.

Nui ve domandemo parte e me-
rito de quella passion e de quella morte, ch'ella sia a remissione de li
nostri peccai.

Laudato e benedeto e rengraciato sia l'ordene de li Seraphyn.

Laudato, benedeto e rengraciato sia l'ordene del' Cherubyn.

Laudato, benedeto e rengraciato sia l'ordene d'i Troni.

Laudato e benedeto e rengraciato sia l'ordene de le Dominacione.

Laudato, benedeto e rengraciato sia l'ordene delle Virtue.

Laudato, benedeto e rengraciato sia l'ordene de le Principà.

Laudato, benedeto e rengraciato sia l'ordene de le Podestà.

Laudato, benedeto e rengraciato sia l'ordene de li Archangeli.

Laudato, benedeto e rengraciato sia l'ordene de li Angeli.

Laudato, benedeto e rengraciato sia l'ordene de li Patriarchi.

Laudato, benedeto e rengraciato sia l'ordene de li Propheti.

Laudato, benedeto e rengraciato sia l'ordene de li Apostoli.

Laudato, benedeto e rengraciato sia l'ordene de li Martyri.

Laudato, benedeto e rengraciato sia l'ordene d'i Confessuri.


[p. 0225]

Laudato, benedeto e rengraciato sia l'ordene de li Virgini.

Laudato, benedeto e rengraciato sia l'ordene de li Discipuli.

Laudato, benedeto e rengraciato sia l'ordene de li Innocenti.

Laudato, benedeto e rengraciato sia l'ordene de tuti li Santi
de Deo.

Laudato, benedeto e rengraciato sià vuy, fiolo de Deo, de tute
le cose che ve piaque de fare in celo, in terra, in mare, in abisso et in
tute le parte del mondo.

E spicialmente nui ve laudemo e sì ve re-
graciemo de la vostra devocione e della vostra incarnacione, de la vo-
stra nativitae e de la vostra vita, e de le vostre parole e de le vostre
ovre e de li vostri exempli, e de la vostra passione e de la vostra
morte, e de la vostra resurrecione e della vostra ascensione, de quello
sancto sangue sanctissimo che vui avì pagao per nui peccauri su
la croxe.

Nuy ve domandemo grande mercé per tuti coloro che èno aradegà
de la vostra via, che vuy gi dibià tornare, e per tuti quilli che èno in
via de ben fare, che vuy gi dibià mantignere.

Anchora sì ve chiamemo grande mercé per tute le anime che
èno passade de questa vita in l'altra che èno in la pena del purgatorio,
specialmente per le anime d'i pari nostri e de le mare nostre, e de li
fradelli nostri e de le sorele nostre, e de le muiere nostre e de li fioli
nostri, e de li parenti nostri e de li proximi nostri e de li compagni no-
stri; et açò che Deo lo faça per la soa misericordia e tràgali de quelle
pene, digemo Pater noster cum Ave Maria gracia plena Dominus tecum,
ora per lor Iesu.

Ancora mo' ve clamemo grande mercé per li nostri malfaturi,
che n'à maldito e malfato, e perseguidi e calunniadi e fato adespiaxiri:
che vuy li dibià perdonare intregamente li soi peccati.

Anchora mo' sì ve clamemo grande mercé per li nostri benefa-
tori, per li nostri padri, per le nostre madre, per li nostri fradelli, per
le nostre moiere, per li nostri fioli, per le nostre sorelle, per li nostri
vixini, per li nostri proximi, per li nostri compagni: che Deo ge dibia
a tuti perdonare intregamente li lor peccati, e sì li dibia acrescere de
merito e de virtue fina a la fine.

Ancora mo' sì ge clamemo grande mercé al Padre altissimo per
la sancta glexia: ch'elo la dibia mantegnere in le soe raxone, e quello
pastore che ne leva, messer lo papa, e coloro che l'àno a conseiare,
specialmente li cardenali, archiepiscopi et episcopi e prelati, conseieri
e retori della santa glexia: che vuy ge dibià dar gracia ch'ello la dibia
reçere e guidare, e menare e consegrare in tal modo che la sancta
fe' dibia crescere e la rexia dibia descaçare, e ch'el dibia meter paxe
in tuta la cristianità de ça da mare e de là.

E spicialmente in la cità

[p. 0226]

de Ferara e de Bologna e de Mantoa la dibia mandare e confermare,
e per tuta Lombardia, o' la fa grande mestero.

Ancora mo' sì ge clamemo grande mercé per le regole, spicial-
mente per li frà menuri e per li frà predicaturi e per li frà remitani e
per li frà dal Carmene, e per sore e per remiti e per frà e per tuti
quili che mostra de fare penitencia ch'èno in bono stato, che Deo gi
dibia mantegnere, e quilli che no g'èno ch'el gi dibia tornare.

Ancora mo' clamemo grande mercé a lo dolce Ieso Cristo per tuti
nui che semo qui. e per li nostri compagni, ch'el ne dibia dar gracia
che nui façamo in questa vita quelle arte e quî guadagni che nui pos-
samo nurigare li corpi e dare parte per le anime: e diane qui la soa
gracia e possa ne meni a la soa gloria, amen.

Anchora sì li clam [em] o grande merçé per quilli ch'èno aradegadi,
per li tribolati, per li dexaxiati, per li desconsolati, per li descaçati,
per li amalati e per li impresonati: ch'ello li dibia tuti consigliare e con-
solare de le anime e de li corpi.

Anchora mo' sì laudemo e sì regraciemo messer Ieso Cristo per li
grandi beneficij ch'el à fato per noy.

Benedeto e laudato sià vu, messer Ieso Cristo, che in l'ora del mai-
tino ve piaque de vegnere in madona sancta Maria per lo nostro amore.

Benedeto sià vu, messer Ieso Cristo, che in l'ora del matino ve
piaque de nascere a le miserie de questo mondo per lo nostro amore.

Benedeto sià vuy, messer Iesu Cristo, che in l'ora del maitino
ve piaque de lassarve prendere e ligare per lo nostro amore.

Benedeto sià vu, messer Ieso Cristo, che in l'ora de la prima ve
piaque de lassarve apresentare in caxa de Pilato cum lo cavestro a
la gola como uno ladro per lo nostro amore.

Benedeto sià vuy, messer Iesu Cristo, che in l'ora de la terça
ve piaque de lassarve condanare al povolo e a Pilato, e cridavano
crucifige crucifige, per lo nostro amore.

Benedeto sià vuy, messer Iesu Cristo, che in l'ora de sexta ve
piaque de lassarve çudigare in su la croxe e chaçare quilli clodi duris-
simi in le mane e in li pei, portasti quela passione dolorosa, angos-
soxa, vergognoxa per lo nostro amore e per li nostri peccati.

Benedeto sià vuy, messer Iesu Cristo, che in l'ora de nona ve
piaque de recomandare l'anima in le man del Pare, desti lo corpo a
li çudei, paradixo a ô ladrone de la croxe, la Matre vostra a meser san
Çohane per lo vostro amore.

Benedeto sià vui, meser Ieso Cristo, che in l'ora de vespro ve
piaque de lasarve tòre de su la croxe e portare a la sepultura; in l'ora
de completa ve plaque de lasarve sepelire in la sepultura de la terra
per lo nostro amore.

Nui ve pregemo e sì ve domandemo dono e gracia

[p. 0227]

inanci che nuj vignamo a quelle sepulture, a quilli moniminti scuri,
là o' nui devemo fir missi, che nui siamo sì aprestadi e sì aparechiati
che sia el piaxer vostro e che sia salvamento e salute de le anime nostre.

Anchora mo' si rengraciemo lo dolcissimo Iesu Cristo, ch'el g'è
piaxudo de sparçere el sangue sò per li nostri
peccati mortali,
specialmente in l'otavo die, ch'el ve piaque de sparçere per la nostra
luxuria.

Benedeto sià vui, messer Iesu Cristo, ch'el ve piaque de spar-
çere lo sangue vostro in l'oracione per la nostra invidia.

Benedeto sià vui, messer Iesu Cristo, ch'el ve piaque do sparçere
el sangue vostro in la desciplina per la nostra ira.

Benedeto sià vuj, messer Iesu Cristo, ch'el ve piaque de sparçere
lo sangue vostro della testa per lo peccà della nostra soperbia.

Benedeto sià vuj, messer Iesu Cristo, ch'el ve piaque de spar-
çere lo vostro sangue de le mane per la nostra avaricia.

Benedeto sià vuj, messer Iesu Cristo, ch'el ve piaque de sparçere
lo vostro sangue de li pei per la nostra pegrisia.

Benedeto sià vuy, messer Iesu Cristo, ch'el ve piaque de sparçere
lo sangue vostro de lo lato per la nostra gulosità.

Nui ve laudemo e sì ve rengraciemo, dolce amor Iesu Cristo, de
quisti grandi beneficij che vuj avì fato per nuy.

Nui ne tornemo in le brace de la regina del paradixo, madona
sancta Mariamadre, che l'è quella che l'achatò e che l'aparturì, che
lo alatò e che lo fassò, che l'adorò e che·llo lagremò.

Nuì ge clamemo grande mercé per li meriti del dolce amore ch'ello
g'ave quando el la recomandò a messer san Çoane, ch'ella recomandi
nui a luy, in tal modo ch'el ne dia qui la soa gracia, po' sì ne mini a la
soa gloria, amen.

Tornemone in le brace de messer san Pero apostolo e de messer
san Paulo, cum tuti i altri apostoli; e de messer san Stephano e de
messer san Laurençoe de messer san Georio e de meser san Romano,
cum tuti i altri martyri; e de meser san Silvestro e de meser san Fran-
cesco e de meser san Domenego e de meser san Nicolò, cum tuti li
confessuri; e de madona santa Margarita vergene e de madona sancta
Lucia e de madona santa Agada e de madona sancta Caterina e de
madona sancta Agnexe e de madona sancta Ana e de madona sancta
Clara, cum tute le vergene e tuti li santi e sante de Deo.

E sì clamemo grande mercé per li meriti del dolce amor de Iesu
Cristo, che gli fe perdonança de li lor peccati, che pregeno luy per nuy,

[p. 0228]

ch'el ne faça a nuy perdonança, de li nostri peccati e ch'el ne conduga
a quelle allegreçe, a quelle dolcece, a quelle suavità de vita eterna, là
o' è la compagnia de li santi, habitare in secula seculorum, amen.

In manus tuas, Domine, comendo spiritum meum.

8. Part.VIII

Rayna possentissima, sovr'el cel siti asaltaa.
Sovra la vita ançelica vu sij sanctificaa.
Scala de sapiencia, mare de reverencia, vu siti purificata.
Spoxa de Iesu Cristo, in celo humiliada.
5Denançi al re de gloria vu siti incoronata.
De le vertù altissime tuta ne si' ornata.
Donna perfectissima, de Iohachin fusti nata.
Per salvar lo segolo al mondo fusti creata,
stella dolce clarissima gema glorificata.
10Sovra le grande flore vuy si' magnificata.
Corona sij d'imperio, a fin or fabricata,
palma preciossima, stella del mondo ornata,
entro el çardin olentissimo roxa ingarofolata,
humiliata purissima, viola violata.
15Colona sij del segolo, in alto sij fermata.
Anima de penitencia, maxima de reverencia, vu si' purificata,
forteça de Ierusalem, d'intorno circundata.
Lo fruto che vu portasti, madona, in Betelem, ch'a vu la vita à data.
Vuy siti sapiencia, presa de reverencia, columba sagellata.
20Verga d'ubidiencia, polcella d'astinencia,vu si' amaistrata.
Vuy si' fontana de gracia, Madona aprexiata,
inguento olentissimo, oliva replantata,
balsemo olentissimo, manna dal cel mandata.
Sovra la mel dolcissima, vu si' humiliata.
25Sovra tute le verçene vuy si' luxe abraxata.
Vuy siti sacrificio olente, cira colada,
de sale e de sapiencia, da Deo resuscitata.
Tanto siti stata, madre, de li miseri aspetata.
Bià serà quell'anema che de vuy serà abraxata.
30Vostra possança altissima oltra fine è grandissima, in cel fortificata.
Lucerna splendidissima, vu si' soave e dolcissima, da Cristo aluminata,

[p. 0229]

vostra vita certissima che sempre averà durata.
Donçella cortexissima, d'adorneçe adornada,
sovra la grande flore de gloria vui siti la più aflorata,
35mira e sacrificio, da Cristo asaminata,
piovando da le nuvole dal cel fresca roxata,
la qual fusti, madona, cum lo vostro fiolo da i tri magi adorata.
Preta fermissima ch'al çorno è fondata,
sovra le dodexe prete vuy siti la più afflorata.
40Chi a vuy torna cum lagreme, l'anima desperata,
da vuy se parte cum gaudio e cum çoia consolata.
Dal destro la' sanctissimo fora ne vene undata
del vostro fiol carissimo che sparse a tal derata
lo sangue dilectissimo che fo aqua roxata
45che confermò 'l batexemo unde l'anim'è salvata.
In vu çaçe la sentencia, madona de gran sciencia, verçen rayna iustificata.
Vuy siti piena de gracia, da l'angelo salutata.
Recòrdive de l'anima che sta mortificata.
L'anima d'i vostri servi e serve ve sia recomandada,
50chi ha complì questa ystoria per vuy, verçene sacrata:
aidati lor e l'anima, sempre verçene biata.


Chi leçerà questa oracione e chi la intenderà cum devocione si
ha de perdonança iij agni e quaranta dì dal papa Innocentio: Deo gra-
cias, amen; e per la congregatione avemo in summa xij quarantine
de perdon.

9. Part.IX

Eo ve prego, madona sanctaMaria, mare de Deo, plenissema de
pietà, fiola del summo re, mare gloriosissima, mare d'i orfani, conso-
lacione d'i desconsolai, via de quilli ch'è aradegà, salù de chi spera
in vu, verçene inanci el parto, verçene in lo parto, verçene dré 'l parto,
fontana de misericordia, fontana de salù e de gracia, fontana de pietà
e de alegreça, de consolacione e de perdonança, che vuy pregay per
nuy peccauri vostri serviori denanci dal vostro dolce fiolo, che ello,
per la soa sanctissima misericordia e per lo vostro sanctissimo prego,
el ne conceda inanci el tempo et in lo dì de la nostra morte pura confes-
sione, et a tuti i fideli vivi e morti vita e requiem sempiterna, amen.


[p. 230]

Benedeto el nome del nostro Signore Yeso Cristo, el nome de la
gloriosa verçene Maria, mare de Deo, in eterno et oltra.

Chi leçerà queste doe oracione e chi le intenderà cum devocione
si à de perdonança doxento otanta die dal papa Clemento, Deo gra-
cias, amen.

10. Part.X

Anima Cristi, sanctifica me [...]In secula seculorum, amen.

Chi leçerà questa oracione e chi l'intenderà cum devocione si à
nove anni de perdonança da parte del papa Çohane, Deo gracias, amen.

11. Part.XI

De' ve salvi, viva carne e verasio sangue, digno corpo de Cristo,
de molti peccà - ch'e' ò fati e diti, che no dissi may ni a prèvedi
ni a frà.

E' 'l digo a vuy, messere, in gram credença, - che vuy me con-
dugà a veraxia penitencia.

Questa oracione chi la dirà cum bona devocione, si à tri agni de
perdonança da la santa glexia.

12. Part.XII

Concedì a nui, onipotente e misericordioxo Deo, i quali femo me-
moria de la sanctissima et individoa Ternità, de l'anunciacione, de la
incarnatione, de la nativitae, de la circuncixione, de la purificatione,
de la apparicione, de la passione, de la vivifica croxe, de la morte, de
la resurecione e de la ascensione del nostro Segnore messer Yeso Cristo,
che, renovadi del Santo Spirito, possamo de la morte del'anima suscitare.

Chi leçerà questa oracione o intenderà cum devocione, si ha sete
agni de perdonança da papa Gregorio, Deo gracias, amen.

13. Part.XIII

Al nome sia de Cristo, fiolo del Creatore, / e de la soa Mare, per lo
sò dolce amore.

Essendo madona sancta Maria fiola de messer Domenedé,
pare e
[p. 231]

mare de messer Ieso Cristo,
ancilla de la santa Trinitae, amiga del Spirito Santo,
gloria de li agnoli e de li archangeli,
5 regina de li
apostoli,
consio de li evangelisti,
promessa d'i patriarci,
vita d'i
propheti,
luxe d'i confessuri,
10avocata d'i peccaturi,
alturio e con-
forto d'i iusti,
forteça d'i martyri,

salvarixe de quilli ch'ènno in purga-
torio,
paura de lei n'à l'inimigo,
15spechio e luxe d'i virçeni e de le
torio,
paura de lei n'à l'inimigo,

spechio e luxe d'i virçeni e de le
verçene.


Questa oracione si ha questa vertù: çascuna persona che la dixe
o che l'olde si ha iij agni e iij dì de perdonança da parte de meser
san Grigoro papa, lo quale la fe. Ancora lo nostro segnore messer lo
papa Çohane sì ha dado a çascauna persona che la dixe o che l'olde
cum gram devocione x agni de perdonança de peccà mortali e xx de
peccà veniali.

14. Part.XIV

E' sum colui che in su la croxe pendo
e segnoreço ogn'altra creatura;
el meo sangue precioxo spando
in ogne parte, sovra ogne creatura.
5Posso tuto e' no me defendo
da questa morte cussì crudele e dura,
açò che vita dignitoxa e' renda
a tuti quî ch'è de l'umana natura.
Se in vuy recore grande iniquitade,
10poniti mente a le grevece de la mia morte,
como per darvi bene e' porto pena.
E a l'alta mia possança immaginati,
ch'io sonto sovra ogne altro signor forte:
per vostro amore io descexi in queste pene.


15Per dominum nostrum Yesum Christum.
per quella amaritudene che vuy sostignissi in croxe, / e maxi-
mamente, meser, quando l'anima vostra
santa sanctissima se partì
dal corpo,
misericordia ve domando al punto de la nostra morte.

15. Part.XV Oracione.


[p. 232]

Pacifica lo meo core, o dolce amor Iesù,
che no dibia mai far altro se no pensar de vu.
Pacifica lo meo core in grande humilità,
ch'eo sia tuto abraxà de perfeta carità.
5e contemplar cum vu, o dolce amor Iesù.
O dolce el me' Signore, un prego ve voio fare,
che le vostre dolce piage vu me le dibià donare:
or me donà, messere, le piage e la corona
che vuy portassi in testa per nu, dolce Segnore.
10Vegnine a mi, e non fati più demora,
ch'e' pur v'aspeto, chiamandove tutora.
Ma no guardai, messere, ch'e' sia sì peccaore,
ch'el vostro dol [ce] fiancho ne rendo gram spiendore,
e conforta lo meo core in tuto 'l vostro amore
15in ver de mi. Deo gracias, amen.

16. Part.XVI

Ave, verçene Maria,
amorosa, virgo pia.
Ave, verçene beata,
tu viola in terra nata;

5poi fusti salutata
et d'ogni gratia fusti piena.
Ave, veçene d'amore,
in ti venne el dolce fiore
che rendeva sì grande odore
10che mai dire non se poria.
Ave, donna, chiara stella,
frescha roxa sì vermigla;

[p. 233]

tu de Cristo fusti ancilla
che portasti natura devina.
15Ave, verçene amoroxa,
che de Cristo fusti spoxa,
fusti chiamata recluxa,
piena d'ogni cortexia.

Ave, stella resplendente,
20partoristi in oriente,
fusti a Dio tanto piacente
più che neun'altra che mai sia.
Ave, verçe [ne] sovrana,
vui sidi fiore che sempre grana;
25la tua belleçça honorava,
tanto pura te vedea.
Ave, verçene puella,
sopra le altre siti bella;
oliva frescha et novella,
30che stadi frescha tucta via.
Ave, roxa del çardino,
più pretioxa cha oro fino;
in ti venne el sole divino,
chiara stella matutina.
35Ave, donna sì prudente,
vencisti Cristo omnipotente,
che se rinchiuse nel to ventre
che in cielo et in terra non chapia.

17. Part.XVII

Planciti cum Maria,
çente piatosa, quale he sconsolata:
trovose abandonata
e sola cun çoane in compagnia.
5Pianciti con lei lo sò dolce fiolo

el quale he su la croxe conficato,
per quî çudé che cridava lo stuolo
or muora, muora, denanci a Pilato.
E chosì çudigato
10fo a la croxe quelo segnore posente,
esendo paciente


[p. 234]

alla scententia loro malvasia e ria.
Po' fo menato in su el monte Calvario
e yve posto sopra la croce:
15foghe confito li pedi e le mane
con aspra pena, crudele e feroce.
E poi arenerose
per desprisiare le sue vertù devine,
sì ghe misen de spine
20una corona che forte punçea.
E po' tuti cridavan per desprexio
or muora, mora quel re çudeorum,
che se faça fiollo de l'alto regno
e non se pò aidare del suo martorio.
25Sì·sse mosse uno de loro,
con una lança in ver de lui fo andato,
in el santo costato
ch'el lo ferì, che çà Cristo transiva.

Or pensati, çente, a la madre piatoxa,
30in quanta penna he el sò dolore amaro,
essendo a piede infra la çente regognoxa,
e non trovando al sò dolore reparo.
Vede el sò fiolo caro
in su la croxe stare a tal periio
35sença aiuto he conscio
fra quella çente piena de rexia.
Cascaun seguiria Maria tuta devota

a questa passione dello Salvadore;
però che como amore
40chi seguirà ley, ella el farà degno
del glorioso regno
e della gloria: donato ce scia
qui, verçene Maria,
dolce madona che si' degna de onore.
45Cavatine de prexone,
dolce madona che n'avì in bailia.

18. Part.XVIII

O madre de virtute, luce eterna,
che aparturisti quel fructo belegno
che l'aspra morte sostene su ô legno
per salvar nui da la scura caverna,

[p. 235]

5tu è' del cello dona e del mondo superna,
o prega donca el to fiollo belegno
che me conduca al sò celesto regno,
per quel valore che senpre in ti guberna.
çà sai che in ti fo senpre la mia spena,
10zà sai che in ti fo senpre el me' deporto:
or me securi che sonto venuto al porto,
or me securi, o infinito bene;
el qual pasare per força me convenne:

de, no me abandonare, somo conforto,
15che se mai feci al mondo alcuno dilitto,

l'anima se ne piançe, e 'l cor se ne ven contrito.


Questo soneto de nostra Dona amoroxa sì à fato Zoane dal Bondé;
in prexone.

19. Part.XIX

Madona santa Maria in Belieme sì stava,
indel sò bianco lecto dormiva e ponsava.
Lo sò caro [fiolo] sovra g'arivava.
Elo disse: "Dormì - vu, madona mare, o vegiay ?".
5Ela disse:"E' no dormo, fiolo, che vuy m'avy resvegià
de un sì greve insunio che de vu m'ò insunià:
da i cam cudé e' ve vidi prendere e ligare,
a lo legno de la croxe e' ve vedea menare,
i vostri bei pe' e le vostre belle mane
10de agudi e de chioldi e' ve vedea inchioldare,
lo vostro bello costado de una lança e' ve vi' passare,
la vostra bella boca de felle e d'asedo abeverare,
la vostra bella faça de spudo inspudaçare,
la vostra bella testa de spin'e de boci incoronare".
15Ello disse:"Mare mia, questo è ben vero e verità.
Mo' chi tre volte dirà questa oratione lo dì
per me' amor e per vostra carità
zamai de le pene de l'inferno non tocarà.
Le porte de l'inferno serà ben serà,
20quelle del paradixo serà averte e aparichià".
Cristo lo faça per-
lla soa misericordia e piatà. Amen.



Anonimo.

Crediti | Info testo

Nome utente:

Password:


Registrati


Informatica Umanistica

Università di Pisa