minimizza
Testi di Ferrara

Elenco testi disponibili
   

Di Bertazzo Montolini Giovanni

Arbitrato di Giovanni Di Bertazzo Montolini





Arbitrato





[p. 249]

In Dei nomine, amen. Ego Iohanes quondam Berthacij de Mon- tolinis civis et habitator Ferarie in contrata S . Salvatoris, arbiter, arbitrator ac amicabilis compositor ellectus et asumptus inter Pele- grinum et Benevenutum fratres et filios ac heredes et hereditorio no- mine quondam Francischini de Montolinis, heredis quondam pro tercia parte pro indivisso quondam ser Gratiadei de Montolinis eius patris et quondam avi paterni dictorum Pelegrini et Benevenuti; presente conscentiente et auctoritatem suam ipsis Pelegrino et Benevenuto heredibus predictis interponente Petrobono de S . Vitale notario Fe- rarie, eorum Pelegrini et Benevenuti legiptimo curatore ad compro- missum faciendum ipsisque auctorandum expressim et specialiter de- creto, constituto et ordinato per egregium et sapientem virum domi- num Andream de Albinea olim et tunc vicarium egregij et potentis militis domini Francisi de Doctis olim potestatis civitatis Ferarie, ipsis Pelegrino et Benevenuto fratribus, filijs et heredibus supradictis coram dicto domino Vicario specialiter constitutis, instantibus, volen- tibus et expresse petentibus; de qua curaria rogatus fuit Iohanes de Pasqualinis quondam ser Nascimbenis notarius Ferarie et dicti domini Vicarii ad officium assessor, ut constat eius publico instrumento a me Iohane quondam Berthacij viso et lecto:

Item dixe çohane che una casa donada per sò pare a Nicola de Prisiano, e possa Nicola la donò a Francischino de Montolino, e de queste n'è publice carte, e perché le non sono registrade a la gabela dixe Zohane che le non vale.

Item dixe çohane che cosse aquistade per Francischino sò fradelo
[p. 250]
al tenpo che sò padre viveva de' essere cussì soe como li beni de sò padre perché ogne cossa aquistà per lo fradelo de' essere del padre.

Item dixe çohane che uno boscho el quale sò padre ge lassà e mostrà che ello era de soa madre, che i aredi ge de' reffare ogne damnpo.

Item dixe çohane che in libre trexento in le quale mostrà essere stà ubigà so padre a la mare d'i puti de Francischino, che de i dicti dinari Francischim n'ave libre centocinquanta per vestire le muiere e che le dicte vestimente Francischim sì le ave tute.

Visa etiam quadam allia peticione dicti Iohanis vulgariter expo- xita et per eum secundo loco producta coram me tenoris infrascripti, videlicet:

Questa sì è una domandança la quale eio Zohane de Montolim domando a i aredi de Francischino de Montolino.

Prima domando la mitade de una caxa la quale è aprovo Pala- midexe cum le caxele; e questa caxa me lassò meo padre in testamento; e questa caxa è posta in Sancta Maria Nova.

Item domando la mità de uno bosco posto a Vigaram, el quale me lassò meo padre per testamento.

Item domando le due parte de una possession posta a Valunga de Sovra, la quale me donò meo padre; e de questo n' è carta scripta per mane de bono nodaro.

Item domando i recolti de la dicta possession et de la dicta caxa, che serave agni cinque: che serave per anno de la dicta caxa, zoè per la mitade, libre xxiiij, et de la possession serave per anno libre C: montarave libre [cxxiiij] .

Item domando le terça parte de una staçone posta in piaça et le rende de quela, che serave agni v, che pagava per anno libre xxij: mon- tarave libre [cx] .

Item domando la mia parte de doe caxe posite in Sant'Agà;da et le rende de quele da che meo padre morì.

Item domando la mia parte de uno caxale ch' è oltra Poe e le rende del dicto caxale da che meo padre morì.

Item domando la mia parte de vale e de boschi posti a Palaçolo et a Vigaram et le rende de le dicte vale e boschi da che meio padre morì, ch' è agniv; serave per anno libre [...].

Item domando la mia parte del bestiame el quale aveva meo padre e quelo che i à vendù et consumado.

Item domando la mia parte de libre doxento le quale de' dare Zohane de Berthaço, che serave libre [...].

Item domando la mia parte de libre xl, le quale doxeva dare Mon- tolim, che serave libre [...].


[p. 251]

Item domando la terça parte de le caxe nova e la vechia ch' è soto la Volta, lì o' sta la Stebelina, e le rende de quele da che Fran- cischino le goldè, et sie le affictò, che serave agni xij; che serave per ano libre xl; montarave libre [iiijcLXXX]

Item domando a' dicti heredi libre quatrocento le quale me lassò meo padre per testamento scripto per mane de bono nodaro.

Item domando per dinari pagadi per loro a scodere soy pigni et pagare soy usi et certi soy debiti et spexe per loro: montarave libre [...], segondo che parerà a l'albitro.

Item domando la terça parte de quelo che aquistò Francischino innanço che meo padre morissi et uxufructi de quele, che serave libre [...], segondo chomo apare a i albitri et como scripto suxo questa altra scripta a posta.

Item domando che à' pagado per loro da che vini da Bologna a stare a Ferara, che ò pagado a più persone per loro libre doxento lxiiij, s . xj; e de questo ne mostrarò chiaramente libre jjclxiiij, s . xj.

Item domando che à 'ibudo da mi Zohane, da che vini, moça vj de frumento per magnare e per somenare, e de questo ve farò chiari.

Item visa infrascripta allia peticione dicti Iohanis contra dictos eius nepotes et dictum Petrobonum dicto nomine producta coram me Iohane quondam Berthacij, videlicet:

Queste sì è le cosse e la roba la quale eio Zohane de Montolim do- mando a i aredi de Francischim de Montolino.

Imprima domando la mia parte de una possession aradura e vigna caxamentiva, schiapiva e pradiva posta a Valunga de Sota.

Item domando i recolti de agni sey i quali ave el dicto Franci- schino de Montolino innançi la morte de ser Gratiadeo de Montolino nostro padre, i qualli recolti pò essere ogne anno de quili sei agni e posseva valere el dicto recolto d'ogne anno de quili libre cxx de march ., che montarave in tuto a la soma d'i dicti recolti da sey agni libre vijcxx.

Item domando i recolti d'agni v de la dicta possession, zoè da che meo padre morì, che serave per anno libre cxx: montarave in tuto libre vjc.

Item domando la mia parte de uno uxo el quale rendeva ogne anno e à rendù [a] ser Guielmo d'i Bechari libre xxvij de M ., et rende anchora.

Item domando la mia parte de le rençe del dicto uxo da viij agni in ça, che monta libre iicxvi.


[p. 252]

Item domando la mia parte de uno uxo el quale rende ogne anno libre xxvj de M . a la monea vechia, e tenlo i aredi del Negro d'i Troti a uxo dal dicto Francischino da octo agni in za proximi ch' è passà.

Item domando la mia parte de le rençe del dicto uxo de viij agni, che pò essere libre ijcviij de argento.

Item domando per legname e feramenta i quali eio compré da Biaxio dal Fero per fare la caxa nova de Sancta Maria Nova in Ferara, che montò in tuto libre c de Marchex.

Ac etiam visa peticione vulgariter coram me exibita, producta et reproducta per Petrobonum de S . Vitale notarium Ferarie curatorem et curatorio nomine Pelegrini et Benevenuti fratrum et filiorum ac heredum quondam Francischini de Montolinis et quondam ser Gratiadei eorum avi paterni heredum pro tercia parte et heredum quondam d . Sybilie eorum matris et tamen in persona dictorum Pelegrini et Bene- venuti; et que etiam producta fuit per Antonium de Montolinis eorum patruum; cuius peticionis vulgaris tenor sequitur in hac forma, videlicet:

Queste sì è le cosse che domandano Pelegrino e Bevegnudo esserge dade, cusì como d'i beni ch' è soi e d'i beni che foe de ser Gratiadeo, e madona Ixabeta e madona Sybilia soa mare.

Imprima la terça parte de la roba che foe de ser Gratiadeo, zoè de una possessione che lavora i Magagni metua in Valunga, e la terça parte d'i recolti che à recevudi Zohane.

Ancora la quarta parte de le caxe del Borgo de Sovra e del caxa- leto de oltra Po.

Ancora la terça parte de una staçon posta in piaça.

Ancora la terça parte de le masserie che fo de meio messere, ven- dude la mitade per Zohane, libre vij.

Ancora la terça parte de uno manço vendù per Zohane, libre xxvj .

Ancora la terça parte de le pegore vendue per Zohane, libre xv.

Ancora la terça parte de la pexon de la staçon de piaça, abiude per Zohane agni dui e meço.

Ancora ave da Manfredo per pexon del caxaleto libre vj.

Ancora ave viiij masteli de vino cum graspe suxo el dicto ca- xaleto.

Ancora ave d'i dinari de ser Guielmo d'i Bechari libre xxvij:

Ancora ave da misser Michele per pexon de la cha' libre xxvij

Ancora recevè da la Stabelina per pexon de caxa libre ij et s . xv.

Ancora recevè da Açolino libre iiij.


[p. 253]

Ancora recevè da Antonio Saltaro libre iiij.

Ancora recevè vij cara de nostro feno che valeva libre xiiij.

Ancora ave nostro vino vechio, masteli xxx; valeva ducati xxx.

Ancora recevè da Iacomo d'i Tomaxi stara xxx de formento; vendèlo a nuo s . xxx el staro.

Ancora ave del nostro logo moça vj de formento; vendèlo el staro [...].

Ancora ave de uno paro de boy, ch'el dè a zohadega a ser Nardo, stara xxx de formento; vendèlo el staro s . xx.

Ancora fo extimà i dicti boy libre xlij e àvene de perzea d'i dicti boy da ser Nardo libre x [i] j.

Ancora vendè i dicti nostri boy libre xxij nete.

Ancora ave stara xxiiij de segala. Ancora ave mare de lino v e liguli x.

Ancora ave formento grosso stara v.

Ancora ave doe chastelade e meça de v [i] no del nostro logo; vendèlo s . l a Iacomo del Merlo e s . xlv al Zunta de Miore.

Ancora ave xiij piantoni de prexio de s . xv l'uno.

Ancora ave da Polo Bestaço per pexon de vale libre vj.

Ancora ave de boschi da Bertolomeo da Sam Thomeo de legname libre xxiij.

Ancora ave dal Muça per pexon de vale libre ij.

Ancora ave de pexon de le caxe del Borgo libre iiij.

Ancora ave da Francesco Taiaprea per parte nostra de uno boscho ch'el ge vendè libre xlij.

Ancora ave, ché lui si fe obligare Montolim per uxu non pagà del sovra dicto boscho, de nostra parte libre xiij sol . vj de. xvj.

Ancora la terça parte de doe castelà e meça de vino cum graspe che foe in mccclxxxviiij, che fo logo che fo de meo messer, che valea la castelà libre xxvj.

Ancora la terça parte de iija moçà e stara xiij de formento che fo in suxo el dicto millesimo.

Ancora la terça parte de xviij stara de melega del dicto millesimo.

Ancora la terça parte de v mare de lino del dicto millesimo.

Ançora la terça parte de iiij stara de fava del dicto millesimo.

Ançora la terça parte de libre iij facte de feno, vendude a Fior Novelo da Valunga del dicto millesimo.

Ançora la terça parte de xj stara de segala del dicto millesimo.

Ancora la terça parte de iiij stara de formento grosso del dicto millesimo.


[p. 254]

Ancora la terça parte de vj stara de orço del presente millesimo.

Ancora la terça parte de vj stara de segala del prexente millesimo.

Ancora xxviiij stara de formento che ne tochava per la terça parte del prexente millesimo.

Ancora xxij masteli de vino che ne tochava del prexente mil- lesimo.

Ancora ch'el dicto Zohane rescosse da Andrea mast [e] li xij de v [i] no del nostro.

Ancora la terça parte del feno che sta in suxo el dicto logo de messer, de quelo che lui à scosso da Bonaventura e da Andrea.

Ancora la quarta parte de la dota de madona Ixabeta facta per man de Piero de Pialbem.

Ancora per lo terço de uno credicto de trexento libre a moneda vechia da Guim che n'era obligà' ser Gratiadeo e madona Sybilia.

Ancora la terça parte del bestiame da Valunga cum el debito de ser Andrea de ser Vataliano.

Ancora la terça parte de le vale e d'i boschi che fono de meo messer.

Ancora la terça parte de mccc libre ch'el à imprestà a Lançaloto da Montechuchulo e deçò ch'el ne tene in ferarexe e in bolegnexe.

Ancora la parte nostra de le legne ch' è al Peroto facte per Man- freo et per i compagni.

Ancora la nostra parte de xxj libre facte de legname che fo dado a Bertolomeo da Sam Thomeo.

Ancora che meo pare spexe in fare sepelire meo messer in stamegna et in çira e in la sepultura libre xxj.

Ancora pagò Zohane da Consandali al Lanço Drapero per pagni che ave nostra madona libre xxvj per vestire mia madona.

Ancora recevè el dicto Zohane de uno manço ch'el vendè a Antonio libre xx de March ..

Ancora ave de zohadega del dicto manço stara xxxij de formento dal dicto Antonio.

Ancora ave, ch'el sea raxono del bestiame che fo de me' messer, per la mità, libre clxx.

Ancora ave de cori de uno bo et de vacha libre vj.

Ancora ave de zohadega de boy da Andrea de Vataliano da Va- lunga stara xxiiij.

Ancora ave el dicto Zohane de agneli et de lana libre vj.

Ancora ave da Opecino famio de messer Lunardo per orço ch'el ge vendè libre vij, sol [...].


[p. 255]

Ancora la terça parte de doxento libre che à Zohane de Berthaço.

Ancora la terça parte de duchati cento che ave Zohane de Mon- tolim predicto da meo messer a mercandaria.

Ancora domandemo la nostra somente de lino ch'el ave del no- stro logo stara v.

Ancora la nostra parte de ô lino de anno e de anguano che fo suxo ô logo de nostro messer; zò fo che l'ano vargà mare doe e de an- guano mare una, liguli xxx.

Ancora la nostra parte de tre fegne de fem del dicto logo.

Ancora la nostra parte de le legne ch' è a la caxeleta de cuppi.

Ancora per formento che somenò Andrea che cho [m] prò ser Zilio la terça parte de libre xx.

Ancora per una altra somenara de formento libre xxx, che vene libre x per terço.

Ancora la terça parte de dinari pagà per còlte a Pasqualino e a Girardo Tason, libre c, o quelo che vuy ve informarì cum l'Ixabeta e cum i massari.

Queste sì è le massarie che à Zohane de le nostre.

Imprima uno coverturò da lecto de roso fino. Ancora una coltrina d'açuro.

Ancora una colçera vergà grande nova. Ancora una coltra facta a. çii, çala et açura.

Ancora due colcere de bona pena, et iiij cheveçali. Ancora tri zalaoni, uno roso et dui vergadi.

Ancora ja altra cortina e una endema da lecto et iiij orierii. Ancora una letera de asse. Ancora vij para de lençoli.

Ancora v toaie nove in pedenà. Ancora v toaie vechie.

Ancora doe endeme da oriero de zendale verde vergà d'oro. An- cora xvj drapi novi in pedenà e xviiij muçinaroli in pedenà.

Ancora quatro mantili novi in pedenà. Ancora tri mantili vechi. Ancora tri linccedil;oli da chuna.

Ancora sey endeme de tela da oriero. Ancora uno coverturo da puti de divixa. Ancora iij bazili.

Ancora tri bronçini. Ancora sey tovaie in oxelà. Ancora due gaybe da formaio.

Ancora tri orçi da aqua. Ancora ij chaveçali ch'el dè a la fiola. Ancora due chaldere de ramo grande.

Ancora dui paroli. Ancora uno sechio de ramo. Ancora quatro laveçi grandi.


[p. 256]

Ancora dui altri laveçi. Ancora dui spidi da carne. Ancora uno solo da torta de fero.

Ancora tri cavedoni. Ancora uno tinaço de rovere. Ancora una piria. Ancora iij cadene de fero.

Ancora due padele. Ancora una cadena de vaseli. Ancora due gradelle de fero.

Ancora una ramina grande. Ancora dui chandeleri de fero. Ancora ja veça grande de rovere.

Ancora una chuna da puti. Ancora x carateli. Ancora v scarane. Ancora uno tripè de fero.

Ancora una cariola da lecto. Ancora uno bancho da lecto da colti Ancora sey banche.

Ancora uno forchon de fero. Ancora uno bayle. Ancora una ma- nara. Ancora ij speere.

Ancora una staera. Ancora due gratacaxole. Ancora due ancone. Ancora dui dischi.

Ancora una tavoleta. Ancora dui mortali. Ancora una spartura. Ancora uno staro.

Ancora una pala. Ancora uno scrigno de nogara. Ancora una cassa de nogara.

Ancora nostri libri ch'el dicto Zohane tene con nostre carte. Ancora tri scrignoli.

Ancora uno scrigno da farina. Ancora una coracina et uno cha- pelo. Ancora dui chofani.

Ancora due spinaçe. Ancora due valixe. Ancora due cassete et uno paro de forvexe.

Ancora uno mastelo da bugà. Ancora uno mastelo da vino. An- cora v sachi.

Ancora dua para de moiete et dui bechaçenere. Ancora tre lu- zerne e dui falzoni.

Ancora uno bochale de stagno. Ancora due piadene de stagno. Ancora v scudele de stagno.

Ancora una scudelara. Ancora una sechia. Ancora una chaza de ramo.

Ancora una ferera de chavalo formà. Ancora nostre tape da veza.

Ancora la nostra burchiela. Ancora due chonche.

insuper dico, declaro, mando et laudo quod dicti Pelegrinus et Benevenutus habeant et habere debeant ad festum S . Michaelis infrascriptas massaricias et allias quas constabit esse penes dictum
[p. 257]
Iohanem de massariciis dicti quondam Francischini, et ad eas relap- ssandum, restituendum et consignandum dictis Pelegrino et Beneve- nuto condempno dictum Iohanem, ita tamen quod dicti Pelegrinus et Benevenutus suis expensis conduci et portari faciant quo velint sine danno et expensis dicti Iohanis.

Queste sì è le massarie che à çohane de le nostre.

Imprima uno coverturo da lecto de rosso fino. Ancora una cor- tina de açuro.

Ancora una coltra vergà grande nova. Ancora una coltra facta a çij zala e açura.

Ancora due colcere de bona pena. Ancora tri zalaoni, uno rosso e dui vergà.

Ancora una altra cortina et una endema de leto e quatro orierij. Ancora una letera de asse.

Ancora due endeme da oriero de zendale verde e verg à d'oro. Ancora dui mantili novi in pedenà.

Ancora tri mantili vechi. Ancora uno lençolo da chuna. Ancora uno coverturo da puti de divissa.

Ancora tri bazili. Ancora dui bronzini. Ancora due gaybe da formaio. Ancora uno orço da aqua.

Ancora una chaldera de ramo grande. Ancora dui paroleti. An- cora dui sechij de ramo.

Ancora tri laveçi grandi. Ancora dui spidi da carne. Ancora uno solo da torta de fero.

Ancora tri cavedoni de fero. Ancora uno tinaço de rovere. Ancora una piria.

Ancora due cadene de fero. Ancora una padela. Ancora una ca- dena da vaseli.

Ancora una gradela de fero. Ancora una ramina grande. Ancora dui chandeleri de fero.

Ancora una veza grande de rovere. Ancora una chuna da puti. Ancora cinque scarane.

Ancora uno tripei de fero. Ancora una chariola da leto. Ancora uno bancho da leto da colti.

Ancora uno forchon de fero roto. Ancora una manara. Ancora una speera. Ancora una staera.

Ancora due gratacaxole. Ancora una ancona. Ancora dui dischi. Ancora uno mortale.

Ancora una spartura. Ancora uno staro. Ancora una pala. An- cora uno scrigno de nogara.


[p. 258]

Ancora una cassa de nogara. Ancora dui scrignoli di li quali uno è roto.

Ancora una coraçina e uno chapelo de fero. Ancora dui chofani. Ancora una spinaça.

Ancora una valixe. Ancora uno mastelo da bugà. Ancora uno ma- stelo da vino.

Ancora dua para de moiete. Ancora uno bechazenere. Ancora due luçerne.

Ancora uno falzon. Ancora uno bochale de stagno. Ancora due piadene de stagno.

Ancora sey scudele de stagno. Ancora una scudelara. Ancora una chaza de ramo.

Ancora una ferera da chavalo no formà. Ancora la burchiela.

Lecta, lata, publicata et in hiis scriptis pronumpciata fuit dicta sentencia arbitralis per discrectum virum Iohanem de Berthacio ar- bitrum per dictas partes ellectum, ut apparet in dicto instrumento compromissi manu mei Iohanis notarij infrascripti, sedentem pro tri- bunali in domo in qua exiguntur gabele, posita Ferarie in contrata sacti Pauli iuxta vias comunis et allios suos confines, supra quodam bancho existente in dicta domo quem ellegit pro suo loco iuridico ad hanc suam sentenciam arbitralem ferendam, prout supra conti- netur et scriptum est, in millesimo trecentesimo nonagesimo primo, indicione quartadecima, die vigesimo primo mense iulii, post vicesi- mam primam horam, in loco et domo antedicta, presentibus testibus vocatis et rogatis, egregio legum doctore domino Bertholomeo de Me- zapilis de Cremona quondam domini Chatelani habitante Ferarie in contrata S. Romani, ser çenoexio quondam ser Droge de contrata Rupte civitatis Ferarie, Bertolomeo Machafero quondam ser Iohanis de con- trata Muçine civitatis Ferarie, Dominico Forlovixio quondam Bene- venuti de contrata sancti Vitalis civitatis Ferarie et alliis; et hoc pre- sente dicto Iohane de Montolinis quondam ser Gratiadei et instante, et abssente dicto Petrobono dictis nominibus tamen legiptime citato, et contumacia ipsius curatoris et curatorio nomine dictorum Benevenuti et Pelegrini acuxata per dictum Iohanem de Montolinis.



Di Bertazzo Montolini Giovanni.

Crediti | Info testo

Nome utente:

Password:


Registrati


Informatica Umanistica

Università di Pisa